Katowice - Katowice

Da Wikipedia, L'Enciclopedia Libera

Pin
Send
Share
Send

Katowice

Katowicy  (Slesia)
Katowice Rynek.jpgSpodek.4.jpg
KATOWICE, AB. 122.JPGMOs810 WG 23 2016 (Zaglebiowskie Zakamarki) (Moderus Rynek Katowice) .jpg
Muzeum Slaskie w Katowicach.jpgWK15 Katowice (6) Lichen99.jpg
Stemma di Katowice
Stemma
Katowice si trova nel Voivodato della Slesia
Katowice
Katowice
Posizione di Katowice in Provincia della Slesia a metà sud Polonia
Katowice si trova in Polonia
Katowice
Katowice
Katowice (Polonia)
Coordinate: 50 ° 15′30 ″ N 19 ° 01′39 ″ E / 50.25833 ° N 19.02750 ° E / 50.25833; 19.02750
Nazione Polonia
Voivodato Slesia
conteacontea della città
StabilitoXVI secolo - 1598 prime informazioni ufficiali
Diritti della città1865
Governo
• SindacoMarcin Krupa
La zona
• Città164.67 km2 (63,58 miglia quadrate)
• Metro
5.400 km2 (2.100 miglia quadrate)
Elevazione massima
352 m (1.155 piedi)
Elevazione più bassa
266 m (873 piedi)
Popolazione
 (31 dicembre 2019)
• Città292,774 Diminuire (11 °)[1]
• Densità1.780 / km2 (4.600 / sq mi)
 • Urbano
2,710,397
 • Metro
5,294,000[2]
Fuso orarioUTC + 1 (CET)
• Estate (DST)UTC + 2 (CEST)
Codice postale
Da 40-001 a 40–999
Prefissi+48 32
Registrazione del veicoloSK
Sito webwww.katowice.Unione Europea

Katowice (UK: /ˌKætəˈviotSə/ KAT-ə-VEET-sə,[3] NOI: /ˌKɑːt-/ KAHT-,[4] Polacco:[katɔˈvitsɛ] (A proposito di questo suonoascolta); Slesia: Katowicy; Tedesco: Kattowitz) è una città nel sud Polonia, la capitale del Regione della Slesiae un centro di Metropoli dell'Alta Slesia e del bacino del Dąbrowa. Con una popolazione di 292.774 abitanti (a partire dal 2019),[1] è l'undicesima città più grande della Polonia. Il più ampio Area urbana di Katowice ha una popolazione di circa 2-3 milioni di persone.

Per tutta la metà del XVIII secolo, Katowice si era sviluppata in un villaggio alla scoperta di ricche riserve di carbone nella zona. Nel 1742 il Prima guerra di Slesia trasferito Alta Slesia, compreso Katowice, a Prussia. Successivamente, dalla seconda metà del XVIII secolo, molti artigiani, mercanti e artisti tedeschi o prussiani iniziarono a stabilirsi nella regione, abitata principalmente da Polacchi negli ultimi centinaia di anni. Contemporaneamente la Slesia ha sperimentato l'afflusso dei primi coloni ebrei. Nella prima metà del XIX secolo, intensivo industrializzazione trasformò mulini e fattorie locali in industriali acciaierie, miniere, fonderie e botteghe artigiane. Ciò contribuì anche alla costituzione di società e all'eventuale rapida crescita della città.[5] Allo stesso tempo, Katowice fu collegata al sistema ferroviario con il primo treno che arrivò alla stazione principale nel 1847.[6]

Lo scoppio di prima guerra mondiale era favorevole per Katowice a causa della prospera industria dell'acciaio.[7] Dopo la sconfitta della Germania e il Insurrezioni slesiane, Katowice e parti dell'Alta Slesia furono annesse dal Seconda Repubblica Polacca.[8] La Polonia è stata poi sostenuta dal Convenzione di Ginevra e il minoranza etnica della Slesia. Il 3 maggio 1921, l'esercito polacco entrò a Katowice e l'amministrazione polacca prese il controllo. La città divenne la capitale degli autonomi Voivodato di Slesia così come la sede del Parlamento della Slesia e Comitato dell'Alta Slesia. Dopo il plebiscito, molti ex cittadini tedeschi sono emigrati; tuttavia, una vivace comunità tedesca rimase fino alla fine del seconda guerra mondiale. Nel 1939, dopo il Wehrmacht sequestrato la città, Katowice e le province sono state incorporate nel Terzo Reich. La città fu infine liberata dall'esercito sovietico il 27 gennaio 1945.[9]

Katowice è un centro di scienza, cultura, industria, affari, commercio e trasporti Alta Slesia e la Polonia meridionale, e la città principale in Regione industriale dell'Alta Slesia. Katowice si trova all'interno di un file zona urbana, con una popolazione di 2.746.460 secondo Eurostat,[10] e anche parte del più ampio Area metropolitana della Slesia, con una popolazione di 5.008.000 secondo il Brookings Institution[11] o 5.294.000 secondo il Rete europea di osservazione della pianificazione spaziale.[2]

Nel 2020, la città è classificata come a Gamma - città globale dal Globalizzazione e rete di ricerca sulle città del mondo[12] ed è considerata una metropoli emergente.[13] L'intera area metropolitana è il 16a città economicamente più potente per PIL nel Unione europea con una produzione pari a $ 114,5 miliardi.[14]

Katowice è la sede del Sinfonia e orchestra della radio nazionale polacca. Ospita anche le finali di Intel Extreme Masters, un Esports torneo di videogiochi. Nel 2015, Katowice è entrato a far parte del UNESCO Rete delle città creative ed è stato nominato un UNESCO Città della musica.[15]

Storia

Il Grande Sinagoga a Katowice fu distrutta dal Nazisti tedeschi durante invasione della Polonia il 4 settembre 1939

L'area intorno a Katowice, in Alta Slesia, è stato abitato da etnia Slesia polacca dalla sua prima storia documentata.[16] Inizialmente era governata dai polacchi Piast della Slesia dinastia fino alla sua estinzione.[5] L'insediamento dell'area che circonda Katowice risale alla fine del XII secolo. Dal 1138, il Bytom la castellany comprendeva i territori in cui si trova ora Katowice. Nel 1177 le terre furono legalmente cedute dal Duca Casimiro II il Giusto a suo nipote Mieszko I Tanglefoot; questo giustificava la loro incorporazione nelle province medievali della Slesia. A cavallo del XIV secolo, furono chiamati nuovi villaggi Bogucice, Ligota, Szopenice e Podlesie sono stati stabiliti, così come il villaggio di Tamponare, citato nel 1299 in un documento emesso dal duca Casimiro di Bytom.

Dal 1327, la regione era sotto l'amministrazione ceca come parte del Regno di Boemia. In documenti storici risalenti al 1468 si faceva riferimento all'insediamento di Podlesie, che, attualmente, è uno dei distretti della città, mentre il villaggio di Katowice (o "Katowicze" nei documenti più antichi) è stato menzionato per la prima volta nell'anno 1598. Gli storici presumono che Katowice sia stata fondata sulla riva destra del Fiume Rawa di Andrzej Bogucki intorno al 1580.

Acciaierie di Baildon, XIX secolo

Nel 1598 un villaggio chiamato Villa Nova è stato anche documentato che si trovava nell'area ora occupata dalla città di Katowice. A questo punto il territorio era cambiato dalla corona boema al dominio del Dinastia degli Asburgo austriaca.[17]

Kattowitz ha guadagnato stato della città nel 1865 in Prussia Provincia della Slesia.[16] La città fiorì grazie ai grandi depositi di minerali (soprattutto carbone) nelle montagne vicine. La crescita e la prosperità della città dipendevano dalle industrie dell'estrazione del carbone e dell'acciaio, che decollarono durante il Rivoluzione industriale. La città era abitata principalmente da Tedeschi, Slesiani, Ebrei e Polacchi. Nel 1884, 36 ebrei sionista i delegati si sono incontrati qui, formando il Hovevei Zion movimento. Precedentemente parte del distretto di Beuthen, nel 1873 divenne la capitale del nuovo Distretto di Kattowitz. Il 1 aprile 1899 la città fu separata dal quartiere, diventando un città indipendente.

Via Maja 3 è una delle principali passeggiate della città

Sotto il Trattato di Versailles dopo prima guerra mondiale, il Plebiscito dell'Alta Slesia è stato organizzato da Lega delle Nazioni. Sebbene Kattowitz abbia votato 22.774 per rimanere in Germania e 3.900 per la Polonia,[18] è stato annesso alla Polonia poiché il distretto più grande ha votato 66.119 per la Polonia e 52.992 per la Germania.[19] Seguendo il Insurrezioni slesiane del 1918-1921 Katowice divenne parte del Seconda Repubblica Polacca con una certa autonomia per il Parlamento della Slesia come collegio elettorale e il Consiglio del Voivodato di Slesia come organo esecutivo).

Durante le prime fasi di seconda guerra mondiale e il Campagna di Polonia, Katowice è stata sostanzialmente abbandonata, poiché il Esercito polacco doveva posizionarsi intorno Cracovia. Sotto il nazista occupazione molti dei monumenti storici e iconici della città furono distrutti, in particolare il Grande sinagoga di Katowice, che fu rasa al suolo il 4 settembre 1939. Seguì l'alterazione dei nomi delle strade e l'introduzione di regole severe. Inoltre, l'uso di polacco nelle conversazioni pubbliche era vietato. L'amministrazione tedesca era anche famigerata per aver organizzato esecuzioni pubbliche di civili[20] e verso la metà del 1941, la maggior parte della popolazione polacca ed ebraica fu espulsa. Alla fine, Katowice fu occupata dal Armata Rossa nel gennaio 1945. Parti significative del centro e della periferia interna furono demolite durante l'occupazione. Questo, tuttavia, non può essere paragonato con Varsavia, dove il livello di distruzione ha raggiunto l'85%.[21] Di conseguenza, le autorità furono in grado di preservare il distretto centrale nel suo carattere prebellico.

Il periodo del dopoguerra di Katowice è stato caratterizzato dal periodo di sviluppo dell'industria pesante nella regione dell'Alta Slesia, che ha aiutato la città a riconquistare il suo status di città polacca più industrializzata e un importante centro amministrativo. Mentre la città si sviluppava così rapidamente, gli anni '50 segnarono un aumento significativo della sua popolazione e un afflusso di migranti dal Borderlands orientali, il cosidetto Kresy. L'area della città iniziò a espandersi rapidamente incorporando i comuni e le contee limitrofe. Tuttavia, la fiorente città industriale ha avuto anche un periodo buio nella sua breve ma significativa storia. In particolare, tra il 7 marzo 1953 e il 10 dicembre 1956, fu chiamata Katowice Stalinogród in onore di Joseph Stalin, leader del Unione Sovietica.[22] La modifica è stata attuata con decreto del Consiglio di Stato.[23] La data dell'alterazione del nome della città non era né una coincidenza né un accidente come accadde il giorno della morte di Stalin. In questo modo, il Partito comunista polacco e l'autorità socialista hanno voluto rendere omaggio al dittatore. Il nuovo nome mai stato accettato dai cittadini e nel 1956 fu ripristinato l'antico nome polacco.[24]

Centro Conferenze Internazionale di Katowice
Il centro di Katowice con il suo quartiere dello shopping

I decenni successivi furono più memorabili nella storia di Katowice. Indipendentemente dalla sua importanza industriale, iniziò a diventare un importante centro culturale ed educativo nell'Europa centrale e orientale. Nel 1968 il Università della Slesia, il college più grande e apprezzato della zona, è stato fondato. Contemporaneamente iniziò ad evolversi la costruzione di grandi complessi residenziali. Inoltre, molte strutture rappresentative furono erette in quel momento, tra cui il Monumento degli insorti della Slesia (1967) e Spodek (1971), che sono diventati punti di riferimento familiari e attrazioni turistiche. Gli anni '60 e '70 hanno visto l'evoluzione di architettura modernista e funzionalismo. Alla fine Katowice divenne una delle città polacche più moderniste del dopoguerra.

Uno degli eventi più drammatici nella storia della città si è verificato il 16 dicembre 1981. Fu allora che 9 manifestanti morirono (7 furono uccisi a colpi d'arma da fuoco; 2 morirono per complicazioni di lesioni) e altri 21 furono ferito nella pacificazione della miniera di carbone di Wujek. Il Plotone Speciale delle Riserve Motorizzate della Milizia Cittadina (ZOMO) era responsabile del trattamento brutale degli scioperanti che protestavano contro Wojciech Jaruzelskidichiarazione di legge marziale e l'arresto di Solidarietà sindacale funzionari. Nel decimo anniversario dell'evento, il presidente della Polonia ha inaugurato un memoriale Lech Wałęsa.

Nel 1990 le prime elezioni amministrative democratiche che si sono svolte hanno segnato un nuovo periodo nella storia della città. L'economia di Katowice si è trasformata dall'industria pesante delle miniere di acciaio e carbone in "una delle aree di investimento più attraenti per i rami dell'economia moderna dell'Europa centrale".[25] Recentemente, le infrastrutture efficienti della città, i rapidi progressi nello sviluppo complessivo e un aumento degli spazi per uffici hanno reso Katowice un luogo popolare per condurre gli affari. Il Katowice Expo Center (Katowickie Centrum Wystawiennicze) organizza fiere o mostre e attira investitori da tutto il mondo.[26]

Geografia

Katowice è una città in Alta Slesia nel sud Polonia, sul Kłodnica e Rawa fiumi (affluenti del Oder e il Vistola rispettivamente). È nel Altopiani della Slesia, a circa 50 km (31 miglia) a nord di Beschidi di Slesia (parte di Monti Carpazi) e circa 100 km (62 miglia) a sud-est di Sudeti Montagne. Katowice è nel Katowice Highlands, parte di Altopiani della Slesia, nella parte orientale di Alta Slesia, nella porzione centrale del Bacino carbonioso dell'Alta Slesia. Katowice è un comunità urbana nel Voivodato di Slesia nel sud-ovest della Polonia. È il quartiere centrale di Metropoli della Slesia—Una metropoli con una popolazione di due milioni di abitanti. Confina con le città di Chorzów, Siemianowice Śląskie, Sosnowiec, Mysłowice, Lędziny, Tychy, Mikołów, Ruda Śląska e Czeladź. Si trova tra il Vistola e Oder fiumi. Diversi fiumi scorrono attraverso la città, i due principali sono il Kłodnica e Rawa. Entro 600 km (370 miglia) da Katowice ci sono le capitali di sei paesi: Berlino, Vienna, Praga, Bratislava, Budapest e Varsavia.

Clima

Katowice ha un clima temperato, oceanico clima continentale umido (Classificazione climatica di Köppen: Dfb / Cfb). La temperatura media è di 8,2 ° Celsius (-2,0 ° C (28 ° F) a gennaio e fino a 18 ° C (64 ° F) a luglio). Le precipitazioni medie annuali sono di 652,8 mm (25,70 pollici). I caratteristici venti deboli soffiano a circa 2 m / s da ovest, il Porta della Moravia.[27]

Dati climatici a Katowice
MeseJanFebMarAprMaggioJunLugAgoSepOttNovDicAnno
Record alto ° C (° F)14.6
(58.3)
18.8
(65.8)
23.0
(73.4)
28.2
(82.8)
32.2
(90.0)
34.6
(94.3)
35.4
(95.7)
37.2
(99.0)
34.9
(94.8)
26.6
(79.9)
22.5
(72.5)
18.2
(64.8)
37.2
(99.0)
Media alta ° C (° F)0.9
(33.6)
2.5
(36.5)
7.4
(45.3)
13.4
(56.1)
18.7
(65.7)
21.5
(70.7)
23.4
(74.1)
23.2
(73.8)
18.6
(65.5)
13.5
(56.3)
6.8
(44.2)
2.2
(36.0)
12.7
(54.8)
Media giornaliera ° C (° F)−2.0
(28.4)
−1.1
(30.0)
2.9
(37.2)
8.1
(46.6)
13.2
(55.8)
16.3
(61.3)
17.9
(64.2)
17.5
(63.5)
13.3
(55.9)
8.7
(47.7)
3.5
(38.3)
−0.5
(31.1)
8.2
(46.7)
Media bassa ° C (° F)−5.3
(22.5)
−4.7
(23.5)
−1.5
(29.3)
2.5
(36.5)
7.1
(44.8)
10.5
(50.9)
12.2
(54.0)
11.8
(53.2)
8.1
(46.6)
4.1
(39.4)
0.2
(32.4)
−3.5
(25.7)
3.5
(38.2)
Record basso ° C (° F)−31.0
(−23.8)
−30.0
(−22.0)
−21.0
(−5.8)
−8.2
(17.2)
−4.0
(24.8)
0.0
(32.0)
4.8
(40.6)
1.7
(35.1)
−2.0
(28.4)
−9.0
(15.8)
−16.3
(2.7)
−24.4
(−11.9)
−31.0
(−23.8)
Media precipitazione mm (pollici)32.8
(1.29)
34.5
(1.36)
36.7
(1.44)
49.6
(1.95)
62.9
(2.48)
79.9
(3.15)
90.7
(3.57)
65.5
(2.58)
58.4
(2.30)
52.1
(2.05)
48.1
(1.89)
41.6
(1.64)
652.8
(25.7)
Giorni con precipitazioni medie11.911.611.911.911.813.412.310.911.111.313.313.9145.3
Fonte: climatebase.ru[28]

Quartieri

Katowice jednostki pomocnicze.png
I. Distretto centrale
II. Distretto settentrionale
III. Distretto occidentale
IV. Distretto orientale
V. Distretto meridionale

Demografia

Popolazione storica
AnnoPop.±%
1783 294—    
1845 1,326+351.0%
1870 6,780+411.3%
1897 25,000+268.7%
1910 43,173+72.7%
1924 112,822+161.3%
1939 134,000+18.8%
1945 107,735−19.6%
1950 175,496+62.9%
1955 199,907+13.9%
1960 269,926+35.0%
1970 305,000+13.0%
1980 355,117+16.4%
1987 368,621+3.8%
1997 348,974−5.3%
2009 308,724−11.5%
2015 299,910−2.9%
2017 297,197[29]−0.9%

Attualmente, la città di Katowice è abitata principalmente da Polacchi ed etnico Slesiani, ma anche da diverse minoranze di tedeschi, Cechi e Moravi.[30] Ciò rende la regione anche culturalmente e religiosamente diversa. Negli anni questa diversità si è fortemente riflessa su architetture locali come caseggiato abitazioni e edifici statali. Il recente censimento polacco ha mostrato che i Slesiani sono la più grande minoranza etnica in Polonia, con i tedeschi che sono i secondi nella lista. Entrambe queste minoranze vivono principalmente nella regione della Slesia. È, quindi, la provincia più multiculturale e voivodato della Polonia.

Prima del Seconda guerra mondiale, Katowice era abitata principalmente da polacchi e tedeschi. Il censimento demografico della Slesia del 1905 ha dimostrato che i tedeschi costituivano quasi il 75% della popolazione totale. Dopo la sconfitta della Germania nel 1945, la grande maggioranza tedesca fu costretta a fuggire. La maggior parte dei cittadini prebellici (esclusi i polacchi) furono espulsi violentemente dalle nuove autorità. Ciò ha provocato un folto gruppo di Slesia esiliati che vivevano nella Germania odierna, creando una nuova associazione di Landsmannschaft Schlesien. Uno dei suoi portavoce e leader più importanti è stato il Unione Democratica Cristiana politico Herbert Hupka.[30]

Durante la guerra, l'occupante nazista ha commesso gravi crimini contro la popolazione locale Comunità zingare ed ebraiche. La maggior parte di loro alla fine fu uccisa o trasportata da carri bestiame campi di concentramento ad esempio Auschwitz per lo sterminio completo.[31] Ciò ha portato a un calo della popolazione tra il 1939 e il 1945.

Conurbazione

Katowice si trova al centro della più grande conurbazione della Polonia, una delle più grandi in l'Unione Europea, numerando circa 2,7 milioni. Il Area urbana di Katowice consiste di circa 40 città e paesi adiacenti, il tutto Area metropolitana della Slesia (principalmente all'interno di Bacino carbonioso dell'Alta Slesia) oltre 50 città o paesi. Il area metropolitana ha una popolazione di 5.294.000 abitanti. Nel 2006, Katowice e 14 città adiacenti si sono unite come il Metropoli dell'Alta Slesia. La sua popolazione è di 2 milioni e la sua superficie è di 1.104 km². Nel 2006-2007 l'unione pianificò di unire queste città in una città sotto il nome di "Silesia", ma ciò si rivelò infruttuoso.[32]

La conurbazione di Katowice comprende insediamenti che si sono evoluti a causa dell'estrazione di minerali metallici, carbone e materiali rocciosi grezzi.[33] L'istituzione dell'industria mineraria e pesante che si sono sviluppate nei secoli passati ha portato al carattere unico del paesaggio urbano; i suoi aspetti tipici sono i complessi residenziali in mattoni rossi[34] costruito per la classe operaia più povera, ciminiere delle fabbriche, impianti di produzione, centrali elettriche e cave. Gli abitanti di una grande comunità mineraria come Katowice e le amministrazioni locali all'interno della conurbazione, che si sono evolute solo a causa dell'estrazione mineraria, sono soggette a un declino generale dopo la liquidazione delle miniere di carbone e delle fabbriche. Questo è uno dei motivi che hanno portato allo sviluppo del settore dei servizi, compresi gli uffici, i centri commerciali e il turismo.

Górnośląski Związek Metropolitalny.svg
QuartierePopolazione[29] (30 giugno 2017)Area (km²)Densità (km²)
Katowice297,197164.671,896
Sosnowiec204,95891.062,444
Gliwice181,715133.881,474
Zabrze175,01680.402,352
Bytom168,96869.442,661
Ruda Śląska138,75477.731,860
Tychy128,19181.641,590
Dąbrowa Górnicza121,387188.73682
Chorzów109,15133.243,420
Jaworzno92,215152.67626
Mysłowice74,60065.751,139
Siemianowice Śląskie67,71025.52,809
Piekary Śląskie55,82039.981,477
Świętochłowice50,52913.314,097

Architettura

Katowice non è nato come medievale cittadina. Il centro della città iniziò a formarsi a metà del XIX secolo, quando faceva parte del Regno di Prussia e aveva una maggioranza etnica tedesca. Gli edifici dell'epoca sono decorati in uno stile eclettico (principalmente Rinascimento con elementi di Barocco) ed elementi di Art Nouveau stile (polacco: secesja). Alla fine del diciannovesimo secolo il centro veniva definito una "piccola Parigi" a causa della presenza di case popolari.[35] Esempi di Modernismo, particolarmente Stile internazionale e Bauhaus architettura ispirata, coesistono ancora con i moderni edifici per uffici nel centro di Katowice. Tra gli anni Cinquanta e Ottanta furono costruiti molti condomini socialisti intorno alla periferia interna. Esempi notevoli di quel periodo includono un complesso di arena polivalente chiamato Spodek e parti di Koszutka quartiere.[36]

Katowice è una delle poche città in Polonia dove sono presenti quasi tutti gli stili architettonici. Ad esempio, il file Piazza del mercato a Katowice (Polacco: Rynek Katowicki) è circondato dalla stragrande maggioranza di edifici e edifici che rappresentano stili come neoclassicismo, modernismo, realismo socialista e contemporaneo-moderno. Alcuni caseggiati hanno neogotico elementi, che sono un eccezionale esempio di questo tipo nell'Europa centrale e orientale. I contorni delle strade, soprattutto all'interno dei quartieri interni più antichi, assomigliano molto a quelli di Parigi. Furono istituiti viali e passeggiate di rappresentanza nonostante il forte carattere industriale della città. Questi, tuttavia, adornavano per lo più il centro della città e non i sobborghi esterni della classe operaia.

Sfortunatamente molti vecchi edifici maestosi furono demoliti negli anni '50 per fare spazio a blocchi monumentali moderni. Tra le altre ragioni della loro distruzione vi fu l'immenso dettaglio architettonico che un tempo rappresentava la ricchezza degli industriali e dei proprietari immobiliari locali. Questo in particolare non si adattava al Autorità socialista-comunista al momento.

Oggi, il mercato e diverse strade vicine con lo shopping passeggiate sono chiusi al traffico.

Attrazioni turistiche

  • Piazza del mercato e strade adiacenti: Warszawska, Teatralna, Dyrekcyjna, Staromiejska, Dworcowa, św. Jana, Pocztowa, Wawelska, 3 Maja, Stawowa, Mielęckiego, Starowiejska e Mickiewicza, la cosiddetta "Grande Piazza del Mercato di Katowice" o "Città vecchia di Katowice": molti edifici storici (monumenti). Questo è un gruppo di funzionale-architettonico. Sulla piazza del mercato e sulla maggior parte delle strade sopra menzionate ci sono divieti o restrizioni per le auto. Strade: Staromiejska, Dyrekcyjna, Wawelska, Stawowa e Warszawska è rivestito decorativo ciottoli creando un file zona pedonale. L'autorità ha in programma di Katowice — Vie del quartiere: św. Jana, Dworcowa, Mariacka, Mielęckiego, Stanisława e Starowiejska diventeranno così "la piccola piazza del mercato".[37]
  • Nikiszowiec - insediamento storico di Katowice, candidato all'UNESCO
  • Cattedrale di Cristo Re
  • Chiesa di Santa Maria
  • Chiesa della Resurrezione, Evangelical-Augsburg, costruito nel 1856–1858
  • Chiesa di San Michele Arcangelo, la chiesa più antica della città, costruita nel 1510
  • Drapacz Chmur, uno dei primi grattacieli d'Europa
  • Parlamento della Slesia, costruito nel 1925-1929. Per molto tempo è stata la struttura più grande della Polonia
  • Città vecchia modernista
  • Spodek (un grande centro sportivo/sala concerti, il cui nome si traduce come "piattino", dalla sua forma distintiva che ricorda a Disco volante UFO)
  • Centro di informazione scientifica e Biblioteca accademica
    Monumento agli insorti della Slesia (Polacco: Pomnik Powstańców Śląskich), il monumento più grande e pesante della Polonia. È una combinazione armoniosa di architettura e scultura con un simbolismo appropriato: le ali simboleggiano le tre rivolte della Slesia 1919-1920-1921 mentre i nomi dei luoghi che erano campi di battaglia sono incisi sui pendii verticali. Il monumento, che è stato finanziato dal popolo di Varsavia per l'Alta Slesia, è considerato il punto di riferimento di Katowice.
  • Teatro della Slesia, costruito nel 1907
  • Rialto Cinetheater, costruito nel 1912
  • Museo della Slesia, costruito nel 1899
  • Vecchia stazione ferroviaria di Katowice, costruito nel 1906
  • Il Palazzo Goldstein
  • Il Palazzo Załęże
  • Torre dei paracadutisti - una torre a traliccio alta 50 m (160 ft) è stata costruita nel 1937 per l'addestramento dei paracadutisti. È stata utilizzata nei primi giorni della seconda guerra mondiale ed è l'unica torre per paracadutisti in Polonia.

Altro:

Economia

Centro della città della Slesia - un grande centro commerciale a Katowice. Situato sopra l'ex miniera di carbone "Gottwald"

Nonostante le dimensioni relativamente ridotte, Katowice è uno dei principali centri industriali, commerciali e finanziari della Polonia.

Katowice gode di un mercato del lavoro molto forte. Nonostante sia l'undicesima città in Polonia in termini di popolazione, Katowice è il settimo numero di occupati, con 171.839 posizioni a tempo pieno nel 2019. Katowice è anche seconda solo a Varsavia per numero di pendolari provenienti da altri comuni per lavorare in città , 113.830 pendolari per andare al lavoro a Katowice.[38] Il tasso di disoccupazione a Katowice è regolarmente tra i più bassi del paese e ad agosto 2020 è il più basso in Polonia con l'1,5% (3.300 disoccupati).[39] Nel 2018, Katowice aveva il decimo stipendio più alto in Polonia, con una media di 5.698,98 PLN.[40]

Katowice ha trasformato la sua economia da industria pesante a servizi professionali, istruzione e sanità. A partire dal 2020, è classificata come Gamma-city globale secondo Globalizzazione e rete di ricerca sulle città del mondo, alla pari con Poznan, Cleveland o Bilbao.[41]

Industria

Fin dalla sua creazione, lo sviluppo di Katowice è stato strettamente connesso all'industria pesante, in particolare all'estrazione del carbone, alle acciaierie e alla produzione di macchine. Nel 1931, il 49,5% degli abitanti lavorava nell'industria e il 12,5% nella sola estrazione del carbone. Nel 1989 l'industria rappresentava il 36% di tutti i posti di lavoro nella città (112.000 dipendenti). Nel 2018, 34.294 persone lavoravano nell'industria a Katowice, il 20,4% del totale, al di sotto della media nazionale.

La prima miniera di carbone segnalata a Katowice (Murcki miniera di carbone) è stata fondata nel 1740 e nel 1769 la costruzione Emanuelssegen il mio è iniziato. Poiché la domanda di carbone continuava ad aumentare nel Regno di Prussia, furono aperte ulteriori miniere: Beata (1801), Ferdinando (1823), Kleofas (1845). Successivamente, nel XIX e all'inizio del XX secolo, furono aperte ulteriori miniere: Katowice, Wujek, Eminenz (successivamente rinominato Gottwald e si è fusa con Kleofas), Wieczorek, Boże Dary, Staszic e rinnovato Murcki. Attualmente due restano in funzione: Wujek (chiusura prevista nel 2021) e Murcki-Staszic. Katowice è anche la sede di Polska Grupa Górnicza, la più grande società di estrazione del carbone in Europa.

La metallurgia era un'altra parte importante dell'economia di Katowice. Nel 1863 una dozzina di stabilimenti per la metallurgia dello zinco furono segnalati a Katowice, con Wilhelmina (fondata nel 1834) è il più grande. All'inizio del 1900, Wilhelmina (successivamente rinominato Huta Metali Niezależnych Szopienice) è stato ampliato e divenne il più grande produttore della Slesia di metalli non ferrosi e il più grande produttore mondiale di cadmio. In città esistevano due grandi acciaierie: Huta Baildon, fondata nel 1823 dall'ingegnere e industriale scozzese John Baildon (dichiarato fallimento nel 2001), e Huta Ferrum, fondata nel 1874 e operante fino ad oggi con capacità limitata.

Affari e commercio

In seguito al crollo dell'industria pesante alla fine del XX secolo, Katowice ha dovuto trasformare la sua economia verso settori più moderni. Di conseguenza, Katowice è una grande azienda, conferenza e commercio leale centro.

Katowice è sede di 18 società per azioni quotate in Borsa di Varsavia, con un valore di mercato totale di 24,2 miliardi di PLN a partire dal 2016, di cui il più grande ING Bank Śląski.[42] A partire dal 2019, 38 società di Katowice figurano nell'elenco delle 2000 più grandi imprese in Polonia secondo Rzeczpospolita, con il più grande Tauron Polska Energia S.A. (10 ° posto).[43] Nel 2012, 44.050 società erano registrate a Katowice, quasi il 10% di tutte le società del Voivodato di Slesia.

La vendita al dettaglio è un settore molto forte a Katowice. La città ospita numerosi centri commerciali e grandi magazzini, con Centro della città della Slesia e Galeria Katowicka è il più grande. Silesia City Center, situato in una campo Marrone al posto di un'ex miniera di carbone, è il più grande centro commerciale in Polonia se si considera il numero di negozi (310 marchi diversi)[44] e 7 ° più grande in termini di superficie commerciale in affitto (86.000 mq).[45] Fa anche parte di un più ampio complesso di rivitalizzazione, che comprende anche un complesso di appartamenti e uffici (in costruzione a partire da ottobre 2020).

Katowice è anche la sede di Katowice Zona economica speciale (Katowicka Specjalna Strefa Ekonomiczna).

Cultura

Katowice è il centro culturale dell'intero Agglomerato della Slesia abitato da oltre due milioni di persone e uno dei principali luoghi culturali in Polonia.[46] Soprattutto, è una città che ospita alcuni dei più grandi eventi teatrali e teatrali. Ciò include anche ospitare riunioni e mostre, nonché eventi cinematografici e musicali. Festival musicali annuali come il Rawa Blues, il Tauron New Music Festival, il Silesian Jazz Festival, il Mayday Festival e altri concerti, che attirano ogni anno centinaia di migliaia di turisti da tutto il paese. Katowice ospita temporaneamente anche il OFF Festival, il più importante evento alternativo in Polonia.[46]

Katowice è la sede di un'azienda di fama internazionale Accademia di musica Karol Szymanowski, così come il Orchestra Sinfonica della Radio Nazionale Polacca. Il Filarmonica di Slesia ha sede anche a Katowice. L'inaugurazione di un nuovo complesso architettonico dell'Orchestra Nazionale della Radio Polacca è avvenuta nel 2014.

Una vetrina per Katowice è la "Camerata Silesia" - un insieme volto a promuovere la città in Polonia e all'estero. Anche la musica classica gioca un ruolo significativo a Katowice e la città diventa ogni anno un luogo per numerosi concerti e festival di musica classica. L'elenco include un Festival Internazionale dei Giovani Vincitori del Concorso Musicale, Concorso internazionale per direttori d'orchestra Grzegorz Fitelberg, Festival di musica da camera, Festival Ars Cameralis e l'opera, le operette e soprattutto il balletto di Katowice. Nel 2010, nell'ambito di Celebrazioni dell'anno Chopin, Katowice ha tenuto l'International Chopin Knowledge Challenge, che si è svolto presso la sala Spodek.

La BWA Contemporary Art Gallery di Katowice, fondata nel 1949, è un'istituzione degna di nota riguardo al Arti contemporanee.[47] Ogni tre anni è responsabile dell'organizzazione della Triennale di arte grafica polacca. Diverse altre gallerie ospitano mostre delle opere di artisti provenienti dall'estero insieme a proiezioni di film, laboratori per bambini e fiere pubbliche. Il Museo della Slesia a Katowice, inaugurato nel 1929, espone opere di famosi e rinomati artisti polacchi come Józef Chełmoński, Artur Grottger, Tadeusz Makowski, Jacek Malczewski, Jan Matejko, Józef Mehoffer e Stanisław Wyspiański.[46]

Elenco delle attrazioni degne di nota:

Nuovo complesso del Museo della Slesia con un originale il mio headframe
Sala espositiva del museo
Uno storico casa a schiera all'angolo di Stawowa e Mickiewicz Strade

Media

Stazioni TV:
stazioni radio:
giornali:

Festival ed eventi

Parchi e piazze

parchi:
piazze:
  • Palmi su Piazza del mercato di Katowice durante le vacanze estive
    Piazza del mercato di Katowice (Rynek w Katowicach)
  • Piazza della Libertà (Plac Wolności)
  • Piazza Andrzej (Plac Andrzeja)
  • Piazza Miarka (Plac Miarki)
  • Piazza del Consiglio d'Europa (Plac Rady Europy)
  • Piazza Alfred (Plac Alfreda)
  • Piazza A. Budniok (Plac A. Brudnioka)
  • Piazza J. Londzin (Plac J. Londzina)
  • Piazza A. Hlond (Plac A. Hlonda)

Riserve naturali e aree ecologiche

  • Riserva naturale Las Murckowski
  • Riserva naturale Ochojec
  • Szopienice-Borki
  • Źródła Kłodnicy
  • Staw Grunfeld
  • Stawy Na Tysiącleciu
  • Płone Bagno

Formazione scolastica

Katowice è un grande centro scientifico. Ha oltre 20 scuole di istruzione superiore, in cui studiano oltre 100.000 persone.

Università della Slesia a Katowice - Facoltà di Giurisprudenza e Amministrazione

Ci sono anche:

Trasporto

Trasporto pubblico

Tram a Katowice
Veturilo biciclette su Mariacka Street

Il pubblico sistema di trasporto di Katowice e Metropoli dell'Alta Slesia consiste di quattro rami: autobus, tram e Filobus uniti in Zarząd Transportu Metropolitalnego (illuminato. Autorità per i trasporti metropolitani)[50] così come il ferrovia regionale (in primis Koleje Śląskie e Przewozy Regionalne). Ulteriori servizi sono gestiti da società private e di proprietà statale linee ferroviarie.

Tram

Slesia Interurbani - uno dei più grandi sistemi di tram del mondo, esistente dal 1894. Si estende per più di 50 chilometri (31 miglia) (est-ovest) e copre 14 distretti del Metropoli dell'Alta Slesia.

Autobus

Strade

Diverse strade importanti nei quartieri di Katowice (USMU):

Aeroporti

La città e la zona sono servite dal Aeroporto internazionale di Katowice, a circa 30 km (19 mi) dal centro della città. Con 3 terminal e oltre 4,8 milioni di passeggeri serviti nel 2018, è di gran lunga il più grande aeroporto della Slesia.[51]

A causa della lunga distanza dall'aeroporto, c'è una proposta per convertire l'aviazione sportiva molto più vicina Aeroporto di Katowice-Muchowiec in un aeroporto cittadino per traffico più piccolo e orientato al business.

Linee ferroviarie

Ferrovia dell'Alta Slesia raggiunse la zona nel 1846. Stazione centrale di Katowice è uno dei principali nodi ferroviari e punti di scambio in Polonia. Ha sostituito il vecchio Stazione ferroviaria storica di Katowice. La città ha collegamenti diretti tra gli altri con Varsavia, Cracovia, Stettino e Gdynia.

Gli sport

Katowice ha una lunga tradizione sportiva e ha ospitato la finale di EuroBasket 2009 e 1975 Campionati Europei Indoor di Atletica Leggera, 1975 Campionati Europei di Pugilato Dilettanti, 1976 Campionati mondiali di hockey su ghiaccio, 1957, 1985 Campionati Europei di Sollevamento Pesi, 1974, 1982 Campionati mondiali di wrestling, 1991 Campionati mondiali di bodybuilding amatoriale, Campionati di pugilato dilettanti dell'Unione europea 2011 femminile, Campionato del mondo maschile FIVB 2014 e altri.

Il Stadio della Slesia è tra Chorzów e Katowice. Era un stadio nazionale della Polonia, con più di 50 partite internazionali di Nazionale di calcio della Polonia ha giocato qui e circa 30 partite in UEFA concorsi. C'erano anche un file Campionato del mondo di Speedway, Speedway Gran Premio d'Europa e molti concerti con star internazionali.

I turisti possono rilassarsi giocando a tennis o squash, facendo sport acquatici anche in barca a vela (ad esempio in Dolina Trzech Stawów), equitazione (in Wesoła Fala e Parco della cultura e del ristoro della Slesia), andare in bicicletta o frequentare uno dei numerosi fitness club ottimamente attrezzati. Vicino al centro città ci sono impianti sportivi come piscine (ad esempio "Bugla", "Rolna") e nei dintorni—Golf corsi (in Siemianowice Śląskie).

Club sportivi

Società sportive defunte:

  • Diana Kattowitz - club di calcio
  • Germania Kattowitz - club di calcio
  • KS Baildon Katowice - vari sport, molte medaglie nel campionato polacco in vari sport
  • Pogoń Katowice - vari sport, molte medaglie nel campionato polacco in vari sport

Eventi sportivi

Persone notevoli

Città gemellate - città gemellate

Katowice is gemellata con:[54]

Guarda anche

Riferimenti

Appunti

  1. ^ un b "Banca dati locale". Statistiche Polonia. Recuperato 21 giugno 2020. Data for territorial unit 2469000.
  2. ^ un b "Study on Urban Functions (Project 1.4.3)" Archiviato 24 settembre 2015 presso il Wayback MachineEuropean Spatial Planning Observation Network, 2007
  3. ^ "Katowice". Lexico Dizionario del Regno Unito. la stampa dell'università di Oxford. Recuperato 2 agosto 2019.
  4. ^ "Katowice". L'American Heritage Dictionary of the English Language (5a ed.). Boston: Houghton Mifflin Harcourt. Recuperato 2 agosto 2019.
  5. ^ un b "Katowice, Poland – A City Guide – Cracow Life". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  6. ^ "Local history – Information about the town – Katowice – Virtual Shtetl". Archiviato da l'originale il 16 marzo 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  7. ^ o.o., StayPoland Sp. z. "History of Katowice". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  8. ^ "Storia". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  9. ^ "Liberation Memorial Katowice - Katowice - TracesOfWar.com". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  10. ^ "CityProfiles: Katowice". The Urban Audit. Archiviato da l'originale il 29 febbraio 2012. Recuperato 15 agosto 2012.
  11. ^ "Redefining Global Cities". Brookings Institution.
  12. ^ "Il mondo secondo GaWC 2020". GaWC - Rete di ricerca. Globalizzazione e città del mondo. Recuperato 3 settembre 2020.
  13. ^ Interim Territorial Cohesion Report Archiviato 23 April 2013 at the Wayback Machine – Preliminary results of ESPON and EU Commission studies
  14. ^ "Global city GDP 2011". Brookings Institution. Archiviato da l'originale il 5 giugno 2013. Recuperato 26 dicembre 2012.
  15. ^ "Katowice – a city of music". Archiviato from the original on 1 August 2018. Recuperato 31 luglio 2018.
  16. ^ un b silnet.pl. "Historia miasta i dzielnic – Katowice". Archiviato dall'originale del 2 febbraio 2017. Recuperato 25 gennaio 2017.
  17. ^ "History – Katowice". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  18. ^ Von Krakau bis Danzig (in tedesco). Thomas Urban. 2004. ISBN 9783406510823. Archiviato dall'originale del 24 ottobre 2012. Recuperato 21 marzo 2009.
  19. ^ Documents on British foreign policy, 1919-1939 Great Britain. Foreign Office, Ernest Llewellyn Woodward pagina 44
  20. ^ "Katowice, Poland". Archiviato dall'originale del 18 marzo 2017. Recuperato 17 marzo 2017.
  21. ^ Centro, patrimonio mondiale dell'UNESCO. "Historic Centre of Warsaw". Archiviato dall'originale del 15 marzo 2017. Recuperato 17 marzo 2017.
  22. ^ Woźniczka, Zygmunt. "Katowice zniknęły. Powstał Stalinogród. To już 61 lat". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  23. ^ "Jak Katowice Stalinogrodem się stały – HISTORIA.org.pl – historia, kultura, muzea, matura, rekonstrukcje i recenzje historyczne". 10 December 2013. Archiviato dall'originale del 2 aprile 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  24. ^ "Jak Katowice zamieniono na Stalinogród". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  25. ^ www.wirtualnyturysta.com, Wirtualny Turysta. "Katowice Online – Stalinogrod – Post-War History of Katowice". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  26. ^ Witosławska, Agata. "Katowice – the capital city of Upper Silesia". Archiviato da l'originale on 28 August 2017. Recuperato 15 marzo 2017.
  27. ^ "Katowice – IFMSA SCOPE Wiki". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 16 marzo 2017.
  28. ^ "Катовице, Польша #12560". Recuperato 28 agosto 2009.
  29. ^ un b "GUS – Baza Demografia: Wyniki badań bieżących: Stan i struktura ludności: Ludność: 2017: Ludność stan w dniu 30 VI: Ludność według płci i miast: Śląskie". Archiviato from the original on 15 October 2014.
  30. ^ un b "Silesia". Archiviato dall'originale del 1 marzo 2014. Recuperato 16 marzo 2017.
  31. ^ "Holocaust – oshpitzin.pl". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 16 marzo 2017.
  32. ^ (in polacco) dziennik.pl – "17 śląskich miast chce się połączyć w Silesię", 11 December 2006 Archiviato 30 settembre 2007 presso il Wayback Machine)
  33. ^ Lamparska, Marzena (1 June 2013). "Post-industrial Cultural Heritage Sites in the Katowice conurbation, Poland". Environmental & Socio-Economic Studies. 1 (2): 36–42. doi:10.1515/environ-2015-0011.
  34. ^ o.o., StayPoland Sp. z. "Katowice – Tourism – Tourist Information – Katowice, Poland -". Archiviato dall'originale del 16 marzo 2017. Recuperato 16 marzo 2017.
  35. ^ "Wydawnictwo Muzeum Śląskiego: Lech Szaraniec "Katowice w dawnej i współczesnej fotografii". Archiviato da l'originale il 22 maggio 2009. Recuperato 13 aprile 2009.
  36. ^ "When did a "Flying Saucer" arrive in Katowice? – Katowice". 20 ottobre 2016. Archiviato from the original on 17 March 2017. Recuperato 16 marzo 2017.
  37. ^ Dziennik Zachodni Katowice – "Będą dwie Mariackie", 3 sierpnia 2007
  38. ^ tuPolska. "Przyjezdni pracownicy - Katowice ustępują tylko Warszawie". www.slaskibiznes.pl (in polacco). Recuperato 13 ottobre 2020.
  39. ^ GUS. "Bezrobotni zarejestrowani i stopa bezrobocia. Stan w końcu sierpnia 2020 r." stat.gov.pl (in polacco). Recuperato 13 ottobre 2020.
  40. ^ "Średnie wynagrodzenie wg powiatów w Polsce - ranking 2018". 300Gospodarka.pl (in polacco). 8 novembre 2019. Recuperato 13 ottobre 2020.
  41. ^ "GaWC - Il mondo secondo GaWC 2020". www.lboro.ac.uk. Recuperato 13 ottobre 2020.
  42. ^ Kwestarz, Piotr (24 February 2016). "Interaktywna mapa ugiełdowienia Polski – sprawdź spółki w swoim mieście". StrefaInwestorow.pl (in polacco). Recuperato 13 ottobre 2020.
  43. ^ "Firmy szybsze niż PKB". www.rp.pl (in polacco). Recuperato 13 ottobre 2020.
  44. ^ B, Jakub; ura (3 July 2020). "Największe galerie handlowe w Polsce". Portfel Polaka (in polacco). Recuperato 13 ottobre 2020.
  45. ^ "TOP 10: Największe galerie handlowe w Polsce [FOTOGALERIA]". www.muratorplus.pl. Recuperato 13 ottobre 2020.
  46. ^ un b c j., Media Partner Sp. "Culture: People: Invest in Katowice". Archiviato from the original on 25 March 2017.
  47. ^ "Galeria Sztuki Współczesnej BWA w Katowicach – Miejsce – Culture.pl". Archiviato from the original on 25 March 2017.
  48. ^ Fortune Magazine (3 March 2016) Poland Is Home to the Biggest eSports Event in the World "Copia archiviata". Archiviato dall'originale del 14 luglio 2016. Recuperato 25 luglio 2016.Manutenzione CS1: copia archiviata come titolo (collegamento)
  49. ^ "COP24". cop24.gov.pl. Archiviato from the original on 28 April 2018. Recuperato 1 maggio 2018.
  50. ^ Redakcja (31 December 2018). "Od 1 stycznia nie ma po co zaglądać na stronę KZK GOP. Gdzie szukać nowego rozkładu jazdy?". Infokatowice.pl (in polacco). Archiviato dall'originale del 21 aprile 2019. Recuperato 21 aprile 2019.
  51. ^ "Katowice Airport". www.katowice-airport.com. Archiviato dall'originale del 21 aprile 2019. Recuperato 21 aprile 2019.
  52. ^ "ESL One New York 2018 – Where CS:GO Legends Are Made". ESL One Katowice 2019. Archiviato dall'originale del 10 gennaio 2019. Recuperato 10 gennaio 2019.
  53. ^ "KATOWICE TO HOST 'WORLD SENIORS'". Archiviato dall'originale del 5 dicembre 2017. Recuperato 5 dicembre 2017.
  54. ^ "Współpraca międzynarodowa". katowice.eu (in polacco). Katowice. Recuperato 10 marzo 2020.

link esterno

Coordinate: 50 ° 16′N 19°01′E / 50.267°N 19.017°E / 50.267; 19.017

Pin
Send
Share
Send