Svezia - Sweden

Da Wikipedia, L'Enciclopedia Libera

Pin
Send
Share
Send

Coordinate: 63 ° N 16 ° E / 63 ° N 16 ° E / 63; 16

Regno di Svezia

Konungariket Sverige  (svedese)
Motto:(reale) "Per Sverige - i tiden"[un]
"For Sweden - With the Times"[1]
Inno:Du gamla, Du fria[b]
(Inglese: "Tu antico, tu libero")

Inno realeKungssången
Canzone del re
UE-Svezia (proiezione ortografica) .svg
EU-Sweden.svg
Posizione della Svezia (verde scuro)

- nel Europa (verde e grigio scuro)
- nel Unione europea (verde) - [Leggenda]

Capitale
e la città più grande
Stoccolma
59 ° 21′N 18 ° 4′E / 59,350 ° N 18,067 ° E / 59.350; 18.067
Lingue ufficialisvedese[c]
Lingue delle minoranze nazionali
Gruppi etnici
Nessuna statistica ufficiale[d]
Religione
(2017)
66.8% cristianesimo
—60.3% Chiesa di Svezia[un]
—6,5% Altro cristiano
27.0% Nessuna religione
5.0% Islam
1,2% Altro religioni[7][8]
Demonimo (i)
GovernoUnitario parlamentare
monarchia costituzionale
• Monarca
Carl XVI Gustaf
Andreas Norlén
Stefan Löfven
LegislaturaRiksdag
Storia
• Viene stabilito un regno svedese unificato
All'inizio del XII secolo
• Parte di Kalmar Union
1397–1523
4 novembre 1814 - agosto 1905[9]
1 gennaio 1995
La zona
• Totale
450.295 km2 (173,860 miglia quadrate) (55th)
• Acqua (%)
8,37 (a partire dal 2015)[10]
Popolazione
• 31 agosto 2020 stima
Aumentare 10,367,232[11] (89th)
• Densità
25 / km2 (64,7 / sq mi) (198th)
PIL (PPP)Stima 2020
• Totale
Aumentare $ 563,882 miliardi[12] (39th)
• Pro capite
Aumentare $52,477[12] (16 °)
PIL (nominale)Stima 2020
• Totale
Diminuire $ 528,929 miliardi[12] (23)
• Pro capite
Diminuire $50,339[12] (12 °)
Gini (2019)Aumento negativo 27.6[13]
Basso
HDI (2018)Aumentare 0.937[14]
molto alto · 8 °
MonetaCorona svedese (SEK)
Fuso orarioUTC+1 (CET)
• Estate (DST)
UTC+2 (CEST)
Formato dataAAAA-MM-GG
Lato guidagiusto[e]
Codice di chiamata+46
Codice ISO 3166SE
TLD Internet.se[f]
  1. ^ "Per Sverige - I tiden"è stato adottato da Carl XVI Gustaf come suo motto personale.
  2. ^ Du gamla, Du fria non è mai stato ufficialmente adottato come inno nazionale, ma è così per convenzione.
  3. ^ Dal 1 luglio 2009.[15][16] Altre cinque lingue lo sono ufficialmente riconosciute come lingue minoritarie:[17] finlandese, Meänkieli, Romani, Sami, e yiddish. Il Lingua dei segni svedese ha anche uno status speciale.
  4. ^ Il 31 dicembre 2012, circa il 27% della popolazione era di origine straniera totale o parziale.[18][19]
  5. ^ Da 3 settembre 1967.
  6. ^ Il .Unione Europea viene utilizzato anche il dominio, in quanto condiviso con altri Unione europea stati membri.

Svezia (/ˈSwio.dən/; svedese: Sverige [ˈSvæ̌rjɛ] (A proposito di questo suonoascolta)), ufficialmente il Regno di Svezia (Svedese: Konungariket Sverige [ˈKôːnɵŋaˌriːkɛt ˈsvæ̌rjɛ] (A proposito di questo suonoascolta)), è un Paese nordico nel Europa settentrionale.[20] Confina Norvegia a ovest e nord, Finlandia a est, ed è collegato a Danimarca nel sud-ovest da un ponte-tunnel attraverso il Stretto di Öresund. A 450.295 chilometri quadrati (173.860 sq mi), la Svezia è il più grande paese del Nord Europa, il terzo paese più grande del Unione europea e il quinto più grande paese in Europa per area. Il capitale è Stoccolma. La Svezia ha una popolazione totale di 10,3 milioni[11] di cui 2,6 milioni di provenienza estera.[21] Le persone con un background straniero sono definite come persone nate all'estero o nate in Svezia con genitori nati all'estero.[22] Ha una bassa densità di popolazione di 25 abitanti per chilometro quadrato (65 / sq mi), con 1 437 persone per km2 in località. L'87% degli svedesi vive in aree urbane, che coprono l'1,5% dell'intera superficie terrestre. La concentrazione più alta si trova nella metà centrale e meridionale del paese.

La Svezia fa parte dell'area geografica di Fennoscandia. Il clima è in genere mite per la sua latitudine nord a causa della notevole influenza marittima. Nonostante l'alta latitudine, la Svezia ha spesso estati continentali calde, essendo situata tra il Nord Atlantico, il mare Baltico e il vasto Eurasiatica russo massa continentale. Il clima e l'ambiente generali variano in modo significativo da sud a nord a causa dell'enorme differenza di latitudine e gran parte della Svezia ha inverni freddi e nevosi in modo affidabile. Svezia meridionale è prevalentemente agricolo, mentre il Nord è fortemente boschivo e comprende una parte del Montagne scandinave.

Popoli germanici hanno abitato la Svezia da allora tempi preistorici, emergendo nella storia come il Geats (Svedese Götar) e Svedesi (Svear) e costituendo i popoli del mare conosciuti come Norvegesi. Uno stato svedese indipendente emerse all'inizio del XII secolo. Dopo il Morte Nera a metà del XIV secolo uccise circa un terzo dei scandinavo popolazione,[23][24] il Lega anseatica minacciava la cultura, le finanze e le lingue della Scandinavia. Ciò ha portato alla formazione dello scandinavo Kalmar Union nel 1397,[25] che la Svezia lasciò nel 1523. Quando la Svezia fu coinvolta nel Guerra dei trent'anni sul lato riformista, iniziò un'espansione dei suoi territori e alla fine il Impero svedese è stata costituita. Questo è diventato uno dei grandi poteri d'Europa fino all'inizio del XVIII secolo. Territori svedesi al di fuori del Penisola scandinava furono gradualmente perse durante i secoli XVIII e XIX, terminando con l'annessione dell'attuale Finlandia da parte di Russia nel 1809. L'ultima guerra in cui fu direttamente coinvolta la Svezia fu nel 1814, quando la Norvegia fu costretta militarmente a una guerra unione personale, quale pacificamente sciolto nel 1905. Da allora, la Svezia è stata in pace, mantenendo una politica ufficiale del neutralità negli affari esteri.[26] Nel 2014, la Svezia ha celebrato 200 anni di pace, in pareggio SvizzeraIl record per la pace.[27] La Svezia è stata formalmente neutrale sia durante le guerre mondiali che durante il Guerra fredda, sebbene la Svezia dal 2009 si sia apertamente avviata alla cooperazione con NATO.

La Svezia è un monarchia costituzionale e a parlamentare democrazia, con potere legislativo investito nel 349 membro unicamerale Riksdag. È un stato unitario, attualmente suddiviso in 21 contee e 290 comuni. La Svezia mantiene un Sistema di previdenza sociale nordico che fornisce assistenza sanitaria universale e istruzione terziaria per i suoi cittadini. Ha il undicesimo più alto reddito pro capite del mondo e si colloca molto in alto qualità della vita, Salute, formazione scolastica, protezione di libertà civili, competitività economica, parità di reddito, parità dei sessi, prosperità e sviluppo umano.[28][29][30] La Svezia è entrata a far parte dell'Unione Europea il 1 ° gennaio 1995, ma ha rifiutato l'adesione alla NATO, così come Eurozona appartenenza a seguito di a referendum. È anche un membro del Nazioni Unite, il Consiglio nordico, il Consiglio d'Europa, il Organizzazione mondiale del commercio e il Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Etimologia

La parola Svezia deriva dal XVII secolo Medio olandese e Medio basso tedesco. Nel Inglese antico il paese è stato nominato Swéoland e Swíoríce (Vecchio norvegese Svíaríki). Anglo-Norman del XII e XIII secolo utilizzati Suane, Swane (con l'aggettivo as Suaneis). Nel Scozzesi Swane, Swaine, appare nel XVI secolo. Early Modern English Usato Svezia.[31]

Il nome svedese Sverige (un composto delle parole Svea e rike, con lenizione della consonante [k], registrata per la prima volta nell'affine Swēorice nel Beowulf)[32] letteralmente significa "regno del Svedesi", escluso il Geats nel Götaland.

Variazioni del nome Svezia sono utilizzati nella maggior parte delle lingue, ad eccezione di danese e norvegese utilizzando Sverige, Faroese Svøríki, islandese Svíþjóðe l'eccezione più notevole di alcuni Lingue finniche dove Ruotsi (finlandese) e Rootsi (Estone) vengono utilizzati nomi comunemente considerati riferiti alle popolazioni delle zone costiere di Roslagen, Uppland, che erano conosciuti come Rus ', e attraverso di loro etimologicamente correlato al nome inglese di Russia.[citazione necessaria]

L'etimologia di Svedesi, e quindi Svezia, generalmente non è concordato ma può derivare da Proto-germanico *Swihoniz che significa "proprio",[33] riferendosi alla propria tribù germanica.

Storia

Preistoria

UN Era di Vendel casco, al Museo svedese delle antichità nazionali

La preistoria della Svezia inizia nel Oscillazione di Allerød,[secondo chi?] un periodo caldo intorno al 12.000 aC, con Late Paleolitico renna-accampamenti di caccia del Cultura Bromme ai margini del ghiaccio in quella che oggi è la provincia più meridionale del paese, Scania. Questo periodo è stato caratterizzato da piccole bande di cacciatori-raccoglitori-pescatori utilizzando pietra focaia tecnologia.

La Svezia è descritta per la prima volta in una fonte scritta in Germania di Tacito nel 98 CE. Nel Germania 44 e 45 cita gli svedesi (Suiones) come una potente tribù (si distinguevano non solo per le loro armi e gli uomini, ma per le loro potenti flotte) con navi con estensione prua a ciascuna estremità (navi lunghe). Quali re (kuningaz) ha stabilito che questi Suiones è sconosciuto, ma Mitologia norrena presenta una lunga serie di re leggendari e semi-leggendari risalenti agli ultimi secoli aC. Per quanto riguarda l'alfabetizzazione nella stessa Svezia, il scrittura runica era in uso tra l'élite della Scandinavia meridionale almeno dal II secolo d.C., ma tutto ciò che è giunto al presente dal periodo romano sono brevi iscrizioni su manufatti, principalmente di nomi maschili, a dimostrazione che il popolo della Scandinavia meridionale parlava Proto-norvegese all'epoca, una lingua ancestrale allo svedese e altre Lingue germaniche del nord.[è necessaria una fonte non primaria]

Nel 6 ° secolo, Jordanes nomina due tribù che vivono in Scandza, che ora sono considerati entrambi sinonimi degli svedesi: il Suetidi e Suehans. Suetidi è considerata la forma latina di Svíþjóð, il nome antico norreno per gli svedesi. Jordanes descrive il Suetidi e Dani essendo della stessa razza e la più alta delle persone. In seguito menziona altre tribù scandinave come della stessa statura.[è necessaria una fonte non primaria] Il Suehans erano conosciuti al mondo romano come fornitori di pelli di volpe nera e, secondo Jordanes, avevano cavalli molto fini, simili a quelli del Thyringi di Germania (alia vero gens ibi moratur Suehans, quae velud Thyringi equis utuntur eximiis). Lo storico islandese Snorri Sturluson lo scrisse anche il re svedese Adils (Eadgils) aveva i cavalli più belli dei suoi tempi.[citazione necessaria]

I vichinghi

Vichingo spedizioni (linee blu)

Lo svedese Età vichinga durò all'incirca dall'VIII all'XI secolo. Si ritiene che i vichinghi svedesi e Gutar viaggiato principalmente verso est e sud, andando in Finlandia, Estonia, il Paesi baltici, Russia, Bielorussia, Ucraina, Mar Nero e anche per quanto Baghdad. Le loro rotte passarono attraverso il Dnepr sud a Costantinopoli, su cui hanno effettuato numerose incursioni. Il Imperatore bizantino Theophilos notò le loro grandi abilità in guerra e li invitò a servire come sua guardia del corpo personale, nota come Guardia Varangiana. I vichinghi svedesi, chiamati Rus si crede che siano i padri fondatori di Kievan Rus '. Il viaggiatore arabo Ibn Fadlan ha descritto questi vichinghi come segue:

Ho visto i Rus mentre venivano per i loro viaggi mercantili e si accampavano presso il Itil. Non ho mai visto esemplari fisici più perfetti, alti come palme da dattero, biondi e rossicci; non indossano né tuniche né caftani, ma gli uomini indossano una veste che copre un lato del corpo e lascia una mano libera. Ogni uomo ha un'ascia, una spada e un coltello e li tiene sempre accanto a sé. Le spade sono larghe e scanalate, di tipo franco.[34]

Il Tjängvide immagine di pietra databile dall'800 al 1099, esempio di arte vichinga

Le azioni di questi Vichinghi svedesi sono commemorati in molti pietre runiche in Svezia, come il Pietre runiche della Grecia e il Pietre runiche varangiane. C'è stata anche una notevole partecipazione alle spedizioni verso ovest, che sono commemorate su pietre come il Pietre runiche dell'Inghilterra. L'ultima grande spedizione vichinga svedese sembra essere stata la sfortunata spedizione di Ingvar il lontano viaggio per Serkland, la regione a sud-est di Mar Caspio. I suoi membri sono commemorati il Pietre runiche Ingvar, nessuno dei quali menziona alcun sopravvissuto. Quello che è successo all'equipaggio è sconosciuto, ma si ritiene che siano morti di malattia.

Il Regno di Svezia

Non si sa quando e come sia nato il regno di Svezia, ma il elenco dei monarchi svedesi è tratto dai primi re conosciuti per aver governato entrambi Svealand (Svezia) e Götaland (Gothia) come una provincia, a cominciare da Eric il Vittorioso. La Svezia e la Gothia erano due nazioni separate molto prima e dall'antichità. Non si sa da quanto tempo esistessero: il poema epico Beowulf descrive semi-leggendario Guerre svedese-gotica nel VI secolo. Götaland in questo senso comprende principalmente le province di Östergötland (Gothia orientale) e Västergötland (Gothia occidentale). L'isola di Gotland fu contestato da altri oltre gli svedesi, in questo momento (danese, anseatico e Gotland-domestico). Småland a quel tempo era di scarso interesse per nessuno a causa delle profonde pinete, e solo la città di Kalmar con il suo castello era di importanza. Le parti sud-occidentali della penisola scandinava erano costituite da tre province danesi (Scania, Blekinge e Halland). A nord di Halland, la Danimarca aveva un confine diretto con la Norvegia e la sua provincia Bohuslän. Ma c'erano insediamenti svedesi lungo la costa meridionale di Norrland.

Gamla Uppsala (Old Uppsala), un sito di importanza religiosa e politica nei primi giorni della Svezia

Durante le prime fasi dell'era vichinga scandinava, Ystad nel danese provincia Scania e Paviken a Gotland erano fiorenti centri commerciali, ma non facevano parte del primo regno svedese. Resti di quello che si crede fosse un grande mercato risalente al 600-700 d.C. sono stati trovati a Ystad.[35] A Paviken, un importante centro commerciale nella regione baltica durante il IX e il X secolo, sono stati trovati resti di un grande porto dell'era vichinga con cantieri navali e industrie artigianali. Tra l'800 e il 1000, il commercio portò un'abbondanza di argento a Gotland e, secondo alcuni studiosi, i Gotlander di quest'epoca accumulavano più argento del resto della popolazione della Scandinavia messa insieme.[35]

St Ansgar di solito si attribuisce l'introduzione del cristianesimo nell'829, ma la nuova religione non iniziò a sostituirsi completamente paganesimo fino al XII secolo. Durante l'XI secolo, il cristianesimo divenne la religione prevalente e dal 1050 la Svezia è considerata una nazione cristiana. Il periodo tra il 1100 e il 1400 fu caratterizzato da lotte di potere interne e competizione tra i regni nordici. Negli anni 1150–1293 secondo la leggenda di Eric IX e il Eric Chronicles I re svedesi hanno creato un file primo, secondo e terza crociata alla pagana Finlandia contro Finlandesi, Tavastians e Careliani e ha iniziato i conflitti con il Rus ' che non aveva più alcun legame con la Svezia.[36] Il Colonizzazione svedese delle zone costiere della Finlandia iniziò anche durante il XII e il XIII secolo.[37][38] Nel XIV secolo, la colonizzazione svedese delle zone costiere della Finlandia iniziò ad essere più organizzata e alla fine del secolo molte delle zone costiere della Finlandia erano abitate principalmente da svedesi.[39]

Arazzo Skog, realizzato molto probabilmente durante la fine del XIII secolo.

Fatta eccezione per le province di Scania, Blekinge e Halland nel sud-ovest della penisola scandinava, che in questo periodo facevano parte del Regno di Danimarca, feudalesimo non si è mai sviluppato in Svezia come nel resto d'Europa.[40] I contadini rimasero quindi in gran parte una classe di agricoltori liberi per gran parte della storia svedese. Schiavitù (chiamato anche schiavitù) non era comune in Svezia,[41] e la schiavitù che esisteva tendeva a scomparire grazie alla diffusione del cristianesimo, nonché alla difficoltà di ottenere schiavi dalle terre ad est del Mar Baltico e dallo sviluppo delle città prima del XVI secolo.[42] In effetti, sia la schiavitù che servitù furono aboliti del tutto da un decreto del Re Magnus IV nel 1335. Gli ex schiavi tendevano ad essere assorbiti dai contadini, e alcuni divennero braccianti nelle città. Tuttavia, la Svezia è rimasta un paese povero ed economicamente arretrato in cui il baratto era il principale mezzo di scambio. Ad esempio, gli agricoltori della provincia di Dalsland trasportavano il loro burro nei distretti minerari della Svezia e lì lo scambiavano con il ferro, che poi portavano sulla costa e commerciavano con il pesce, che consumavano, mentre il ferro veniva spedito all'estero.[43]

A metà del XIV secolo, la Svezia fu colpita dal Morte Nera.[44] La popolazione della Svezia e della maggior parte dell'Europa è stata gravemente decimata. La popolazione (nello stesso territorio) non raggiunse di nuovo i numeri dell'anno 1348 fino all'inizio del XIX secolo. Un terzo della popolazione morì nel triennio 1349-1351. Durante questo periodo, le città svedesi iniziarono ad acquisire maggiori diritti e furono fortemente influenzate dai mercanti tedeschi del Lega anseatica, attivo soprattutto a Visby. Nel 1319, la Svezia e la Norvegia furono unite sotto il re Magnus Eriksson e nel 1397 la regina Margherita I di Danimarca ha effettuato l'unione personale di Svezia, Norvegia e Danimarca attraverso il Kalmar Union. Tuttavia, i successori di Margaret, il cui governo era centrato anche in Danimarca, non furono in grado di controllare la nobiltà svedese.

Gustav I liberato Svezia da Cristiano II di Danimarca, terminando il Kalmar Union. Ha stabilito il Casa di Vasa che ha governato la Svezia e Polonia fino al XVII secolo

Molte volte la corona svedese fu ereditata da re bambini nel corso dell'esistenza del regno; di conseguenza il potere reale fu detenuto per lunghi periodi dai reggenti (in particolare quelli del Sture famiglia) scelto dal parlamento svedese. re Cristiano II di Danimarca, che affermò la sua pretesa alla Svezia con la forza delle armi, ordinò un massacro di nobili svedesi a Stoccolma nel 1520. Questo divenne noto come il "Bagno di sangue di Stoccolma"e suscitò la nobiltà svedese a una nuova resistenza e, il 6 giugno (ora festa nazionale della Svezia) nel 1523, fecero Gustav Vasa il loro re.[45] Questo a volte è considerato come il fondazione della Svezia moderna. Poco dopo il nuovo re rifiutò il cattolicesimo e guidò la Svezia nel riforma protestante.

La Lega Anseatica era stata ufficialmente costituita a Lubecca sulla costa baltica di Germania settentrionale nel 1356. La Lega cercò privilegi civili e commerciali dai principi e dai reali dei paesi e delle città lungo le coste del Mar Baltico.[46] In cambio, hanno offerto una certa protezione alle città aderenti. Avendo una propria marina, gli Hansa furono in grado di liberare il Mar Baltico dai pirati.[47] I privilegi ottenuti dall'Hansa includevano assicurazioni che solo i cittadini dell'Hansa sarebbero stati autorizzati a commerciare dai porti in cui si trovavano. Hanno cercato un accordo per essere liberi da tutte le dogane e le tasse. Con queste concessioni, i mercanti di Lubecca accorsero a Stoccolma, dove presto arrivarono a dominare la vita economica della città e trasformarono la città portuale di Stoccolma nella principale città commerciale e industriale della Svezia.[48] Sotto il commercio anseatico, i due terzi delle importazioni di Stoccolma consistevano tessuti, mentre il restante terzo era sale. Le principali esportazioni dalla Svezia sono state ferro e rame.[48]

Tuttavia, gli svedesi iniziarono a risentirsi della posizione commerciale monopolistica dell'Hansa (composta principalmente da cittadini tedeschi) ea risentirsi per il reddito che sentivano di aver perso a favore dell'Hansa. Di conseguenza, quando Gustav Vasa o Gustav I spezzò il potere di monopolio della Lega Anseatica, era considerato un eroe dal popolo svedese.[49] La storia ora vede Gustav I come il padre della moderna nazione svedese. Le basi gettate da Gustav avrebbero richiesto tempo per svilupparsi. Inoltre, quando la Svezia si sviluppò, si liberò dalla Lega Anseatica ed entrò nella sua epoca d'oro, il fatto che i contadini fossero tradizionalmente liberi significava che più benefici economici tornavano a loro piuttosto che andare a una classe di proprietari terrieri feudali.[50]

La fine del XVI secolo fu segnata da una fase finale di rivalità tra i restanti cattolici e le nuove comunità protestanti. Nel 1592, il nipote cattolico di Gustav Vasa e re di Polonia, Sigismondo, salì al trono svedese.[51] Ha cercato di rafforzare Romal 'influenza di iniziando Controriforma e creò una doppia monarchia, che divenne temporaneamente nota come Unione polacco-svedese. Il suo governo dispotico, fortemente caratterizzato dall'intolleranza verso i protestanti, scatenò a guerra civile che ha fatto precipitare la Svezia nella povertà.[52] In opposizione, lo zio e successore di Sigismondo, Charles Vasa, ha convocato il Sinodo di Uppsala nel 1593 che confermò ufficialmente il moderno Chiesa di Svezia come Luterana. Seguendo il suo deposizione nel 1599, Sigismondo ha tentato di rivendicare il trono ad ogni spesa e le ostilità tra Polonia e la Svezia continuò per i successivi cento anni.[53]

Impero svedese

Durante il XVII secolo, la Svezia emerse come europea grande potere. Prima dell'emergere dell'Impero svedese, la Svezia era un paese povero e scarsamente popolato ai margini della civiltà europea, senza potere o reputazione significativi. La Svezia salì alla ribalta su scala continentale durante il mandato del re Gustavus Adolphus, sequestrando territori dalla Russia e Polonia – Lituania in più conflitti, incluso il Guerra dei trent'anni.[54]

Durante la Guerra dei Trent'anni, la Svezia conquistò circa la metà degli stati del Sacro Romano Impero e sconfisse l'esercito imperiale al Battaglia di Breitenfeld nel 1631.[55] Gustav Adolphus progettava di diventare il nuovo Imperatore del Sacro Romano Impero, che governava su una Scandinavia unita e gli stati del Sacro Romano Impero, ma morì al Battaglia di Lützen nel 1632. Dopo il Battaglia di Nördlingen nel 1634, l'unica significativa sconfitta militare della Svezia nella guerra, il sentimento pro-svedese tra gli stati tedeschi svanì.[55] Queste province tedesche si sono escluse dal potere svedese una ad una, lasciando la Svezia con solo pochi territori della Germania settentrionale: Pomerania svedese, Bremen-Verden e Wismar. Dal 1643 al 1645, negli ultimi anni della guerra, Svezia e Danimarca-Norvegia ha combattuto il Guerra di Torstenson. Il risultato di quel conflitto e la conclusione della Guerra dei Trent'anni contribuirono a stabilire la Svezia del dopoguerra come una forza importante in Europa.[55]

Il Impero svedese tra il 1611 e il 1815, con il suo picco assoluto tra il 1658 e il 1660.

A metà del XVII secolo la Svezia era il terzo paese in Europa per superficie terrestre, superato solo dalla Russia e dalla Spagna. La Svezia ha raggiunto la sua più ampia estensione territoriale sotto il dominio di Charles X dopo il trattato di Roskilde nel 1658, a seguito del rischioso ma di successo di Carlo X incrocio delle cinture danesi.[56][57] La base del successo della Svezia durante questo periodo è attribuita ai principali cambiamenti di Gustav I nell'economia svedese nel XVI secolo e alla sua introduzione di protestantesimo.[58] Nel XVII secolo, la Svezia fu impegnata in molte guerre, ad esempio con il Commonwealth polacco-lituano, con entrambe le parti in competizione per i territori di oggi stati baltici, con il disastroso Battaglia di Kircholm essendo uno dei punti salienti.[59] Un terzo della popolazione finlandese è morto nel devastante Grande carestia del 1695–1697 che ha colpito il paese.[60] La carestia ha colpito anche la Svezia, uccidendo circa il 10% della popolazione svedese.[61]

Gli svedesi hanno condotto una serie di invasioni nel Commonwealth polacco-lituano, noto come il Diluvio.[62] Dopo più di mezzo secolo di guerre quasi costanti, l'economia svedese si era deteriorata. È diventato il compito di tutta la vita del figlio di Carlo X, Carlo XI, per ricostruire l'economia e rimettere a posto l'esercito.[63] La sua eredità a suo figlio, il futuro sovrano di Svezia, Carlo XII, era uno dei migliori arsenali del mondo, un grande esercito permanente e una grande flotta.[64] La più grande minaccia della Svezia in questo momento, la Russia, aveva un esercito più grande ma era molto indietro sia nell'equipaggiamento che nell'addestramento.[65]

Dopo il Battaglia di Narva nel 1700, una delle prime battaglie del Grande Guerra del Nord, l'esercito russo era così gravemente devastato che la Svezia aveva una possibilità aperta di invadere la Russia.[66] Tuttavia, Carlo XII non inseguì l'esercito russo, invece rivoltarsi contro Polonia-Lituania e sconfiggendo il re polacco, Augusto II il Fortee i suoi alleati sassoni al Battaglia di Kliszów nel 1702.[67] Ciò diede alla Russia il tempo di ricostruire e modernizzare il suo esercito.

Il Battaglia di Poltava nel 1709. Negli anni successivi, la Russia ei suoi alleati occuparono tutto Domini svedesi sulla costa baltica e persino in Finlandia.

Dopo il successo dell'invasione della Polonia, Carlo XII decise di fare un tentativo invadere la Russia, ma questo si è concluso con una decisiva vittoria russa al Battaglia di Poltava nel 1709.[68] Dopo una lunga marcia esposta cosacco incursioni, lo zar russo Peter il grande'S terra bruciata tecniche e l'inverno estremamente freddo del 1709, gli svedesi erano indeboliti con un morale a pezzi ed erano enormemente in inferiorità numerica contro l'esercito russo a Poltava.[69] La sconfitta ha significato l'inizio della fine per l'Impero svedese. Inoltre, la peste che infuria nell'Europa centro-orientale devastò i domini svedesi e raggiunse la Svezia centrale nel 1710.[70][71] Carlo XII tentò di invadere la Norvegia nel 1716, ma fu colpito a morte Fredriksten fortezza nel 1718.[72] Gli svedesi non furono sconfitti militarmente a Fredriksten, ma l'intera struttura e l'organizzazione della campagna andarono in pezzi con la morte del re e l'esercito si ritirò.

Costretto a cedere vaste aree di terreno nel Trattato di Nystad nel 1721, anche la Svezia perse il suo posto come impero e come stato dominante sul Mar Baltico.[73] Con la perdita dell'influenza della Svezia, la Russia emerse come impero e ne divenne uno Le nazioni dominanti dell'Europa. Quando la guerra si concluse definitivamente nel 1721, la Svezia aveva perso circa 200.000 uomini, 150.000 dei quali dalla zona dell'attuale Svezia e 50.000 dalla finlandese parte della Svezia.[74]

Nel XVIII secolo, la Svezia non disponeva di risorse sufficienti per mantenere i suoi territori al di fuori della Scandinavia, e la maggior parte di essi andò perduta, culminando con la perdita nel 1809 della Svezia orientale alla Russia, che divenne altamente autonoma Gran Principato di Finlandia nel Russia imperiale.[75]

Nell'interesse di ristabilire il dominio svedese nel Mar Baltico, la Svezia si è alleata contro il suo tradizionale alleato e benefattore, la Francia, nel Guerre napoleoniche. Tuttavia, nel 1810, un maresciallo francese fu scelto l'erede presuntuoso del decrepito Carlo XIII; nel 1818 fondò il Casa di Bernadotte. Il ruolo della Svezia nel Battaglia di Lipsia le diede l'autorità di costringere la Danimarca-Norvegia, un alleato della Francia, a cedere la Norvegia al re di Svezia il 14 gennaio 1814 in cambio delle province della Germania settentrionale, al Trattato di Kiel.[76] I tentativi norvegesi di mantenere il loro status di stato sovrano furono respinti dal re svedese, Carlo XIII. Ha lanciato un campagna militare contro la Norvegia il 27 luglio 1814, che termina con il Convenzione di Moss, che ha costretto la Norvegia a un unione personale con la Svezia sotto la corona svedese, che durò fino al 1905.[77] La campagna del 1814 fu l'ultima volta che la Svezia fu in guerra.[78]

Storia moderna

Illustrazione della fame nel nord della Svezia, Carestia del 1866–1868

Il Compagnia svedese delle Indie orientali, Ostindiska Kompaniet, iniziò nel 1731. La scelta ovvia del porto di origine era Goteborg sulla costa occidentale della Svezia, alla foce del Fiume Göta älv è molto ampia e ospita il porto più grande e migliore della contea per i viaggi in alto mare. Il commercio continuò nel XIX secolo e fece diventare la cittadina la seconda città della Svezia.[79]C'è stato un significativo aumento della popolazione durante i secoli XVIII e XIX, che lo scrittore Esaias Tegnér nel 1833 attribuito alla "pace, il vaccino contro il vaioloe le patate ".[80] Tra il 1750 e il 1850, la popolazione in Svezia è raddoppiata. Secondo alcuni studiosi, l'emigrazione di massa in America divenne l'unico modo per prevenire carestie e ribellioni; oltre l'1% della popolazione emigrò ogni anno durante gli anni ottanta dell'Ottocento.[81] Tuttavia, la Svezia è rimasta povera, mantenendo un'economia quasi interamente agricola anche quando la Danimarca e i paesi dell'Europa occidentale hanno iniziato a industrializzarsi.[81][82]

Emigranti svedesi si imbarcano a Goteborg nel 1905

Molti guardavano all'America per una vita migliore in questo periodo. Si pensa che tra il 1850 e il 1910 più di un milione di svedesi si sia trasferito negli Stati Uniti.[83] All'inizio del XX secolo vivevano più svedesi a Chicago che a Goteborg (La seconda città più grande della Svezia).[84] La maggior parte svedese immigrati si è trasferito al Stati Uniti del Midwest, con una grande popolazione in Minnesota, con pochi altri che si trasferiscono in altre parti degli Stati Uniti e del Canada.

Nonostante il lento tasso di industrializzazione nel 19 ° secolo, molti importanti cambiamenti si stavano verificando nell'economia agraria a causa delle continue innovazioni e di una rapida crescita della popolazione.[85] Queste innovazioni includevano programmi sponsorizzati dal governo di allegato, sfruttamento aggressivo dei terreni agricoli e l'introduzione di nuove colture come la patata.[85] Poiché i contadini svedesi non erano mai stati assicurati come altrove in Europa,[86] la cultura contadina svedese iniziò ad assumere un ruolo critico nella politica svedese, che è continuata nei tempi moderni con il moderno partito agrario (ora chiamato il partito di centro).[87] Tra il 1870 e il 1914, la Svezia iniziò a sviluppare l'economia industrializzata che esiste oggi.[88]

Forti movimenti di base sorsero in Svezia durante la seconda metà del XIX secolo (sindacati, temperanza gruppi e gruppi religiosi indipendenti), creando una solida base di principi democratici. Nel 1889 fu fondato il Partito socialdemocratico svedese. Questi movimenti hanno accelerato la migrazione della Svezia in una moderna democrazia parlamentare, raggiunta al tempo della prima guerra mondiale Rivoluzione industriale progredito nel corso del 20 ° secolo, le persone si sono trasferite gradualmente nelle città per lavorare nelle fabbriche e sono state coinvolte nei sindacati socialisti. Una rivoluzione comunista fu evitata nel 1917, in seguito alla reintroduzione di parlamentarismo, e il paese lo era democratizzato.

La prima e la seconda guerra mondiale

La Svezia è stata ufficialmente neutrale durante prima guerra mondiale, sebbene, sotto la pressione tedesca, abbiano adottato misure dannose per il Potenze alleate compreso il mining di Øresund canale, chiudendolo così al trasporto alleato, e consentendo ai tedeschi di utilizzare le strutture svedesi e il cifrario svedese per trasmettere messaggi segreti alle loro ambasciate d'oltremare.[89] La Svezia ha anche permesso ai volontari di combattere per il Guardie bianche al fianco dei tedeschi contro il Guardie rosse e russi in Guerra civile finlandese, e brevemente occupato il Isole Aland in cooperazione con la Germania.

Un soldato svedese durante la seconda guerra mondiale. La Svezia è rimasta neutrale durante il conflitto.

Come nella prima guerra mondiale, la Svezia è rimasta ufficialmente neutrale durante seconda guerra mondiale, sebbene la sua neutralità durante la seconda guerra mondiale sia stata contestata.[90][91] La Svezia fu sotto l'influenza tedesca per gran parte della guerra, poiché i legami con il resto del mondo furono interrotti dai blocchi.[90] Il governo svedese riteneva di non essere in grado di contestare apertamente la Germania,[92] e quindi ha fatto alcune concessioni.[93] La Svezia ha anche fornito alla Germania parti in acciaio e lavorate durante la guerra. Il governo svedese ha sostenuto ufficiosamente la Finlandia nel Guerra d'Inverno e il Guerra di continuazione consentendo ai volontari e materiale per essere spedito in Finlandia. Tuttavia, la Svezia ha sostenuto la resistenza norvegese contro la Germania e nel 1943 ha aiutato salvare gli ebrei danesi dalla deportazione a Campi di concentramento nazisti.

Durante l'ultimo anno di guerra, la Svezia iniziò a svolgere un ruolo negli sforzi umanitari e molti rifugiati, tra cui diverse migliaia di ebrei dell'Europa occupata dai nazisti, furono salvati grazie al Missioni di salvataggio svedesi nei campi di internamento e in parte perché la Svezia fungeva da rifugio per i rifugiati, principalmente dal paesi nordici e gli Stati baltici.[92] Il diplomatico svedese Raoul Wallenberg ei suoi colleghi hanno garantito la sicurezza di decine di migliaia di ebrei ungheresi.[94] Tuttavia, sia gli svedesi che altri hanno sostenuto che la Svezia avrebbe potuto fare di più per opporsi agli sforzi bellici dei nazisti, anche se ciò significasse aumentare il rischio di occupazione.[92]

Era del dopoguerra

Tage Erlander (a sinistra), Primo Ministro sotto la sentenza Partito socialdemocratico svedese dal 1946 al 1969.

La Svezia era ufficialmente un paese neutrale e rimase fuori NATO e Patto di Varsavia l'adesione durante il Guerra fredda, ma privatamente la leadership svedese aveva forti legami con gli Stati Uniti e altri governi occidentali. Dopo la guerra, la Svezia ha approfittato di una base industriale intatta, della stabilità sociale e delle sue risorse naturali per espandere la sua industria e fornire la ricostruzione dell'Europa.[95] La Svezia ha ricevuto aiuti nell'ambito del Piano Marshall e ha partecipato all'OCSE. Durante la maggior parte del dopoguerra, il paese è stato governato dal Partito socialdemocratico svedese in gran parte in collaborazione con sindacati e industria. Il governo ha perseguito attivamente un settore manifatturiero competitivo a livello internazionale principalmente di grandi società.[96]

La Svezia è stato uno degli stati fondatori del Area europea di libero scambio (EFTA). Negli anni '60 i paesi dell'EFTA venivano spesso chiamati Sette esterne, al contrario di Sei Interiore dell'allora-Comunità Economica Europea (CEE).[97]

La Svezia, come molti paesi industrializzati, è entrata in un periodo di declino economico e sconvolgimento dopo gli embarghi petroliferi del 1973-74 e 1978-79.[98] Negli anni '80 diverse industrie chiave svedesi sono state notevolmente ristrutturate. La costruzione navale è stata interrotta, la pasta di legno è stata integrata nella produzione di carta modernizzata, l'industria siderurgica è stata concentrata e specializzata e l'ingegneria meccanica è stata robotizzata.[99]

Tra il 1970 e il 1990, la pressione fiscale complessiva è aumentata di oltre il 10% e la crescita è stata bassa rispetto ad altri paesi dell'Europa occidentale. Alla fine il governo ha iniziato a spendere più della metà del prodotto interno lordo del paese. La classifica del PIL pro capite svedese è diminuita durante questo periodo.[96]

Storia recente

La Svezia è entrata a far parte dell'Unione Europea nel 1995 e ha firmato il Trattato di Lisbona nel 2007.

L'esplosione della bolla immobiliare causata da controlli inadeguati sui prestiti combinati con una recessione internazionale e un passaggio politico da politiche anti-disoccupazione a politiche anti-inflazionistiche ha provocato una crisi fiscale nei primi anni '90.[100] Il PIL della Svezia è diminuito di circa il 5%. Nel 1992, una corsa alla valuta fece sì che la banca centrale aumentasse brevemente i tassi di interesse al 500%.[101][102]

La risposta del governo è stata quella di tagliare la spesa e avviare una moltitudine di riforme per migliorare la competitività della Svezia, tra cui la riduzione del stato sociale e privatizzare servizi e beni pubblici. Gran parte dell'establishment politico ha promosso l'adesione all'UE e un referendum approvato con il 52,3% a favore dell'adesione all'UE il 13 novembre 1994. La Svezia ha aderito al Unione europea il 1 ° gennaio 1995. In un referendum del 2003 l'elettorato svedese ha votato contro il paese che aderisce al Euro moneta. Nel 2006 La Svezia ha ottenuto il suo primo governo di maggioranza da decenni come centro-destra Alleanza ha sconfitto il governo socialdemocratico in carica. Segue la rapida crescita del sostegno alla lotta all'immigrazione Democratici svedesi, e il loro ingresso al Riksdag in 2010, l'Alleanza divenne un gabinetto di minoranza.

La Svezia rimane militarmente non allineata, sebbene partecipi ad alcune esercitazioni militari congiunte con la NATO e alcuni altri paesi, oltre a un'ampia cooperazione con altri paesi europei nell'area della tecnologia e dell'industria della difesa. Tra le altre, le società svedesi esportano armi che sono state utilizzate dalle forze armate americane in Iraq.[103] La Svezia ha anche una lunga storia di partecipazione a operazioni militari internazionali, comprese Afghanistan, dove le truppe svedesi sono sotto il comando della NATO e sponsorizzate dall'UE mantenimento della pace operazioni in Kosovo, Bosnia Erzegovina, e Cipro. Ha partecipato anche la Svezia far rispettare un Zona di non volo obbligatoria delle Nazioni Unite sulla Libia durante il primavera araba. La Svezia ha ricoperto la presidenza dell'Unione europea dal 1 ° luglio al 31 dicembre 2009.

Negli ultimi decenni la Svezia è diventata una nazione culturalmente più diversificata a causa della significativa immigrazione; nel 2013 è stato stimato che il 15% della popolazione fosse nata all'estero e un ulteriore 5% della popolazione fosse nata da due genitori immigrati. L'afflusso di immigrati ha portato nuove sfide sociali. Gli incidenti violenti lo hanno fatto periodicamente[104][105] includendo il 2013 Rivolte di Stoccolma scoppiata in seguito alla sparatoria da parte della polizia di un anziano immigrato portoghese.[106] In risposta a questi eventi violenti, il anti-immigrazione partito di opposizione, il Democratici svedesi, ha promosso le loro politiche anti-immigrazione, mentre il ala sinistra l'opposizione ha accusato la crescente disuguaglianza causata dal centro-destra politiche socioeconomiche del governo.[107]

Nel 2014, Stefan Löfven (Socialdemocratici) ha vinto le elezioni generali ed è diventato il nuovo primo ministro svedese. I Democratici svedesi mantennero l'equilibrio del potere e votarono al ribasso il bilancio del governo nel Riksdag, ma a causa degli accordi tra il governo e l'Alleanza, il governo fu in grado di mantenere il potere.[108] La Svezia è stata pesantemente colpita dal 2015 crisi dei migranti europei, costringendo infine il governo a inasprire le norme di ingresso nel paese, poiché la Svezia ha accolto migliaia di richiedenti asilo e migranti prevalentemente da Africa e il Medio Oriente a settimana in autunno, travolgendo le strutture esistenti.[109] Alcune delle restrizioni in materia di asilo sono state nuovamente allentate in seguito.[110]

Il Elezioni generali 2018 visto Rosso-verde perdere seggi a favore della destra Democratici svedesi e ai partiti di centrodestra del primo Alleanza. Nonostante detengano solo il 33% dei seggi al Riksdag, i socialdemocratici ei Verdi ci sono riusciti modulo un governo di minoranza nel gennaio 2019, facendo affidamento sull'offerta e sulla fiducia di Festa al centro, Liberali e il Partito di sinistra.

Geografia

Situata nel Nord Europa, la Svezia si trova a ovest del mare Baltico e Golfo di Botnia, fornendo una lunga costa e forma la parte orientale del Penisola scandinava. A ovest c'è il Catena montuosa scandinava (Skanderna), una gamma che separa la Svezia da Norvegia. La Finlandia si trova a nord-est. Ha confini marittimi con Danimarca, Germania, Polonia, Russia, Lituania, Lettonia e Estonia, ed è anche collegata alla Danimarca (sud-ovest) dal Ponte Öresund. Il suo confine con la Norvegia (1.619 km lungo) è il confine ininterrotto più lungo in Europa.

La Svezia si trova tra le latitudini 55° e 70 ° N, e principalmente tra le longitudini 11° e 25 ° E (parte di Stora Drammen l'isola è appena ad ovest di 11 °).

Scania nella Svezia meridionale

A 449.964 km2 (173.732 miglia quadrate), la Svezia è il 55 ° paese più grande del mondo,[111] il 4 °il più grande paese interamente in Europae il più grande del Nord Europa. L'altitudine più bassa della Svezia si trova nella baia del lago Hammarsjön, vicino Kristianstad, a −2,41 m (−7,91 ft) sotto il livello del mare. Il punto più alto è Kebnekaise a 2.111 m (6.926 piedi) sopra il livello del mare.

La Svezia ne ha 25 province o landskap, basato su cultura, geografia e storia. Sebbene queste province non abbiano uno scopo politico o amministrativo, svolgono un ruolo importante nelle persone propria identità. Le province sono generalmente raggruppate in tre grandi terre, parti, il Norrland settentrionale, la Svealand centrale e il Götaland meridionale. Il Norrland scarsamente popolato comprende quasi il 60% del paese. La Svezia ha anche il Riserva naturale di Vindelfjällen, una delle aree protette più grandi d'Europa, con un totale di 562.772 ha (circa 5.628 km2).

Circa il 15% della Svezia si trova a nord del Circolo Polare Artico. La Svezia meridionale è prevalentemente agricola, con una copertura forestale in aumento verso nord. Circa il 65% della superficie totale della Svezia è ricoperta da foreste. La più alta densità di popolazione è in Regione di Öresund nella Svezia meridionale, lungo la costa occidentale fino al centro di Bohuslän, e nella valle del lago Mälaren e Stoccolma. Gotland e Öland sono i più grandi della Svezia isole; Vänern e Vättern sono i suoi laghi più grandi. Vänern è la terza più grande d'Europa, dopo Lago Ladoga e Lago Onega in Russia. In combinazione con il terzo e il quarto lago più grande Mälaren e Hjälmaren, questi laghi occupano una parte significativa dell'area della Svezia meridionale. L'ampia disponibilità di vie navigabili della Svezia in tutto il sud è stata sfruttata con la costruzione del Canale di Göta nel 19 ° secolo, accorciando la potenziale distanza tra il Mar Baltico a sud di Norrköping e Goteborg utilizzando la rete lacustre e fluviale per facilitare il canale.[112]

Clima

La maggior parte della Svezia ha un file clima temperato, nonostante il suo nord latitudine, con in gran parte quattro stagioni distinte e temperature miti durante tutto l'anno. L'inverno all'estremo sud è solitamente debole e si manifesta solo attraverso alcuni periodi più brevi con neve e temperature sotto lo zero, l'autunno può benissimo trasformarsi in primavera lì, senza un periodo invernale distinto. Il paese può essere suddiviso in tre tipologie di clima: la parte più meridionale ha un'estensione clima oceanico, la parte centrale ha un clima continentale umido e la parte più settentrionale ha a clima subarticoTuttavia, la Svezia è molto più calda e secca di altri luoghi a una latitudine simile, e anche un po 'più a sud, principalmente a causa della combinazione del Corrente del Golfo[113][114] e la deriva generale del vento da ovest, causata dalla direzione di rotazione del pianeta Terra. Coste occidentali continentali (a cui appartiene tutta la Scandinavia, in quanto la parte più occidentale del Continente eurasiatico), sono notevolmente più calde delle coste orientali continentali; questo può essere visto anche confrontando ad es. le città canadesi di Vancouver e Halifax, Nuova Scozia tra di loro, l'inverno nella costa occidentale di Vancouver è molto più mite; inoltre, per esempio, la Svezia centrale e meridionale ha inverni molto più miti rispetto a molte parti della Russia, del Canada e degli Stati Uniti settentrionali.[115] A causa dell'elevata latitudine della Svezia, la durata della luce del giorno varia notevolmente. A nord del circolo polare artico, il il sole non tramonta mai per una parte di ogni estate, e non si alza mai per una parte di ogni inverno. Nella capitale, Stoccolma, la luce del giorno dura più di 18 ore a fine giugno, ma solo circa 6 ore a fine dicembre. La Svezia riceve tra le 1.100 e le 1.900 ore di sole all'anno.[116] Nel mese di luglio non c'è molta differenza di temperatura tra il nord e il sud del paese. Ad eccezione delle montagne, l'intero paese ha una temperatura media di luglio compresa tra 15 ° C (59 ° F) e 17,5 ° C (63,5 ° F) (una differenza di 2,5 gradi Celsius), mentre il mese di gennaio -Le temperature medie variano dal punto di congelamento fino al di sotto dei -15 ° C (5 ° F) lungo il confine con la Finlandia (una differenza di 15 gradi Celsius).[117]

La temperatura più alta mai registrata in Svezia è stata di 38 ° C (100 ° F) Målilla nel 1947, mentre la temperatura più fredda mai registrata è stata di -52,6 ° C (-62,7 ° F) a Vuoggatjålme il 2 febbraio 1966.[118] Le temperature previste in Svezia sono fortemente influenzate dalla grande massa continentale della Fennoscandia, dall'Europa continentale e dalla Russia occidentale, che consente di trasportare facilmente in Svezia l'aria interna calda o fredda. Ciò, a sua volta, rende la maggior parte delle aree meridionali della Svezia con estati più calde che quasi ovunque nelle vicinanze Isole Britanniche, anche temperature corrispondenti trovate lungo la costa atlantica continentale a sud come a nord Spagna. In inverno, tuttavia, gli stessi sistemi ad alta pressione a volte mettono l'intero paese molto al di sotto dello zero. C'è una certa moderazione marittima dall'Atlantico che rende il clima continentale svedese meno severo di quello della vicina Russia. Anche se i modelli di temperatura differiscono tra nord e sud, il clima estivo è sorprendentemente simile in tutto il paese, nonostante le grandi differenze di latitudine. Ciò è dovuto al fatto che il sud è circondato da una maggiore massa d'acqua, con il più ampio Mar Baltico e l'aria dell'Atlantico che passano sopra le zone di pianura da sud-ovest.

A parte l'Atlantico senza ghiacci che porta aria marina in Svezia temperando gli inverni, la mitezza è ulteriormente spiegata dai sistemi di bassa pressione prevalenti che posticipano l'inverno, con le lunghe notti che spesso rimangono sopra lo zero nel sud del paese a causa dell'abbondante copertura nuvolosa. Quando finalmente arriva l'inverno, le ore diurne aumentano rapidamente, assicurando che le temperature diurne aumentino rapidamente in primavera. Con il maggior numero di notti serene, le gelate rimangono all'ordine del giorno molto a sud fino ad aprile. Gli inverni freddi si verificano quando i sistemi a bassa pressione sono più deboli. Un esempio è che il mese più freddo in assoluto (gennaio 1987) a Stoccolma è stato anche il mese di gennaio più soleggiato mai registrato.[119][120]

La forza relativa dei sistemi di bassa e alta pressione di aria marina e continentale definisce anche le estati altamente variabili. Quando l'aria calda continentale colpisce il paese, le lunghe giornate e le brevi notti portano spesso temperature fino a 30 ° C (86 ° F) o superiori anche nelle zone costiere. Le notti normalmente rimangono fresche, soprattutto nelle zone interne. Le zone costiere possono vedere i cosiddetti notti tropicali sopra i 20 ° C (68 ° F) si verificano a causa dell'influenza moderata del mare durante le estati più calde.[121] Le estati possono essere fresche, soprattutto nel nord del paese. Le stagioni di transizione sono normalmente piuttosto estese e il clima di quattro stagioni si applica alla maggior parte del territorio svedese, tranne in Scania dove alcuni anni non registrano un inverno meteorologico (vedi tabella sotto) o nelle alte montagne della Lapponia dove esistono microclimi polari.

In media, la maggior parte della Svezia riceve tra i 500 e gli 800 mm (20 e 31 pollici) di precipitazioni ogni anno, il che la rende notevolmente più secca del media globale. La parte sud-occidentale del paese riceve più precipitazioni, tra 1.000 e 1.200 mm (39 e 47 pollici), e si stima che alcune aree montuose nel nord ricevano fino a 2.000 mm (79 pollici). Despite northerly locations, southern and central Sweden may have almost no snow in some winters. Most of Sweden is located in the ombra di pioggia of the Scandinavian Mountains through Norway and north-west Sweden. The blocking of cool and wet air in summer, as well as the greater landmass, leads to warm and dry summers far north in the country, with quite warm summers at the Bothnia Bay coast at 65 degrees latitude, which is unheard of elsewhere in the world at such northerly coastlines.

Swedish Meteorological Institute, SMHI's monthly average temperatures of some of their weather stations – for the latest scientific full prefixed thirty-year period 1961–1990Next will be presented in year 2020. The weather stations are sorted from south towards north by their numbers.

stn.nr.stazioneJanFebMarAprMaggioJunLugAgoSepOttNovDicAnnuale
5337Malmö0.10.02.26.411.615.817.116.813.69.85.31.98.4
6203Helsingborg0.6−0.12.06.011.215.316.716.613.69.95.21.88.3
6451Växjö−2.8−2.80.04.710.214.315.314.911.27.02.3−1.26.1
7839Visby−0.5−1.20.74.19.514.016.416.012.58.64.31.27.1
7447Jönköping−2.6−2.70.34.710.014.515.915.011.37.52.8−0.76.3
7263Göteborg−0.9−0.92.06.011.615.516.616.212.89.14.41.07.8
8323Skövde−2.8−2.90.04.610.615.016.215.211.17.12.2−1.16.3
8634Norrköping−3.0−3.20.04.510.415.116.615.511.37.22.2−1.46.3
9516Örebro−4.0−4.0−0.54.310.715.316.515.310.96.61.3−2.45.8
9720Stockholm Bromma−3.5−3.7−0.54.310.415.216.815.811.47.02.0−1.86.1
9739Stoccolma Arlanda−4.3−4.6−1.03.99.914.816.515.210.76.41.2−2.65.5
10458Mora−7.4−7.2−2.42.59.114.115.413.59.34.9−1.6−6.13.7
10740Gävle−4.8−4.5−1.03.49.314.616.314.910.66.00.6−3.35.2
12724Sundsvall−7.5−6.3−2.32.58.213.815.213.89.44.8−1.5−5.73.6
13410Östersund−8.9−7.6−3.51.37.612.513.912.78.23.8−2.4−6.32.6
14050Umeå−8.7−8.3−4.01.47.613.315.613.89.04.0−2.3−6.42.9
15045Skellefteå−10.2−8.7−4.21.27.613.615.713.58.53.2−3.4−7.52.5
16288Luleå−12.2−11.0−6.00.36.613.015.413.38.02.6−4.5−9.71.3
16395Haparanda−12.1−11.4−6.8−0.56.112.815.413.28.02.5−4.2−9.51.1
16988Jokkmokk−17.5−14.9−8.6−1.15.912.214.311.85.7−0.2−9.3−14.6-1.4
17897Tarfala (a mountain peak)−11.8−11.3−10.6−7.5−1.93.26.45.30.8−3.9−7.9−10.7-4.2
18076Gällivare−14.3−12.5−8.4−1.95.011.013.010.75.6−0.6−8.1−12.2-1.1
18094Kiruna−13.9−12.5−8.7−3.23.49.612.09.84.6−1.4−8.1−11.9-1.7

[122][123]

Vegetazione

Map of Sweden's five major vegetation zones

Sweden has a considerable south to north distance (stretching between the latitudini N 55:20:13 and N 69:03:36) which causes large climatic difference, especially during the winter. The related matter of the length and strength of the four seasons plays a role in which plants that naturalmente can grow at various places. Sweden is divided in five major vegetation zones. Questi sono:

  • The southern deciduous forest zone
  • The southern coniferous forest zone
  • The northern coniferous forest zone, or the Taiga
  • The alpine-birch zone
  • The bare mountain zone

Please see the map to the right, Vegetation Zones in Sweden.

Southern deciduous forest zone

Also known as the nemoral region, the southern deciduous forest zone is a part of a larger vegetation zone which also includes Denmark and large parts of Central Europe. It has to a rather large degree become agricultural areas, but larger and smaller forests still exist. The region is characterised by a large wealth of trees and shrubs. Il faggio are the most dominant tree, but quercia can also form smaller forests. olmo at one time formed forests, but have been heavily reduced due to Malattia dell'olmo olandese. Other important trees and shrubs in this zone include carpino, Sambuco, nocciola, fly honeysuckle, linden (lime), mandrino, tasso, ontano olivello spinoso, prugnolo, pioppo tremulo, Rowan europeo, Sorbo montano svedese, ginepro, Agrifoglio europeo, edera, corniolo, salice di capra, larice, ciliegia di uccello, ciliegia selvatica, acero, cenere, ontano along creeks, and in sandy soil betulla compete with pino.[124] Abete rosso is not native but between approximately 1870 and 1980, large areas were planted with it.[125] They tend to grow too quickly due to being outside of their native range[126] and large distances between the tree rings cause poor board quality.[127] Later some spruce trees began to die before reaching optimal height, and many more of the coniferous trees were uprooted during cyclones.[128][129] During the last 40–50 years large areas of former spruce plantings have been replanted with deciduous forest.[130]

Southern coniferous forest zone

Also known as the boreo-nemoral region, the southern coniferous forest zone is delimited by the quercia's northern natural limit (limes norrlandicus) e il Abete rosso's southern natural limit,[131] between the southern deciduous zone and the Taiga più a nord. In the southern parts of this zone the coniferous species are found, mainly abete rosso e pino, mixed with various deciduous trees. Betulla grows largely everywhere. Il faggio's northern boundary crosses this zone. This is however not the case with quercia e cenere. Although in its natural area, also planted Spruce are common, and such woods are very dense, as the spruces can grow very tight, especially in this vegetation zone's southern areas.

Northern coniferous forest zone, or the Taiga

The northern coniferous forest zone begins north of the natural boundary of the quercia. Of deciduous species the betulla is the only one of significance. Pino e abete rosso are dominant, but the forests are slowly but surely more sparsely grown the farther towards the north it gets. In the extreme north is it difficult to state the trees forms true forests at all, due to the large distances between the trees.

Alpine-birch and bare mountain zones

The alpine-birch zone, in the Scandinavian mountains, depending on both latitude and altitude, is an area where only a smaller kind of betulla (Betula pubescens o B.tortuosa) can grow. Where this vegetation zone ends, no trees grow at all: the bare mountain zone.[132]

Politica

Quadro costituzionale

Il corrente Re di Svezia, Carl XVI Gustafe la sua consorte, Regina Silvia

Sweden has four fundamental laws (svedese: grundlagar) which together form the Costituzione: the Instrument of Government (svedese: Regeringsformen), il Atto di successione (svedese: Successionsordningen), la legge sulla libertà di stampa (svedese: Tryckfrihetsförordningen), and the Fundamental Law on Freedom of Expression (svedese: Yttrandefrihetsgrundlagen).[133][134]

The public sector in Sweden is divided into two parts: the persona legale known as the State (svedese: staten)[b] and local authorities:[c] the latter include regional Consigli di contea (svedese: atterraggio) e locale Comuni (svedese: kommuner).[135][136][137][138] The local authorities, rather than the State, make up the larger part of the public sector in Sweden.[139] County Councils and Municipalities are independent of one another, the former merely covers a larger geographical area than the latter.[139][140] The local authorities have self-rule, as mandated by the Constitution, and their own tax base.[136][141] Notwithstanding their self-rule, local authorities are nevertheless in practice interdependent upon the State, as the parameters of their responsibilities and the extent of their jurisdiction are specified in the Local Government Act (svedese: Kommunallagen) passato dal Riksdag.[136][142]

Sweden is a monarchia costituzionale, e re Carl XVI Gustaf è il capo di Stato, but the role of the monarch is limited to ceremonial and representative functions.[143] Under the provisions of the 1974 Instrument of Government, the King lacks any formal political power.[144][145] The King opens the annual Riksdag session, chairs the Special Council held during a change of Government, holds regular Information Councils with the Prime Minister and the Government, chairs the meetings of the Consiglio consultivo per gli affari esteri (svedese: Utrikesnämnden), and receives Letters of Credence of foreign ambassadors to Sweden and signs those of Swedish ambassadors sent abroad.[146][147] In addition, the King pays State Visits abroad and receives those incoming as host.[146] Apart from strictly official duties, the King and the other members of Famiglia reale undertake a variety of unofficial and other representative duties within Sweden and abroad.[148]

Potere legislativo è investito in unicamerale Riksdag with 349 members. Elezioni generali are held every four years, on the second Sunday of September. Legislation may be initiated by the Government or by members of the Riksdag. I membri sono eletti sulla base di Rappresentanza proporzionale to a four-year term. The internal workings of the Riksdag are, in addition to the Instrument of Government, regulated by the Riksdag Act (svedese: Riksdagsordningen).[149] The fundamental laws can be altered by the Riksdag alone; only an absolute majority with two separate votes, separated by a general election in between, is required.[133]

Rosenbad, in posizione centrale Stoccolma, è la sede del governo dal 1981.[150]

Il Governo (svedese: Regeringen) operates as a organo collegiale con responsabilità collettiva and consists of the primo ministro — appointed and dismissed by the Portavoce del Riksdag (following an actual vote in the Riksdag before an appointment can be made) — and other ministri di gabinetto (svedese: Statsråd), nominato e revocato a insindacabile giudizio del Presidente del Consiglio.[151] The Government is the supreme executive authority and is responsabile delle sue azioni al Riksdag.[152]

Most of the State administrative authorities (svedese: statliga förvaltningsmyndigheter) report to the Government, including (but not limited to) the Forze armate, il Autorità di contrasto, il Biblioteca nazionale, il Polizia svedese e il Tax Agency. A unique feature of Swedish State administration is that individual cabinet ministers non sopportarne nessuno individual ministerial responsibility per la performance delle agenzie all'interno del loro portafoglio; come il direttori generali e altri capi di agenzie governative riferiscono direttamente al governo nel suo insieme; and individual ministers are prohibited to interfere; thus the origin of the pejorative in Swedish political parlance term ministerstyre (English: "ministerial rule") in matters that are to be handled by the individual agencies, unless otherwise specifically provided for in law.

Il Giudiziario is independent from the Riksdag, Government and other State administrative authorities.[153] Il ruolo di revisione giudiziaria of legislation is not practised by the courts; invece, il Consiglio di Legislazione gives non-binding opinions on legality.[154] Non c'è stare decisis in that courts are not bound by precedente, although it is influential.[155]

Partiti politici ed elezioni

Il Riksdag chamber, at the time of a vote, in 2009

The Swedish Social Democratic Party has played a leading role in Swedish politics since 1917, after the Riformisti had confirmed their strength and the left-wing revolutionaries formed their own party. After 1932, most governments have been dominato by the Social Democrats. Only five general elections since World War II—1976, 1979, 1991, 2006 e 2010—have given the assembled bloc of centre-right parties enough seats in the Riksdag to form a government.

For over 50 years, Sweden had had five parties who continually received enough votes to gain seats in the Riksdag—the Social Democrats, the Partito moderato, il Festa al centro, il Partito popolare liberale and the Left Party—before the Green Party became the sixth party in the Elezioni del 1988. In the 1991 election, while the Greens lost their seats, two new parties gained seats for the first time: the Democratici cristiani e Nuova democrazia. Il Elezioni del 1994 saw the return of the Greens and the demise of New Democracy. It was not until elections in 2010 that an eighth party, the Democratici svedesi, gained Riksdag seats. Nelle elezioni per il Parlamento europeo, parties who have failed to pass the Riksdag threshold have managed to gain representation at that venue: the Lista di giugno (2004–2009), il Festa dei pirati (2009–2014), e Iniziativa femminista (2014–2019).

The party leaders lined up before the start of the televisivo live debate on 12 September 2014.

Nel Elezioni generali 2006 the Moderate Party formed the centre-right Alleanza per la Svezia bloc and won a majority of the Riksdag seats. Nel Elezioni generali 2010 the Alliance contended against a unified left block consisting of the Social Democrats, the Greens and the Left Party.[156] The Alliance won a plurality of 173 seats, but remained two seats short of a 175-seat majority. Nevertheless, neither the Alliance, nor the left block, chose to form a coalition with the Sweden Democrats.[157]

Il risultato del Elezioni generali 2014 resulted in the attainment of more seats by the three centre-left parties in comparison to the centre-right Alliance for Sweden, with the two blocs receiving 159 and 141 seats respectively.[158] The non-aligned Sweden Democrats more than doubled their support and won the remaining 49 seats.[158] On 3 October 2014, Stefan Löfven formed a governo di minoranza costituito da Social Democrats and the Greens.[159][160]

Election turnout in Sweden has always been high by international comparison. Although it declined in recent decades, the latest elections saw an increase in voter turnout (80.11% in 2002, 81.99% in 2006, 84.63% in 2010, 85.81 in 2014)[161] and 87.18% in 2018.[162] Swedish politicians enjoyed a high degree of confidence from the citizens in the 1960s, However, that level of confidence has since declined steadily, and is now at a markedly lower level than in its Scandinavian neighbours.[163]

divisioni amministrative

Municipal divisions of Sweden

Sweden is a stato unitario divided into 21 county councils (atterraggio) and 290 municipalities (kommuner). Every county council corresponds to a contea (län) with a number of municipalities per county. County councils and municipalities have different roles and separate responsibilities relating to local government. Health care, public transport and certain cultural institutions are administered by county councils. Preschools, primary and secondary schooling, public water utilities, garbage disposal, elderly care and rescue services are administered by the municipalities. Gotland is a special case of being a county council with only one municipality and the functions of county council and municipality are performed by the same organisation.[164]

Municipal and county council government in Sweden is similar to city commission e consiglio in stile gabinetto governo. Both levels have legislative assemblies (consigli comunali and county council assemblies of between 31 and 101 members (always an uneven number) that are elected from rappresentanza proporzionale della lista dei partiti at the general election which are held every four years in conjunction with the national parliamentary elections.

Municipalities are also divided into a total of 2,512 parrocchie (församlingar). These have no official political responsibilities but are traditional subdivisions of the Chiesa di Svezia and still have some importance as census districts for census-taking and elections.

The Swedish government has 21 Consigli di amministrazione della contea (svedese: länsstyrelser), which are responsible for regional state administration not assigned to other government agencies or local government. Each county administrative boards is led by a Governatore della contea (svedese: landshövding) appointed for a term of six years. The list of previous officeholders for the counties stretches back, in most cases, to 1634 when the counties were created by Lord Gran Cancelliere Contare Axel Oxenstierna. The main responsibility of the County Administrative Board is to co-ordinate the development of the county in line with goals set by the Riksdag and Government.

There are older historical divisions, primarily the twenty-five provinces and three lands, which still retain cultural significance.

Storia politica

Regni di Svear (Sweonas) and Götar (Geats) in the 12th century, with modern borders in grey

The actual age of the kingdom of Sweden is unknown.[165] Establishing the age depends mostly on whether Sweden should be considered a nation when the Svear (Sweonas) ruled Svealand or if the emergence of the nation started with the Svear e il Götar (Geats) of Götaland being united under one ruler. In the first case, Svealand was first mentioned as having one single ruler in the year 98 by Tacitus, but it is almost impossible to know for how long it had been this way. However, historians usually start the line of Swedish monarchs from when Svealand and Götaland were ruled under the same king, namely Eric the Victorious (Geat) and his son Olof Skötkonung nel X secolo. These events are often described as the consolidamento della Svezia, although substantial areas were conquered and incorporated later.

Earlier kings, for which no reliable historical sources exist, can be read about in mythical kings of Sweden e semi-legendary kings of Sweden. Many of these kings are only mentioned in various saga and blend with Norse mythology.

Il titolo Sveriges och Götes Konung was last used for Gustaf I of Sweden, after which the title became "Re di Svezia, of the Goths e of the Wends" (Sveriges, Götes och Vendes Konung) in official documentation. Up until the beginning of the 1920s, all laws in Sweden were introduced with the words, "We, the king of Sweden, of the Goths and Wends". This title was used up until 1973.[166] The present King of Sweden, Carl XVI Gustaf, was the first monarch officially proclaimed "King of Sweden" (Sveriges Konung) with no additional peoples mentioned in his title.

Il termine riksdag was used for the first time in the 1540s, although the first meeting where representatives of different social groups were called to discuss and determine affairs affecting the country as a whole took place as early as 1435, in the town of Arboga.[167] Durante Riksdag assemblies of 1527 and 1544, under King Gustav Vasa, representatives of all four proprietà del regno (clergy, nobiltà, townsmen e contadini) were called on to participate for the first time.[167] The monarchy became hereditary in 1544.

Executive power was historically shared between the King and an aristocratic Consiglio privato until 1680, followed by the King's autocratic rule initiated by the commoner estates of the Riksdag. As a reaction to the failed Great Northern War, a parliamentary system was introduced in 1719, followed by three different flavours of constitutional monarchy in 1772, 1789 and 1809, quest'ultimo granting several civil liberties. Already during the first of those three periods, the 'Era of Liberty' (1719–72) the Swedish Rikstag had developed into a very active Parliament, and this tradition continued into the nineteenth century, laying the basis for the transition towards modern democracy at the end of that century.[168]

In 1866 Sweden became a constitutional monarchy with a bicamerale Parlamento, con la Prima Camera eletta indirettamente dai governi locali e la Seconda Camera eletta direttamente nelle elezioni nazionali ogni quattro anni. Nel 1971 il parlamento è diventato unicamerale. Il potere legislativo è stato (simbolicamente) condiviso tra il re e il Riksdag fino al 1975. La tassazione svedese è controllata dal Riksdag.

Il Riksdag, il parlamento svedese nel 2014

La Svezia ha una storia di forte coinvolgimento politico da parte della gente comune attraverso i suoi "movimenti popolari" (Folkrörelser), i più importanti sono i sindacati, il movimento cristiano indipendente, il movimento per la temperanza, il movimento delle donne, e il pirata della proprietà intellettuale movimenti. La Svezia è stato il primo paese al mondo a dichiarare fuorilegge punizione corporale dei bambini dai genitori (il diritto dei genitori di sculacciare i propri figli è stato rimosso per la prima volta nel 1966 ed è stato esplicitamente proibito dalla legge dal luglio 1979[169]).

La Svezia è attualmente leader dell'UE nella misurazione delle statistiche uguaglianza nel sistema politico e l'uguaglianza nel sistema educativo.[170] Il Rapporto 2006 sul divario di genere globale ha classificato la Svezia come il paese numero uno in termini di parità dei sessi.[171]

Alcune figure politiche svedesi sono diventate famose in tutto il mondo, tra queste sono: Raoul Wallenberg, Folke Bernadotte, l'ex Segretario generale delle Nazioni Unite Dag Hammarskjöld, l'ex primo ministro Olof Palme, l'ex primo ministro e successivamente Ministro degli Esteri Carl Bildt, l'ex presidente della Assemblea generale delle Nazioni Unite Jan Eliassone il primo Agenzia internazionale per l'energia atomica Ispettore iracheno Hans Blix.

Sistema giudiziario

I tribunali sono divisi in due sistemi paralleli e separati: i tribunali generali (allmänna domstolar) per cause civili e penali e tribunali amministrativi generali (allmänna förvaltningsdomstolar) per i casi relativi a controversie tra privati ​​e autorità.[172] Ciascuno di questi sistemi ha tre livelli, in cui il tribunale di primo livello del rispettivo sistema in genere ascolterà solo i casi che potrebbero diventare precedente. Ci sono anche una serie di tribunali speciali, che sentiranno una serie più ristretta di casi, come stabilito dalla legislazione. Sebbene indipendenti nelle loro decisioni, alcuni di questi tribunali sono gestiti come divisioni all'interno dei tribunali dei tribunali amministrativi generali o generali.

Il Corte Suprema di Svezia (svedese: Högsta domstolen) è la terza e ultima istanza in tutte le cause civili e penali in Svezia. Prima che una causa possa essere decisa dalla Corte Suprema, deve essere ottenuta l'autorizzazione al ricorso e, con poche eccezioni, l'autorizzazione al ricorso può essere concessa solo quando la causa è di interesse come precedente. La Corte Suprema è composta da 16 giudici (svedese: justitieråd), nominato dal governo, ma il tribunale in quanto istituzione è indipendente dal Riksdag e il governo non è in grado di interferire con le decisioni del tribunale.

Secondo un'indagine sulla vittimizzazione di 1.201 residenti nel 2005, la Svezia è al di sopra della media tasso di criminalità rispetto ad altri paesi dell'UE. La Svezia ha livelli elevati o superiori alla media di aggressioni, aggressioni sessuali, crimini d'odio e frodi ai consumatori. La Svezia ha bassi livelli di furto con scasso, furto di automobili e problemi di droga. La ricerca di tangenti è rara.[173]

Un notiziario di metà novembre 2013 ha annunciato che quattro carceri in Svezia sono state chiuse durante l'anno a causa di un calo significativo del numero di detenuti. La diminuzione del numero di prigionieri svedesi è stata considerata "fuori dall'ordinario" dal capo dei servizi penitenziari e di libertà vigilata svedesi, con un numero di carcerati in Svezia diminuito di circa l'1% all'anno dal 2004. Le carceri sono state chiuse nelle città di Åby, Håja, Båtshagen e Kristianstad.[174]

Relazioni estere

Il parlamento dell'UE a Bruxelles. La Svezia è uno stato membro dell'Unione Europea.

Per tutto il XX secolo, Politica estera svedese era basato sul principio di non allineamento in tempo di pace e neutralità in tempo di guerra. Il governo svedese ha perseguito un corso indipendente di non allineamento in tempo di pace in modo che la neutralità fosse possibile in caso di guerra.[95]

La dottrina svedese della neutralità viene spesso fatta risalire al 19 ° secolo poiché il paese non è stato in a stato di guerra dalla fine del Campagna svedese contro la Norvegia nel 1814. Durante la seconda guerra mondiale la Svezia non aderì né al alleatoasse poteri. Questo a volte è stato contestato poiché in effetti la Svezia ha consentito in casi selezionati al regime nazista di utilizzare il suo sistema ferroviario per il trasporto di truppe e merci,[90][92] in particolare il minerale di ferro proveniente dalle miniere della Svezia settentrionale, fondamentale per la macchina da guerra tedesca.[92][175] Tuttavia, la Svezia ha anche contribuito indirettamente alla difesa della Finlandia durante la Guerra d'Inverno e ha permesso l'addestramento delle truppe norvegesi e danesi in Svezia dopo il 1943.

Aiuto per lo sviluppo misurato in RNL nel 2009. Fonte: OCSE. In percentuale, la Svezia è il maggior donatore.

Durante i primi Guerra fredda era, la Svezia ha combinato la sua politica di non allineamento e un basso profilo negli affari internazionali con a politica di sicurezza basato su forte difesa nazionale.[176] La funzione dell'esercito svedese era quella di scoraggiare l'attacco.[177] Allo stesso tempo, il paese ha mantenuto collegamenti informali relativamente stretti con il blocco occidentale, specialmente nel campo dello scambio di informazioni. Nel 1952, uno svedese DC-3 era abbattuto sul Mar Baltico da un sovietico MiG-15 Jet combattente. Indagini successive hanno rivelato che l'aereo stava effettivamente raccogliendo informazioni per la NATO.[178] Un altro aereo, a Catalina cerca e salva aereo, fu inviato pochi giorni dopo e abbattuto anche dai sovietici. Il primo ministro Olof Palme ha effettuato una visita ufficiale a Cuba durante gli anni '70, durante i quali denuncia Fulgencio Batistadel governo e lodato contemporaneo cubano e cambogiano rivoluzionari in un discorso.

A partire dalla fine degli anni '60, la Svezia ha tentato di svolgere un ruolo più significativo e indipendente nelle relazioni internazionali. Si è impegnata in modo significativo negli sforzi di pace internazionale, soprattutto attraverso le Nazioni Unite, e in appoggio al Terzo mondo.

Il 27 ottobre 1981 a Sottomarino di classe Whisky (U 137) dal Unione Sovietica si è arenata vicino al base navale a Karlskrona nella parte meridionale del paese. La ricerca non ha mai stabilito chiaramente se il sottomarino sia finito sulle secche per un errore di navigazione o se un nemico abbia commesso spionaggio contro il potenziale militare svedese. L'incidente ha innescato una crisi diplomatica tra Svezia e Unione Sovietica. Seguendo il 1986 assassinio di Olof Palme e con la fine della guerra fredda, la Svezia ha adottato un approccio di politica estera più tradizionale. Tuttavia, il paese rimane attivo nelle missioni di mantenimento della pace e mantiene un considerevole budget per gli aiuti esteri.

Dal 1995 la Svezia è membro dell'Unione Europea e, come conseguenza di una nuova situazione di sicurezza mondiale, la dottrina della politica estera del paese è stata in parte modificata, con la Svezia che gioca un ruolo più attivo nella cooperazione per la sicurezza europea.

Militare

La Saab JAS 39 Gripen è un multiruolo svedese avanzato aerei da combattimento del Forza aerea svedese.

Il la legge è applicata in Svezia da diversi enti governativi. La polizia svedese è un Agenzia governativa si occupa di questioni di polizia. Il Task Force nazionale è un cittadino SWAT unità all'interno delle forze di polizia. Il Servizio di sicurezza svedeseLe responsabilità sono controspionaggio, attività antiterrorismo, tutela della costituzione e protezione di oggetti e persone sensibili.

Il Försvarsmakten (Le forze armate svedesi) sono un'agenzia governativa che fa rapporto allo svedese Ministero della Difesa e responsabile del tempo di pace operazione delle forze armate della Svezia. Il compito principale dell'agenzia è addestrare e dispiegare le forze di mantenimento della pace all'estero, mantenendo la capacità a lungo termine di concentrarsi nuovamente sulla difesa della Svezia in caso di guerra. Le forze armate si dividono in Esercito, Air Force e Marina Militare. Il capo delle forze armate è il Comandante supremo (Överbefälhavaren, ÖB), l'ufficiale commissionato più anziano del paese. Fino al 1974, il re lo era Pro forma Comandante in capo, ma in realtà è stato chiaramente compreso durante il 20 ° secolo che il monarca non avrebbe avuto attivo ruolo di leader militare.

Il veicolo da combattimento della fanteria CV90, prodotto e utilizzato dalla Svezia

Fino alla fine della Guerra Fredda, quasi tutti i maschi raggiungono l'età di servizio militare erano coscritto. Negli ultimi anni, il numero di maschi arruolati si è ridotto drasticamente, mentre il numero di donne volontarie è leggermente aumentato. Il reclutamento si è generalmente spostato verso la ricerca delle reclute più motivate, piuttosto che concentrarsi esclusivamente su quelle altrimenti più adatte al servizio. Per legge, tutti i soldati che prestano servizio all'estero devono essere volontari. Nel 1975, il numero totale di coscritti era di 45.000. Nel 2003, era sceso a 15.000.

Il 1 ° luglio 2010, la Svezia ha terminato la coscrizione ordinaria, passando a una forza di soli volontari, salvo diversamente richiesto per la prontezza della difesa.[179][180][181] L'accento doveva essere posto sul reclutamento solo di coloro che in seguito erano preparati a fare volontariato per il servizio internazionale. Le forze totali raccolte consisterebbero di circa 60.000 persone. Questo rispetto agli anni '80, prima della caduta dell'Unione Sovietica, quando la Svezia poteva raccogliere fino a 1.000.000 di membri del servizio.

Tuttavia, l'11 dicembre 2014, a causa delle tensioni nell'area baltica, il Governo svedese ha reintrodotto una parte del file Sistema di coscrizione svedese, formazione di aggiornamento.[182] Il 2 marzo 2017, il governo ha deciso di reintrodurre la parte rimanente del sistema di leva svedese, l'addestramento militare di base. Le prime reclute hanno iniziato la loro formazione nel 2018. Poiché la legge è ora neutrale rispetto al genere, sia gli uomini che le donne potrebbero dover prestare servizio.[183] La Svezia ha deciso di non firmare il trattato delle Nazioni Unite sul Divieto di armi nucleari.[184]

Le unità svedesi hanno preso parte alle operazioni di mantenimento della pace nella Repubblica Democratica del Congo, Cipro, Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, Liberia, Libano, Afghanistan e Ciad.

Economia

Prodotto regionale lordo (GRP) pro capite in migliaia di corone (2014)

La Svezia è il sedicesimo paese più ricco del mondo in termini di PIL (prodotto interno lordo) pro capite e i suoi cittadini sperimentano un elevato tenore di vita. La Svezia è orientata all'esportazione economia mista. Legname, energia idroelettrica e il minerale di ferro costituisce la base delle risorse di un'economia con una forte enfasi commercio estero. Il settore dell'ingegneria svedese rappresenta il 50% della produzione e delle esportazioni, mentre anche le telecomunicazioni, l'industria automobilistica e le industrie farmaceutiche sono di grande importanza. La Svezia è la nona più grande esportatore di armi nel mondo. L'agricoltura rappresenta il 2% del PIL e dell'occupazione. Il paese è tra i più alti per penetrazione telefonica e accesso a Internet.[185]

I sindacati, le associazioni dei datori di lavoro e i contratti collettivi coprono un'ampia quota dei dipendenti in Svezia.[186][187] L'elevata copertura dei contratti collettivi si ottiene nonostante l'assenza di meccanismi statali che estendano i contratti collettivi a interi settori o industrie. Sia il ruolo preminente della contrattazione collettiva che il modo in cui si ottiene l'elevato tasso di copertura riflettono il predominio dell'autoregolamentazione (regolazione da parte delle stesse parti del mercato del lavoro) sulla regolamentazione statale nelle relazioni industriali svedesi.[188] Quando lo svedese Sistema di Gand è stato modificato nel 2007, con conseguente aumento considerevole delle tasse per i fondi di disoccupazione, si è verificato un sostanziale calo della densità sindacale e della densità dei fondi di disoccupazione.[189][190]

La Svezia è la patria Volvo Cars, un'azienda automobilistica di lusso con sede a Goteborg

Nel 2010 il reddito della Svezia Coefficiente di Gini era il terzo più basso tra i paesi sviluppati, a 0,25, leggermente superiore a quello suggerito da Giappone e Danimarca La Svezia aveva una bassa disuguaglianza di reddito. Tuttavia, il coefficiente di Gini della ricchezza della Svezia a 0,853 era il secondo più alto nei paesi sviluppati e al di sopra delle medie europee e nordamericane, suggerendo un'elevata disuguaglianza di ricchezza.[191][192] Anche in base al reddito disponibile, la distribuzione geografica del coefficiente di disuguaglianza di reddito di Gini varia all'interno delle diverse regioni e comuni della Svezia. Danderyd, al di fuori di Stoccolma, ha il più alto coefficiente di disuguaglianza di reddito di Gini della Svezia, a 0,55, mentre Hofors vicino a Gävle ha il minimo a 0.25. A Stoccolma e nei dintorni di Scania, due delle regioni più densamente popolate della Svezia, il coefficiente di reddito di Gini è compreso tra 0,35 e 0,55.[193]

In termini di struttura, l'economia svedese è caratterizzata da un vasto settore manifatturiero ad alta intensità di conoscenza e orientato all'esportazione; un'attività in crescita, ma relativamente piccola settore dei servizi; e secondo gli standard internazionali, un grande settore dei servizi pubblici. Le grandi organizzazioni, sia nella produzione che nei servizi, dominano il Economia svedese.[194] La produzione ad alta e medio-alta tecnologia rappresenta il 9,9% del PIL.[195]

Le 20 maggiori società svedesi registrate (per fatturato) nel 2007 erano Volvo, Ericsson, Vattenfall, Skanska, Sony Ericsson Mobile Communications AB, Svenska Cellulosa Aktiebolaget, Electrolux, Volvo Personvagnar, TeliaSonera, Sandvik, Scania, ICA, Hennes & Mauritz, IKEA, Nordea, Preem, Atlas Copco, Securitas, Nordstjernan e SKF.[196] La stragrande maggioranza dell'industria svedese lo è privatamente controllata, a differenza di molti altri paesi occidentali industrializzati e, secondo uno standard storico, le imprese di proprietà pubblica sono di minore importanza.

Crescita del PIL reale in Svezia, 1996-2006

Si stima che circa 4,5 milioni di residenti svedesi siano occupati e circa un terzo della forza lavoro abbia completato l'istruzione terziaria. In termini di PIL per ora lavorata, la Svezia è stata la nona più alta al mondo nel 2006 con $ 31, rispetto ai $ 22 in Spagna e ai 35 $ negli Stati Uniti.[197] Il PIL per ora lavorata cresce del 2,5% all'anno per l'economia nel suo complesso e la crescita della produttività bilanciata in termini commerciali è del 2%.[197] Secondo l'OCSE, la deregolamentazione, la globalizzazione e la crescita del settore tecnologico sono stati fattori chiave della produttività.[197] La Svezia è un leader mondiale nelle pensioni privatizzate e i problemi di finanziamento delle pensioni sono relativamente piccoli rispetto a molti altri paesi dell'Europa occidentale.[198] Nel 2014 inizierà un programma pilota per testare la fattibilità di una giornata lavorativa di sei ore, senza perdita di retribuzione, con la partecipazione del personale municipale di Göteborg. Il governo svedese sta cercando di ridurre i suoi costi riducendo le ore di assenze per malattia e aumentando l'efficienza.[199]

La Svezia fa parte del Area Schengen e il mercato unico dell'UE.

Il lavoratore tipico riceve il 40% del suo costo del lavoro dopo il cuneo fiscale. L'imposta totale raccolta dalla Svezia come percentuale del suo PIL ha raggiunto il picco del 52,3% nel 1990.[200] Il paese ha affrontato una crisi immobiliare e bancaria nel 1990-1991 e di conseguenza ha approvato riforme fiscali nel 1991 per attuare tagli delle aliquote fiscali e ampliamento della base imponibile nel tempo.[201][202] Dal 1990, le tasse come percentuale del PIL riscosso dalla Svezia sono diminuite, con le aliquote fiscali totali per i redditi più alti che sono diminuite di più.[203] Nel 2010 il 45,8% del PIL del paese è stato raccolto sotto forma di tasse, il secondo più alto tra i paesi OCSE, e quasi il doppio della percentuale negli Stati Uniti o nella Corea del Sud.[200] L'occupazione finanziata dal reddito fiscale rappresenta un terzo della forza lavoro svedese, una percentuale sostanzialmente più elevata rispetto alla maggior parte degli altri paesi. Nel complesso, la crescita del PIL è stata rapida da quando le riforme, in particolare quelle nel settore manifatturiero, sono state varate all'inizio degli anni '90.[204]

Nordstan è uno dei più grandi centri commerciali del nord Europa

La Svezia è la quarta economia più competitiva al mondo, secondo il Forum economico mondiale nel suo Rapporto sulla competitività globale 2012–2013.[30] La Svezia è il paese con le migliori prestazioni nel 2014 Indice globale dell'economia verde (GGEI).[205] La Svezia è al quarto posto nell'IMD World Competitiveness Yearbook 2013.[206] Secondo il libro Il volo della classe creativa dal professore economista statunitense Richard Florida del Università di Toronto, La Svezia è classificata come quella con la migliore creatività in Europa per le imprese e si prevede che diventerà una calamita per i talenti per i lavoratori più propositivi del mondo. Il libro ha compilato un indice per misurare il tipo di creatività che sostiene sia più utile per il business: talento, tecnologia e tolleranza.[207]

La Svezia mantiene la propria valuta, il Corona svedese (SEK), risultato del rifiuto da parte degli svedesi di Euro in un referendum. Lo svedese Riksbank- fondata nel 1668 e quindi la più antica banca centrale del mondo - si sta attualmente concentrando sulla stabilità dei prezzi con un obiettivo di inflazione del 2%. Secondo il Indagine economica della Svezia 2007 Secondo l'OCSE, l'inflazione media in Svezia è stata una delle più basse tra i paesi europei dalla metà degli anni '90, in gran parte a causa della deregolamentazione e del rapido utilizzo della globalizzazione.[197]

I flussi commerciali maggiori sono con Germania, Stati Uniti, Norvegia, Regno Unito, Danimarca e Finlandia.

La deregolamentazione finanziaria negli anni '80 ha avuto un impatto negativo sul mercato immobiliare, provocando una bolla e alla fine un crollo all'inizio degli anni '90. I prezzi degli immobili commerciali sono diminuiti fino a due terzi, costringendo il governo a rilevare due banche svedesi. Nei due decenni successivi il settore immobiliare si è rafforzato. Nel 2014, i legislatori, gli economisti e il FMI hanno nuovamente avvertito di una bolla con i prezzi degli immobili residenziali in aumento e il livello del debito ipotecario personale in espansione. Il rapporto debito / reddito delle famiglie è salito oltre il 170% poiché il FMI ha chiesto ai legislatori di prendere in considerazione la riforma della zonizzazione e altri mezzi per generare una maggiore offerta di alloggi poiché la domanda stava superando ciò che era disponibile, spingendo i prezzi al rialzo. Ad agosto 2014, il 40% dei mutuatari domestici aveva prestiti di solo interesse, mentre quelli che non lo facevano rimborsavano il capitale a un tasso che avrebbe richiesto 100 anni per rimborsare completamente.[208]

Energia

Il mercato dell'energia svedese è in gran parte privatizzato. Il Mercato energetico nordico è uno dei primi mercati energetici liberalizzati in Europa ed è oggetto di permuta NASDAQ OMX Commodities Europe e Nord Pool Spot. Nel 2006, su una produzione totale di energia elettrica di 139 TWh, l'elettricità da energia idroelettrica ha rappresentato 61 TWh (44%), e energia nucleare ha consegnato 65 TWh (47%). Allo stesso tempo, l'uso di biocarburanti, torba ecc. hanno prodotto 13 TWh (9%) di elettricità, mentre l'eolico ha prodotto 1 TWh (1%). La Svezia era un importatore netto di elettricità con un margine di 6 TWh.[209] Biomassa viene utilizzato principalmente per produrre calore per teleriscaldamento e riscaldamento centralizzato e processi industriali.

Il 1973 crisi petrolifera ha rafforzato l'impegno della Svezia a diminuire la dipendenza dai combustibili fossili importati. Da allora, l'elettricità è stata generata principalmente da energia idroelettrica e nucleare. Tuttavia, l'uso dell'energia nucleare è stato limitato. Tra le altre cose, l'incidente di Three Mile Island Nuclear Generating Station (Stati Uniti) ha spinto il Riksdag a vietare nuove centrali nucleari. Nel marzo 2005, un sondaggio d'opinione ha mostrato che l'83% era favorevole al mantenimento o all'aumento del nucleare.[210] I politici hanno fatto annunci sull'eliminazione graduale del petrolio in Svezia, sulla diminuzione dell'energia nucleare e sugli investimenti multimiliardari in energia rinnovabile ed efficienza energetica.[211][212] Il paese persegue da molti anni una strategia di tassazione indiretta come strumento di politica ambientale, Compreso tasse sull'energia in generale e diossido di carbonio tasse in particolare.[211] La Svezia è stata nel 2014 un esportatore netto di elettricità con un margine di 16 TWh; la produzione degli impianti eolici è aumentata a 11,5 TWh.[213]

Trasporto

Il Ponte Öresund fra Malmö e Copenaghen in Danimarca

La Svezia ha 162.707 km (101.101 mi) di strade asfaltate e 1.428 km (887 mi) di superstrade. Autostrade attraversa la Svezia e attraversa il ponte Øresund fino alla Danimarca. Nuove autostrade sono ancora in costruzione e una nuova autostrada da Uppsala a Gävle è stato terminato il 17 ottobre 2007. La Svezia aveva la circolazione a sinistra (Vänstertrafik in svedese) dal 1736 circa e ha continuato a farlo anche nel XX secolo. Gli elettori hanno rifiutato il traffico a destra nel 1955, ma dopo che il Riksdag ha approvato la legislazione nel 1963 il passaggio ha avuto luogo il 3 settembre 1967, noto in svedese come Dagen H.

Il Metropolitana di Stoccolma è l'unico sistema sotterraneo in Svezia e serve la città di Stoccolma tramite 100 stazioni. Il mercato del trasporto ferroviario è privatizzato, ma mentre ci sono molte imprese private, i maggiori operatori sono ancora di proprietà dello Stato. Le contee hanno la responsabilità di finanziamento, biglietti e marketing per i treni locali. Per gli altri treni gli operatori gestiscono i biglietti e si fanno pubblicità. Gli operatori includono SJ, Veolia Transport, DSB, Carico verde, Tågkompaniet e Inlandsbanan. La maggior parte delle ferrovie sono di proprietà e gestite da Trafikverket.

La maggior parte delle reti del tram sono state chiuse nel 1967, quando la Svezia è passata dalla guida a sinistra a quella a destra. Ma sono sopravvissuti Norrköping, Stoccolma e Göteborg, con Rete di tram di Göteborg essendo il più grande. È prevista l'apertura di una nuova linea di tram Lund nel 2019.

I più grandi aeroporti includono Aeroporto di Stoccolma-Arlanda (16,1 milioni di passeggeri nel 2009) 40 km (25 miglia) a nord di Stoccolma, Aeroporto di Göteborg Landvetter (4,3 milioni di passeggeri nel 2008) e Aeroporto di Stoccolma-Skavsta (2,0 milioni di passeggeri). La Svezia ospita le due più grandi compagnie portuali in Scandinavia, Porto di Göteborg AB (Gothenburg) e la compagnia transnazionale Copenaghen Malmö Port AB. L'aeroporto più utilizzato per gran parte della Svezia meridionale è Kastrup o l'aeroporto di Copenaghen che si trova a soli 12 minuti di treno dalla stazione ferroviaria svedese più vicina, Hyllie. Anche l'aeroporto di Copenaghen è il più grande internazionale aeroporto in Scandinavia e Finlandia.

La Svezia ha anche numerosi collegamenti in traghetto per auto con diversi paesi vicini.[214] Questo include un percorso da Umeå attraverso il Golfo di Botnia per Vaasa in Finlandia. Ci sono diversi collegamenti dall'area di Stoccolma attraverso il Mare di Åland per Mariehamn nel Isole Aland così come Turku e Helsinki sulla terraferma finlandese e oltre in Estonia e San Pietroburgo in Russia. Anche le rotte dei traghetti dalla zona di Stoccolma si collegano con Ventspils e Riga anche in Lettonia Danzica in Polonia attraverso il Mar Baltico. I porti dei traghetti di Karlskrona e Karlshamn nel sud-est della Svezia servire Gdynia, Polonia e Klaipeda, Lituania. Ystad e Trelleborg vicino alla punta meridionale della Svezia hanno collegamenti in traghetto con l'isola danese di Bornholm e i porti tedeschi di Sassnitz, Rostock e Travemünde, rispettivamente, e i traghetti corrono verso Świnoujście, Polonia, da entrambi. Trelleborg è il porto dei traghetti più trafficato della Svezia in termini di peso trasportato su camion.[215] Il suo percorso per Sassnitz iniziò come traghetto ferroviario a vapore nel XIX secolo e il traghetto di oggi trasporta ancora treni per Berlino durante i mesi estivi.[216] Un'altra rotta del traghetto per Travemünde proviene da Malmö. Nonostante l'apertura del collegamento fisso con la Danimarca, il Ponte Øresund, la rotta dei traghetti più trafficata rimane il breve collegamento attraverso la sezione più stretta del Øresund fra Helsingborg e il porto danese di Helsingør, Conosciuto come il Itinerario dei traghetti HH. Ci sono più di settanta partenze al giorno a tratta; durante le ore di punta, un traghetto parte ogni quindici minuti.[217] I porti più in alto sulla costa occidentale svedese includono Varberg, con un collegamento in traghetto attraverso il Kattegat per Grenaa in Danimarca e Göteborg, in servizio Frederikshavn all'estremità settentrionale della Danimarca e Kiel in Germania. Infine, ci sono traghetti da Strömstad vicino al confine norvegese verso destinazioni intorno al Oslofjord In Norvegia. C'erano servizi di traghetto per il Regno Unito da Göteborg a destinazioni come Immingham, Harwich e Newcastle, ma queste sono state interrotte.

La Svezia ha due linee di traghetti nazionali con navi di grandi dimensioni, entrambe collegano Gotland con la terraferma. Le linee partono dal porto di Visby sull'isola e i traghetti salpano per entrambi Oskarshamn o Nynäshamn.[218] Un traghetto per auto più piccolo collega l'isola di Ven a Øresund con Landskrona.[219]

Ordine pubblico

La Svezia ha uno degli stati assistenziali più sviluppati al mondo. Secondo un rapporto dell'OCSE del 2012, il paese ha registrato la seconda più alta spesa sociale pubblica in percentuale del suo PIL dopo la Francia (27,3% e 28,4%, rispettivamente), e la terza più alta spesa sociale totale (pubblica e privata) a 30,2 % del suo PIL, dopo Francia e Belgio (31,3% e 31,0%, rispettivamente).[220] La Svezia ha speso il 6,3% del suo PIL, il nono più alto tra i 34 paesi OCSE, per fornire parità di accesso all'istruzione.[221] Per l'assistenza sanitaria, il paese ha speso il 10,0% del suo PIL totale, il 12 ° più alto.[222]

Storicamente, la Svezia ha fornito un solido supporto per libero scambio (tranne l'agricoltura) e per lo più diritti di proprietà relativamente forti e stabili (sia privati ​​che pubblici), anche se alcuni economisti hanno sottolineato che la Svezia ha promosso industrie con tariffe e utilizzato R&S sovvenzionato pubblicamente durante i primi anni critici di industrializzazione del paese.[223] Dopo la seconda guerra mondiale una serie di governi ha ampliato lo stato sociale aumentando le tasse. Durante questo periodo la crescita economica della Svezia è stata anche una delle più elevate del mondo industriale. Una serie di successive riforme sociali hanno trasformato il paese in uno dei più equi e sviluppati della terra. La crescita costante dello stato sociale ha portato gli svedesi a raggiungere livelli di mobilità sociale e qualità della vita senza precedenti - fino ad oggi la Svezia si colloca costantemente in cima alle classifiche per salute, alfabetizzazione e sviluppo umano - molto più avanti di alcuni paesi più ricchi (ad esempio gli Stati Uniti).[224]

Tuttavia, dagli anni '70 in poi la crescita del PIL della Svezia è rimasta indietro rispetto ad altri paesi industrializzati e la classifica pro capite del paese è scesa dal 4 ° al 14 ° posto in pochi decenni.[225] Dalla metà degli anni '90 ad oggi, la crescita economica della Svezia ha nuovamente accelerato ed è stata superiore a quella della maggior parte degli altri paesi industrializzati (inclusi gli Stati Uniti) negli ultimi 15 anni.[226] Un rapporto dal Programma di sviluppo delle Nazioni Unite prevedeva che la valutazione della Svezia su Indice di sviluppo umano scenderà da 0,949 nel 2010 a 0,906 nel 2030.[227]

La Svezia ha iniziato a rallentare l'espansione dello stato sociale negli anni '80 e persino a ridurla. La Svezia è stata relativamente rapida nell'adozione neoliberista politiche, come privatizzazione, finanziarizzazione e deregolamentazione,[228][229] rispetto a paesi come la Francia.[197][230] L'attuale governo svedese continua la tendenza di moderati ritiri delle precedenti riforme sociali.[197][231] La crescita è stata maggiore che in molti altri UE-15 paesi. Sempre dalla metà degli anni '80, secondo l'OCSE, la Svezia ha registrato la crescita più rapida della disuguaglianza rispetto a qualsiasi altra nazione sviluppata. Ciò è stato ampiamente attribuito alla riduzione dei benefici statali e al passaggio alla privatizzazione dei servizi pubblici. Secondo Barbro Sorman, un attivista del partito di sinistra di opposizione, "I ricchi stanno diventando più ricchi ei poveri stanno diventando più poveri. La Svezia sta cominciando a somigliare agli Stati Uniti". Tuttavia, rimane molto più egualitario della maggior parte delle nazioni.[107][232] In parte a causa di queste privatizzazioni e dell'ampliamento della disparità economica, gli svedesi alle elezioni del 2014 hanno rimesso al potere i socialdemocratici.[233][234]

La Svezia ha adottato politiche agricole di libero mercato nel 1990. Dagli anni '30, il settore agricolo è stato soggetto a controlli sui prezzi. Nel giugno 1990, il Riksdag ha votato per una nuova politica agricola che segna un significativo allontanamento dal controllo dei prezzi. Di conseguenza, prezzi del cibo cadde un po '. Tuttavia, le liberalizzazioni divennero presto discutibili perché sopravvennero i controlli agricoli dell'UE.[235]

Dalla fine degli anni '60, la Svezia ha avuto la quota fiscale più alta (come percentuale del PIL) nel mondo industrializzato, anche se oggi il divario si è ridotto e la Danimarca ha superato la Svezia come il paese più tassato tra i paesi sviluppati. La Svezia ha due fasi imposta progressiva scala con un'imposta municipale sul reddito di circa il 30% e un'imposta statale aggiuntiva ad alto reddito del 20–25% quando uno stipendio supera circa 320.000 SEK all'anno. Le imposte sui salari ammontano al 32%. Inoltre, un cittadino I.V.A. del 25% si aggiunge a molte cose acquistate da privati, ad eccezione di cibo (IVA 12%), trasporti e libri (IVA 6%). Alcuni articoli sono soggetti a tasse aggiuntive, ad es. elettricità, benzina / gasolio e bevande alcoliche.

Nel 2007, il gettito fiscale totale è stato del 47,8% del PIL, il secondo carico fiscale più elevato tra i paesi sviluppati, in calo rispetto al 49,1% del 2006.[236] Il cuneo fiscale invertito della Svezia - l'importo che va al portafoglio del lavoratore dei servizi - è di circa il 15%, rispetto al 10% in Belgio, al 30% in Irlanda e al 50% negli Stati Uniti.[225] La spesa del settore pubblico ammonta al 53% del PIL. I dipendenti statali e municipali ammontano a circa un terzo della forza lavoro, molto di più che nella maggior parte dei paesi occidentali. Solo la Danimarca ha un settore pubblico più ampio (38% della forza lavoro danese). Anche la spesa per i trasferimenti è elevata.

Nel 2015 e 2016, il 69 per cento dei lavoratori occupati è organizzato in sindacati. La densità sindacale nel 2016 era del 62% tra i colletti blu (la maggior parte di loro nel Confederazione sindacale svedese, LO) e il 75% tra i colletti bianchi (la maggior parte di loro nella Confederazione svedese dei dipendenti professionisti, TCO e Confederazione svedese delle associazioni professionali, SACO).[237] La Svezia dispone di fondi di disoccupazione sindacali sostenuti dallo stato (Sistema di Gand).[238] I sindacati hanno il diritto di eleggere due rappresentanti nel consiglio di amministrazione in tutte le società svedesi con più di 25 dipendenti. La Svezia ha un numero relativamente elevato di assenze per malattia per lavoratore nell'OCSE: il lavoratore medio perde 24 giorni a causa della malattia.[204]

Il tasso di disoccupazione era del 7,2% a maggio 2017 mentre il tasso di occupazione era del 67,4%, con la forza lavoro composta da 4.983.000 persone mentre 387.000 sono disoccupate.[239][240] La disoccupazione giovanile (di età pari o inferiore a 24 anni) nel 2012 era del 24,2%, facendo della Svezia il paese OCSE con il più alto rapporto tra disoccupazione giovanile e disoccupazione in generale.[241]

Scienze e tecnologia

Alfred Nobel, inventore della dinamite e istitutore del Premio Nobel

Nel XVIII secolo in Svezia rivoluzione scientifica decollato. In precedenza, il progresso tecnico proveniva principalmente dall'Europa continentale.

Nel 1739, il Accademia reale svedese delle scienze è stata fondata, con persone come Carl Linnaeus e Anders Celsius come primi membri. Molte delle aziende fondate dai primi pionieri rimangono ancora importanti marchi internazionali. Gustaf Dalén fondato AGA, e ha ricevuto il premio Nobel per il suo valvola solare. Alfred Nobel inventato dinamite e ha istituito i premi Nobel. Lars Magnus Ericsson ha fondato la società che porta il suo nome, Ericsson, ancora una delle più grandi società di telecomunicazioni del mondo. Jonas Wenström è stato uno dei primi pionieri in corrente alternata ed è insieme a serbo inventore Nikola Tesla accreditato come uno degli inventori dell'impianto elettrico trifase.[242]

L'industria meccanica tradizionale è ancora una delle principali fonti di invenzioni svedesi, ma stanno guadagnando terreno i prodotti farmaceutici, l'elettronica e altri settori ad alta tecnologia. Tetra Pak era un'invenzione per la conservazione di cibi liquidi, inventata da Erik Wallenberg. Losec, un farmaco per l'ulcera, è stato il farmaco più venduto al mondo negli anni '90 ed è stato sviluppato da AstraZeneca. Più recentemente Håkan Lans ha inventato il Sistema di identificazione automatica, uno standard mondiale per la navigazione marittima e dell'aviazione civile. Gran parte dell'economia svedese è ancora oggi basata sull'esportazione di invenzioni tecniche e molte grandi multinazionali svedesi hanno le loro origini nell'ingegnosità degli inventori svedesi.[242]

Gli inventori svedesi hanno detenuto 47.112 brevetti negli Stati Uniti nel 2014, secondo il Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti. Come nazione, solo dieci altri paesi detengono più brevetti della Svezia.[243]

Insieme, il settore pubblico e quello privato in Svezia assegnano oltre il 3,5% del PIL a Ricerca e Sviluppo (R&S) all'anno, rendendo gli investimenti svedesi in R&S in percentuale del PIL i secondi più alti al mondo.[244] Per diversi decenni il Governo svedese ha dato priorità alle attività scientifiche e di ricerca e sviluppo. In percentuale del PIL, il governo svedese spende la maggior parte di qualsiasi nazione in ricerca e sviluppo.[245] La Svezia è in cima agli altri paesi europei per numero di lavori scientifici pubblicati pro capite.[246]

Svedese-ESO Il telescopio submillimetrico ha scoperto il Nebulosa Boomerang e il primo extragalattico maser di monossido di silicio.[247]

Nel 2009, la decisione di costruire le due più grandi installazioni scientifiche della Svezia, l'impianto di radiazione di sincrotrone Laboratorio MAX IV e il Fonte europea di spallazione (ESS), sono state scattate.[248][249] Entrambe le installazioni saranno integrate Lund. The European Spallation Source, la cui costruzione è costata circa 14 miliardi di corone svedesi,[250] inizierà le operazioni iniziali nel 2019 con il completamento della costruzione previsto per il 2025. L'ESS fornirà un fascio di neutroni circa 30 volte più forte di qualsiasi installazione di sorgenti di neutroni esistenti di oggi.[251] Il MAX IV, che costa circa 3 miliardi di corone svedesi, è stato inaugurato il 21 giugno 2016. Entrambe le strutture hanno forti implicazioni sulla ricerca sui materiali.

Le tasse

In media, il 27% del denaro dei contribuenti in Svezia va all'istruzione e all'assistenza sanitaria, mentre il 5% va alla polizia e ai militari e il 42% alla previdenza sociale.[252]

Il lavoratore tipico riceve il 40% del proprio costo del lavoro dopo il cuneo fiscale. L'imposta totale raccolta dalla Svezia come percentuale del suo PIL ha raggiunto il 52,3% nel 1990.[200] Il paese ha dovuto affrontare una crisi immobiliare e bancaria nel 1990-1991 e di conseguenza ha approvato riforme fiscali nel 1991 per attuare tagli delle aliquote fiscali e ampliamento della base imponibile nel tempo.[201][202] Dal 1990, le tasse come percentuale del PIL riscosso dalla Svezia sono diminuite, con le aliquote fiscali totali per i redditi più alti che sono diminuite di più.[203] Nel 2010 il 45,8% del PIL del paese è stato raccolto sotto forma di tasse, il secondo più alto tra i paesi OCSE, e quasi il doppio della percentuale negli Stati Uniti o nella Corea del Sud.[200]

Pensioni

Ogni residente svedese riceve una pensione statale. L'agenzia svedese per le pensioni è responsabile delle pensioni. Anche le persone che hanno lavorato in Svezia, ma si sono trasferite in un altro paese, possono ricevere la pensione svedese. Esistono diversi tipi di pensione in Svezia: pensione nazionale, pensione professionale e pensione privata. Una persona può ricevere una combinazione dei vari tipi di pensione.

Demografia

Piramide della popolazione 2017
Svedesi in festa Mezza estate (Svedese: Midsommar)

La popolazione residente totale della Svezia era di 10.343.403 nel marzo 2020.[11] La popolazione ha superato per la prima volta i 10 milioni venerdì 20 gennaio 2017.[253][254] Un residente su quattro (24,9%) nel paese ha immigrato background e ogni terzo (32,3%) ha almeno un genitore nato all'estero.[21]

La densità media della popolazione è di poco superiore alle 25 persone per km2 (65 per miglio quadrato), con 1 437 persone per km2 in località (insediamento continuo con almeno 200 abitanti).[255],[256] L'87% della popolazione vive in aree urbane, che coprono l'1,5% dell'intera superficie terrestre.[257] Il 63% degli svedesi si trova nelle grandi aree urbane.[257] È sostanzialmente più alto nel sud che nel nord. La capitale Stoccolma ha una popolazione municipale di circa 950.000 abitanti (di cui 1,5 milioni nell'area urbana e 2,3 milioni nell'area metropolitana). La seconda e la terza città più grandi sono Göteborg e Malmö. La Grande Göteborg conta poco più di un milione di abitanti e lo stesso vale per la parte occidentale della Scania, lungo il Öresund. Il Regione di Öresund, la regione transfrontaliera danese-svedese intorno all'Öresund di cui fa parte Malmö, ha una popolazione di 4 milioni di abitanti. Al di fuori delle grandi città, le aree con una densità di popolazione notevolmente più elevata includono la parte agricola dell'Östergötland, la costa occidentale, l'area intorno al lago Mälaren e l'area agricola intorno a Uppsala.

Il Norrland, che copre circa il 60% del territorio svedese, ha una densità di popolazione molto bassa (inferiore a 5 persone per chilometro quadrato). Le montagne e la maggior parte delle zone costiere remote sono quasi disabitate. La bassa densità di popolazione esiste anche in gran parte della Svizzera occidentale, così come nello Småland meridionale e centrale. Una zona conosciuta come Finnveden, che si trova nel sud-ovest dello Småland, e principalmente al di sotto del 57 ° parallelo, può anche essere considerato quasi privo di persone.

Tra il 1820 e il 1930, circa 1,3 milioni di svedesi, un terzo della popolazione del paese all'epoca, emigrato in Nord Americae la maggior parte di loro negli Stati Uniti. Ce ne sono più di 4,4 milioni Americani svedesi secondo una stima del 2006 US Census Bureau.[258] In Canada, la comunità di Ascendenza svedese è forte di 330.000.[259]

Non ci sono statistiche ufficiali sull'etnia, ma secondo Statistics Sweden, circa 3.311.312 (32,3%) abitanti della Svezia erano di un background straniero in 2018, defined as being born abroad or born in Sweden with at least one parent born abroad.[260] The most common countries of origin were Siria (1.82%), Finlandia (1.45%), Iraq (1.41%), Polonia (0.91%), Iran (0.76%) and Somalia (0.67%).[261] Sweden subsequently has one of the oldest populations in the world, with the average age of 41.1 years.[262]

linguaggio

Distribution of speakers of the Swedish language

The official language of Sweden is Swedish,[15][16] a North Germanic language, related and very similar to danese e norvegese, but differing in pronunciation and ortografia. Norwegians have little difficulty understanding Swedish, and Danes can also understand it, with slightly more difficulty than Norwegians. The same goes for standard Swedish speakers, who find it far easier to understand Norwegian than Danish. Il dialects spoken in Scania, the southernmost part of the country, are influenced by Danish because the region traditionally was a part of Denmark and is nowadays situated closely to it. Svezia finlandesi are Sweden's largest linguistic minority, comprising about 5% of Sweden's population,[263] and Finnish is recognised as a minority language.[16] Owing to a 21st-century influx of native speakers of Arabo, the use of Arabic is likely more widespread in the country than that of Finnish. However, no official statistics are kept on language use.[264]

Along with Finnish, four other minority languages are also recognised: Meänkieli, Sami, Romani, e yiddish. Swedish became Sweden's official language on 1 July 2009, when a new language law was implemented.[16] The issue of whether Swedish should be declared the official language had been raised in the past, and the Riksdag voted on the matter in 2005, but the proposal narrowly failed.[265]

In varying degrees, depending largely on frequency of interaction with English, a majority of Swedes, especially those born after World War II, understand and speak English, owing to trade links, the popularity of overseas travel, a strong Anglo-American influence and the tradition of subtitling rather than dubbing foreign television shows and films, and the relative similarity of the two languages which makes learning English easier. In a 2005 survey by Eurobarometro, 89% of Swedes reported the ability to speak English.[266]

English became a compulsory subject for secondary school students studying Scienze naturali as early as 1849, and has been a compulsory subject for all Swedish students since the late 1940s.[267] Depending on the local school authorities, English is currently a compulsory subject between primo grado e nono grado, with all students continuing in secondary school studying English for at least another year. Most students also study one and sometimes two additional languages. These include (but are not limited to) German, French and Spanish. Some Danish and Norwegian is at times also taught as part of Swedish courses for native speakers. Because of the extensive intelligibilità reciproca between the three continental Lingue scandinave Swedish speakers often use their native language when visiting or living in Norway or Denmark.

Religione

Chiesa di Svezia[268]
AnnoPopolazioneMembri della ChiesaPercentuale
19728,146,0007,754,78495.2%
19808,278,0007,690,63692.9%
19908,573,0007,630,35089.0%
20008,880,0007,360,82582.9%
20109,415,5706,589,76970.0%
20119,482,8556,519,88968.8%
20129,555,8936,446,72967.5%
20139,644,8646,357,50865.9%
20149,747,3556,292,26464.6%[269]
20159,850,4526,225,09163.2%
20169,995,1536,116,48061.2%[269]
201710 120 2425 999 50959.3%[270]
201810 230 1855 904 83057.7%[271]

Before the 11th century, Swedes adhered to Paganesimo nordico, worshiping Æsir gods, with its centre at the Temple in Uppsala. Con Cristianizzazione in the 11th century, the laws of the country changed, forbidding worship of other deities until the late 19th century. Dopo il riforma protestante in the 1530s, a change led by Martin Lutero's Swedish associate Olaus Petri, l'autorità di Chiesa cattolica romana è stato abolito e luteranesimo si è diffuso. Adoption of Lutheranism was completed by the Sinodo di Uppsala of 1593, and it became the official religion. During the era following the Reformation, usually known as the period of Ortodossia luterana, small groups of non-Lutherans, especially calvinista Olandesi, il Chiesa della Moravia e Ugonotti francesi played a significant role in trade and industry, and were quietly tolerated as long as they kept a low religious profile.[272] Il Sami originally had their own religione sciamanica, but they were converted to Lutheranism by Swedish missionaries in the 17th and 18th centuries.

Il protestante Katarina Church in Stockholm
The second oldest mosque in Sweden is the Moschea di Malmö

With religious liberalisations in the late 18th century believers of other faiths, including Giudaismo e cattolicesimo romano, were allowed to live and work freely in the country. However, until 1860 it remained illegal for Lutherans to convert to another religion. The 19th century saw the arrival of various evangelico chiese libere, and, towards the end of the century, secolarismo, leading many to distance themselves from church rituals. Leaving the Church of Sweden became legal with the so-called dissenter law of 1860, but only under the provision of entering another Denominazione cristiana. The right to stand outside any religious denomination was formally established in the law on libertà di religione nel 1951.

Nel 2000, il Chiesa di Svezia è stato sciolto. Sweden was the second Paese nordico per sciogliere suo chiesa di stato (dopo Finlandia did so in the Church Act of 1869).[273]

At the end of 2018, 57.7% of Swedes belonged to the Chiesa di Svezia; this number had been decreasing by about 1.5 percentage points a year for the previous 7 years and one percentage point a year on average for the previous two decades.[271][274][275][276] Circa il 2% dei membri della chiesa partecipa regolarmente alle funzioni domenicali.[277] The reason for the large number of inactive members is partly that, until 1996, children automatically became members at birth if at least one of the parents was a member. Since 1996, only children and adults who are battezzato diventare membri. Some 275,000 Swedes are today members of various Evangelico protestante free churches (where congregation attendance is much higher), and due to recent immigration, there are now some 100,000 Cristiani ortodossi orientali and 92,000 Roman Catholics living in Sweden.[278]

The first Muslim congregation was established in 1949, when a small contingent of Tartari migrated from Finland. Islam's presence in Sweden remained marginal until the 1960s, when Sweden started to receive migrants from the Balkans e tacchino. Further immigration from Nord Africa e il Medio Oriente have brought the estimated Popolazione musulmana to 600,000.[279] However, only about 110,000 were members of a congregation around 2010.[280][281][282]

Secondo il Sondaggio Eurobarometro 2010,[283]

  • 18% of Swedish citizens responded that "they believe there is a god".
  • 45% answered that "they believe there is some sort of spirit or life force".
  • 34% answered that "they do not believe there is any sort of spirit, god, or life force".

According to a Demoskop study in 2015 about the beliefs of the Swedish showed that

  • 21% believed in a god (down from 35 percent in 2008).
  • 16% believed in ghosts.
  • 14% believed in creationism or intelligent design.[284][285]

Sociology professor Phil Zuckerman claims that Swedes, despite a lack of belief in God, commonly question the term ateo, preferring to call themselves Christians while being content with remaining in the Church of Sweden.[286] Religion continues to play a role in Swedish cultural identity.[287] This is evidenced by the fact that the majority of Swedish adults continue to remain members of the Lutheran Church despite having to pay a church tax; moreover, rates of battesimo remain high and matrimoni in chiesa are increasing in Sweden.[287]

Salute

Healthcare in Sweden is similar in quality to other developed nations. Sweden ranks in the top five countries with respect to low mortalità infantile. It also ranks high in aspettativa di vita and in safe bevendo acqua. A person seeking care first contacts a clinic for a doctor's appointment, and may then be referred to a specialist by the clinic physician, who may in turn recommend either in-patient or out-patient treatment, or an elective care option. The health care is governed by the 21 atterraggio of Sweden and is mainly funded by taxes, with nominal fees for patients.

Formazione scolastica

Università di Uppsala (established 1477)

Children aged 1–5 years old are guaranteed a place in a public scuola materna (svedese: förskola o, colloquialmente, dagis). Between the ages of 6 and 16, children attend compulsory comprehensive school. Nel Programma per la valutazione internazionale degli studenti (PISA), Swedish 15-year-old pupils score close to the OECD average.[288] After completing the 9th grade, about 90% of the students continue with a three-year upper secondary school (palestra), which can lead to both a job qualification or entrance eligibility to university. The school system is largely financed by taxes.

The Swedish government treats public and independent schools equally[289] introducendo buoni per l'istruzione in 1992 as one of the first countries in the world after the Netherlands. Anyone can establish a for-profit school and the municipality must pay new schools the same amount as municipal schools get. School lunch is free for all students in Sweden, and providing breakfast is also encouraged.[290]

Ce ne sono molti diversi universities and colleges in Sweden, the oldest and largest of which are situated in Uppsala, Lund, Goteborg e Stoccolma. In 2000, 32% of Swedish people held a grado terziario, making the country 5th in the OECD in that category.[291] Along with several other European countries, the government also subsidises tuition of international students pursuing a degree at Swedish institutions, although a recent bill passed in the Riksdag will limit this subsidy to students from EEA countries and Svizzera.[292]

The large influx of immigrants to Swedish schools has been cited as a significant part of the reason why Sweden has dropped more than any other European country in the international PISA classifiche.[293][294][295][296]

Immigrazione

Immigration has been a major source of crescita demografica and cultural change throughout much of the storia della Svezia, and in recent centuries the country has been transformed from a nation of net emigration, ending after World War I, to a nation of net immigration, from World War II onwards. The economic, social, and political aspects of immigration have caused controversy regarding ethnicity, economic benefits, jobs for non-immigrants, settlement patterns, impact on upward Mobilità sociale, crime, and voting behaviour.[297]

There are no exact numbers on the etnico background of migrants and their descendants in Sweden because the Swedish government does not base any statistics on ethnicity. This is, however, not to be confused with the migrants' national backgrounds, which are recorded.

In 2019, there were 2,634,967 inhabitants of a foreign background (foreign-born and children of international migrants), comprising around 25% of the Swedish population.[21] The number of people with at least one foreign parent was 3,415,166 which counts for 33% of the population.[298] Of these inhabitants, 2,019,733 persons living in Sweden were born abroad. In addition, 615,234 persons were born in Sweden to two parents born abroad and 780,199 persons had one parent born abroad with the other parent born in Sweden.[298]

Immigrants in Sweden are mostly concentrated in the urban areas of Svealand and Götaland.[299] Since the early 1970s, immigration to Sweden has been mostly due to refugee migration and family reunification from countries in the Middle East and Latin America.[300] In 2019, Sweden granted 21,958 people asylum, and 21,502 in 2018.[301]

The ten largest groups of foreign-born persons in the Swedish registro civile in 2019 were from:[302]

  1.  Siria (191,530)
  2.  Iraq (146,048)
  3.  Finlandia (144,561)
  4.  Polonia (93,722)
  5.  Iran (80,136)
  6.  Somalia (70,173)
  7. Ex Jugoslavia (64,349)
  8.  Bosnia Erzegovina (60,012)
  9.  Afghanistan (58,780)
  10.  tacchino (51,689)

According to an official investigation by The Swedish Pensions Agency on order from the government, the immigration to Sweden will double the state's expenses for pensions to the population. The total immigration to Sweden for 2017 will be roughly 180 000 people, and after that 110 000 individuals every year.[303][304]

Crimine

Figures from the 2013 Swedish Crime Survey (SCS) show that exposure to crime decreased from 2005 to 2013.[305] Since 2014 there has been an increase in exposure to some categories of crimes, including fraud, some property crime and especially sexual offences (with a 70% increase since 2013, which was partly caused by laws broadening the definition of rape[306]) according to the 2016 SCS.[307] Violence (both lethal and non-lethal) has been on a downward trend the last 25 years.[308] The figures for fraud and property damage (excluding car theft) are in contrast with the numbers of reported crimes under such categories which have remained roughly constant over the period 2014–16.[309] The number of reported sexual offences clearly reflect the figures in the 2016 SCS, and car related damages/theft are also somewhat reflected.[310][311] The number of convictions up to 2013 has remained between 110,000 and 130,000 in the 2000s — a decrease since the 1970s, when they numbered around 300,000 — despite the population growth.[312] Consistent with other Occidentale countries in the era del dopoguerra, the number of reported crimes has increased when measured from the 1950s; which can be explained by a number of factors, such as immigration, statistical and legislative changes and increased public willingness to report crime.[313]

Cultura

Museo Nazionale in Stockholm

Sweden has many authors of worldwide recognition including August Strindberg, Astrid Lindgren, and Nobel Prize winners Selma Lagerlöf e Harry Martinson. In total seven Premi Nobel per la letteratura have been awarded to Swedes. The nation's most well-known artists are painters such as Carl Larsson e Anders Zorn, and the sculptors Tobias Sergel e Carl Milles.

Swedish 20th-century culture is noted by pioneering works in the early days of cinema, with Mauritz Stiller e Victor Sjöström. In the 1920s–1980s, the filmmaker Ingmar Bergman e attori Greta Garbo e Ingrid Bergman became internationally noted people within cinema. More recently, the films of Lukas Moodysson, Lasse Hallström, e Ruben Östlund hanno ricevuto riconoscimenti internazionali.

Throughout the 1960s and 1970s Sweden was seen as an international leader in what is now referred to as the "rivoluzione sessuale", with gender equality having particularly been promoted.[314] The early Swedish film I Am Curious (Giallo) (1967) reflected a liberal view of sexuality, including scenes of love making that caught international attention, and introduced the concept of the "Swedish sin" that had been introduced earlier in the US with Ingmar Bergman's Estate con Monika.

The image of "hot love and cold people" emerged. Sexual liberalism was seen as part of modernisation process that by breaking down traditional borders would lead to the emancipation of natural forces and desires.[315]

Sweden has also become very liberal towards homosexuality, as is reflected in the popular acceptance of films such as Mostrami amore, which is about two young lesbians in the small Swedish town of Åmål. Since 1 May 2009, Sweden repealed its "registered partnership" laws and fully replaced them with gender-neutral marriage,[316] Sweden also offers partnership domestiche sia per le coppie dello stesso sesso che per quelle di sesso opposto. Cohabitation (sammanboende) by couples of all ages, including teenagers as well as elderly couples, is widespread. As of 2009, Sweden is experiencing a baby boom.[317]

Musica

La band svedese ABBA in April 1974, a few days after they won the gara musicale Eurovision

Historical re-creations of Norse music have been attempted based on instruments found in Viking sites. The instruments used were the lur (a sort of trumpet), simple string instruments, wooden flutes and drums. Sweden has a significant folk-music scena. There is Sami music, called the joik, which is a type of chant which is part of the traditional Sami animistic spirituality. Notable composers include Carl Michael Bellman e Franz Berwald.

Sweden also has a prominent choral music tradition. Out of a population of 9.5 million, it is estimated that five to six hundred thousand people sing in choirs.[318]

In 2007, with over 800 million dollars in revenue, Sweden was the third-largest music exporter in the world and surpassed only by the US and the UK.[319][320][migliore fonte necessaria] According to one source 2013, Sweden produces the most chart hits per capita in the world, followed by the UK and the USA.[321] Sweden has a rather lively jazz scene. During the last sixty years or so it has attained a remarkably high artistic standard, stimulated by domestic as well as external influences and experiences. The Centre for Swedish Folk Music and Jazz Research has published an overview of jazz in Sweden by Lars Westin.[322]

Architettura

Before the 13th century almost all buildings were made of timber, but a shift began towards stone. Early Swedish stone buildings are the romanico churches on the country side. As so happens, many of them were built in Scania and are in effect Danish churches. This would include the Cattedrale di Lund from the 11th century and the somewhat younger church in Dalby, but also many early Gotico churches built through influences of the Hanseatic League, such as in Ystad, Malmö and Helsingborg.

Cathedrals in other parts of Sweden were also built as seats of Sweden's bishops. Il Cattedrale di Skara is of bricks from the 14th century, and the Cattedrale di Uppsala nel 15. In 1230 the foundations of the Linköping Cathedral were made, the material was there calcare, but the building took some 250 years to finish.

Among older structures are also some significant fortresses and other historical buildings such as at Borgholm Castle, Halltorps Manor e Eketorp fortress on the island Öland, the Nyköping fortress and the Visby city wall.

Around 1520 Sweden was out of the Medioevo and united under King Gustav Vasa, who immediately initiated grand mansions, castles and fortresses to be built. Some of the more magnificent include Kalmar Castle, Castello di Gripsholm e quello in Vadstena.

In the next two centuries, Sweden was designated by Baroque architecture e successivamente il rococò. Notable projects from that time include the city Karlskrona, which has now also been declared a World Heritage Site and the Castello di Drottningholm.

1930 was the year of the great Stockholm exhibition, which marked the breakthrough of Funzionalismo, or "funkis" as it became known. The style came to dominate in the following decades. Some notable projects of this kind were the Programma Million, offering affordable living in large apartment complexes.

Il Ericsson Globe is the largest hemispherical building on Earth, Shaped like a large white ball, and took two and a half years to build. It's located in Stockholm.

Media

Sede di Sveriges Television in Stockholm

Swedes are among the greatest consumers of newspapers in the world, and nearly every town is served by a local paper. The country's main quality morning papers are Dagens Nyheter (liberale), Göteborgs-Posten (liberale), Svenska Dagbladet (liberal conservative) and Sydsvenska Dagbladet (liberal). The two largest evening tabloid siamo Aftonbladet (social democratic) and Expressen (liberal). The ad-financed, free international morning paper, Metro International, was founded in Stockholm, Sweden. The country's news is reported in English by, among others, Il locale (liberal).[323]

The public broadcasting companies held a monopoly on radio and television for a long time in Sweden. Licence funded radio broadcasts started in 1925. A second radio network was started in 1954 and a third opened 1962 in response to pirate radio stations. Senza scopo di lucro radio della comunità was allowed in 1979 and in 1993 commercial local radio started.

The licence-funded television service was officially launched in 1956. A second channel, TV2, was launched in 1969. These two channels (operated by Sveriges Television since the late 1970s) held a monopoly until the 1980s when cable and satellite television became available. The first Swedish language satellite service was TV3 which started broadcasting from London in 1987. It was followed by Kanal 5 in 1989 (then known as Nordic Channel) and TV4 nel 1990.

In 1991 the government announced it would begin taking applications from private television companies wishing to broadcast on the terrestrial network. TV4, which had previously been broadcasting via satellite, was granted a permit and began its terrestrial broadcasts in 1992, becoming the first private channel to broadcast television content from within the country.

Around half the population are connected to cable television. Televisione digitale terrestre in Svezia started in 1999 and the last analogue terrestrial broadcasts were terminated in 2007.

Letteratura

The writer and playwright August Strindberg

The first literary text from Sweden is the Pietra runica Rök, carved during the Viking Age c. 800 d.C. With the conversion of the land to Christianity around 1100 AD, Sweden entered the Medioevo, during which monastic writers preferred to use Latin. Therefore, there are only a few texts in the Vecchio svedese from that period. Swedish literature only flourished when the Swedish language was standardised in the 16th century, a standardisation largely due to the full translation of the Bible into Swedish in 1541. This translation is the so-called Gustav Vasa Bible.

With improved education and the freedom brought by secolarizzazione, the 17th century saw several notable authors develop the Swedish language further. Some key figures include Georg Stiernhielm (17th century), who was the first to write classical poetry in Swedish; Johan Henric Kellgren (18th century), the first to write fluent Swedish prose; Carl Michael Bellman (late 18th century), the first writer of burlesque ballads; and August Strindberg (late 19th century), a socio-realistic writer and playwright who won worldwide fame. The early 20th century continued to produce notable authors, such as Selma Lagerlöf, (Nobel laureate 1909), Verner von Heidenstam (Nobel laureate 1916) and Pär Lagerkvist (Nobel laureate 1951).

In recent decades, a handful of Swedish writers have established themselves internationally, including the detective novelist Henning Mankell and the writer of spy fiction Jan Guillou. The Swedish writer to have made the most lasting impression on world literature is the children's book writer Astrid Lindgren, and her books about Pippi Calzelunghe, Emil, e altri. In 2008, the second best-selling fiction author in the world was Stieg Larsson, di chi Millennio series of crime novels is being published posthumously to critical acclaim.[324] Larsson drew heavily on the work of Lindgren by basing his central character, Lisbeth Salander, on Longstocking.[325]

Vacanze

Notte di Valpurga bonfire in Sweden

Apart from traditional Protestant Christian holidays, Sweden also celebrates some unique holidays, some of a pre-Christian tradition. Loro includono Mezza estate celebrating the summer solstizio; Notte di Valpurga (Valborgsmässoafton) on 30 April lighting bonfires; and Labour Day or Mayday on 1 May is dedicated to socialist demonstrations. The day of giver-of-light Santa Lucia, 13 December, is widely acknowledged in elaborate celebrations which betoken its Italian origin and commence the month-long Christmas season.

6 June is the National Day of Sweden and has since 2005 been a public holiday. Inoltre, ci sono giorno della bandiera ufficiale observances and a Namesdays in Svezia calendario. In August many Swedes have kräftskivor (crayfish dinner parties). Martino di Tours Eve is celebrated in Scania a novembre con Mårten Gås parties, where roast goose and svartsoppa ('black soup', made of goose stock, fruit, spices, spirits and goose blood) are served. Il Sami, one of Sweden's indigenous minorities, have their holiday on 6 February and Scania celebrate their Scanian Flag day on the third Sunday in July.[326]

Cucina

Panini alla cannella originated in Sweden and Denmark.
Swedish knäckebröd (crisp bread)

Swedish cuisine, like that of the other scandinavo paesi (Danimarca, Norvegia e Finlandia), was traditionally simple. Fish (particularly aringa), meat, potatoes and latticini played prominent roles. Spices were sparse. Preparations include Swedish meatballs, traditionally served with gravy, boiled potatoes and marmellata di mirtilli rossi; pancakes; lutfisk; e il smörgåsbord, or lavish buffet. Akvavit is a popular alcoholic bevanda distillata, and the drinking of scatta is of cultural importance. The traditional flat and dry crisp bread has developed into several contemporary variants. Regionally important foods are the surströmming (a fermented fish) in northern Sweden and Anguilla nella Svezia meridionale.

Swedish traditional dishes, some of which are many hundreds of years old, are still an important part of Swedish everyday meals, in spite of the fact that modern-day Swedish cuisine adopts many international dishes.

In August, at the traditional feast known as crayfish party, kräftskiva, Swedes eat large amounts of Gambero boiled with dill.

Cinema

Swedes have been fairly prominent in the film area through the years. A number of Swedish people have found success in Hollywood, including Ingrid Bergman, Greta Garbo and Max von Sydow. Amongst several directors who have made internationally successful films can be mentioned Ingmar Bergman, Lukas Moodysson and Lasse Hallström.

Moda

Interest in fashion is big in Sweden and the country is headquartering famous brands like Hennes & Mauritz (operating as H&M), J. Lindeberg (operating as JL), Acne, Lindex, Strana Molly, Lunedì economico, Gant, WESC, Filippa K, e Nakkna entro i suoi confini. These companies, however, are composed largely of buyers who import fashionable goods from throughout Europe and America, continuing the trend of Swedish business toward multinational economic dependency like many of its neighbours.

Gli sport

Former World No. 1 tennis player Björn Borg

Sport activities are a national movement with half of the population actively participating in organised sporting activities. The two main spectator sports are calcio e hockey su ghiaccio. Second to football, horse sports (of which most of the participants are women) have the highest number of practitioners. Successivamente, golf, orientamento, ginnastica, atletica leggera, e il sport di squadra di hockey su ghiaccio, palla a mano, floorball, pallacanestro e bandy are the most popular in terms of practitioners.[327]

The Swedish national men's ice hockey team, affectionately known as Tre Kronor (Inglese: Tre corone; the national symbol of Sweden), is regarded as one of the best in the world. La squadra ha vinto il Campioni del mondo nine times, placing them third in the all-time medal count. Tre Kronor also won Olympic gold medals in 1994 e 2006. In 2006, Tre Kronor became the first national hockey team to win both the Olympic and world championships in the same year. Il Squadra nazionale di calcio svedese has seen some success at the World Cup in the past, finishing second when they hosted the tournament in 1958, and third twice, in 1950 e 1994. Athletics has enjoyed a surge in popularity due to several successful athletes in recent years, such as Carolina Klüft e Stefan Holm.

La Svezia ha ospitato il 1912 Olimpiadi estive, Equitazione alle Olimpiadi estive del 1956 e il coppa del mondo FIFA nel 1958. Other big sports events include the UEFA Euro 1992, 1995 FIFA Women's World Cup, 1995 Campionati del mondo di atletica leggera, UEFA Women's Euro 2013, and several championships of ice hockey, curling, athletics, sciare, bandy, pattinaggio artistico e nuotare.

Successful football players include Gunnar Nordahl, Gunnar Gren, Nils Liedholm, Henrik Larsson, Freddie Ljungberg, Caroline Seger, Lotta Schelin, Hedvig Lindahl, e Zlatan Ibrahimovic. Successful tennis players include former world number 1 players Björn Borg, Mats Wilander e Stefan Edberg. Altri famosi atleti svedesi includono il dei pesi massimi boxe campione e Hall of Famer internazionale di boxe Ingemar Johansson, World Golf Hall of Famer Annika Sörenstam, and multiple World Championships and Olympics medalist in table tennis Jan-Ove Waldner. Due to its northerly latitude numerous world class winter sports athletes have come from Sweden. This includes alpine skiers Ingemar Stenmark, Anja Pärson e Pernilla Wiberg as well as cross country-skiers Gunde Svan, Thomas Wassberg, Charlotte Kalla e Marcus Hellner, all Olympic gold medalists.

In 2016, The Swedish Poker Federation (Svepof) has joined The Federazione internazionale di poker (IFP).[328]

Classifiche internazionali

The following are links to international rankings of Sweden from selected research institutes and foundations including economic output and various composite indices.

IndiceRangoCountries reviewed
WIN/GIA 2015 End of Year Report, Economic Pessimism[329]4 °68
Indice di prestazione del cambiamento climatico 2018[330]4 ° (no countries received rankings one to three)60
Indice di libertà economica 2018[331]15 °180
Indice di facilità di fare impresa 2017[332]10 °190
Indice di conoscenza dell'inglese EF 2017[333]2 °80
Indice delle prestazioni logistiche 2016[334]3 °160
Inequality adjusted Human Development Index 20198 °189
Indice di percezione della corruzione 2017[335]6 °180
Indice di globalizzazione 20154 °207
Indice di sviluppo umano 2019[336]8 °189
Nazioni Unite Rapporto sulla felicità mondiale 2018[337]9 °156

Guarda anche

Appunti

  1. ^ The Monarch and dynastic members of the Royal House must at all times be a Cristiano protestante del Chiesa di Svezia, but has not been the official state religion since the year 2000.[2][3][4] However, the Church is recognized by law[5] and is still supported by the state.[6]
  2. ^ The State (svedese: staten) is also descriptively translated into English as the "central government", not to be confused with the Governo, i.e. the cabinet which is but one organ of the State.
  3. ^ An alternate English translation is "local governments".

Riferimenti

  1. ^ "Mottoes of The Kings and Queens of Sweden". www.kungahuset.se. Corte reale di Svezia. Archiviato dall'originale del 23 dicembre 2015. Recuperato 22 dicembre 2015.
  2. ^ "The Act of Succession". Il Riksdag. Recuperato 24 ottobre 2014.
  3. ^ Nergelius: pp. 42–44.
  4. ^ "Svenska kyrkan i siffror". Church of Sweden (Svenska kyrkan).
  5. ^ ."SFS 1998: 1591", Riksdagen
  6. ^ "Church of Sweden". www.sweden.org.za. Recuperato 8 agosto 2020.
  7. ^ "Religions in Sweden | PEW-GRF". www.globalrelectualfutures.org. Recuperato 8 agosto 2020.
  8. ^ Hackett, Conrad. "5 fatti sulla popolazione musulmana in Europa". Pew Research/Fact Tank. Pew Research Center. Archiviato dall'originale del 17 agosto 2018. Recuperato 12 dicembre 2017.
  9. ^ Norborg, Lars-Arne. "svensk–norska unionen". ne.se (in svedese). Nationalencyklopedin. Archiviato dall'originale del 15 gennaio 2016. Recuperato 6 agosto 2015.
  10. ^ "Acqua superficiale e cambio dell'acqua superficiale". Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Recuperato 11 ottobre 2020.
  11. ^ un b c [1] Statistiche Svezia. Retrieved 6 November 2020.
  12. ^ un b c d "World Economic Outlook Database, ottobre 2019". IMF.org. Fondo monetario internazionale. Recuperato 8 gennaio 2020.
  13. ^ "Coefficiente di Gini del reddito disponibile equivalente - Indagine EU-SILC". ec.europa.eu. Eurostat. Archiviato dall'originale del 20 marzo 2019. Recuperato 3 luglio 2020.
  14. ^ "Rapporto sullo sviluppo umano 2019" (PDF). Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite. 10 dicembre 2019. Recuperato 10 dicembre 2019.
  15. ^ un b "Språklag (2009:600)" (in svedese). Riksdag. 28 maggio 2009. Archiviato dall'originale del 10 novembre 2014. Recuperato 10 novembre 2014.
  16. ^ un b c d Landes, David (1 July 2009). "Swedish becomes official 'main language'". Il locale. Archiviato dall'originale del 10 dicembre 2013. Recuperato 15 luglio 2009.
  17. ^ "Är svenskan också officiellt språk i Sverige?" [Is Swedish also an official language in Sweden?] (in Swedish). Consiglio per la lingua svedese. 1 February 2008. Archived from l'originale il 6 febbraio 2014. Recuperato 22 giugno 2008.
  18. ^ "Summary of Population Statistics 1960–2012". Statistiche Svezia. Archiviato da l'originale il 17 marzo 2013. Recuperato 9 giugno 2013.
  19. ^ Nota che Finlandesi di lingua svedese or other Swedish-speakers born outside Sweden might identify as svedese despite being born abroad. Moreover, people born in Sweden may not be ethnic Swedes. Come il Governo svedese does not base any statistics on etnia, there are no exact numbers on the etnico background of migrants and their descendants in Sweden. This is not, however, to be confused with migrants' national backgrounds, which are recorded.
  20. ^ The United Nations Group of Experts on Geographical Names states that the country's formal name is the Kingdom of Sweden. UNGEGN World Geographical Names, Sweden.
  21. ^ un b c "Numero di persone per background straniero / svedese e anno". www.statistikdatabasen.scb.se. Archiviato dall'originale del 12 giugno 2018. Recuperato 23 marzo 2020.
  22. ^ "Database statistico - Seleziona variabile e valori". Statistikdatabasen.scb.se. 19 marzo 2020. Recuperato 3 giugno 2020.
  23. ^ "Digerdöden - Historiska Museet". historiska.se. Archiviato dall'originale del 2 settembre 2017. Recuperato 1 settembre 2017.
  24. ^ "Värre än forskarna anat: Digerdöden". 15 dicembre 2012. Archiviato dall'originale del 2 settembre 2017. Recuperato 1 settembre 2017.
  25. ^ "Artikelarkiv". SO-rummet. Archiviato da l'originale il 9 ottobre 2017. Recuperato 1 settembre 2017.
  26. ^ Birnbaum, Ben (2 dicembre 2010). "WikiLeaks rivela che gli svedesi hanno fornito informazioni su Russia, Iran". Il Washington Times. Archiviato dall'originale del 21 luglio 2013. Recuperato 10 giugno 2013.
  27. ^ Rundquist, Solveig (15 agosto 2014). "La Svezia celebra 200 anni di pace". Il locale. Recuperato 25 aprile 2020.
  28. ^ "Rapporto sullo sviluppo umano 2013" (PDF). Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite. Archiviato (PDF) dall'originale del 18 agosto 2013. Recuperato 28 luglio 2013.
  29. ^ "Indice OCSE Better Life". OECD Publishing. Archiviato dall'originale del 1 settembre 2013. Recuperato 27 agosto 2013.
  30. ^ un b "Rapporto sulla competitività globale 2012-2013". Forum economico mondiale. 5 settembre 2012. Archiviato da l'originale il 10 dicembre 2014. Recuperato 9 giugno 2013.
  31. ^ "Svezia". Dizionario inglese di Oxford (Ed. In linea). La stampa dell'università di Oxford. 195631. (Abbonamento o appartenenza a istituzioni partecipanti necessario.)
  32. ^ Hellquist, Elof (1922). Svensk etymologisk ordbok [Dizionario etimologico svedese] (in svedese). Lund: Gleerup. p. 917. Archiviato dall'originale del 28 agosto 2011. Recuperato 30 agosto 2011.
  33. ^ Hellquist, Elof (1922). Svensk etymologisk ordbok [Dizionario etimologico svedese] (in svedese). Lund: Gleerup. p.915.
  34. ^ Citato da: Gwyn Jones. Una storia dei vichinghi. Oxford University Press, 2001. ISBN 0-19-280134-1. Pagina 164.
  35. ^ un b Sawyer, Birgit; Sawyer, Peter (1993). Scandinavia medievale: dalla conversione alla riforma, circa 800-1500. University of Minnesota Press. pagg. 150–153. ISBN 978-0-8166-1739-5.
  36. ^ Bagge, Sverre (2005). "I regni scandinavi". In McKitterick, Rosamond (a cura di). La storia medievale di New Cambridge. Cambridge University Press. p. 724. ISBN 978-0-521-36289-4. L'espansione svedese in Finlandia portò a conflitti con la Rus ', che furono temporaneamente sospesi da un trattato di pace nel 1323, dividendo la penisola careliana e le aree settentrionali tra i due paesi.
  37. ^ Ivars, Ann-Marie; Hulden, Lena, eds. (2002). När kom svenskarna fino alla Finlandia?. Helsinki: Studier utg. av Svenska Litteratursällskapet i Finlandia 646.
  38. ^ Meinander, Carl Fredrik (1983). Om svenskarnes inflyttningar fino alla Finlandia. Historisk Tidskrift för Finlandia 3/1983.
  39. ^ Tarkiainen, Kari (2008). Sveriges Österland: Från forntiden fino a Gustav Vasa. Finlands svenska historia 1. Skrifter utgivna av Svenska litteratursällskapet i Finlandia 702: 1. Helsinki: Svenska litteratursällskapet i Finland; Stoccolma: Atlantis.
  40. ^ Scott, Franklin D. (1977). Svezia: la storia della nazione. Minneapolis: University of Minnesota Press. p.58.
  41. ^ Westrin, Theodor, ed. (1920). Nordisk familjebok: konversationslexikon och realencyklopedi. Bd 30 (in svedese) (Nuovo, rev. e riccamente malato. ed.). Stoccolma: Nordisk familjeboks förl. pagg. 159–160. Archiviato dall'originale del 20 giugno 2017. Recuperato 17 settembre 2014.
  42. ^ Scott, p. 55.
  43. ^ Scott, pagg. 55–56.
  44. ^ Scott, pagg. 56–57.
  45. ^ Scott, p. 121.
  46. ^ Hoyt, Robert S .; Chodorow, Stanley (1976). L'Europa nel Medioevo. New York: Harcourt, Brace & Jovanovich, Inc. p.628.
  47. ^ Wolfe, John B. (1962). L'emergere della civiltà europea. New York: Harper & Row Pub. pagg. 50–51.
  48. ^ un b Scott, p. 52.
  49. ^ Scott, p. 132.
  50. ^ Scott, pagg. 156-157.
  51. ^ Worthington, David (15 gennaio 2010). Emigranti ed esuli britannici e irlandesi in Europa, 1603-1688. BRILL. ISBN 9789047444589. Recuperato 3 giugno 2019 - tramite Google Libri.
  52. ^ "la storia moderna di cambridge". Archivio CUP. 3 giugno 2019. Recuperato 3 giugno 2019 - tramite Google Libri.
  53. ^ Davies, Norman (24 febbraio 2005). Parco giochi di Dio Una storia della Polonia: Volume 1: Le origini fino al 1795. OUP Oxford. ISBN 9780199253395. Recuperato 3 giugno 2019 - tramite Google Libri.
  54. ^ Frost 2000, p. 102.
  55. ^ un b c Frost 2000, p. 103.
  56. ^ "Una storia politica e sociale dell'Europa moderna V.1./Hayes ..." Hayes, Carlton J. H. (1882-1964), Titolo: Una storia politica e sociale dell'Europa moderna V.1., 2002-12-08, Progetto Gutenberg, pagina web: Infomot-7hsr110. Archiviato 17 novembre 2007 presso il Wayback Machine
  57. ^ Tuttavia, la più grande estensione territoriale della Svezia durò dal 1319 al 1343 con Magnus Eriksson governando tutti i terre tradizionali della Svezia e la Norvegia.
  58. ^ "Gustav I Vasa - Britannica Concise" (biografia), Britannica Concise, 2007, pagina web: EBConcise-Gustav-I-Vasa.
  59. ^ "Battaglia di Kircholm 1605". Kismeta.com. Archiviato da l'originale il 14 giugno 2009. Recuperato 25 agosto 2010.
  60. ^ "Finlandia e impero svedese". Library of Congress Country Studies. Archiviato dall'originale del 26 dicembre 2016. Recuperato 17 settembre 2014.
  61. ^ Ewan, Elizabeth; Nugent, Janay (2008). Trovare la famiglia nella Scozia medievale e moderna. Ashgate Publishing. p. 153. ISBN 978-0-7546-6049-1. Archiviato dall'originale del 5 settembre 2015. Recuperato 1 luglio 2015.
  62. ^ Frost 2000, p. 156.
  63. ^ Frost 2000, p. 216.
  64. ^ Frost 2000, p. 222.
  65. ^ Frost 2000, p. 232.
  66. ^ Frost 2000, p. 230.
  67. ^ Frost 2000, p. 272.
  68. ^ Frost 2000, p. 290.
  69. ^ Frost 2000, p. 286.
  70. ^ Frandsen, Karl-Erik (2009). L'ultima piaga nella regione baltica. 1709–1713. Copenaghen. p. 80. ISBN 9788763507707.
  71. ^ Engström, Nils Göran (1994). "Pesten i Finland 1710" [La peste in Finlandia nel 1710]. Ippocrate. Suomen Lääketieteen Lo storico Seuran Vuosikirja. 11: 38–46. PMID 11640321.
  72. ^ Frost 2000, p. 295.
  73. ^ Frost 2000, p. 296.
  74. ^ Ericson, Lars (2004). Svenska knektar (in svedese). Lund: Historiska media. p. 92.
  75. ^ Jutikkala, Eino; Pirinen, Kauko (2003). Una storia della Finlandia. Helsinki. p. 287. ISBN 951-0-27911-0.
  76. ^ Schäfer, Anton (2002). Zeittafel der Rechtsgeschichte. Von den Anfängen über Rom bis 1919. Mit Schwerpunkt Österreich und zeitgenössischen Bezügen (in tedesco) (3 ed.). Edizione Europa Verlag. p.137. ISBN 3-9500616-8-1.
  77. ^ Ottosen, Morten Nordhagen (25 novembre 2015). "Mossekonvensjonen". Norges historie (in norvegese). Università di Oslo. Recuperato 9 dicembre 2019.
  78. ^ "Svezia e Norvegia celebrano il trattato di pace". The Local Europe AB. 14 agosto 2014. Recuperato 9 dicembre 2019.
  79. ^ Tore Frängsmyr, "Ostindiska Kompaniet", Editore - "Bokförlaget Bra Böcker", Höganäs, 1976. (Nessun ISBN disponibile), panoramica sul retro e
  80. ^ Magocsi, Paul Robert, ed. (1998). Enciclopedia dei popoli del Canada. University of Minnesota Press. p. 1220. ISBN 978-0-8020-2938-6.
  81. ^ un b Einhorn, Eric; Logue, John (1989). Stati del benessere moderno: politica e politiche nella Scandinavia socialdemocratica. Praeger Publishers. p.9. ISBN 978-0275931889. Sebbene la Danimarca, dove l'industrializzazione era iniziata nel 1850, fosse ragionevolmente prospera entro la fine del diciannovesimo secolo, sia la Svezia che la Norvegia erano terribilmente povere. Solo la valvola di sicurezza dell'emigrazione di massa in America ha impedito la carestia e la ribellione. Al culmine dell'emigrazione negli anni 1880, oltre l'1% della popolazione totale di entrambi i paesi emigrava ogni anno.
  82. ^ Koblik, Steven (1975). Lo sviluppo della Svezia dalla povertà alla ricchezza, 1750-1970. University of Minnesota Press. pp.8–9. ISBN 978-0816607662. In termini economici e sociali il diciottesimo secolo fu più un periodo di transizione che rivoluzionario. La Svezia era, alla luce degli standard contemporanei dell'Europa occidentale, un paese relativamente povero ma stabile. ... È stato stimato che il 75-80% della popolazione era coinvolta in attività agricole durante la fine del XVIII secolo. Cento anni dopo, la cifra corrispondente era ancora del 72%.
  83. ^ Einhorn, Eric e John Logue (1989), p. 8.
  84. ^ Ulf Beijbom, "Emigrazione europea", The House of Emigrants, Växjö, Svezia Archiviato 3 agosto 2008 presso il Wayback Machine
  85. ^ un b Koblik, pagg. 9–10.
  86. ^ "Svezia: condizioni sociali ed economiche (2007)". Britannica.com. Archiviato dall'originale del 30 maggio 2008. Recuperato 19 febbraio 2007.
  87. ^ Koblik, p. 11: "La rivoluzione agraria in Svezia è di fondamentale importanza per lo sviluppo moderno della Svezia. Nel corso della storia svedese la campagna ha assunto un ruolo insolitamente importante rispetto ad altri stati europei".
  88. ^ Koblik, p. 90. "Di solito si suggerisce che tra il 1870 e il 1914 la Svezia sia emersa dal suo sistema economico principalmente agricolo in una moderna economia industriale".
  89. ^ Siney, Marion C. (1975). "Neutralità svedese e guerra economica nella prima guerra mondiale". Conspectus of History. 1 (2).
  90. ^ un b c Koblik, pagg. 303–313.
  91. ^ Nordstrom, p. 315: "Il governo svedese ha tentato di mantenere almeno una parvenza di neutralità mentre si piegava alle richieste della parte prevalente nella lotta. Sebbene efficace nel preservare la sovranità del paese, questo approccio ha generato critiche interne da molti che credevano che la minaccia per la Svezia era meno grave di quanto affermato dal governo, problemi con i poteri in guerra, malumori tra i suoi vicini e frequenti critiche nel dopoguerra ".
  92. ^ un b c d e Nordstrom, pagg. 313–319.
  93. ^ Zubicky, Sioma (1997). Med förintelsen i bagaget (in svedese). Stoccolma: Bonnier Carlsen. p. 122. ISBN 978-91-638-3436-3.
  94. ^ "Raoul Wallenberg". Jewishvirtuallibrary.org. Archiviato dall'originale del 5 dicembre 2014. Recuperato 28 agosto 2014.
  95. ^ un b Nordstrom, pagg. 335–339.
  96. ^ un b Globalizzazione e tassazione: sfide per lo stato sociale svedese. Di Sven Steinmo.
  97. ^ "Finlandia: ora, il sette e mezzo". Tempo. 7 aprile 1961. Archiviato dall'originale del 4 novembre 2011. Recuperato 18 luglio 2009.
  98. ^ Nordstrom, p. 344: "Durante gli ultimi 25 anni del secolo una serie di problemi hanno afflitto le economie di Norden e dell'Occidente. Sebbene molti fossero presenti prima, le crisi petrolifere globali del 1973 e del 1980 hanno agito da catalizzatori nel portarli alla ribalta".
  99. ^ Krantz, Olle; Schön, Lennart (2007). Conti nazionali storici svedesi, 1800–2000. Lund: Almqvist e Wiksell International.[pagina necessaria]
  100. ^ Englund, P. 1990. "Deregolamentazione finanziaria in Svezia". European Economic Review 34 (2–3): 385–393. Korpi TBD. Meidner, R. 1997. "Il modello svedese in un'era di disoccupazione di massa". Democrazia economica e industriale 18 (1): 87–97. Olsen, Gregg M. 1999. "Mezzo vuoto o mezzo pieno? Lo stato assistenziale svedese in transizione". Canadian Review of Sociology & Anthropology, 36 (2): 241-268.
  101. ^ "Il tasso di interesse 'pazzo' della Svezia del 500%; non riesce a spaventare la maggior parte dei cittadini e delle imprese; aumento visto come mossa a breve termine per proteggere la corona dalla svalutazione". Highbeam.com. 18 settembre 1992. Archiviato da l'originale il 15 febbraio 2011. Recuperato 3 agosto 2010.
  102. ^ Jonung, Lars; Kiander, Jaakko; Vartia, Pentti (2009). La grande crisi finanziaria in Finlandia e Svezia. Edizioni Edward Elgar. ISBN 978-1-84844-305-1. Archiviato dall'originale del 5 settembre 2015. Recuperato 1 luglio 2015.
  103. ^ "Nuova arma svedese in Iraq". Il locale. 7 febbraio 2006. Archiviato da l'originale il 29 aprile 2013. Recuperato 10 giugno 2013.
  104. ^ "Scoppiano disordini nel sobborgo di Malmö". Il locale. Archiviato da l'originale il 26 luglio 2013. Recuperato 30 giugno 2013.
  105. ^ "Incendi e rivolte dopo disordini nei sobborghi di Malmö". Il locale. Archiviato da l'originale il 5 febbraio 2013. Recuperato 30 giugno 2013.
  106. ^ "Le rivolte svedesi mettono faccia a faccia alle statistiche mentre Stoccolma brucia". Notizie di Bloomberg. Archiviato dall'originale dell'8 luglio 2013. Recuperato 30 giugno 2013.
  107. ^ un b Higgins, Andrew (26 maggio 2013). "In Svezia, le rivolte mettono in dubbio un'identità". Il New York Times. Archiviato dall'originale del 31 maggio 2013. Recuperato 1 giugno 2013.
  108. ^ "I partiti svedesi raggiungono un accordo sul budget per evitare elezioni anticipate". notizie della BBC. 27 dicembre 2014. Archiviato dall'originale del 6 gennaio 2016. Recuperato 9 gennaio 2016.
  109. ^ Bilefsky, Dan (5 gennaio 2016). "Svezia e Danimarca aggiungono controlli alle frontiere per arginare i flussi di migranti". Il New York Times. Archiviato dall'originale del 7 gennaio 2016. Recuperato 9 gennaio 2016.
  110. ^ "Immigrazione: la Svezia ripristina le rigide regole sul ricongiungimento familiare". 19 giugno 2019. Recuperato 7 agosto 2019.
  111. ^ "Confronto tra paesi: area". Cia. Cia.gov. Archiviato dall'originale del 2 giugno 2010. Recuperato 19 agosto 2010.
  112. ^ "Sito ufficiale di Göta kanal". Canale di Göta. Archiviato dall'originale del 12 gennaio 2016. Recuperato 9 gennaio 2016.
  113. ^ "BBC Climate and the Gulf Stream". BBC. Archiviato dall'originale del 28 settembre 2008. Recuperato 29 ottobre 2008.
  114. ^ Watts, Harvey Maitland (1900). "Il mito della Corrente del Golfo". Revisione mensile del tempo. 28 (9): 393–394. Bibcode:1900MWRv ... 28..393W. doi:10.1175 / 1520-0493 (1900) 28 [393: TGSM] 2.0.CO; 2. Archiviato dall'originale del 25 febbraio 2011. Recuperato 29 ottobre 2008.
  115. ^ "Mappe climatiche globali". Organizzazione del Cibo e dell'Agricoltura. Archiviato da l'originale il 17 novembre 2006.
  116. ^ "Normal solskenstid för ett år" (in svedese). Istituto meteorologico e idrologico svedese. Archiviato dall'originale del 26 agosto 2010. Recuperato 27 gennaio 2010.
  117. ^ come si può vedere nella tabella sottostante su cui si basa SMHI dati ufficiali per l'ultimo periodo fisso di 30 anni, 1961-1990
  118. ^ "Dati meteorologici: Svezia, Vuoggatjalme, 1966, febbraio". geographic.org. Recuperato 27 giugno 2020.
  119. ^ "Precipitazioni, sole e radiazioni per gennaio 2015 (sezione record di tutti i tempi)" (PDF) (in svedese). Istituto meteorologico e idrologico svedese. Archiviato (PDF) dall'originale del 15 gennaio 2016. Recuperato 31 ottobre 2015.
  120. ^ "Temperatura e vento - gennaio 2015 (sezione record di tutti i tempi)" (PDF) (in svedese). Istituto meteorologico e idrologico svedese. Archiviato (PDF) dall'originale del 15 gennaio 2016. Recuperato 31 ottobre 2015.
  121. ^ "Tropiska nätter" [Notti tropicali] (in svedese). Istituto meteorologico e idrologico svedese. Archiviato dall'originale del 4 marzo 2016. Recuperato 9 gennaio 2016.
  122. ^ I nomi ei numeri delle stazioni meteorologiche si trovano prima su "Copia archiviata" (PDF). Archiviato (PDF) dall'originale del 3 marzo 2016. Recuperato 12 maggio 2015.Manutenzione CS1: copia archiviata come titolo (collegamento)
  123. ^ "Temperature medie per ogni mese e media annuale". Archiviato da l'originale il 9 ottobre 2013.
  124. ^ "Södra lövskogsregionen - Skogskunskap". www.skogskunskap.se. Archiviato da l'originale il 12 ottobre 2017. Recuperato 11 ottobre 2017.
  125. ^ "Foresta ed edifici". lansstyrelsen.se (in svedese). Archiviato da l'originale il 12 ottobre 2017. Granskogen, som spreds norrifrån, nådde inte Skåne förrän mot slutet av 1800-talet. Sotto il 1900-talets första hälft planterades stora arealer granskog. "O in inglese" La foresta di abeti rossi, che si estendeva da nord, non raggiunse Scania fino alla fine del XIX secolo. Nella prima metà del Novecento furono piantate ampie zone di pineta.
  126. ^ "Riepilogo in inglese PDF, pagina 8 a".
  127. ^ "Skogen växer bättre - uomini riskerna blir fler". www.skogsstyrelsen.se. Archiviato da l'originale il 12 ottobre 2017. Recuperato 11 ottobre 2017.
  128. ^ Citazione da Sydsvenska Dagbladet, sezione "2" in [2] Archiviato 12 ottobre 2017 presso il Wayback Machine,"Efter stormen kritiserades skogsägarna för att de dominerande granskogarna gjorde at stormen tog hårdare. Uppblandning med lövträd gör skog stryktåligare"o in inglese" Dopo la tempesta, i proprietari delle foreste di abeti rossi e di pini sono stati criticati per il dominio delle foreste che ha reso la tempesta più dura. La mescolanza con il legno duro rende la foresta più rigida "
  129. ^ Dagens Nyheter piu 'o meno lo stesso. [3] Archiviato 12 ottobre 2017 presso il Wayback Machine
  130. ^ Informazioni su "Ädellövskogslagen" del 1984 [4] Archiviato 12 ottobre 2017 presso il Wayback Machine – "I Sydsverige (Skåne, Halland och Blekinge) skall minst 70% av beståndet utgöras av ädellöv. Enligt ädellövskogslagen skall efter slutavverkning, alltid ny ädellövskog anläggas på sådana marker."oppure" Nella Svezia meridionale (Scania, Halland e Blekinge) almeno il 70% delle scorte deve essere di foglie commestibili. Secondo la "legge sulle foreste di latifoglie commestibili", dopo il raccolto, devono essere sempre piantate nuove foreste di latifoglie su tali campi. "(In queste tre province)
  131. ^ "Södra barrskogsregionen - Skogskunskap". www.skogskunskap.se. Archiviato da l'originale il 13 ottobre 2017. Recuperato 13 ottobre 2017.
  132. ^ Enciclopedia svedese "Bonniers Lexikon", volume 13 di 15, articolo "Sverige", Svezia, colonne 1046-1050
  133. ^ un b "La costituzione". Il Riksdag. Archiviato dall'originale del 10 novembre 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  134. ^ Petersson: pagg. 38–40.
  135. ^ Larsson & Bäck: pagg. 16–18.
  136. ^ un b c Larsson & Bäck: pagg. 212–215.
  137. ^ Petersson: p. 92.
  138. ^ Petersson: p. 174.
  139. ^ un b Petersson: p. 79.
  140. ^ Larsson & Bäck: p. 210.
  141. ^ Petersson: pagg. 79–82.
  142. ^ Petersson: pagg. 80–82.
  143. ^ "Monarchia: una moderna famiglia reale". Sweden.se. Archiviato dall'originale del 25 aprile 2013. Recuperato 13 marzo 2013.
  144. ^ "Lo strumento di governo". Il Riksdag. Archiviato dall'originale del 24 ottobre 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  145. ^ "Il Capo dello Stato". Governo della Svezia. Archiviato da l'originale il 25 febbraio 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  146. ^ un b "Doveri del monarca". Corte reale di Svezia. Archiviato dall'originale del 16 marzo 2015. Recuperato 8 novembre 2014.
  147. ^ "Viene formato un nuovo governo". Il Riksdag. Archiviato dall'originale del 9 novembre 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  148. ^ "Rapporto annuale 2012" (PDF). Corte reale di Svezia. Archiviato (PDF) dall'originale del 4 giugno 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  149. ^ "Il Riksdag Act - quasi una legge fondamentale". Il Riksdag. Archiviato da l'originale il 24 ottobre 2014. Recuperato 9 novembre 2014.
  150. ^ "Gli uffici del governo svedese - una prospettiva storica". Uffici governativi della Svezia. Archiviato da l'originale il 24 ottobre 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  151. ^ "Formare un governo". Il Riksdag. Archiviato dall'originale del 9 ottobre 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  152. ^ "Lo strumento di governo (dal 2012)" (PDF). Il Riksdag. Archiviato (PDF) dall'originale dell'8 ottobre 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  153. ^ "I tribunali svedesi". Amministrazione dei tribunali nazionali svedesi. 27 novembre 2005. Archiviato da l'originale il 19 ottobre 2014. Recuperato 9 novembre 2014.
  154. ^ Terrill 2009, p. 243.
  155. ^ Terrill 2009, p. 246.
  156. ^ "Il centrodestra vince le elezioni svedesi, ma a corto di maggioranza". Sveriges Radio Internazionale / Radio Sweden. 20 settembre 2010. Archiviato da l'originale l'11 maggio 2012.
  157. ^ Il sito web ufficiale dell'autorità elettorale svedese. "Val till riksdagen". Autorità elettorale. Archiviato dall'originale del 9 agosto 2007. Recuperato 18 agosto 2007.
  158. ^ un b "Beslut 2014/09/20" (PDF) (in svedese). Autorità elettorale. Archiviato (PDF) dall'originale del 24 settembre 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  159. ^ "Il nuovo governo svedese". Uffici governativi della Svezia. Archiviato da l'originale il 6 ottobre 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  160. ^ "Cambio del Consiglio di Governo al Palazzo Reale di Stoccolma". Corte reale di Svezia. Archiviato dall'originale dell'8 novembre 2014. Recuperato 8 novembre 2014.
  161. ^ "Röster - Val 2014" (in svedese). Autorità elettorale. Archiviato dall'originale del 3 maggio 2015. Recuperato 15 febbraio 2016.
  162. ^ "Röster - Val 2018". data.val.se. Recuperato 18 gennaio 2019.
  163. ^ Holmberg, Sören (1999). Norris, Pippa (a cura di). Cittadini critici: sostegno globale al governo democratico. la stampa dell'università di Oxford. pagg. 103–123. ISBN 978-0-19-829568-6.
  164. ^ Associazione svedese delle autorità locali e delle regioni, Comuni, consigli di contea e regioni Archiviato 22 novembre 2016 presso il Wayback Machine; traduzione ufficiale del Legge sul governo locale Archiviato 20 febbraio 2005 presso il Wayback Machine (Kommunallagen);Informazioni sul consiglio della contea di Stoccolma Archiviato 21 agosto 2016 presso il Wayback Machine
  165. ^ Hadenius, Stig; Nilsson, Torbjörn; Åselius, Gunnar (1996). Sveriges historia: vad varje svensk bör veta [Storia della Svezia: ciò che ogni svedese dovrebbe sapere] (in svedese). Stoccolma: Bonnier Alba. ISBN 978-91-34-51784-4.:
     Hur och när det svenska riket uppstod vet vi inte. Först under 1100-talet börjar skriftliga dokument produceras i Sverige i någon större omfattning [...] Non si sa come e quando sia apparso il regno svedese. Non è fino al 12 ° secolo che il documento scritto inizia a essere prodotto in Svezia in misura maggiore [...]
  166. ^ "Kungl. Maj: ts kungörelse med anledning av konung Gustaf VI Adolfs frånfälle" (in svedese). Lagen.nu. Archiviato dall'originale del 12 luglio 2014. Recuperato 17 settembre 2014.
  167. ^ un b "La storia del Riksdag". Riksdag. Archiviato dall'originale del 20 maggio 2014. Recuperato 9 giugno 2013.
  168. ^ Baten, Jörg (2016). Una storia dell'economia globale. Dal 1500 ad oggi. Cambridge University Press. p. 22. ISBN 9781107507180.
  169. ^ Durrant, Joan E. (1996). "Il divieto svedese sulle punizioni corporali: storia ed effetti". A Frehsee, Detlev; et al. (a cura di). Violenza familiare contro i bambini: una sfida per la società. Berlino: Walter de Gruyter. p. 20. ISBN 978-3-11-014996-8.
  170. ^ "Rapporto sull'uguaglianza tra uomini e donne" (PDF). Direzione generale per l'Occupazione, gli affari sociali e l'inclusione. Commissione europea. Febbraio 2006. Archiviato da l'originale (PDF) il 17 agosto 2007.
  171. ^ "I paesi nordici sono i più alti in termini di parità di genere". Norden.org. Archiviato da l'originale il 21 agosto 2007. Recuperato 6 maggio 2009.
  172. ^ "I tribunali svedesi". Amministrazione dei tribunali nazionali svedesi. 10 marzo 2005. Archiviato da l'originale il 9 febbraio 2009.
  173. ^ van Dijk, Jan; Robert Manchin; John van Kesteren; Sami Nevala; Gergely Hideg (2005). "Rapporto EUICS, The Burden of Crime in the EU, A Comparative Analysis of the" (PDF). Archiviato da l'originale (PDF) il 28 aprile 2008.
  174. ^ Orange, Richard (11 novembre 2013). "La Svezia chiude quattro carceri mentre il numero di detenuti precipita". Il guardiano. Archiviato dall'originale del 15 novembre 2013. Recuperato 15 novembre 2013.
  175. ^ Nordstrom p. 302: "In effetti, i piani erano principalmente uno stratagemma per stabilire il controllo del cruciale porto norvegese di Narvik e delle miniere di ferro della Svezia settentrionale, che erano di vitale importanza per gli sforzi bellici tedeschi."
  176. ^ Come contesto, secondo Edwin Reischauer, "Per essere neutrale devi essere pronto ad essere altamente militarizzato, come la Svizzera o la Svezia". - vedere Chapin, Emerson (2 settembre 1990). "Edwin Reischauer, diplomatico e studioso, muore a 79 anni". Il New York Times. Recuperato 16 febbraio 2016.
  177. ^ Nordstrom, p 336: "Come corollario, è stata perseguita una politica di sicurezza basata su forti difese nazionali progettate per scoraggiare, ma non prevenire, l'attacco. Per i successivi decenni, gli svedesi hanno investito una media annua di circa il 5% del PIL nella realizzazione di credibili le loro difese ".
  178. ^ "Trovato aereo spia della Guerra Fredda nel Mar Baltico". National Geographic News. 10 ottobre 2003. Archiviato dall'originale del 29 marzo 2017. Recuperato 10 giugno 2013.
  179. ^ "Värnplikt" [Coscrizione] (in svedese). Forze armate svedesi. Recuperato 21 aprile 2010.[collegamento morto]
  180. ^ "Allmänna värnplikten skrotas" [Coscrizione generale demolita] (in svedese). Sveriges Television. Archiviato da l'originale il 26 aprile 2011. Recuperato 21 aprile 2010.
  181. ^ "La coscrizione militare viene eliminata sotto il fuoco". Il locale. Archiviato da l'originale il 22 gennaio 2010. Recuperato 21 aprile 2010.
  182. ^ Försvarsmakten. "Frågor och svar om repetitionsutbildning". Försvarsmakten. Archiviato dall'originale il 1 novembre 2017. Recuperato 13 novembre 2017.
  183. ^ Regeringskansliet, Regeringen och (2 marzo 2017). "Regeringen återaktiverar mönstring och grundutbildning med värnplikt". Regeringskansliet. Archiviato dall'originale del 13 novembre 2017. Recuperato 13 novembre 2017.
  184. ^ "La Svezia rifiuta di firmare un trattato di divieto nucleare delle Nazioni Unite". Il locale. 12 luglio 2019.
  185. ^ "EUROPA :: SVEZIA". The World Factbook. Cia. Archiviato dall'originale del 14 febbraio 2016. Recuperato 16 febbraio 2016.
  186. ^ Anders Kjellberg (2019) Kollektivavtalens täckningsgrad samt organisationsgraden hos arbetsgivarförbund och fackförbund, Dipartimento di Sociologia, Università di Lund. Studi in politica sociale, relazioni industriali, vita lavorativa e mobilità. Rapporti di ricerca 2019: 1, Appendice 3 (in inglese) Tabelle A-G (in inglese)
  187. ^ Anders Kjellberg (2019) "Svezia: contrattazione collettiva secondo le norme del settore" Archiviato 25 luglio 2019 presso il Wayback Machine, in Torsten Müller & Kurt Vandaele & Jeremy Waddington (a cura di) Contrattazione collettiva in Europa: verso un finale, Istituto sindacale europeo (ETUI) Bruxelles 2019. Vol. III (pagg. 583-604)
  188. ^ Anders Kjellberg (2017) "Autoregolamentazione contro regolamentazione statale nelle relazioni industriali svedesi" In Mia Rönnmar e Jenny Julén Votinius (a cura di) Festskrift fino ad Ann Numhauser-Henning. Lund: Juristförlaget i Lund 2017, pagg. 357–383
  189. ^ Anders Kjellberg (2011) "Il declino della densità dell'Unione svedese dal 2007" Archiviato 12 marzo 2017 presso il Wayback Machine Nordic Journal of Working Life Studies (NJWLS) Vol. 1. No 1 (agosto 2011), pagg. 67–93
  190. ^ Anders Kjellberg e Christian Lyhne Ibsen (2016) "Attacchi all'organizzazione sindacale: cambiamenti reversibili e irreversibili ai sistemi di Gand in Svezia e Danimarca" Archiviato 9 marzo 2017 presso il Wayback Machine in Trine Pernille Larsen e Anna Ilsøe (a cura di) (2016) Den Danske Model set udefra (The Danish Model Inside Out) - komparative perspektiver på dansk arbejdsmarkedsregulering, Copenhagen: Jurist- og Økonomforbundets Forlag (pagg. 279-302)
  191. ^ "La vera ricchezza delle nazioni: percorsi per lo sviluppo umano (Rapporto sullo sviluppo umano 2010 - vedere le tabelle statistiche sullo sviluppo umano)". Programma di sviluppo delle Nazioni Unite. 2011. pagg. 152–156. Archiviato dall'originale del 16 luglio 2011. Recuperato 4 agosto 2012.
  192. ^ "Global Wealth Databook" (PDF). Credit Suisse (utilizzando i dati di Statistics Sweden). 2010. pagg. 14–15, 83–86. Archiviato da l'originale (PDF) il 23 ottobre 2012.
  193. ^ Edvinsson, Sören; Malmberg, Gunnar e Häggström Lundevaller, Erling (2011). Società ineguali causano morte e malattie?. Università di Umeå.
  194. ^ "Fare affari all'estero - Innovazione, scienza e tecnologia". Infoexport.gc.ca. Archiviato da l'originale il 4 ottobre 2006. Recuperato 6 maggio 2009.
  195. ^ "Produzione ad alta e medio-alta tecnologia". Conferenceboard.ca. Archiviato da l'originale il 23 settembre 2012. Recuperato 22 settembre 2012.
  196. ^ "20 società più grandi in Svezia". Le più grandi malattie. 6 ottobre 2009. Archiviato da l'originale il 28 giugno 2012. Recuperato 25 agosto 2010.
  197. ^ un b c d e f "Indagine economica della Svezia 2007". Oecd.org. 1 gennaio 1970. Archiviato da l'originale il 26 aprile 2011. Recuperato 25 agosto 2010.
  198. ^ "Riforma delle pensioni in Svezia: lezioni per i responsabili politici americani". La Heritage Foundation. Archiviato da l'originale il 13 gennaio 2010. Recuperato 17 settembre 2014.
  199. ^ Gee, Oliver (8 aprile 2014). "Gli svedesi danno una giornata lavorativa di sei ore". Il locale. Archiviato dall'originale del 9 aprile 2014. Recuperato 9 aprile 2014.
  200. ^ un b c d "Statistiche entrate - Tabelle comparative". OCSE, Europa. 2011. Archiviato dall'originale del 18 settembre 2012. Recuperato 13 agosto 2012.
  201. ^ un b Agell, Jonas; Englund, Peter & Södersten, Jan (dicembre 1996). "Riforma fiscale del secolo: l'esperimento svedese" (PDF). Giornale fiscale nazionale. 49 (4): 643–664. Archiviato da l'originale (PDF) il 27 novembre 2012.
  202. ^ un b "Crisi finanziaria - Esperienze dalla Svezia, Lars Heikensten (1998)". Sveriges Riksbank. 15 luglio 1998. Archiviato dall'originale del 2 febbraio 2013. Recuperato 13 marzo 2013.
  203. ^ un b Bengtsson, Niklas; Holmlund, Bertil & Waldenström, Daniel (giugno 2012). "Lifetime versus annual tax progressivity: Sweden, 1968-2009". Università di Uppsala. SSRN 2098702. Cite journal richiede | journal = (Aiuto)
  204. ^ un b OCSE Economic Surveys: Sweden - Volume 2005 Issue 9 by OECD Publishing
  205. ^ "2014 Global Green Economy Index" (PDF). Dual Citizen LLC. 19 ottobre 2014. Archiviato (PDF) dall'originale del 28 ottobre 2014. Recuperato 19 ottobre 2014.
  206. ^ "IMD World Competitiveness Yearbook 2013". Imd.ch. 30 maggio 2013. Archiviato dall'originale del 9 giugno 2013. Recuperato 9 giugno 2013.
  207. ^ ""La Svezia, il paese più creativo d'Europa e la migliore zona di talenti". Archiviato da l'originale il 21 maggio 2007. Recuperato 11 febbraio 2007., Invest in Sweden Agency, 25 giugno 2005. Estratto da Internet Archive il 13 gennaio 2014.
  208. ^ "La Svezia di fronte a una possibile bolla immobiliare avverte il FMI". Sweden News.Net. 24 agosto 2014. Archiviato dall'originale del 27 agosto 2014. Recuperato 26 agosto 2014.
  209. ^ "Kraftläget i Sverige, Vattensituationen" (PDF). Archiviato da l'originale (PDF) il 16 febbraio 2008. Recuperato 19 aprile 2007.
  210. ^ "Energia nucleare in Svezia". World Nuclear Association. Settembre 2009. Archiviato dall'originale del 13 febbraio 2010. Recuperato 29 gennaio 2010.
  211. ^ un b "ASPETTI RISORSE NATURALI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE IN SVEZIA". Agenda 21. Nazioni Unite. Aprile 1997. Archiviato dall'originale del 4 marzo 2016. Recuperato 17 febbraio 2016.
  212. ^ Vidal, John (8 febbraio 2006). "La Svezia prevede di essere la prima economia mondiale senza petrolio". Il guardiano. Londra. Recuperato 13 marzo 2013.
  213. ^ "Kraftläget i Sverige" [Situazione energetica in Svezia] (PDF) (in svedese). Svenskenergi.se. Archiviato da l'originale (PDF) il 2 gennaio 2015. Recuperato 2 gennaio 2015.
  214. ^ Kowalski, Oliver. "Traghetto per Danimarca, Norvegia, Svezia, Finlandia, Polonia, Baltico, Russia, Germania". www.ferrylines.com. Archiviato da l'originale il 16 agosto 2016. Recuperato 28 agosto 2016.
  215. ^ John Bitton e Nils-Åke Svensson, "Øresund sett från himlen" (Oresund visto dal cielo), 2005, ISBN 918530510-3, pagina 38
  216. ^ "Tåg fino a Berlino - Berlin Night Express - Nattåg fino a Berlino InterRail - Snälltåget" (in svedese). Snälltåget.se. Archiviato da l'originale il 18 maggio 2015. Recuperato 12 maggio 2015.
  217. ^ A "Tidtabell". Archiviato dall'originale del 24 dicembre 2016. Recuperato 12 maggio 2015. premere "Tidtabell 2 gennaio - 31 maggio 2015" (Orario dal 2 gennaio al 31 maggio 2015) per il download del PDF
  218. ^ "Boka båtbiljetter fino a och från Gotland". destinationgotland.se (in svedese). Archiviato dall'originale del 18 maggio 2015. Recuperato 12 maggio 2015.
  219. ^ "Ventrafiken -Upplev sundets pärla". ventrafiken.se (in svedese). Archiviato dall'originale del 1 maggio 2015. Recuperato 12 maggio 2015.
  220. ^ "OCSE Factbook 2011–2012 (vedi Finanza pubblica -> Spesa sociale)". OECD Publishing. 2012. Archiviato dall'originale del 23 agosto 2012. Recuperato 9 agosto 2012.
  221. ^ "OCSE Factbook 2011–2012 (vedi Istruzione -> Spesa per l'istruzione)". OECD Publishing. 2012. Archiviato dall'originale del 23 agosto 2012. Recuperato 9 agosto 2012.
  222. ^ "OCSE Factbook 2011–2012 (vedi Salute -> Spesa sanitaria)". OECD Publishing. 2012. Archiviato dall'originale del 23 agosto 2012. Recuperato 9 agosto 2012.
  223. ^ Chang, Ha-Joon. Calciare via la scala. pagg. 39–42.
  224. ^ Wilkinson, Richard; Pickett, Kate (8 marzo 2009). "Il livello di spirito: perché società più eque quasi sempre fanno meglio" (PDF). Dipartimento della Salute. Archiviato da l'originale (PDF) il 5 febbraio 2016. Recuperato 16 febbraio 2016.
  225. ^ un b UE contro USA Archiviato 15 novembre 2016 presso il Wayback Machine, Fredrik Bergström e Robert Gidehag
  226. ^ "PIL pro capite della Svezia". Ekonomifakta.se. 16 settembre 2014. Archiviato dall'originale del 21 luglio 2014. Recuperato 17 settembre 2014.
  227. ^ Asher, Jana; Osborne Daponte, Beth. "Un ipotetico modello di coorte di sviluppo umano" (PDF). Documento di ricerca sullo sviluppo umano: 41. Archiviato (PDF) dall'originale del 19 febbraio 2015. Recuperato 30 dicembre 2014.
  228. ^ Pierre, Jon, ed. (2016). The Oxford Handbook of Swedish Politics (Oxford Handbooks). la stampa dell'università di Oxford. p. 573. ISBN 978-0199665679. Archiviato dall'originale del 9 ottobre 2017. Recuperato 31 luglio 2017.
  229. ^ Springer, Simon; Betulla, Kean; MacLeavy, Julie, eds. (2016). Il manuale del neoliberismo. Routledge. p. 569. ISBN 978-1138844001. Archiviato dall'originale del 9 ottobre 2017. Recuperato 31 luglio 2017.
  230. ^ "Le lezioni di bilanciamento della Svezia per l'Europa". Archiviato dall'originale del 31 ottobre 2011. Recuperato 17 settembre 2014.
  231. ^ "Rivoluzione moderata". L'economista. Archiviato dall'originale del 4 gennaio 2010. Recuperato 17 settembre 2014.
  232. ^ "Le rivolte svedesi infuriano per la quarta notte". Il guardiano. 23 maggio 2013. Archiviato dall'originale del 17 agosto 2014. Recuperato 17 settembre 2014.
  233. ^ "La Svezia passa a sinistra alle elezioni parlamentari". Tempo. Associated Press. 14 settembre 2014 Archiviato da l'originale il 20 settembre 2014.
  234. ^ Bobic, Igor (13 settembre 2014). "La svolta a sinistra della Svezia potrebbe dare un colpo all'austerità europea". L'Huffington Post. Archiviato dall'originale del 7 ottobre 2014. Recuperato 6 ottobre 2014.
  235. ^ Lindberg, Henrik (maggio 2007). "Il ruolo degli economisti nella liberalizzazione dell'agricoltura svedese". Econ Journal Watch. 4 (2). Archiviato dall'originale del 3 marzo 2016. Recuperato 17 febbraio 2016.
  236. ^ Westerlund, Kenneth (11 marzo 2008). "Danmark har högsta skattetrycket" [La Danimarca ha il carico fiscale più elevato]. Dagens Nyheter (in svedese). Archiviato da l'originale il 14 febbraio 2009. Recuperato 11 marzo 2008.
  237. ^ Medie annuali esclusi gli studenti a tempo pieno che lavorano a tempo parziale. Vedi Anders Kjellberg Kollektivavtalens täckningsgrad samt organisationsgraden hos arbetsgivarförbund och fackförbund Archiviato 12 marzo 2017 presso il Wayback Machine, Dipartimento di Sociologia, Università di Lund. Studi in politica sociale, relazioni industriali, vita lavorativa e mobilità. Rapporti di ricerca 2017: 1, Appendice 3 (in inglese) Tabella A
  238. ^ Anders Kjellberg e Christian Lyhne Ibsen "Attacchi all'organizzazione sindacale: cambiamenti reversibili e irreversibili ai sistemi di Gand in Svezia e Danimarca" Archiviato 9 marzo 2017 presso il Wayback Machine in Trine Pernille Larsen e Anna Ilsøe (a cura di) (2016) Den Danske Model set udefra (The Danish Model Inside Out) - komparative perspektiver på dansk arbejdsmarkedsregulering, Copenhagen: Jurist- og Økonomforbundets Forlag (pagg. 279-302)
  239. ^ "Continuo aumento del numero di dipendenti nel settore comunale". Statistiche Svezia. 20 giugno 2017. Archiviato dall'originale del 9 ottobre 2017. Recuperato 30 giugno 2017.
  240. ^ "SCB: Arbetslösheten minskar i landet". Svenska Dagbladet (in svedese). Tidningarnas Telegrambyrå. 20 giugno 2017. Archiviato dall'originale del 23 giugno 2017. Recuperato 30 giugno 2017.
  241. ^ "Svezia: tasso più alto di disoccupazione giovanile". Centro regionale di informazione delle Nazioni Unite per l'Europa occidentale, Bruxelles. 2012. Archiviato da l'originale il 2 febbraio 2013. Recuperato 9 agosto 2012.
  242. ^ un b "Innovazione, scienza / ricerca: inventare il mondo di domani". Scheda informativa FS 4. Sweden.se. Febbraio 2010. Archiviato dall'originale del 4 gennaio 2011. Recuperato 27 gennaio 2011.
  243. ^ "Brevetti per paese, stato e anno - Tutti i tipi di brevetto (dicembre 2014)". Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti. Archiviato dall'originale del 26 febbraio 2016. Recuperato 17 febbraio 2016.
  244. ^ "% Del PIL> Statistiche sulla spesa per ricerca e sviluppo - paesi a confronto". NationMaster. Archiviato da l'originale l'8 ottobre 2012. Recuperato 22 settembre 2012.
  245. ^ "Spesa pubblica in statistiche di ricerca e sviluppo - Paesi a confronto". NationMaster.com. 1 aprile 2007. Archiviato dall'originale del 30 settembre 2012. Recuperato 22 settembre 2012.
  246. ^ "Ambasciata di Svezia a Nuova Delhi - Scienza e tecnologia". Swedenabroad.se. Archiviato da l'originale il 16 settembre 2008. Recuperato 6 maggio 2009.
  247. ^ "La sentinella". Osservatorio europeo meridionale. Archiviato dall'originale del 23 luglio 2015. Recuperato 20 luglio 2015.
  248. ^ "European Spallation Source". ESS AB. Archiviato dall'originale del 17 maggio 2014. Recuperato 16 ottobre 2013.
  249. ^ "MAX IV". MAX-lab. Archiviato da l'originale il 3 giugno 2013. Recuperato 16 ottobre 2013.
  250. ^ "MAX IV och ESS (in svedese)". Università di Lund. 4 aprile 2012. Archiviato dall'originale del 5 novembre 2013. Recuperato 16 ottobre 2013.
  251. ^ "Dispersione di neutroni" (PDF). Istituto di Fisica. Archiviato (PDF) dall'originale del 22 ottobre 2013. Recuperato 16 ottobre 2013.
  252. ^ "Offentliga sektorns utgifter". 22 agosto 2017. Archiviato dall'originale del 7 luglio 2018. Recuperato 21 aprile 2019.
  253. ^ Radio, Sveriges. "La popolazione svedese raggiunge quota 10 milioni - Radio Sweden". sverigesradio.se. Recuperato 19 settembre 2019.
  254. ^ "La popolazione svedese raggiunge il traguardo storico di dieci milioni". www.thelocal.se. 20 gennaio 2017. Recuperato 19 settembre 2019.
  255. ^ Densificazione in metà delle aree urbane della Svezia
  256. ^ Circa l'87% della popolazione vive in località e aree urbane
  257. ^ un b Statistiska tätorter 2018 pagina 33
  258. ^ "Stati Uniti - Caratteristiche sociali selezionate: 2006". United States Census Bureau. Archiviato da l'originale il 12 febbraio 2020. Recuperato 21 marzo 2014.
  259. ^ "Ethnocultural Portrait of Canada Highlight Tables, 2006 Census". Statistiche Canada. 2 aprile 2008. Archiviato dall'originale del 23 luglio 2013. Recuperato 30 giugno 2008.
  260. ^ "Numero di persone con origini straniere o svedesi (divisione dettagliata) per regione, età e sesso. Anno 2016". Statistiche Svezia. 8 giugno 2017. Archiviato dall'originale del 12 luglio 2017. Recuperato 11 luglio 2017.
  261. ^ "Statistics Sweden". Archiviato dall'originale del 6 luglio 2017. Recuperato 7 luglio 2017.
  262. ^ "World Factbook EUROPE: SWEDEN", The World Factbook, 12 luglio 2018
  263. ^ "På lördag kan 440 000 flagga blått och vitt" [Sabato 440 000 possono bandiera blu e bianca] (in svedese). Statistiche Svezia. 5 dicembre 2008. Archiviato da l'originale il 20 agosto 2010. Recuperato 16 giugno 2009.
  264. ^ "Hur många språk talas i Sverige?" [Quante lingue sono parlate in Svezia?] (In svedese). Sveriges Radio. 29 ottobre 2014. Archiviato dall'originale del 4 marzo 2016. Recuperato 10 gennaio 2016.
  265. ^ "Svenskan blir inte officiellt språk" [Lo svedese non diventerà una lingua ufficiale] (in svedese). Sveriges Television. 7 dicembre 2005. Archiviato dall'originale dell'11 marzo 2014. Recuperato 9 giugno 2013.
  266. ^ "Gli europei e le loro lingue" (PDF). Commissione europea. 12 marzo 2012. Archiviato da l'originale (PDF) il 16 novembre 2013. Recuperato 17 settembre 2014.
  267. ^ "Si parla inglese - fast ibland hellre än bra" (in svedese). Università di Lund newsletter 7/1999. Archiviato da l'originale il 6 gennaio 2006.
  268. ^ "Svenska kyrkans medlemsutveckling år 1972-2012" [Sviluppo dell'effettivo della Chiesa di Svezia nel 1972-2015] (PDF) (in svedese). Chiesa di Svezia. Archiviato dall'originale del 19 settembre 2016. Recuperato 18 marzo 2017.
  269. ^ un b "Svenska kyrkan i siffror" [Chiesa di Svezia in cifre] (in svedese). Chiesa di Svezia. Archiviato dall'originale del 4 marzo 2016. Recuperato 17 febbraio 2016.
  270. ^ "Medlemmar i Svenska kyrkan i förhållande fino a folkmängd den 31.12.2017 per församling, kommun och län samt riket" (PDF) (in svedese). Chiesa di Svezia. Recuperato 27 aprile 2019.
  271. ^ un b "Medlemmar i Svenska kyrkan i förhållande fino folkmängd den 31.12.2018 per församling, kommun och län samt riket" (PDF) (in svedese). Chiesa di Svezia. Recuperato 27 aprile 2019.
  272. ^ Gritsch, Eric (2010). Una storia del luteranesimo (2a ed.). Minneapolis: Fortress Press. p. 351. ISBN 9781451407754. Recuperato 20 marzo 2017.
  273. ^ "MAARIT JÄNTERÄ-JAREBORG: Religione e Stato laico in Svezia" (PDF). Archiviato da l'originale (PDF) il 10 gennaio 2016.
  274. ^ "Stift" [Diocesi] (in svedese). Chiesa di Svezia. Archiviato da l'originale (PDF) il 20 febbraio 2020.
  275. ^ "Gli svedesi lasciano la chiesa a frotte". Il locale. Archiviato da l'originale il 2 agosto 2010.
  276. ^ "Medlemmar 1972-2006" [Membri 1972-2006] (in svedese). Chiesa di Svezia. Archiviato da l'originale (xls) il 30 settembre 2007.
  277. ^ "Liturgia e adorazione". Chiesa di Svezia. Archiviato da l'originale il 22 aprile 2010.
  278. ^ Statistiche su chiese libere e chiese di immigrazione da Wikipedia svedese - in svedese
  279. ^ Rapporto 2014 sulla libertà religiosa internazionale: Svezia, U.S Dipartimento di Stato.
  280. ^ Magnusson, Erik; Lönneo, Olle; Orrenius, Niklas (8 febbraio 2006). "Djup splittring bland Malmös muslimer" [Profonde spaccature tra i musulmani di Malmö]. Sydsvenska Dagbladet (in svedese). Archiviato da l'originale il 13 gennaio 2012. Recuperato 25 agosto 2010.
  281. ^ "Statistik" [Statistiche] (in svedese). Commissione svedese per il sostegno del governo alle comunità di fede. 2010. Archiviato da l'originale il 29 novembre 2012. Recuperato 4 luglio 2012.
  282. ^ Gardell, Mattias (maggio 2010). "Islam och muslimer i Sverige" [Islam e musulmani in Svezia] (PDF) (in svedese). Fondo di successione. Archiviato da l'originale (PDF) il 13 agosto 2010. Recuperato 4 luglio 2012.
  283. ^ "Rapporto sulla biotecnologia 2010" (PDF). Eurobarometro. 2010. p. 381. Archiviato da l'originale (PDF) il 15 dicembre 2010.[migliore fonte necessaria]
  284. ^ Håkansson, agosto (30 ottobre 2015). "La fede nei fantasmi cresce in tutta la Svezia secolare". Il locale. Archiviato dall'originale del 4 marzo 2016. Recuperato 17 febbraio 2016.
  285. ^ "VoF-Undersökningen 2015" [Indagine VoF del 2015] (PDF) (in svedese). Föreningen Vetenskap och Folkbildning. 2015. Archiviato (PDF) dall'originale del 4 marzo 2016. Recuperato 17 febbraio 2016.
  286. ^ Steinfels, Peter (2009). "Non credenti scandinavi, il che non vuol dire atei". Il New York Times. Archiviato dall'originale dell'11 novembre 2012. Recuperato 31 dicembre 2007. Il signor Zuckerman, un sociologo che insegna al Pitzer College di Claremont, in California, ha riportato le sue scoperte sulla religione in Danimarca e Svezia in "Society Without God" (New York University Press, 2008). Molto di ciò che ha scoperto sorprenderà molte persone, come ha fatto lui. I molti non credenti che ha intervistato, sia informalmente che in sessioni strutturate, registrate e trascritte, erano tutt'altro che antireligiosi, per esempio. Di solito si opponevano all'etichetta di "ateo". La stragrande maggioranza era stata infatti battezzata e molti erano stati confermati o sposati in chiesa. Sebbene negassero la maggior parte degli insegnamenti tradizionali del cristianesimo, si definirono cristiani e la maggior parte si accontentò di rimanere nella Chiesa nazionale danese o nella Chiesa di Svezia, le tradizionali branche nazionali del luteranesimo.
  287. ^ un b Herbert, David (2003). Religione e società civile: ripensare la religione pubblica nel mondo contemporaneo. Ashgate. p. 13. ISBN 978-0-7546-1339-8. Oltre l'80% degli adulti continua a scegliere di appartenere alla Chiesa luterana nonostante il suo recente scioglimento e il costo di dover pagare la tassa della chiesa. I tassi di battesimo rimangono alti e i matrimoni in chiesa sono in aumento. In Svezia, la religione sembra svolgere un ruolo costante nell'identità culturale, nel collocare l'individuo nella tradizione.
  288. ^ "Risultati PISA per la Svezia" (PDF). OCSE. Archiviato (PDF) dall'originale del 29 dicembre 2009. Recuperato 25 agosto 2010.
  289. ^ "Il modello svedese". L'economista. Archiviato dall'originale del 26 dicembre 2016. Recuperato 17 settembre 2014.
  290. ^ "La fornitura di cibo per le scuole in 18 paesi" (PDF). Children's Food Trust. Luglio 2008. Archiviato da l'originale (PDF) il 1 ° marzo 2013. Recuperato 9 giugno 2013.
  291. ^ "Terziario> Statistiche sul livello di istruzione - Paesi a confronto". NationMaster.com. Archiviato dall'originale del 4 novembre 2013. Recuperato 17 febbraio 2016.
  292. ^ "La Svezia introduce le tasse universitarie e offre borse di studio per studenti non UE". Studyinsweden.se. 21 aprile 2010. Archiviato da l'originale il 28 giugno 2010. Recuperato 3 agosto 2010.
  293. ^ "Bambini immigrati in Svezia incolpati per gli scarsi risultati nei test del paese". L'indipendente. 16 marzo 2016. Archiviato dall'originale del 27 gennaio 2018. Recuperato 28 gennaio 2018.
  294. ^ "Cosa c'è dietro la crescente disuguaglianza nelle scuole svedesi, e può essere risolto?". Il locale. 22 agosto 2018 Archiviato da l'originale il 25 novembre 2018.
  295. ^ "Perché le scuole gratuite svedesi stanno fallendo". New Statesman. 16 giugno 2016. Archiviato dall'originale del 15 novembre 2017. Recuperato 17 novembre 2017.
  296. ^ "Invandring säker faktor bakom Pisa-punteria". Dagens Samhalle. 23 febbraio 2016. Archiviato dall'originale del 15 novembre 2017. Recuperato 17 novembre 2017.
  297. ^ "Immigrati: i pro ei contro". L'economista. 2 febbraio 2013. Archiviato dall'originale del 30 maggio 2013. Recuperato 10 giugno 2013.
  298. ^ un b "Numero di persone con un background straniero o svedese (divisione dettagliata) per regione, età e sesso. Anno 2002 - 2017". www.statistikdatabasen.scb.se. Recuperato 23 marzo 2020.
  299. ^ "Tabeller över Sveriges befolkning 2009" [Tabelle della popolazione svedese nel 2009] (in svedese). Statistiche Svezia. 24 gennaio 2009. Archiviato da l'originale il 12 agosto 2011. Recuperato 1 settembre 2011.
  300. ^ "Svezia: Restrictive Immigration Policy and Multiculturalism, Migration Policy Institute, 2006". Migrationinformation.org. Giugno 2006. Archiviato dall'originale del 5 agosto 2010. Recuperato 12 gennaio 2011.
  301. ^ "Richiedenti asilo durante l'anno per paese di cittadinanza e sesso. Anno 2002 - 2019". Statistikdatabasen. Recuperato 23 marzo 2020.
  302. ^ "Popolazione per paese di nascita, età e sesso. Anno 2000 - 2018". Statistiche Svezia. 7 aprile 2019. Recuperato 7 aprile 2019.
  303. ^ "Migrationen kan fördubbla statens kostnader för pensionärer". 17 ottobre 2017. Archiviato dall'originale del 17 novembre 2017. Recuperato 17 novembre 2017.
  304. ^ "Pensionsmyndigheten svarar på regeringsuppdrag om migration". 13 ottobre 2017. Archiviato dall'originale del 17 novembre 2017. Recuperato 17 novembre 2017.
  305. ^ "The Swedish Crime Survey 2013 - Riepilogo in inglese del rapporto Brå 2014: 1" (PDF). Il Consiglio nazionale svedese per la prevenzione della criminalità. pagg. 5, 7. Archiviato (PDF) dall'originale del 24 luglio 2014. Recuperato 15 luglio 2014.
  306. ^ "Stupro e reati sessuali". www.bra.se. Recuperato 19 ottobre 2019.
  307. ^ "The Swedish Crime Survey 2016 - Sintesi in inglese del rapporto Brå 2016". Consiglio nazionale svedese per la prevenzione della criminalità. pagg. 5–7. Archiviato dall'originale del 3 marzo 2017. Recuperato 2 marzo 2017.
  308. ^ Regeringskansliet, Regeringen och (23 febbraio 2017). "Fatti su migrazione, integrazione e criminalità in Svezia". Regeringskansliet. Archiviato dall'originale del 15 novembre 2017. Recuperato 17 novembre 2017.
  309. ^ "Ecco le statistiche sulla criminalità della Svezia per il 2016". 12 gennaio 2017. Archiviato dall'originale del 7 marzo 2017. Recuperato 6 marzo 2017.
  310. ^ "Stupro e reati sessuali". bra.se. 16 gennaio 2017. Archiviato da l'originale il 21 febbraio 2017. Recuperato 17 marzo 2017.
  311. ^ "Reati sessuali". Brottsrummet. Archiviato da l'originale il 17 marzo 2017. Recuperato 17 marzo 2017.
  312. ^ "Personer lagförda för brott" (PDF) (in svedese). Reggiseno. p. 5. Archiviato (PDF) dall'originale dell'8 luglio 2014. Recuperato 15 luglio 2014.
  313. ^ "Rapporto 2008: 23 - Brottsutvecklingen i sverige fram till år 2007" (PDF) (in svedese). Reggiseno. pagg.38, 41. Archiviato (PDF) dall'originale del 12 gennaio 2014. Recuperato 15 luglio 2014. I Sverige har den registrerade brottsligheten precis som i övriga västvärlden ökat kraftigt under efterkrigstiden. [...] Vid mitten av 1960-talet införde Polisen nya rutiner av statistikföring en vilket har framförts som en delförklaring till den kraftiga ökningen, i synnerhet i början av denna period (Brå 2004). [...] Detta beror sannolikt främst på att toleransen mot vålds- och sensualbrott har minskat i samhället. Att man i samhället tar våld på större allvar demoeras inte minst genom att synen på olika våldshandlingar skärpts i lagstiftningen (ibid. Samt kapitlet Sexualbrott)
  314. ^ "I miti svedesi: vero, falso o una via di mezzo?". Sweden.se. Archiviato da l'originale il 17 settembre 2010. Recuperato 27 gennaio 2011.
  315. ^ Marklund, Carl (2009). "Amore caldo e gente fredda. Liberalismo sessuale come evasione politica nella Svezia radicale". NORDEUROPAforum. 19 (1): 83–101. Archiviato dall'originale del 17 dicembre 2012. Recuperato 5 maggio 2012.
  316. ^ "La Svezia approva la nuova legge sul matrimonio gay". Il locale. 2 aprile 2009. Archiviato da l'originale il 10 aprile 2009. Recuperato 5 maggio 2009.
  317. ^ "Babyboom i Sverige?" (in svedese). Statistiche Svezia. Archiviato da l'originale il 30 luglio 2009. Recuperato 5 maggio 2009.
  318. ^ Durant, Colin (2003). Direzione di coro: filosofia e pratica. Routledge. pagg. 46–47. ISBN 978-0-415-94356-7. La Svezia ha una tradizione di canto corale forte e invidiabile. [..] Tutti gli intervistati hanno posto grande enfasi sull'identificazione sociale attraverso il canto e hanno anche fatto riferimento all'importanza della canzone popolare svedese nel mantenimento della tradizione del canto corale e dell'identità nazionale.
  319. ^ "Consulate General of Sweden Los Angeles - Export Music Sweden at MuseExpo". Swedenabroad.com. Archiviato da l'originale il 15 giugno 2008. Recuperato 6 maggio 2009.
  320. ^ Fatti interessanti sui paesi dell'UE. casgroup.fiu.edu
  321. ^ "Del 16 av 16" [Parte 16 di 16]. Agenda (in svedese). Sveriges Television. 15 dicembre 2013. Archiviato da l'originale il 17 dicembre 2013. Recuperato 17 dicembre 2013. alle 19:45, citando il Agenzia svedese per la crescita economica e regionale.
  322. ^ "Lars Westin: Jazz in Sweden - an overview". Visarkiv.se. Archiviato da l'originale il 23 giugno 2008. Recuperato 25 agosto 2010.
  323. ^ Olson, Kenneth E. (1966). The history makers ;: La stampa dell'Europa dai suoi inizi fino al 1965. LSU Press. pagg. 33–49.
  324. ^ "Autori di narrativa più venduti nel mondo per il 2008". Abebooks.com. Archiviato dall'originale del 29 maggio 2012. Recuperato 5 settembre 2009.
  325. ^ Thorpe, Vanessa (25 luglio 2009). "L'eredità avvelenata lasciata dal re dei thriller". Il guardiano. Archiviato dall'originale del 13 ottobre 2014. Recuperato 17 settembre 2014.
  326. ^ Lokala Nyheter Skåne. "Så firas skånska flaggans dag | SVT Nyheter". Svt.se. Recuperato 3 giugno 2020.
  327. ^ "Idrottsrörelsen i siffror" (PDF). rf.se (in svedese). Confederazione sportiva svedese.
  328. ^ Goenka, Varun (17 maggio 2016). "La Svezia diventa un membro della famiglia IFP". Federazione internazionale di poker. Archiviato da l'originale il 15 luglio 2016. Recuperato 4 luglio 2016.
  329. ^ "Il sondaggio annuale globale di fine anno di WIN / Gallup International rivela un mondo di speranze contrastanti, felicità e disperazione" (PDF). Archiviato da l'originale (PDF) il 2 dicembre 2017. Recuperato 19 giugno 2018.
  330. ^ "Indice di prestazione del cambiamento climatico". Indice di prestazione del cambiamento climatico. Germanwatch, Climate Action Network International e NewClimate Institute. Novembre 2017. Archiviato dall'originale del 3 luglio 2018. Recuperato 13 maggio 2018.
  331. ^ "Classifiche dei paesi: classifiche dell'economia mondiale e globale sulla libertà economica". www.heritage.org. Archiviato dall'originale del 24 novembre 2018. Recuperato 13 maggio 2018.
  332. ^ "Classifiche". Archiviato dall'originale del 6 febbraio 2015. Recuperato 13 maggio 2018.
  333. ^ "Indice di conoscenza dell'inglese EF - Una classifica completa dei paesi in base alla conoscenza dell'inglese". Ef.com. Archiviato dall'originale del 14 gennaio 2018. Recuperato 7 gennaio 2018.
  334. ^ "Global Rankings 2018 - Logistics Performance Index". lpi.worldbank.org. Archiviato dall'originale del 29 settembre 2018. Recuperato 13 maggio 2018.
  335. ^ e.V., Transparency International. "Indice di percezione della corruzione 2017". Archiviato da l'originale il 24 novembre 2018. Recuperato 13 maggio 2018.
  336. ^ "Classifica dell'indice di sviluppo umano 2019 | Rapporti sullo sviluppo umano". Hdr.undp.org. Recuperato 3 giugno 2020.
  337. ^ "Rapporto sulla felicità nel mondo 2018" (PDF). worldhappiness.report. p. 20. Archiviato (PDF) dall'originale del 18 marzo 2018. Recuperato 6 aprile 2018.

Ulteriore lettura

link esterno

Settore pubblico

Mezzi di informazione

Commercio

Viaggio

Pin
Send
Share
Send