Fantascienza - Science fiction

Da Wikipedia, L'Enciclopedia Libera

Pin
Send
Share
Send

Il invasione aliena presente in H. G. Wells'1897 romanzo La guerra dei mondi.

Fantascienza (a volte abbreviato in sci-fi o SF) è un genere di finzione speculativa che in genere si occupa di fantasioso e concetti futuristici come avanzato scienza e tecnologia, esplorazione dello spazio, viaggio nel tempo, universi paralleli, e vita extraterrestre. È stato chiamato "letteratura di idee", e spesso esplora le potenziali conseguenze di innovazioni scientifiche, sociali e tecnologiche.[1][2]

Fantascienza, le cui radici risalgono a tempi antichi, è relazionato a fantasia, orrore, e supereroe narrativa e ne contiene molti sottogeneri. Suo definizione esatta è stato a lungo contestato tra autori, critici, studiosie lettori.

Fantascienza letteratura, film, televisionee altri media sono diventati popolari e influenti in gran parte del mondo. Oltre a fornire divertimento, può anche criticare la società odierna e spesso si dice che ispiri un "senso di meraviglia".[3]

Definizioni

La "fantascienza" è difficile da definire con precisione, poiché include un'ampia gamma di concetti e temi. Scrittore di fantascienza e fantasy americano James Blish ha scritto:

Wells usò il termine originariamente per coprire ciò che oggi chiameremmo fantascienza "hard", in cui un coscienzioso tentativo di essere fedele a fatti già noti (alla data della scrittura) era il substrato su cui la storia doveva essere costruita, e se la storia doveva contenere anche un miracolo, almeno non dovrebbe contenerne un intero arsenale.[4]

Secondo lo scrittore americano e professore di biochimica Isaac Asimov, "La fantascienza può essere definita come quella branca della letteratura che si occupa della reazione degli esseri umani ai cambiamenti in scienza e tecnologia."[5] Autore e ingegnere di fantascienza americano Robert A. Heinlein scrisse che "Si potrebbe leggere una breve definizione pratica di quasi tutta la fantascienza: speculazione realistica su possibili eventi futuri, basata solidamente su una conoscenza adeguata del mondo reale, passato e presente, e su una comprensione approfondita della natura e del significato del metodo scientifico."[6]

L'Enciclopedia della fantascienza, modificato da John Clute e Peter Nicholls, contiene un'ampia discussione del problema della definizione, sotto il titolo "Definizioni di SF". Gli autori considerano Jugoslavo accademico, scrittore e critico di nascita Darko SuvinLa definizione del 1972 è stata molto utile nel catalizzare il dibattito accademico. La definizione di Suvin è: "un genere letterario le cui condizioni necessarie e sufficienti sono la presenza e l'interazione di estraniamento e cognizione, e il cui principale dispositivo formale è un quadro immaginativo alternativo all'ambiente empirico dell'autore".[7]

Autore ed editore di fantascienza americana Lester del Rey ha scritto: "Persino l'appassionato o il fan devoto - ha difficoltà a cercare di spiegare cosa sia la fantascienza", e la mancanza di una "definizione pienamente soddisfacente" è dovuta al fatto che "non ci sono limiti facilmente delineati alla fantascienza".[8] Autore ed editore Damon Knight ha riassunto la difficoltà, dicendo "la fantascienza è ciò a cui indichiamo quando lo diciamo".[9]

Storia

Illustrazione di Aubrey Beardsley per Lucian'S Una storia vera.

La fantascienza ha avuto i suoi inizi nel tempi antichi, quando la linea tra mito e fatto era sfocato.[10] Scritto nel II secolo d.C. da satirico Lucian, Una storia vera contiene molti temi e tropi caratteristici della fantascienza moderna, inclusi i viaggi in altri mondi, forme di vita extraterrestri, guerra interplanetaria e vita artificiale. Alcuni lo considerano la prima fantascienza romanzo.[11] Alcune delle storie di Le mille e una notte,[12][13] insieme al X secolo Il racconto del tagliatore di bambù[13] e Ibn al-Nafis's XIII secolo Theologus Autodidactus,[14] contengono anche elementi di fantascienza.

Scritto durante il Rivoluzione scientifica e il Età dell'Illuminismo, Johannes Kepler'S Somnium (1634), Francesco Bacone'S Nuova Atlantide (1627),[15] Athanasius Kircher'S Itinerarium extaticum (1656),[16] Cyrano de Bergerac'S Storia comica degli Stati e degli imperi della luna (1657) e Gli Stati e gli imperi del sole (1662), Margaret Cavendish'S "Il mondo in fiamme" (1666),[17][18][19][20] Jonathan Swift'S i viaggi di Gulliver (1726), Ludvig Holberg'S Nicolai Klimii Iter Subterraneum (1741) e Voltaire'S Micromégas (1752) sono considerati alcuni dei primi veri fantascienza lavori.[21][22] Isaac Asimov e Carl Sagan considerato Somnium la prima storia di fantascienza; raffigura un viaggio verso il Luna e come il TerraIl movimento di è visto da lì.[23][24]

In seguito allo sviluppo seicentesco del romanzo come un forma letteraria, Mary Shelley Frankenstein (1818) e L'ultimo uomo (1826) ha contribuito a definire la forma del romanzo di fantascienza. Brian Aldiss lo ha sostenuto Frankenstein è stata la prima opera di fantascienza.[25][26] Edgar Allan Poe ha scritto diversi racconti considerati fantascienza, tra cui "L'ineguagliabile avventura di un certo Hans Pfaall"(1835) che comprendeva un viaggio al Luna.[27][28] Giulio Verne è stato notato per la sua attenzione ai dettagli e l'accuratezza scientifica, soprattutto in Ventimila leghe sotto i mari (1870).[29][30][31][32] Nel 1887, il romanzo El anacronópete dell'autore spagnolo Enrique Gaspar y Rimbau ha introdotto il primo macchina del tempo.[33][34]

Molti critici considerano H. G. Wells uno dei più importanti autori di fantascienza,[29][35] o anche "il Shakespeare di fantascienza ".[36] Tra i suoi notevoli lavori di fantascienza La macchina del tempo (1895), L'isola del dottor Moreau (1896), L'uomo invisibile (1897) e La guerra dei mondi (1898). La sua fantascienza immaginata invasione aliena, ingegneria biologica, invisibilità, e viaggio nel tempo. Nel suo saggistica futurologo opere di cui aveva predetto l'avvento aeroplani, carri armati militari, armi nucleari, televisione satellitare, viaggio spazialee qualcosa di simile al file World Wide Web.[37]

Edgar Rice Burroughs' Una principessa di Marte, pubblicato nel 1912, fu il primo dei suoi tredecennio-lungo romanticismo planetario serie di Romanzi di Barsoom che sono stati impostati Marte e in primo piano John Carter come il eroe.[38] Nel 1926, Hugo Gernsback pubblicato il primo americano rivista di fantascienza, Storie incredibili. Nel suo primo numero ha scritto:

Per "scientificità" intendo il tipo di storia di Jules Verne, H. G. Wells ed Edgar Allan Poe - un'affascinante storia d'amore mescolata a fatti scientifici e visione profetica ... Non solo questi racconti sorprendenti rendono una lettura estremamente interessante, ma sono sempre istruttivi. Forniscono conoscenza ... in una forma molto appetibile ... Le nuove avventure immaginate per noi nella scientifiction di oggi non sono affatto impossibili da realizzare domani ... Molte grandi storie scientifiche destinate ad essere di interesse storico devono ancora essere scritte ... I posteri li indicheranno come se avessero tracciato una nuova strada, non solo nella letteratura e nella narrativa, ma anche nel progresso.[39][40][41]

Nel 1928, E. E. "Doc" Smith's primo lavoro pubblicato, L'allodola dello spazio, scritto in collaborazione con Lee Hawkins Garby, apparso in Storie incredibili. È spesso chiamato il primo grande opera spaziale.[42] Lo stesso anno, Philip Francis Nowlan's originale Buck Rogers storia, Armageddon 2419, è apparso anche in Storie incredibili. Questo è stato seguito da un Buck Rogers fumetto, il primo serio fumetto di fantascienza.[43]

Nel 1937, John W. Campbell divenne editore di Fantascienza sbalorditiva, un evento che a volte è considerato l'inizio del L'età d'oro della fantascienza, che è caratterizzato da storie che celebrano i risultati scientifici e progresso.[44] Nel 1942, Isaac Asimov ha iniziato il suo Serie di fondazione, che racconta l'ascesa e la caduta degli imperi galattici e introdotto psicostoria.[45][46] La serie è stata successivamente premiata una volta Premio Hugo per "Miglior serie di tutti i tempi".[47][48] Si dice spesso che l '"età dell'oro" sia terminata nel 1946, ma a volte sono inclusi la fine degli anni Quaranta e gli anni Cinquanta.[49]

Theodore Sturgeon's Più che umano (1953) esplorò un possibile futuro evoluzione umana.[50][51][52] Nel 1957, Andromeda: A Space-Age Tale dal russo scrittore e paleontologo Ivan Yefremov ha presentato una visione di un futuro interstellare comunista civiltà ed è considerato uno dei più importanti sovietico romanzi di fantascienza.[53][54] Nel 1959, Robert A. Heinlein's Fanteria dello spazio ha segnato una partenza dai suoi primi racconti e romanzi giovanili.[55] È uno dei primi e più influenti esempi di fantascienza militare,[56][57] e ha introdotto il concetto di armatura potenziata esoscheletri.[58][59][60] Il Tedesco opera spaziale serie Perry Rhodan, scritto da vari autori, è iniziato nel 1961 con un resoconto del primo Atterraggio sulla Luna[61] e da allora si è espanso in spazio a più universie in tempo da miliardi di anni.[62] È diventata la fantascienza più popolare serie di libri di tutti i tempi.[63]

Negli anni '60 e '70, Fantascienza New Wave era noto per il suo abbraccio di un alto grado di sperimentazione, sia nella forma che nel contenuto, e a intellettuali e consapevolmente "letterario" o "artistico" sensibilità.[21][64][65] Nel 1961, Solaris di Stanisław Lem è stato pubblicato in Polonia.[66] Il romanzo trattava del tema di umano limitazioni in quanto i suoi personaggi hanno tentato di studiare un apparentemente intelligente oceano su un appena scoperto pianeta.[67][68] 1965 Duna di Frank Herbert presentava una società futura immaginata molto più complessa e dettagliata rispetto alla fantascienza precedente.[69]

Nel 1968, Philip K. Dick's Gli androidi sognano pecore elettriche?, era pubblicato. È la fonte letteraria del Blade Runner franchising di film.[70][71] 1969 La mano sinistra dell'oscurità di Ursula K. Le Guin è stato ambientato su un pianeta in cui gli abitanti non hanno fissato Genere. È uno degli esempi più influenti di fantascienza sociale, fantascienza femminista, e fantascienza antropologica.[72][73][74]

Nel 1976, C. J. Cherryh pubblicato Porta di Ivrel e Fratelli della Terra, che l'ha iniziata Universo Alleanza-Unione storia futura serie.[75][76][77] Nel 1979, Mondo della fantascienza ha iniziato la pubblicazione nel Repubblica Popolare Cinese.[78] Domina i cinesi rivista di fantascienza mercato, che una volta rivendicava una tiratura di 300.000 copie per numero e una stima di 3-5 lettori per copia (per un totale stimato di lettori di almeno 1 milione), rendendolo la fantascienza più popolare al mondo periodico.[79]

Nel 1984, William Gibson's primo romanzo, Neuromante, ha contribuito a diffondere cyberpunk e la parola "cyberspazio, "un termine che originariamente coniato nel suo 1982 storia breve Burning Chrome.[80][81][82] Nel 1986, Frammenti d'onore di Lois McMaster Bujold iniziò lei Vorkosigan Saga.[83][84] 1992's Snow Crash di Neal Stephenson previsto immenso sconvolgimento sociale dovuto al rivoluzione dell'informazione.[85] Nel 2007, Liu Cixinè il romanzo, Il problema dei tre corpi, è stato pubblicato in Cina. È stato tradotto in inglese da Ken Liu e pubblicato da Tor Books nel 2014,[86] e ha vinto il 2015 Premio Hugo per il miglior romanzo,[87] rendendo Liu il primo scrittore asiatico a vincere il premio.[88]

I temi emergenti nella fantascienza della fine del XX e dell'inizio del XXI secolo includono problemi ambientali, le implicazioni di Internet e l'universo dell'informazione in espansione, domande su biotecnologia, nanotecnologia, e post-scarsità società.[89][90] Tendenze recenti e sottogeneri includere steampunk,[91] biopunk,[92][93] e mondana fantascienza.[94][95]

Film

Il Maschinenmensch puntello utilizzato nel film del 1927 Metropoli.

La prima, o almeno una delle prime, di fantascienza registrata film è del 1902 Un viaggio sulla luna, diretto da francese regista Georges Méliès.[96] Fu profondamente influente in seguito registi, portando un diverso tipo di creatività e fantasia al cinematografico medio.[97][98] Inoltre, l'innovativo di Méliès la modifica e effetti speciali le tecniche furono ampiamente imitate e divennero elementi importanti del mezzo.[99][100]

1927's Metropoli, diretto da Fritz Lang, è il primo lungometraggio film di fantascienza.[101] Sebbene non fosse ben accolto a suo tempo,[102] ora è considerato un film fantastico e influente.[103][104][105] Nel 1954, Godzilla, diretto da Ishiro Honda, ha iniziato il kaiju sottogenere di film di fantascienza, che presentano grandi creature di qualsiasi forma, che di solito attaccano un città principale o coinvolgere altri mostri nel battaglia.[106][107]

1968's 2001: Odissea nello spazio, diretto da Stanley Kubrick e basato sul lavoro di Arthur C. Clarke, è salito sopra la maggior parte Film di serie B. offerte fino a quel momento sia in termini di portata che di qualità, e influenzarono notevolmente i film di fantascienza successivi.[108][109][110][111] Quello stesso anno, Pianeta delle scimmie (l'originale), diretto da Franklin J. Schaffner e basato sul 1963 francese romanzo La Planète des Singes di Pierre Boulle, è stato rilasciato con grande successo di critica e di pubblico, grazie in gran parte alla sua vivida rappresentazione di un mondo post-apocalittico in cui intelligente scimmie dominare gli esseri umani.[112]

Nel 1977, George Lucas ha iniziato il Guerre stellari serie di film con il film ora identificato come "Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza."[113] La serie, spesso chiamata a opera spaziale,[114] ha continuato a diventare un mondiale cultura popolare fenomeno,[115][116] e il seconda serie di film con il maggior incasso di tutti i tempi.[117]

Dagli anni '80, film di fantascienza, insieme a fantasia, orrore, e supereroe film, hanno dominato Di Hollywood produzioni ad alto budget.[118][117] Film di fantascienza spesso "crossover"con altri generi, incluso animazione (WALL-E - 2008, Grande eroe 6 - 2014), gangster (Sky Racket - 1937), Occidentale (Serenità - 2005), commedia (Balle spaziali -1987, Galaxy Quest - 1999), guerra (Nemico mio - 1985), azione (Edge of Tomorrow - 2014, La matrice - 1999), avventura (Giove ascendente - 2015, Interstellare - 2014), gli sport (Rollerball - 1975), mistero (Rapporto di minoranza - 2002), romanzo giallo (Ex machina - 2014), orrore (Alieno - 1979), film noir (Blade Runner - 1982), supereroe (Marvel Cinematic Universe - 2008-), Dramma (Malinconia - 2011, Predestinazione -2014) e romanza (Lei (film) - 2013).[119]

Televisione

Don Hastings (a sinistra) e Al Hodge da Captain Video e i suoi video Rangers.

Fantascienza e televisione sono stati costantemente in uno stretto rapporto. Televisore o tipo televisivo tecnologie è apparso spesso nella fantascienza molto prima che la televisione stessa diventasse ampiamente disponibile tra la fine degli anni Quaranta e l'inizio degli anni Cinquanta.[120]

Il primo programma televisivo di fantascienza conosciuto era di trentacinque minuti adattato estratto dell'opera RUR, scritto da ceco drammaturgo Karel Čapek, trasmissione vivere dalla BBC Alexandra Palace studios l'11 febbraio 1938.[121] Il primo programma popolare di fantascienza su Televisione americana era la bambini avventura seriale Captain Video e i suoi video Rangers, che andò dal giugno 1949 all'aprile 1955.[122]

The Twilight Zone (la serie originale), prodotta e narrata da Rod Serling, che ha anche scritto o co-scritto la maggior parte degli episodi, è andato in onda dal 1959 al 1964. E 'caratterizzato fantasia, suspense, e orrore così come la fantascienza, con ogni episodio una storia completa.[123][124] Critici lo hanno classificato come uno dei migliori programmi tv di qualsiasi genere.[125][126]

Il animato serie I Jetsons, mentre inteso come commedia e solo per uno stagione (1962–1963), previsto molte invenzioni ormai di uso comune: schermo piatto televisori, giornali su a computer-piace schermo, virus informatici, chat video, lettini abbronzanti, casa tapis roulante altro ancora.[127] Nel 1963, il tema del viaggio nel tempo Dottor chi è stato presentato in anteprima alla BBC Television.[128] La serie originale è durata fino al 1989 ed è stata ripresa nel 2005.[129] È stato estremamente popolare in tutto il mondo e ha fortemente influenzato la successiva fantascienza televisiva.[130][131][132] Altri programmi negli anni '60 inclusi I limiti esterni (1963-1965),[133] Perso nello spazio (1965-1968) e Il prigioniero (1967).[134][135][136]

Star Trek (la serie originale), creata da Gene Roddenberry, ha debuttato nel 1966 il Televisione NBC e ha corso per tre stagioni.[137] Combinava elementi di opera spaziale e Spazio occidentale.[138] All'inizio riuscì solo leggermente, la serie guadagnò popolarità attraverso sindacato e straordinario interesse dei fan. È diventato molto popolare e influente franchising con molti film e programmi televisivi, romanzie altri lavori e prodotti.[139][140][141][142] Star Trek: The Next Generation (1987-1994) ha portato a quattro ulteriori Star Trek Spettacoli (Deep Space 9 (1993-1999), Voyager (1995-2001), Enterprise (2001-2005) e Scoperta (2017-presente)) - con più in qualche forma di sviluppo.[143][144][145][146]

Il miniserie V è stato presentato per la prima volta nel 1983 sulla NBC.[147] Raffigurava un tentativo di conquista della Terra da parte di alieni rettiliani.[148] Red Dwarf, a fumetto di fantascienza serie in onda BBC Two tra il 1988 e il 1999 e oltre Dave Dal 2009.[149] Gli X-Files, che ha caratterizzato UFO e teorie cospirazioniste, è stato creato da Chris Carter e trasmesso da Fox Broadcasting Company dal 1993 al 2002,[150][151] e ancora dal 2016 al 2018.[152][153] Stargate, un film su antichi astronauti e interstellare teletrasporto, è stato rilasciato nel 1994. Stargate SG-1 è stato presentato per la prima volta nel 1997 e ha funzionato per 10 stagioni (1997-2007). Serie spin-off inclusa Stargate Infinity (2002-2003), Stargate Atlantis (2004-2009) e Stargate Universe (2009-2011).[154] Altre serie degli anni '90 incluse Salto quantico (1989-1993) e Babylon 5 (1994-1999).[155]

SyFy, lanciato nel 1992 come The Sci-Fi Channel,[156] è specializzato in fantascienza, orrore soprannaturale, e fantasia.[157][158]

Influenza sociale

Il grande aumento di popolarità della fantascienza durante la prima metà del 20 ° secolo era strettamente legato al rispetto popolare pagato alla scienza in quel momento, così come al rapido ritmo di innovazione tecnologica e nuovo invenzioni.[159] La fantascienza ha spesso previsto scientifico e tecnologico progresso.[160][161] Alcuni lavori prevedono che le nuove invenzioni e il progresso tenderanno a migliorare la vita e la società, ad esempio le storie di Arthur C. Clarke e Star Trek.[162] Altri, come H.G. Wells's La macchina del tempo e Aldous Huxley's Nuovo mondo, avvisare sulle possibili conseguenze negative.[163][164]

Nel 2001 il National Science Foundation condotto a sondaggio su "Pubblico Atteggiamenti e comprensione pubblica: fantascienza e Pseudoscienza."[165] Ha scoperto che le persone che leggono o preferiscono la fantascienza possono pensare o relazionarsi alla scienza in modo diverso dalle altre persone. Tendono anche a supportare il programma spaziale e l'idea di contattare civiltà extraterrestri.[165][166] Carl Sagan ha scritto: "Molti scienziati profondamente coinvolti nell'esplorazione del sistema solare (io tra loro) sono stati prima orientati in quella direzione dalla fantascienza ".[167]

Brian Aldiss ha descritto la fantascienza come "culturale sfondo."[168] La prova di questa influenza diffusa può essere trovata nelle tendenze per gli scrittori di impiegare la fantascienza come strumento per la difesa e la generazione di intuizioni culturali, così come per gli educatori quando insegnano in una gamma di discipline accademiche non limitate alle scienze naturali.[169] Studioso e critico di fantascienza George Edgar Slusser ha detto che la fantascienza "è quella internazionale reale forma letteraria abbiamo oggi, e come tale si è ramificato media visivi, contenuti multimediali interattivi e su qualunque nuovo media il mondo inventerà nel 21 ° secolo. Problemi di crossover tra i file scienze e il scienze umane sono cruciali per il secolo venire."[170]

Come letteratura di protesta

"Happy 1984" in spagnolo o portoghese, con riferimenti George Orwell'S 1984, su un pezzo in piedi di muro di Berlino (qualche tempo dopo il 1998).

La fantascienza è stata talvolta usata come mezzo per protesta sociale. George Orwell's 1984 (1949) è un'opera importante di fantascienza distopica.[171][172] Viene spesso invocato nelle proteste contro governi e leader che sono visti come totalitario.[173][174] James Cameron's Film del 2009 Avatar era inteso come una protesta contro imperialismo, e in particolare il politica estera degli Stati Uniti.[175] Le sue immagini sono state utilizzate, tra gli altri, da Palestinesi nella loro proteste contro il Stato d'Israele.[176]

Robot, esseri umani artificiali, umano cloni, intelligente computer, ei loro possibili conflitti con la società umana sono stati tutti i temi principali della fantascienza da quando, almeno, la pubblicazione di Shelly's Frankenstein. Alcuni critici hanno visto questo come un riflesso delle preoccupazioni degli autori sul alienazione sociale visto nella società moderna.[177]

Fantascienza femminista pone domande su questioni sociali come il modo in cui la società costruisce ruoli di genere, il ruolo riproduzione gioca nella definizione Genere, e il potere ingiusto politico o personale di un genere sugli altri. Alcuni lavori hanno illustrato questi temi utilizzando utopie esplorare una società in cui non esistono differenze di genere o squilibri di potere di genere, o distopie per esplorare mondi in cui disuguaglianze di genere si intensificano, affermando così la necessità che il lavoro femminista continui.[178][179]

Finzione sul clima, o "cli-fi", si occupa di questioni riguardanti cambiamento climatico e riscaldamento globale.[180][181] Università corsi su letteratura e problemi ambientali possono includere la narrativa sul cambiamento climatico nel loro syllabi,[182] ed è spesso discusso da altri media al di fuori di fandom di fantascienza.[183]

Fantascienza libertaria si concentra sul politica e ordine sociale implicito da libertario giusto filosofie con un'enfasi su individualismo e proprietà privatae in alcuni casi anti-statalismo.[184]

Commedia di fantascienza spesso satira e critica Oggi societàea volte prende in giro il file convegni e cliché di fantascienza più seria.[185][186]

Senso di meraviglia

Si dice spesso che la fantascienza ispiri un "senso di meraviglia. "Editore e critico di fantascienza David Hartwell ha scritto: "L'appello della fantascienza sta nella combinazione del razionale, del credibile e del miracoloso. È un appello al senso di meraviglia".[187] Carl Sagan ha detto: "Uno dei grandi vantaggi della fantascienza è che può trasmettere frammenti, suggerimenti e frasi, di conoscenze sconosciute o inaccessibili al lettore ... opere su cui mediti mentre l'acqua scorre fuori dalla vasca da bagno o mentre cammini per i boschi in una nevicata di inizio inverno ".[167]

Nel 1967, Isaac Asimov ha commentato i cambiamenti che si sono verificati nella comunità della fantascienza: "E poiché la vita reale di oggi assomiglia così alla fantasia di ieri, i fan dei vecchi tempi sono irrequieti. Nel profondo, che lo ammettano o no, è una sensazione di delusione e persino di indignazione per il fatto che il mondo esterno abbia invaso il loro dominio privato. Sentono la perdita di un "senso di meraviglia" perché ciò che una volta era veramente limitato alla "meraviglia" è ora diventato prosaico e banale ".[188]

Studi di fantascienza

Lo studio della fantascienza, o studi di fantascienza, è il critico valutazione, interpretazione, e discussione di fantascienza letteratura, film, spettacoli televisivi, nuovi media, mondo dei fan, e fan fiction.[189] Fantascienza studiosi studiare la fantascienza per comprenderla meglio e il suo rapporto con la scienza, la tecnologia, la politica, altri generi e la cultura in generale.[190] Gli studi di fantascienza iniziarono intorno alla fine del XX secolo, ma fu solo più tardi che gli studi di fantascienza si consolidarono come disciplina con la pubblicazione delle riviste accademiche Estrapolazione (1959), Fondazione: The International Review of Science Fiction (1972) e Studi di fantascienza (1973),[191][192] e l'istituzione delle più antiche organizzazioni dedicate alla studia di fantascienza nel 1970, il Science Fiction Research Association e il Fondazione di fantascienza.[193][194] Il campo è cresciuto notevolmente dagli anni '70 con la creazione di più riviste, organizzazioni, e conferenze, così come la fantascienza grado-concedere programmi come quelli offerti da Università di Liverpool[195] e il Università del Kansas.[196]

Classificazione

La fantascienza è stata storicamente suddivisa tra fantascienza hard e soft science fiction–Con la divisione incentrata sulla fattibilità della scienza centrale per la storia.[197] Tuttavia, questa distinzione è stata oggetto di crescente attenzione nel 21 ° secolo. Alcuni autori, ad esempio Tade Thompson e Jeff VanderMeer, hanno sottolineato che le storie che si concentrano esplicitamente su fisica, astronomia, matematica, e ingegneria tendono ad essere considerate fantascienza "hard", mentre le storie che si concentrano botanica, micologia, zoologia, e il Scienze sociali tendono ad essere classificati come "morbidi", indipendentemente dal parente rigore della scienza.[198]

Max Gladstone definita fantascienza "hard" come storie "dove il matematica funziona ", ma ha sottolineato che questo finisce con storie che spesso sembrano" stranamente datate ", in quanto scientifiche paradigmi cambiamento nel tempo.[199] Michael Swanwick ha respinto completamente la definizione tradizionale di fantascienza "dura", dicendo invece che era definita da personaggi che si sforzano di risolvere i problemi "nel modo giusto - determinazione, un tocco di stoicismo, e il coscienza che il universo non è dalla sua parte. "[198]

Ursula K. Le Guin ha anche criticato la visione più tradizionale sulla differenza tra fantascienza "hard" e "soft": "Gli scrittori di fantascienza 'hard' liquidano tutto tranne, beh, fisica, astronomia, e forse chimica. Biologia, sociologia, antropologia-questo non è scienza per loro è roba morbida. Non sono così interessati a cosa esseri umani fare, davvero. Ma io sono. Disegno sul file Scienze sociali molto. "[200]

Come letteratura seria

Incisione che mostra un uomo nudo che si sveglia sul pavimento e un altro uomo che fugge inorridito. Un teschio e un libro sono accanto all'uomo nudo e una finestra, con la luna che splende attraverso di essa, è sullo sfondo
Illustrazione di Theodor von Holst per l'edizione 1831 di Mary Shelley'S Frankenstein.[201]

Autori rispettati di mainstream letteratura hanno scritto fantascienza. Mary Shelley ha scritto una serie di romanzi di fantascienza tra cui Frankenstein; o, The Modern Prometeo (1818), ed è considerato uno dei principali scrittori di Età romantica.[202] Aldous Huxley's Nuovo mondo (1932) è spesso elencato come uno dei romanzi più importanti d'Inghilterra, sia per la sua critica alla cultura moderna che per la sua previsione delle tendenze future, tra cui tecnologia riproduttiva e Ingegneria sociale.[203][204][205][206] Kurt Vonnegut era un autore americano molto rispettato le cui opere contengono premesse o temi di fantascienza.[207][208][209] Altri autori di fantascienza le cui opere sono ampiamente considerate come letteratura "seria" includono Ray Bradbury (inclusi, in particolare, Fahrenheit 451 (1953) e Le cronache marziane (1951)),[210] Arthur C. Clarke (specialmente per Fine dell'infanzia),[211][212] e Paul Myron Anthony Linebarger, che scrive sotto il nome Cordwainer Smith.[213] Nel suo libro "The Western Canon", critico letterario Harold Bloom include Nuovo mondo, Solaris, Culla del gatto (1963) di Vonnegut, e La mano sinistra dell'oscurità come opere culturalmente ed esteticamente significative della letteratura occidentale.

David Barnett ha sottolineato che esistono libri come La strada (2006) di Cormac McCarthy, Atlante delle nuvole (2004) di David Mitchell, Il mondo scomparso (2008) di Nick Harkaway, Gli dei di pietra (2007) di Jeanette Winterson, e Oryx e Crake (2003) di Margaret Atwood, che utilizzano fantascienza riconoscibile tropi, ma i cui autori ed editori non lo fanno mercato loro come fantascienza.[214] Doris Lessing, che è stato successivamente insignito del Premio Nobel per la letteratura, ha scritto una serie di cinque SF romanzi, Canopus in Argos: Archivi (1979-1983), che descrivono gli sforzi di specie e civiltà più avanzate per influenzare quelle meno avanzate, inclusi gli umani sulla Terra.[215][216][217][218]

Nel suo saggio molto ristampato del 1976 "Science Fiction and Mrs Brown", Ursula K. Le Guin è stato chiesto: "Può uno scrittore di fantascienza scrivere un romanzo?" Lei rispose: "Credo che tutti i romanzi ... si occupino di personaggio, e che è per esprimere carattere - non per predicare dottrine [o] cantare canzoni ... che la forma del romanzo, così goffa, prolissa e non drammatica, così ricca, elastica e viva, si è evoluta. . . . I grandi romanzieri ci hanno portato a vedere quello che vogliono che vediamo attraverso un personaggio. Altrimenti non sarebbero romanzieri, ma poeti, storici o opuscoli ".[219] Orson Scott Card, meglio conosciuto per il suo romanzo di fantascienza del 1985 Il gioco di Ender, ha postulato che nella fantascienza il messaggio e il significato intellettuale dell'opera sono contenuti all'interno della storia stessa e, quindi, non necessita di stile espedienti o giochi letterari.[220][221]

Jonathan Lethem, in un 1998 saggio nel Village Voice intitolato "Incontri ravvicinati: la promessa dilapidata della fantascienza", ha suggerito che il punto nel 1973 quando Thomas Pynchon's Gravity's Rainbow è stato nominato per il Premio Nebula ed è stato ceduto a favore di Clarke's Appuntamento con Rama, si pone come "una lapide nascosta che segna la morte della speranza che la fantascienza stesse per fondersi con il mainstream".[222] Nello stesso anno autore e fisico di fantascienza Gregory Benford ha scritto: "La fantascienza è forse il genere che definisce il ventesimo secolo, anche se sta conquistando eserciti sono ancora accampati fuori Roma delle cittadelle letterarie ".[223]

Comunità

Autori

La fantascienza è stata scritta, ed è stata scritta, da diversi autori da tutto il mondo. Secondo le statistiche del 2013 della fantascienza editore Tor Books, gli uomini sono più numerosi delle donne dal 78% al 22% tra i contributi all'editore.[224] Una polemica sul voto di lista nel 2015 Premi Hugo ha evidenziato le tensioni nella comunità della fantascienza tra una tendenza di opere e autori sempre più diversi che vengono premiati con premi e la reazione di gruppi di autori e fan che hanno preferito ciò che consideravano di più "tradizionale" fantascienza.[225]

Premi

Tra i premi più rispettati e conosciuti per la fantascienza ci sono il Premio Hugo per letteratura, presentato da Società mondiale di fantascienza a Worldcone votato dai fan;[226] il Premio Nebula per la letteratura, presentato da Scrittori di fantascienza e fantasy d'Americae votato dalla comunità degli autori;[227] il John W. Campbell Memorial Award per il miglior romanzo di fantascienza, presentato da una giuria di scrittori;[228] e il Theodore Sturgeon Memorial Award per narrativa breve, presentato da una giuria.[229] Un premio notevole per i film di fantascienza e i programmi TV è il Premio Saturno, presentato annualmente da L'Accademia di film di fantascienza, fantasy e horror.[230]

Ci sono altri premi nazionali, come quello canadese Premi Prix Aurora,[231] premi regionali, come il Premio Endeavour presentato a Orycon per opere dal Pacifico nord-occidentale degli Stati Uniti,[232] e interesse speciale o sottogenere premi come il Premio Chesley per l'arte, presentato dalla Association of Science Fiction & Fantasy Artists,[233] o il Premio World Fantasy per la fantasia.[234] Le riviste possono organizzare sondaggi tra i lettori, in particolare il Premio Locus.[235]

Congressi, club e organizzazioni

Pamela Dean legge al Minneapolis convenzione nota come Minicon nel 2006.

Convegni (nel fandom, spesso abbreviato come "contro", come "Comic Con") vengono trattenuti città attorno a mondo, approvvigionandosi a un'iscrizione locale, regionale, nazionale o internazionale.[236][237][238] Interesse generale le convenzioni coprono tutti gli aspetti della fantascienza, mentre altre si concentrano su un interesse particolare come fandom dei media, filatura, e così via.[239][240] Maggior parte convenzioni di fantascienza sono organizzati da volontari nel gruppi senza scopo di lucro, sebbene la maggior parte degli eventi orientati ai media siano organizzati da commerciale promotori.[241] Vengono chiamate le attività del convegno il programma, che può includere tavole rotonde, letture, autografo sessioni, costume mascherate, e altro eventi.[242] Durante la convention si svolgono attività aggiuntive che non fanno parte del programma.[242] Questi includono comunemente la stanza di un rivenditore, mostra d'arte, e ospitalità lounge (o "con suite").[242]

Le convenzioni possono ospitare cerimonie di premiazione. Per esempio, Worldcon presenta il Premi Hugo ogni anno.[243] Società di fantascienza, denominate "club"tranne che in contesti formali, costituiscono una base per tutto l'anno di attività per la fantascienza fan.[244][245][246][247] Possono essere associati a una convention di fantascienza in corso o avere un club regolare riunioni, o entrambi.[248] Gruppi di lunga data come il New England Science Fiction Association e il Los Angeles Science Fantasy Society disporre di club per riunioni e deposito di provviste per il congresso e materiali di ricerca.[249] Il Scrittori di fantascienza e fantasy d'America (SFWA) è stata fondata da Damon Knight nel 1965 come organizzazione non profit per servire la comunità della fantascienza professionale autori.[250]

Fandom e fanzine

Fandom di fantascienza è il "Comunità del letteratura di idee[,]. . . la cultura in cui nuove idee emergono e crescono prima di essere rilasciate società in generale. "[2] Membri di questa community ("fan"), come discusso sopra, sono spesso in contatto tra loro a convegni o club, attraverso Stampa o in linea fanzineo sul file Internet utilizzando siti web, mailing liste altre risorse. Il fandom di fantascienza è emerso dal colonna delle lettere nel Storie incredibili rivista: presto i fan hanno iniziato a scrivere lettere l'un l'altro, e poi raggruppando i loro commenti insieme in modo informale pubblicazioni che divenne noto come fanzine.[251] Una volta che erano in contatto regolare, i fan volevano incontrarsi e hanno organizzato club locali.[251][252] Negli anni '30, il primo convenzioni di fantascienza radunato fan da un'area più ampia.[252]

Il primo organizzato online mondo dei fan era la SF Lovers Community, originariamente un mailing list alla fine degli anni '70 con un testo file di archivio che è stato aggiornato regolarmente.[253] Negli anni '80 Usenet i gruppi hanno notevolmente ampliato la cerchia dei fan in linea.[254] Negli anni '90, lo sviluppo di World Wide Web esplose il Comunità di fandom online per ordini di grandezza, con migliaia e poi milioni di siti web dedicato alla fantascienza e affini generi per tutti i media.[249] La maggior parte di questi siti sono relativamente piccoli, effimeroe / o strettamente focalizzato,[255][256] anche se siti come Sito SF e SFcrowsnest offrire una vasta gamma di Riferimenti e recensioni.[257][258]

Il primo fanzine di fantascienza, La cometa, è stato pubblicato nel 1930 dal Science Correspondence Club di Chicago, Illinois.[259][260] Fanzine stampa i metodi sono cambiati nel corso dei decenni, dal ectografo, il ciclostile, e il idem macchina, al moderno fotocopie.[261] I volumi di distribuzione raramente giustificano il costo della stampa commerciale.[262] Contemporaneo le fanzine sono in gran parte stampate stampanti per computer o in locale copia negozioppure possono essere inviati solo come e-mail (chiamato "Ezines") o altrimenti resi disponibili in linea (chiamato "webzine").[263] Una delle fanzine più conosciute oggi è Ansible, modificato di David Langford, vincitore di numerosi Premi Hugo.[264][265] Altre fanzine degne di nota per vincere uno o più premi Hugo includono File 770, Mimosa, e Plokta.[266] Artisti lavorare per le fanzine sono spesso diventate importanti nel campo, tra cui Brad W. Foster, Teddy Harviae Joe Mayhew; il Hugos includi una categoria per I migliori artisti fan.[266]

Termini alternativi

Forrest J Ackerman è accreditato di aver usato per primo il termine "sci-fi" (analogo all'allora trendy "hi-fi") nel 1954.[267] Come è entrata la fantascienza cultura popolare, scrittori e fan attivi nel settore hanno associato il termine a basso budget e bassa tecnologia "Film di serie B., "e di bassa qualità fantascienza pulp.[268][269][270] Negli anni '70, i critici nel campo, come Damon Knight e Terry Carr, usavano "fantascienza" per distinguere il lavoro di hacking dalla fantascienza seria.[271] Peter Nicholls scrive che "SF" (o "sf") è "l'abbreviazione preferita all'interno della comunità di scrittori e lettori di fantascienza".[272] Robert Heinlein ha trovato anche "fantascienza" insufficiente per certi tipi di opere di questo genere, e ha suggerito il termine finzione speculativa da utilizzare invece per quelli più "seri" o "premurosi".[273]

Elementi

Una persona che legge da uno schermo futuristico avvolgente.

Gli elementi di fantascienza possono includere, tra gli altri:

Esempi internazionali

Sottogeneri

Generi correlati

Guarda anche

Riferimenti

  1. ^ Marg Gilks; Paula Fleming e Moira Allen (2003). "Fantascienza: la letteratura delle idee". WritingWorld.com.
  2. ^ un b von Thorn, Alexander (agosto 2002). "Discorso di accettazione del Premio Aurora". Calgary, Alberta. Cite journal richiede | journal = (Aiuto)
  3. ^ Prucher, Jeff (a cura di). Nuove parole coraggiose. The Oxford Dictionary of Science Fiction (Oxford University Press, 2007) pagina 179
  4. ^ James Blish, Altri problemi a portata di mano, Advent: Publishers, 1970. Pg. 99. Sempre in Jesse Sheidlower, "Citazioni del dizionario per il termine« hard science fiction »". Jessesword.com. Ultima modifica 6 luglio 2008.
  5. ^ Asimov, "Com'è facile vedere il futuro!", Storia Naturale, 1975
  6. ^ Heinlein, Robert A .; Cyril Kornbluth; Alfred Bester; Robert Bloch (1959). Il romanzo di fantascienza: immaginazione e critica sociale. Università di Chicago: Advent Publishers.
  7. ^ Stableford, Brian; Clute, John; Nicholls, Peter (1993). "Definizioni di SF". In Clute, John; Nicholls, Peter (a cura di). Enciclopedia della fantascienza. Londra: Orbita/Little, Brown and Company. pagg. 311–314. ISBN 1-85723-124-4.
  8. ^ Del Rey, Lester (1980). Il mondo della fantascienza 1926–1976. Libri Ballantine. ISBN 978-0-345-25452-8.
  9. ^ Knight, Damon Francis (1967). In Search of Wonder: Essays on Modern Science Fiction. Advent Publishing, Inc. p. xiii. ISBN 978-0-911682-31-1.
  10. ^ "Fuori dal mondo". www.news.gatech.edu. Recuperato 4 aprile 2019.
  11. ^ Vedi, ad esempio, Fredericks, S.C .: "La vera storia di Lucian come fantascienza", Studi di fantascienza, Vol. 3, n. 1 (marzo 1976), pagg. 49–60; Georgiadou, Aristoula & Larmour, David H.J .: "Romanzo di fantascienza di Lucian True Histories. Interpretazione e commento", Supplemento Mnemosyne 179, Leida 1998, ISBN 90-04-10667-7, Introduzione; Grewell, Greg: "Colonizing the Universe: Science Fictions Then, Now, and in the (Imagined) Future", Rocky Mountain Review of Language and Literature, Vol. 55, n. 2 (2001), pagg. 25–47 (30 segg.); Gunn, James E., La nuova enciclopedia della fantascienza, Viking, 1988, ISBN 978-0-670-81041-3, p. 249, lo chiama "Proto-Science Fiction."; Swanson, Roy Arthur: "Il vero, il falso e il vero falso: la fantascienza filosofica di Lucian", Studi di fantascienza, Vol. 3, n. 3 (novembre 1976), pagg. 227-239
  12. ^ Irwin, Robert (2003). Le mille e una notte: un compagno. Tauris Parke Paperbacks. pp. 209–13. ISBN 978-1-86064-983-7.
  13. ^ un b Richardson, Matthew (2001). Il tesoro di Halstead dell'antica fantascienza. Rushcutters Bay, Nuovo Galles del Sud: Halstead Press. ISBN 978-1-875684-64-9. (cfr. "C'era una volta". Emerald City (85). Settembre 2002. Recuperato 17 settembre 2008.)
  14. ^ Dr. Abu Shadi Al-Roubi (1982), "Ibn al-Nafis come filosofo", Simposio su Ibn al-Nafis, Seconda Conferenza Internazionale sulla Medicina Islamica: Organizzazione Medica Islamica, Kuwait (cfr. Ibnul-Nafees come filosofo, Enciclopedia del mondo islamico [1])
  15. ^ Creatore e presentatore: Carl Sagan (12 ottobre 1980). "L'armonia dei mondi". Cosmos: A Personal Voyage. PBS.
  16. ^ Jacqueline Glomski (2013). Stefan Walser; Isabella Tilg (a cura di). "La fantascienza nel diciassettesimo secolo: il somnio neo-latino e il suo rapporto con il vernacolare". Der Neulateinische Roman Als Medium Seiner Zeit. CdA: 37. ISBN 9783823367925.
  17. ^ White, William (settembre 2009). "Scienza, fazioni e lo spettro persistente della guerra: il mondo sfolgorante di Margaret Cavendish". Interseca: The Stanford Journal of Science, Technology and Society. 2 (1): 40–51. Recuperato 7 marzo 2014.
  18. ^ Murphy, Michael (2011). Una descrizione del mondo in fiamme. Broadview Press. ISBN 978-1-77048-035-3.
  19. ^ "The Blazing World (1666) di Margaret Cavendish". Teschi nelle stelle. 2 gennaio 2011. Recuperato 17 dicembre 2015.
  20. ^ Robin Anne Reid (2009). Donne nella fantascienza e nel fantasy: panoramiche. ABC-CLIO. p. 59. ISBN 978-0-313-33591-4.
  21. ^ un b c Sterling, Bruce (17 gennaio 2019). "Fantascienza". Encyclopædia Britannica.
  22. ^ Khanna, Lee Cullen. "Il soggetto dell'utopia: Margaret Cavendish e il suo mondo in fiamme". Utopia e fantascienza da parte delle donne: World of Difference. Syracuse: Syracuse UP, 1994. 15–34.
  23. ^ "Carl Sagan sulla persecuzione di Johannes Kepler". Youtube. Recuperato 24 luglio 2010.
  24. ^ Asimov, Isaac (1977). L'inizio e la fine. New York: Doubleday. ISBN 978-0-385-13088-2.
  25. ^ Clute, John & Nicholls, Peter (1993). "Mary W. Shelley". Enciclopedia della fantascienza. Orbit / Time Warner Book Group UK. Recuperato 17 gennaio 2007.
  26. ^ Wingrove, Aldriss (2001). Billion Year Spree: The History of Science Fiction (1973) Rivisto e ampliato come Trilioni di anni di baldoria (con David Wingrove) (1986). New York: House of Stratus. ISBN 978-0-7551-0068-2.
  27. ^ Tresch, John (2002). "Extra! Extra! Poe inventa la fantascienza". In Hayes, Kevin J. The Cambridge Companion a Edgar Allan Poe. Cambridge: Cambridge University Press. pagg. 113–132. ISBN 978-0-521-79326-1.
  28. ^ Poe, Edgar Allan. The Works of Edgar Allan Poe, Volume 1, "The Unparalleled Adventures of One Hans Pfaal". Archiviato da l'originale il 27 giugno 2006. Recuperato 17 gennaio 2007.
  29. ^ un b Roberts, Adam (2000), Fantascienza, Londra: Routledge, p. 48, ISBN 9780415192057
  30. ^ Renard, Maurice (novembre 1994), "Sul romanzo scientifico-meraviglioso e la sua influenza sulla comprensione del progresso", Studi di fantascienza, 21 (64), recuperato 25 gennaio 2016
  31. ^ Thomas, Theodore L. (dicembre 1961). "Le meraviglie acquose del capitano Nemo". Galaxy Science Fiction. pp. 168–177.
  32. ^ Margaret Drabble (8 maggio 2014). "Sogni sottomarini: quelli di Jules Verne Ventimila leghe sotto i mari". New Statesman. Recuperato 9 maggio 2014.
  33. ^ La obra narrativa de Enrique Gaspar: El Anacronópete (1887), María de los Ángeles Ayala, Universidad de Alicante. Del Romanticismo al Realismo: Actas del I Coloquio de la S. L. E. S. XIX, Barcellona, ​​24–26 ottobre 1996 / a cura di Luis F. Díaz Larios, Enrique Miralles.
  34. ^ El anacronópete, traduzione inglese (2014), www.storypilot.com, Michael Main, accesso 13 aprile 2016
  35. ^ Siegel, Mark Richard (1988). Hugo Gernsback, padre della fantascienza moderna: con saggi su Frank Herbert e Bram Stoker. Borgo Pr. ISBN 978-0-89370-174-1.
  36. ^ Wagar, W. Warren (2004). H.G. Wells: Traversing Time. Wesleyan University Press. p. 7.
  37. ^ "HG Wells: un visionario che dovrebbe essere ricordato per le sue previsioni sociali, non solo per quelle scientifiche". L'indipendente. 8 ottobre 2017.
  38. ^ Porges, Irwin (1975). Edgar Rice Burroughs. Provo, Utah: Brigham Young University Press. ISBN 0-8425-0079-0.
  39. ^ Pubblicato originariamente nel numero di aprile 1926 di Storie incredibili
  40. ^ Citato in [1993] in: Stableford, Brian; Clute, John; Nicholls, Peter (1993). "Definizioni di SF". In Clute, John; Nicholls, Peter (a cura di). Enciclopedia della fantascienza. Londra: Orbita/Little, Brown and Company. pagg. 311–314. ISBN 978-1-85723-124-3.
  41. ^ Edwards, Malcolm J .; Nicholls, Peter (1995). "Riviste di fantascienza". In John Clute e Peter Nicholls. L'Enciclopedia della fantascienza (Aggiornato ed.). New York: St Martin's Griffin. p. 1066. ISBN 0-312-09618-6.
  42. ^ Dozois, Gardner; Strahan, Jonathan (2007). La New Space Opera (1a ed.). New York: Eos. p.2. ISBN 9780060846756.
  43. ^ Roberts, Garyn G. (2001). "Buck Rogers". In Browne, Ray B .; Browne, Pat (a cura di). La guida alla cultura popolare degli Stati Uniti. Bowling Green, Ohio: Bowling Green State University Popular Press. p. 120. ISBN 978-0-87972-821-2.
  44. ^ Taormina, Agatha (19 gennaio 2005). "Una storia della fantascienza". Northern Virginia Community College. Archiviato da l'originale il 26 marzo 2004. Recuperato 16 gennaio 2007.
  45. ^ Codex, Regius (2014). Dai robot alle fondazioni. Wiesbaden / Lubiana. ISBN 978-1499569827.
  46. ^ Asimov, Isaac (1980). In Joy Still Felt: The Autobiography of Isaac Asimov, 1954–1978. Garden City, New York: Doubleday. capitolo 24. ISBN 978-0-385-15544-1.
  47. ^ "1966 Hugo Awards". thehugoawards.org. Premio Hugo. Recuperato 28 luglio 2017.
  48. ^ "La lunga lista dei premi Hugo, 1966". New England Science Fiction Association. Recuperato 28 luglio 2017.
  49. ^ Nicholls, Peter (1981) L'Enciclopedia della fantascienza, Granada, p. 258
  50. ^ "Tempo e spazio", Hartford Courant, 7 febbraio 1954, p.SM19
  51. ^ "Recensioni: novembre 1975", Studi di fantascienza, Novembre 1975
  52. ^ Aldiss e Wingrove, Trilioni di anni di baldoria, Victor Gollancz, 1986, p.237
  53. ^ "Le opere di Ivan Efremov". Home Page di Serg. Archiviato da l'originale il 29 aprile 2003. Recuperato 8 settembre 2006.
  54. ^ "OFF-LINE интервью с Борисом Стругацким" [Intervista OFF-LINE con Boris Strugatsky] (in russo). Fantascienza e fantasy russi. Dicembre 2006. Recuperato 29 febbraio 2016.
  55. ^ Gale, Floyd C. (ottobre 1960). "Scaffale a 5 stelle di Galaxy". Galaxy Science Fiction. pagg. 142–146.
  56. ^ McMillan, Graeme (3 novembre 2016). "Perché 'Starship Troopers' potrebbe essere troppo controverso per adattarsi fedelmente". Reporter di Hollywood. Recuperato 8 maggio 2017.
  57. ^ Liptak, Andrew (3 novembre 2016). "Quattro cose che vogliamo vedere nel riavvio di Starship Troopers". The Verge. Recuperato 9 maggio 2017.
  58. ^ Slusser, George E. (1987). Intersezioni: alternative di fantasia e fantascienza. Carbondale, Illinois: Southern Illinois University Press. pagg. 210–220. ISBN 9780809313747.
  59. ^ Mikołajewska, Emilia; Mikołajewski, Dariusz (maggio 2013). "Esoscheletri nelle malattie neurologiche - Applicazioni attuali e potenziali future". Progressi nella medicina clinica e sperimentale. 20 (2): 228 Fig.2.
  60. ^ Weiss, Peter. "Balla con i robot". Notizie scientifiche in linea. Archiviato da l'originale il 16 gennaio 2006. Recuperato 4 marzo 2006.
  61. ^ "Unternehmen Stardust - Perrypedia". www.perrypedia.proc.org (in tedesco). Recuperato 30 marzo 2019.
  62. ^ "Der Unsterbliche - Perrypedia". www.perrypedia.proc.org (in tedesco). Recuperato 30 marzo 2019.
  63. ^ Mike Ashley (14 maggio 2007). Porte per sempre: la storia delle riviste di fantascienza dal 1970 al 1980. Liverpool University Press. p. 218. ISBN 978-1-84631-003-4.
  64. ^ McGuirk, Carol (1992). "I" Nuovi "romanzi". In Slusser, George Edgar; Shippey, T.A. (a cura di). Fiction 2000. University of Georgia Press. pp.109–125. ISBN 9780820314495.
  65. ^ Caroti, Simone (2011). The Generation Starship nella fantascienza. McFarland. p. 156. ISBN 9780786485765.
  66. ^ Peter Swirski (a cura di), The Art and Science of Stanislaw Lem, McGill-Queen's University Press, 2008, ISBN 0-7735-3047-9
  67. ^ Stanislaw Lem, Fantastyka i Futuriologia, Wedawnictwo Literackie, 1989, vol. 2, p. 365
  68. ^ L'Enciclopedia dei lettori di Benét, quarta edizione (1996), p. 590.
  69. ^ Roberts, Adam (2000). Fantascienza. New York: Routledge. pagg. 85–90. ISBN 978-0-415-19204-0.
  70. ^ Sammon, Paul M. (1996). Future Noir: The Making of Blade Runner. Londra: Orion Media. p. 49. ISBN 0-06-105314-7.
  71. ^ Wolfe, Gary K. "'Blade Runner 2049 ': Come regge la visione di Philip K. Dick? ". chicagotribune.com. Recuperato 30 marzo 2019.
  72. ^ Stover, Leon E. "Antropologia e fantascienza" Antropologia attuale, Vol. 14, n. 4 (ottobre 1973)
  73. ^ Reid, Suzanne Elizabeth (1997). Presentazione di Ursula Le Guin. New York, New York, USA: Twayne. ISBN 978-0-8057-4609-9, pp = 9, 120
  74. ^ Spivack, Charlotte (1984). Ursula K. Le Guin (1a ed.). Boston, Massachusetts, USA: Twayne Publishers. ISBN 978-0-8057-7393-4., pagg = 44-50
  75. ^ "C. J. Cherryh, Fantascienza e scienze leggere". Tasso danzante. Recuperato 18 giugno 2007.
  76. ^ "La letteratura brillante viene portata alla luce nei romanzi di Cherryh". Notizie quotidiane di Los Angeles. 29 novembre 1987. Recuperato 10 aprile 2012. CJ Cherryh sarà l'ospite d'onore al LOSCON 14, la convention annuale di quest'anno per i fan della fantascienza e del fantasy dell'area di Los Angeles.
  77. ^ Cherryh, C. J. "Rapporto sullo stato di avanzamento". Cherryh.com. Recuperato 9 febbraio 2009.
  78. ^ "Brave New World of Chinese Science Fiction".
  79. ^ "Fantascienza, globalizzazione e Repubblica popolare cinese". www.concatenation.org.
  80. ^ Fitting, Peter (luglio 1991). "Le lezioni di Cyberpunk". In Penley, C .; Ross, A. Technoculture. Minneapolis: University of Minnesota Press. pagg. 295–315
  81. ^ Schactman, Noah (23 maggio 2008). "26 anni dopo Gibson, il Pentagono definisce il cyberspazio'". Cablata.
  82. ^ Hayward, Philip (1993). Visioni future: nuove tecnologie dello schermo. British Film Institute. pagg. 180–204. Recuperato 17 gennaio 2007.
  83. ^ Walton, Jo (31 marzo 2009). "Piangendo per i suoi nemici: Lois McMaster Bujold's Frammenti d'onore". Tor.com. Recuperato 9 settembre 2014.
  84. ^ Grandi successi: Fantascienza di Lois McMaster Bujold nel Rassegna di fantascienza di New York, Ottobre 1998 (numero 122)
  85. ^ Mustich, James (13 ottobre 2008). "Interviews - Neal Stephenson: Anathem - A Conversation with James Mustich, Editor-in-Chief of the Barnes & Noble Review". barnesandnoble.com. Recuperato 6 agosto 2014. Avevo avuto una reazione simile alla tua quando avevo letto per la prima volta The Origin of Consciousness and the Breakdown of the Bicameral Mind, e questo, combinato con il desiderio di usarlo, erano due elementi da cui Snow Crash è cresciuto.
  86. ^ "Tre corpi". Ken Liu, scrittore. 23 gennaio 2015. Recuperato 30 marzo 2019.
  87. ^ dice, Ed Benson (31 marzo 2015). "2015 Hugo Awards".
  88. ^ Chen, Andrea. "Fuori dal mondo: l'autore di fantascienza cinese Liu Cixin è il primo scrittore asiatico a vincere il premio Hugo per il miglior romanzo." South China Morning Post. Lunedì 24 agosto 2015. Estratto il 27 agosto 2015.
  89. ^ Anders, Charlie Jane. "10 libri di fantascienza recenti che parlano di grandi idee". io9. Recuperato 30 marzo 2019.
  90. ^ "La fantascienza nel 21 ° secolo". www.studienet.dk. Recuperato 30 marzo 2019.
  91. ^ Bebergal, Peter (26 agosto 2007). "L'era dello steampunk: la nostalgia incontra il futuro, unita con cura con viti in ottone". Boston Globe.
  92. ^ Pulver, David L. (1998). GURPS Bio-Tech. Steve Jackson Games. ISBN 978-1-55634-336-0.
  93. ^ Paul Taylor. "Sfoltire il Maelstrom: Biopunk e la violenza dell'informazione". Giornale di media e cultura.
  94. ^ "Come la fantascienza si muove con i tempi". notizie della BBC. 18 marzo 2009.
  95. ^ Walter, Damien (2 maggio 2008). "La fantascienza davvero eccitante è noiosa". Il guardiano.
  96. ^ Dixon, Wheeler Winston; Foster, Gwendolyn Audrey (2008), Una breve storia del cinema, Rutgers University Press, p. 12, ISBN 978-0-8135-4475-5
  97. ^ Kramer, Fritzi (29 marzo 2015). "A Trip to the Moon (1902), recensione di un film muto". Film in silenzio. Recuperato 30 marzo 2019.
  98. ^ Eagan, Daniel. "Un viaggio sulla luna come non l'hai mai visto prima". Smithsonian. Recuperato 30 marzo 2019.
  99. ^ Schneider, Steven Jay (1 ottobre 2012), 1001 film da vedere prima di morire 2012, Octopus Publishing Group, pag. 20, ISBN 978-1-84403-733-9
  100. ^ Dixon, Wheeler Winston; Foster, Gwendolyn Audrey (1 marzo 2008). Una breve storia del cinema. Rutgers University Press. ISBN 9780813544755.
  101. ^ SciFi Film History - Metropolis (1927)Sebbene la maggior parte concordi sul fatto che il primo film di fantascienza sia stato A Trip to the Moon (1902) di Georges Méliès, Metropolis (1926) è il primo lungometraggio del genere. (scififilmhistory.com, recuperato il 15 maggio 2013)
  102. ^ "Metropoli". Turner Classic Movies. Recuperato 30 marzo 2019.
  103. ^ "I 100 migliori film del cinema mondiale". empireonline.com. 11 giugno 2010. Archiviato da l'originale il 23 novembre 2015. Recuperato 17 febbraio 2016.
  104. ^ "I 100 migliori film dell'era muta". silentera.com. Archiviato da l'originale il 23 agosto 2000. Recuperato 17 febbraio 2016.
  105. ^ "I 50 migliori film più belli di tutti i tempi". Vista e suono Edizione di settembre 2012. British Film Institute. 1 agosto 2012. Recuperato 19 dicembre 2012.
  106. ^ "Introduzione a Kaiju [in giapponese]". dic-pixiv. Recuperato 9 marzo 2017.
  107. ^ 中 根, 研 一 (settembre 2009). "Uno studio sulla cultura cinese dei mostri - Animali misteriosi che prolifera nei media dell'epoca attuale [in giapponese]". 北海 学園 大学 学園 論 集. Università di Hokkai-Gakuen. 141: 91–121. Recuperato 9 marzo 2017.
  108. ^ Kazan, Casey (10 luglio 2009). "Ridley Scott:" Dopo il 2001 - Odissea nello spazio, la fantascienza è morta"". Dailygalaxy.com. Archiviato da l'originale il 21 marzo 2011. Recuperato 22 agosto 2010.
  109. ^ Nel Concentrati sul film di fantascienza, a cura di William Johnson. Englewood Cliff, N.J .: Prentice-Hall, 1972.
  110. ^ DeMet, George D. "2001: A Space Odyssey Internet Resource Archive: The Search for meaning in 2001". Palantir.net (originariamente una tesi di laurea con lode). Recuperato 22 agosto 2010.
  111. ^ Cass, Stephen (2 aprile 2009). "Questo giorno nella storia della fantascienza - 2001: Odissea nello spazio". Scopri Magazine.
  112. ^ Russo, Joe; Landsman, Larry; Gross, Edward (2001). Il pianeta delle scimmie rivisitato: la storia dietro le quinte della saga di fantascienza classica (1a ed.). New York: Thomas Dunne Books / St. Martin's Griffin. ISBN 0312252390.
  113. ^ Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza (1977) - IMDb, recuperato 30 marzo 2019
  114. ^ Bibbiani, William (24 aprile 2018). "Le migliori opere spaziali (che non sono Star Wars)". IGN. Recuperato 5 aprile 2019.
  115. ^ "Star Wars - Storia del botteghino". I numeri. Recuperato 17 giugno 2010.
  116. ^ "Star Wars Episodio 4: Una nuova speranza | Lucasfilm.com". Lucasfilm. Recuperato 30 marzo 2019.
  117. ^ un b "Indice dei marchi e dei franchise cinematografici". www.boxofficemojo.com. Recuperato 30 marzo 2019.
  118. ^ Escape Velocity: American Science Fiction Film, 1950-1982, Bradley Schauer, Wesleyan University Press, 3 gennaio 2017, pagina 7
  119. ^ Science Fiction Film: A Critical Introduction, Keith M. Johnston, Berg, 9 maggio 2013, pagine 24–25. Alcuni degli esempi sono forniti da questo libro.
  120. ^ Science Fiction TV, J. P. Telotte, Routledge, 26 March 2014, pages 112, 179
  121. ^ Telotte, J. P. (2008). Il lettore televisivo di fantascienza essenziale. University Press of Kentucky. p. 210. ISBN 978-0-8131-2492-6.
  122. ^ Suzanne Williams-Rautiolla (2 April 2005). "Captain Video and His Video Rangers". Il Museo delle comunicazioni radiotelevisive. Recuperato 17 gennaio 2007.
  123. ^ "The Twilight Zone [TV Series] [1959–1964]". Allmovie. Recuperato 19 novembre 2012.
  124. ^ Stanyard, Stewart T. (2007). Dimensions Behind the Twilight Zone : A Backstage Tribute to Television's Groundbreaking Series ([Online-Ausg.] Ed.). Toronto: ECW press. p. 18. ISBN 978-1550227444.
  125. ^ "TV Guide Names Top 50 Shows". Notizie CBS. CBS Interactive. 26 aprile 2002. Recuperato 13 aprile 2016.
  126. ^ "Elenco delle 101 migliori serie TV scritte". Recuperato 13 aprile 2016.
  127. ^ O'Reilly, Terry (24 May 2014). "21st Century Brands". Sotto l'influenza. Season 3. Episode 21. Event occurs at time 2:07. CBC Radio One. Transcript of the original source. Recuperato 7 giugno 2014. The series had lots of interesting devices that marveled us back in the 1960s. In episode one, we see wife Jane doing exercises in front of a flatscreen television. In another episode, we see George Jetson reading the newspaper on a screen. Can anyone say tablet? In another, Boss Spacely tells George to fix something called a "computer virus." Everyone on the show uses video chat, foreshadowing Skype and Face Time. There is a robot vacuum cleaner, foretelling the 2002 arrival of the iRobot Roomba vacuum. There was also a tanning bed used in an episode, a product that wasn't introduced to North America until 1979. And while flying space cars that have yet to land in our lives, the Jetsons show had moving sidewalks like we now have in airports, treadmills that didn't hit the consumer market until 1969, and they had a repairman who had a piece of technology called... Mac.
  128. ^ "Doctor Who Classic Episode Guide - An Unearthly Child - Details". BBC.
  129. ^ Deans, Jason (21 June 2005). "Doctor Who finally makes the Grade". Il guardiano. ISSN 0261-3077.
  130. ^ "The end of Olde Englande: A lament for Blighty". L'economista. 14 settembre 2006. Recuperato 18 settembre 2006.
  131. ^ "ICONS. A Portrait of England". Archiviato da l'originale il 3 novembre 2007. Recuperato 10 novembre 2007.
  132. ^ Moran, Caitlin (30 June 2007). "Doctor Who è semplicemente magistrale". I tempi. Londra. Recuperato 1 luglio 2007. [Dottor chi] is as thrilling and as loved as Jolene, or bread and cheese, or honeysuckle, or Friday. It's quintessential to being British.
  133. ^ "Edizione speciale da collezione: 100 migliori episodi di tutti i tempi". guida tv (28 June – 4 July). 1997.
  134. ^ British Science Fiction Television: A Hitchhiker's Guide, John R. Cook, Peter Wright, I.B.Tauris, 6 January 2006, page 9
  135. ^ Gowran, Clay. "Nielsen Ratings Are Dim on New Shows." Chicago Tribune. 11 October 1966: B10.
  136. ^ Gould, Jack. "How Does Your Favorite Rate? Maybe Higher Than You Think." New York Times. 16 October 1966: 129.
  137. ^ Hilmes, Michele; Henry, Michael Lowell (1 August 2007). NBC: America's Network. University of California Press. ISBN 9780520250796.
  138. ^ "Una prima rappresentazione per il pilota di 'Star Trek'". Il New York Times. 22 luglio 1986. ISSN 0362-4331. Recuperato 30 marzo 2019.
  139. ^ Roddenberry, Gene (11 March 1964). Star Trek Intonazione, prima bozza. Accesso a LeeThomson.myzen.co.uk.
  140. ^ "STARTREK.COM: Universe Timeline". Startrek.com. Archiviato da l'originale il 3 luglio 2009. Recuperato 14 luglio 2009.
  141. ^ Okada, Michael; Okadu, Denise (1 November 1996). Cronologia di Star Trek: La storia del futuro. ISBN 978-0-671-53610-7.
  142. ^ "The Milwaukee Journal - Ricerca nell'archivio di Google News". news.google.com. Recuperato 30 marzo 2019.
  143. ^ Star Trek: The Next Generation, recuperato 30 marzo 2019
  144. ^ Andrew Whalen On 12/5/18 at 11:39 AM EST (5 December 2018). "'Star Trek' Picard series won't premiere until late 2019, after 'Discovery' Season 2". Newsweek. Recuperato 30 marzo 2019.
  145. ^ "New Trek Animated Series Announced". www.startrek.com. Recuperato 30 marzo 2019.
  146. ^ "Patrick Stewart riprenderà il ruolo di 'Star Trek' nella nuova serie CBS All Access". The Hollywood Reporter. Recuperato 30 marzo 2019.
  147. ^ Bedell, Sally (1983-05-04). "'V' SERIES AN NBC HIT". Il New York Times. p. 27
  148. ^ Susman, Gary (17 November 2005). "Mini Splendored Things". Entertainment Weekly. EW.com. Recuperato 7 gennaio 2010.
  149. ^ "Worldwide Press Office – Red Dwarf on DVD". BBC. Recuperato 28 novembre 2009.
  150. ^ Bischoff, David (dicembre 1994). "Apertura di X-Files: dietro le quinte dello spettacolo più eccitante della TV". Omni. 17 (3).
  151. ^ Goodman, Tim (18 January 2002). "'Il creatore di X-Files conclude la serie Fox ". Cronaca di San Francisco. Recuperato 27 luglio 2009.
  152. ^ "Gillian Anderson Confirms She's Leaving The X-Files | TV Guide". TVGuide.com. 10 gennaio 2018. Recuperato 30 marzo 2019.
  153. ^ Andreeva, Nellie (24 March 2015). "'Il ritorno di X-Files come serie di eventi Fox con il creatore Chris Carter e le star David Duchovny e Gillian Anderson ". Scadenza. Recuperato 30 marzo 2019.
  154. ^ Sumner, Darren (10 May 2011). "Smallville bows this week – with Stargate's world record". GateWorld. Recuperato 23 febbraio 2014.
  155. ^ *Richardson, David (July 1997). "Morto che cammina". Cult Times. Recuperato 17 gennaio 2007. Nazarro, Joe. "The Dream Given Form". Speciale zona TV (#30).
  156. ^ "The 20 Best SyFy TV Shows of All Time". pastemagazine.com. 9 marzo 2018. Recuperato 30 marzo 2019.
  157. ^ "Chi siamo". SYFY. Recuperato 30 marzo 2019.
  158. ^ Hines, Ree (27 April 2010). "So long, nerds! Syfy doesn't need you". TODAY.com.
  159. ^ Astounding Wonder: Imagining Science and Science Fiction in Interwar America, John Cheng, University of Pennsylvania Press, 19 March 2012 pages 1–12.
  160. ^ "When Science Fiction Predicts the Future". Rivista di evasione. 1 novembre 2018. Recuperato 4 aprile 2019.
  161. ^ Kotecki, Peter. "15 wild fictional predictions about future technology that came true". Business Insider. Recuperato 4 aprile 2019.
  162. ^ Munene, Alvin (23 October 2017). "Eight Ground-Breaking Inventions That Science Fiction Predicted". Sanvada. Recuperato 3 aprile 2019.
  163. ^ The Greenwood Encyclopedia of Science Fiction and Fantasy: Themes, Works, and Wonders, Volume 2, Gary Westfahl, Greenwood Publishing Group, 2005
  164. ^ Handwerk, Brian. "The Many Futuristic Predictions of H.G. Wells That Came True". Smithsonian. Recuperato 4 aprile 2019.
  165. ^ un b "Science and Technology: Public Attitudes and Public Understanding. Science Fiction and Pseudoscience". Science and Engineering Indicators–2002 (Report). Arlington, Virginia: National Science Foundation, Division of Science Resources Statistics. April 2002. NSB 02-01. Archiviato dall'originale del 16 giugno 2016.
  166. ^ Bainbridge, William Sims (1982). "The Impact of Science Fiction on Attitudes Toward Technology". Nel Emme, Eugene Morlock (ed.). Science fiction and space futures: past and present. Univelt. ISBN 978-0-87703-173-4.
  167. ^ un b Sagan, Carl (28 maggio 1978). "Crescere con la fantascienza". Il New York Times. ISSN 0362-4331. Recuperato 4 aprile 2019.
  168. ^ Aldiss, Brian; Wingrove, David (1986). Trilioni di anni di baldoria. Londra: Victor Gollancz. p. 14. ISBN 978-0-575-03943-8.
  169. ^ Menadue, Christopher Benjamin; Cheer, Karen Diane (2017). "Human Culture and Science Fiction: A Review of the Literature, 1980–2016" (PDF). SAGE Open. 7 (3): 215824401772369. doi:10.1177/2158244017723690. ISSN 2158-2440. S2CID 149043845.
  170. ^ Miller, Bettye (6 November 2014). "George Slusser, Co-founder of Renowned Eaton Collection, Dies". UCR oggi. Recuperato 4 aprile 2019.
  171. ^ Murphy, Bruce (1996). Benét's reader's encyclopedia. New York: Harper Collins. p. 734. ISBN 978-0061810886. OCLC 35572906.
  172. ^ Aaronovitch, David (8 February 2013). "1984: George Orwell's road to dystopia". notizie della BBC. Recuperato 8 febbraio 2013.
  173. ^ Kelley, Sonaiya (28 March 2017). "As a Trump protest, theaters worldwide will screen the film version of Orwell's '1984'". latimes.com. Recuperato 4 aprile 2019.
  174. ^ "Nineteen Eighty-Four and the politics of dystopia". La British Library. Recuperato 4 aprile 2019.
  175. ^ Gross, Terry (18 February 2010). "James Cameron: Pushing the limits of imagination". National Public Radio. Recuperato 27 febbraio 2010.
  176. ^ Film, televisione e adattamento di fantascienza: Across the Screens, Jay Telotte, Gerald Duchovnay, Routledge, 2 agosto 2011
  177. ^ Androidi, umanoidi e altri mostri di fantascienza: scienza e anima nei film di fantascienza, Per Schelde, NYU Press, 1994, pagine 1–10
  178. ^ Elyce Rae Helford, a Westfahl, Gary. The Greenwood Encyclopedia of Science Fiction and Fantasy: Greenwood Press, 2005: 289-290.
  179. ^ Hauskeller, Michael; Carbonell, Curtis D .; Philbeck, Thomas D. (13 gennaio 2016). Il manuale Palgrave del postumanesimo nel cinema e in televisione. Hauskeller, Michael, Philbeck, Thomas Drew, 1976-, Carbonell, Curtis D. Houndmills, Basingstoke, Hampshire. ISBN 9781137430328. OCLC 918873873.
  180. ^ Glass, Rodge (31 maggio 2013). "Avviso globale: l'ascesa del "cli-fi""recuperato il 3 marzo 2016
  181. ^ Bloom, Dan (10 marzo 2015). "'Cli-Fi raggiunge le aule di letteratura di tutto il mondo ". Inter Press Service News Agency. Recuperato 23 marzo 2015.
  182. ^ PÉREZ-PEÑA, RICHARD. "I corsi universitari usano le arti per prepararsi al cambiamento climatico". New York Times (1 aprile 2014 pag. A12). Recuperato 31 marzo 2015.
  183. ^ Tuhus-Dubrow, Rebecca (estate 2013). "Cli-Fi: nascita di un genere". Dissenso. Recuperato 23 marzo 2015.
  184. ^ Raymond, Eric. "Una storia politica della fantascienza". Recuperato 4 dicembre 2007.
  185. ^ The Animal Fable in Science Fiction and Fantasy, Bruce Shaw, McFarland, 2010, pagina 19
  186. ^ "Commedia Fantascienza". Sfbook.com. Archiviato da l'originale il 4 marzo 2016. Recuperato 2 marzo 2016.
  187. ^ Hartwell, David. Age of Wonders (New York: McGraw-Hill, 1985, pagina 42)
  188. ^ Asimov, Isaac. 'Forward 1 - The Second Revolution' a Ellison, Harlan (a cura di). Visioni pericolose (Londra: Victor Gollancz, 1987)
  189. ^ "Approcci critici alla fantascienza". www.sfcenter.ku.edu. Recuperato 4 aprile 2019.
  190. ^ "Qual è lo scopo delle storie di fantascienza? | Progetto Geroglifico". geroglifico.asu.edu. Recuperato 4 aprile 2019.
  191. ^ "Indice". www.depauw.edu. Recuperato 4 aprile 2019.
  192. ^ "Studi di fantascienza su JSTOR". Recuperato 4 aprile 2019.
  193. ^ "Science Fiction Research Association - Informazioni su". www.sfra.org. Recuperato 4 aprile 2019.
  194. ^ "Informazioni su: Science Fiction Foundation". Fondazione di fantascienza. Recuperato 3 aprile 2019.
  195. ^ "Inglese: Master in studi di fantascienza - Panoramica - Corsi post-laurea - Università di Liverpool". www.liverpool.ac.uk. Recuperato 4 aprile 2019.
  196. ^ "Gunn Center for the Study of Science Fiction". Gunn Center for the Study of Science Fiction. Recuperato 4 aprile 2019.
  197. ^ "BCLS: fantascienza hard contro soft".
  198. ^ un b "Dieci autori sul dibattito sulla fantascienza" duro "e" leggero "". 20 febbraio 2017.
  199. ^ Wilde, Fran (21 gennaio 2016). "Come ti piace la tua fantascienza? Dieci autori pesano sulla fantascienza" dura "e quella" leggera "". Tor.com. Recuperato 4 aprile 2019.
  200. ^ "Ursula K. Le Guin ha dimostrato che la fantascienza è per tutti". 24 gennaio 2018.
  201. ^ Browne, Max. "Holst, Theodor Richard Edward von (1810-1844)". Dizionario Oxford of National Biography (ed. in linea). La stampa dell'università di Oxford. doi:10.1093 / rif: odnb / 28353. (Abbonamento o Appartenenza alla biblioteca pubblica del Regno Unito necessario.)
  202. ^ Bennett, An Introduction, IX – XI, 120–21; Schor, Introduzione a Cambridge Companion, 1–5; Seymour, 548-61.
  203. ^ Ludwig von Mises (1944). Burocrazia, New Haven, CT: Yale University Press, p 110
  204. ^ "100 migliori romanzi". Casa casuale. 1999. Recuperato 23 giugno 2007. Questa classifica è stata del Comitato editoriale della biblioteca moderna degli autori.
  205. ^ McCrum, Robert (12 ottobre 2003). "I 100 più grandi romanzi di tutti i tempi". Custode. Londra. Recuperato 10 ottobre 2012.
  206. ^ "BBC - The Big Read". BBC. Aprile 2003, URL consultato il 26 ottobre 2012
  207. ^ Allen, William R. "Una breve biografia di Kurt Vonnegut". Biblioteca commemorativa di Kurt Vonnegut. Archiviato da l'originale il 18 gennaio 2015. Recuperato 14 agosto 2015.
  208. ^ Allen, William R. (1991). Capire Kurt Vonnegut. Pressa dell'Università della Carolina del Sud. ISBN 978-0-87249-722-1.
  209. ^ Banach, Je (11 aprile 2013). "Ridere in faccia alla morte: una tavola rotonda di Vonnegut". The Paris Review. Recuperato 13 agosto 2015.
  210. ^ Jonas, Gerald (6 giugno 2012). "Ray Bradbury, Master of Science Fiction, muore a 91 anni". Il New York Times. Recuperato 5 giugno 2012.
  211. ^ Barlowe, Wayne Douglas (1987). Guida di Barlowe agli extraterrestri. Società editrice Workman. ISBN 0-89480-500-2.
  212. ^ Baxter, John (1997). "Kubrick Beyond the Infinite". Stanley Kubrick: una biografia. Libri di base. pagg. 199–230. ISBN 0-7867-0485-3.
  213. ^ Gary K. Wolfe e Carol T. Williams, "The Majesty of Kindness: The Dialectic of Cordwainer Smith", Voices for the Future: Essays on Major Science Fiction Writers, Volume 3, Thomas D. Clareson editor, Popular Press, 1983, pagine 53–72.
  214. ^ Barnett, David (28 gennaio 2009). "Fantascienza: il genere che non osa pronunciare il suo nome". Il guardiano. Londra.
  215. ^ Hazelton, Lesley (25 luglio 1982). "Doris Lessing su Femminismo, Comunismo e" Space Fiction "'". Il New York Times. Recuperato 25 marzo 2011.
  216. ^ Galin, Müge (1997). Tra Oriente e Occidente: il sufismo nei romanzi di Doris Lessing. Albany, New York: State University of New York Press. p. 21. ISBN 978-0-7914-3383-6.
  217. ^ Lessing, Doris (1994) [1980]. "Prefazione". Gli esperimenti siriani. Londra: Flamingo. p. 11. ISBN 978-0-00-654721-1.
  218. ^ Donoghue, Denis (22 settembre 1985). "Alice, The Radical Homemaker". Il New York Times. Recuperato 4 luglio 2014.
  219. ^ Le Guin, Ursula K. (1976) "Science Fiction and Mrs Brown", in Il linguaggio della notte: saggi sulla fantasia e la fantascienza, Perennial HarperCollins, edizione rivista 1993; nel Fantascienza in generale (a cura di Peter Nicholls), Gollancz, Londra, 1976; nel Esplorazioni del meraviglioso (a cura di Peter Nicholls), Fontana, Londra, 1978; nel Speculazioni sulla speculazione. Teorie della fantascienza (eds. James Gunn e Matthew Candelaria), The Scarecrow Press, Inc. Maryland, 2005.
  220. ^ Card, O. (2006). "Introduzione". Il gioco di Ender. Macmillan. ISBN 9780765317384.
  221. ^ "Orson Scott Card | Autori | Macmillan". US Macmillan. Recuperato 4 aprile 2019.
  222. ^ Lethem, Jonathan (1998), "Incontri ravvicinati: la promessa dilapidata della fantascienza", Village Voice, Giugno. Ristampato anche in una versione leggermente ampliata con il titolo "Why Can't We All Live Together ?: A Vision of Genre Paradise Lost" nel Rassegna di fantascienza di New York, Settembre 1998, numero 121, volume 11, n. 1.
  223. ^ Benford, Gregory (1998) "Sogni ripieni di significato: Thomas Disch e il futuro della fantascienza", Rassegna di fantascienza di New York, Settembre, numero 121, vol. 11, n. 1
  224. ^ Crisp, Julie (10 luglio 2013). "SESSISMO NELL'EDITORIA DI GENERE: LA PROSPETTIVA DI UN EDITORE". Tor Books. Archiviato da l'originale il 30 aprile 2015. Recuperato 29 aprile 2015. (Visualizza le statistiche complete)
  225. ^ McCown, Alex (6 aprile 2015). "I candidati all'Hugo Award di quest'anno sono una caotica controversia politica". Il A.V. Club. La cipolla. Recuperato 11 aprile 2015.
  226. ^ "Premi". La società mondiale di fantascienza. 10 maggio 2016. Recuperato 4 aprile 2019.
  227. ^ "Nebula Awards". www.fantasticfiction.com. Recuperato 4 aprile 2019.
  228. ^ "The John W. Campbell Award". www.sfcenter.ku.edu. Recuperato 4 aprile 2019.
  229. ^ "Theodore Sturgeon Award". www.sfcenter.ku.edu. Recuperato 4 aprile 2019.
  230. ^ "L'Accademia dei film fantasy e horror di fantascienza". www.saturnawards.org. Recuperato 4 aprile 2019.
  231. ^ "Aurora Awards | Canadian Science Fiction and Fantasy Association". Recuperato 4 aprile 2019.
  232. ^ "La home page del premio Endeavour". osfci.org. Recuperato 4 aprile 2019.
  233. ^ "ASFA". www.asfa-art.org. Recuperato 4 aprile 2019.
  234. ^ "Premi | World Fantasy Convention". Recuperato 4 aprile 2019.
  235. ^ "Premi - Locus Online". Recuperato 4 aprile 2019.
  236. ^ "Convegni". Locus Online. 29 agosto 2017. Recuperato 5 aprile 2019.
  237. ^ "fantascienza | Definizione, esempi e caratteristiche". Encyclopedia Britannica. Recuperato 5 aprile 2019.
  238. ^ Kelly, Kevin. "A History Of The Science Fiction Convention". io9. Recuperato 5 aprile 2019.
  239. ^ "ScifiConventions.com - Directory mondiale delle convenzioni di fantascienza e fantasy - Informazioni sui contro". www.scificonventions.com. Recuperato 5 aprile 2019.
  240. ^ "FenCon XVI - 20-22 settembre 2019 |". www.fencon.org. Recuperato 5 aprile 2019.
  241. ^ Mark A. Mandel, Conomastics: The Naming of Science Fiction Conventions (7–9 gennaio 2010), https://www.ldc.upenn.edu/sites/www.ldc.upenn.edu/files/ads2010-conomastics.pdf
  242. ^ un b c Lawrence Watt-Evans (15 marzo 1988). "Come sono le convenzioni di fantascienza?". Recuperato 17 gennaio 2007.
  243. ^ "The Hugo Awards". Worldcon 75. Recuperato 5 aprile 2019.
  244. ^ "NESFA - New England Science Fiction Association". www.nesfa.org. Recuperato 5 aprile 2019.
  245. ^ "The Science Fiction Book Club (Londra, Regno Unito)". Incontrarsi. Recuperato 5 aprile 2019.
  246. ^ "Denver Science Fiction and Fantasy Book Club". www.denversfbookclub.com. Recuperato 5 aprile 2019.
  247. ^ "Los Angeles Science Fantasy Society". Atlas Obscura. Recuperato 5 aprile 2019.
  248. ^ "Science Fiction Club". lowercolumbia.edu. Recuperato 5 aprile 2019.
  249. ^ un b Glyer, Mike (novembre 1998). "Il tuo club è ancora morto?". File 770 (127).
  250. ^ "Informazioni su SFWA". Science Fiction and Fantasy Writers of America, Inc. Archiviato da l'originale il 24 dicembre 2005. Recuperato 16 gennaio 2006.
  251. ^ un b Wertham, Fredric (1973). Il mondo delle fanzine. Carbondale & Evanston: Southern Illinois University Press.
  252. ^ un b "Fanciclopedia I: C - Circolo cosmico". fanac.org. 12 agosto 1999. Recuperato 17 gennaio 2007.
  253. ^ Lynch, Keith (14 luglio 1994). "La storia della rete è importante". Recuperato 17 gennaio 2007.
  254. ^ "Usenet Fandom - Crisis on Infinite Earths". Recuperato 5 aprile 2019.
  255. ^ "Vincent Docherty discute l'idoneità di Hugo online". File 770. 8 dicembre 2009. Recuperato 5 aprile 2019.
  256. ^ Jackson, Matthew (4 giugno 2013). "11 delle migliori comunità di fantascienza online a cui dovresti iscriverti ora". FILO SYFY. Recuperato 5 aprile 2019.
  257. ^ "The SF Site: The Best in Science Fiction and Fantasy". www.sfsite.com. Recuperato 5 aprile 2019.
  258. ^ "SFcrowsnest". sfcrowsnest.blogspot.com. Recuperato 5 aprile 2019.
  259. ^ Hansen, Rob (13 agosto 2003). "Bibliografia della fanzine britannica". Recuperato 17 gennaio 2007.
  260. ^ Latham, Rob; Mendlesohn, Farah (1 novembre 2014), "Fandom", The Oxford Handbook of Science Fiction, La stampa dell'università di Oxford, doi:10.1093 / oxfordhb / 9780199838844.013.0006, ISBN 9780199838844
  261. ^ Una parola sulle zine e sulla stampa, Biblioteca dell'Università della Georgia, https://www.libs.uga.edu/hargrett/pexhibit/brooks/a%20word%20about%20zines%20and%20printing.pdf
  262. ^ "Zines, E-Zines: The History and Characteristics of Zines, Part I". zinebook.com. Recuperato 5 aprile 2019.
  263. ^ "Storia · Archivio Fanzine". fanzines.lmc.gatech.edu. Recuperato 5 aprile 2019.
  264. ^ "Ansible Home / Links". news.ansible.uk. Recuperato 5 aprile 2019.
  265. ^ "Cultura: Fanzine: SFE: Science Fiction Encyclopedia". www.sf-encyclopedia.com. Recuperato 5 aprile 2019.
  266. ^ un b "Premi Hugo per anno". Gli Hugo Awards. 19 luglio 2007. Recuperato 5 aprile 2019.
  267. ^ "Forrest J Ackerman, 92 anni; ha coniato il termine" Sci-Fi "'". Washingtonpost.com. Recuperato 17 dicembre 2015.
  268. ^ Whittier, Terry (1987). Neo-Fan's Guidebook.[citazione completa necessaria]
  269. ^ Scalzi, John (2005). La guida approssimativa ai film di fantascienza. Guide approssimative. ISBN 9781843535201.
  270. ^ Ellison, Harlan (1998). "Le risposte di Harlan Ellison alle domande dei fan online al ParCon". Recuperato 26 aprile 2006.
  271. ^ Clute, John (1993). ""Sci fi "(articolo di Peter Nicholls)". In Nicholls, Peter (a cura di). Enciclopedia della fantascienza. Orbit / Time Warner Book Group UK.
  272. ^ Clute, John (1993). ""SF "(articolo di Peter Nicholls)". In Nicholls, Peter (a cura di). Enciclopedia della fantascienza. Orbit / Time Warner Book Group UK.
  273. ^ Fi, in Sci; 29 settembre, scrittura |; Commenti, 2016 2. "L'icona di fantascienza Robert Heinlein elenca 5 regole essenziali per guadagnarsi da vivere come scrittore". Cultura aperta. Recuperato 30 marzo 2019.CS1 maint: nomi numerici: lista autori (collegamento)
  274. ^ Bunzl, Martin (Giugno 2004). "Storia controfattuale: una guida per l'utente". American Historical Review. 109 (3): 845–858. doi:10.1086/530560. Archiviato da l'originale il 13 ottobre 2004. Recuperato 2 giugno 2009.
  275. ^ un b Westfahl, Gary (2005). "Aliens in Space". Nel Gary Westfahl (ed.). The Greenwood Encyclopedia of Science Fiction and Fantasy: Themes, Works, and Wonders. Vol. 1. Westport, Connecticut .: Greenwood Press. pagg. 14–16. ISBN 978-0-313-32951-7.
  276. ^ Parker, Helen N. (1977). Temi biologici nella fantascienza moderna. UMI Research Press.
  277. ^ Card, Orson Scott (1990). Come scrivere fantascienza e fantasy. Writer's Digest Books. p.17. ISBN 978-0-89879-416-8.
  278. ^ Peter Fitting (2010), "Utopia, distopia e fantascienza", in Gregory Claeys (a cura di), The Cambridge Companion to Utopian Literature, Cambridge University Press, pagg. 138–139
  279. ^ Hartwell, David G. (1996). Age of Wonders: Exploring the World of Science Fiction. Tor Books. pagg. 109–131. ISBN 978-0-312-86235-0.
  280. ^ Ashley, M. (aprile 1989). Il professore immortale, Astro Adventures No.7, p.6.
  281. ^ H. G. Stratmann (14 settembre 2015). Usare la medicina nella fantascienza: la guida dello scrittore di fantascienza alla biologia umana. Springer, 2015. p. 227. ISBN 9783319160153.

Fonti

link esterno

Pin
Send
Share
Send