John André - John André - Wikipedia

Da Wikipedia, L'Enciclopedia Libera

Pin
Send
Share
Send

John André
John Andre.jpg
Nato(1751-05-02)2 maggio 1751
Londra, Gran Bretagna
Morto2 ottobre 1780(1780-10-02) (29 anni)
Tappan, New York, Stati Uniti
Sepolto
FedeltàGran Bretagna
Servizio/ramoEsercito britannico
Anni di servizio1770–1780
RangoMaggiore
Battaglie / guerreGuerra d'indipendenza americana Eseguito
FirmaLa firma di André John di Appletons.jpg

John André (2 maggio 1751[1][fonte inaffidabile?] - 2 ottobre 1780) è stato un maggiore in Esercito britannico e capo dei suoi servizi segreti in America durante il Guerra d'indipendenza americana. È stato impiccato come un spiare dal Esercito continentale per assistere Benedict ArnoldTentativo di resa del forte a West Point, New York, agli inglesi.

Vita e formazione

André è nato il 2 maggio 1750 a Londra da ricchi Ugonotto i genitori Antoine André, un commerciante di Ginevra, Svizzerae Marie Louise Girardot di Parigi, Francia.[1] È stato istruito a Scuola di San Paolo, Scuola di Westminstere in Ginevra. È stato fidanzato per un breve periodo Honora Sneyd. All'età di 20 anni, è entrato nel Esercito britannico e si è unito al 7th of Foot (Royal Fusileers) nel Canada britannico nel 1774 come tenente.

carriera

Durante i primi giorni del rivoluzione americana, bene prima L'indipendenza è stata dichiarata dal Colonie il 4 luglio 1776 André fu catturato a Fort Saint-Jean di Continentale Generale Richard Montgomery nel novembre 1775 e tenuto prigioniero a Lancaster, Pennsylvania. Viveva nella casa di Caleb Cope, godendo della libertà della città, poiché aveva dato la sua parola di non fuggire. Nel dicembre 1776 fu liberato in a scambio di prigionieri. È stato promosso capitano in 26th Foot il 18 gennaio 1777 e al maggiore nel 1778.

Era un grande favorito nella società coloniale, sia in Filadelfia e New York, durante l'occupazione di quelle città da parte dell'esercito britannico. Aveva modi vivaci e piacevoli e sapeva disegnare, dipingere e creare sagome, oltre a cantare e scrivere versi. Era uno scrittore prolifico che ha portato avanti gran parte di Generale Henry ClintonLa corrispondenza degli inglesi Comandante in capo degli eserciti britannici in America. Parlava correntemente inglese, francese, tedesco e italiano. Ha anche scritto molti versi comici. Ha progettato il Mischianza quando il generale Howe, il precursore di Clinton, si dimise e stava per tornare in Inghilterra.

Durante i suoi quasi nove mesi a Filadelfia, André ha occupato Benjamin Franklindella casa, dalla quale è stato affermato che abbia rimosso diversi oggetti di valore per ordine di Maggiore generale Charles Gray quando il Gli inglesi lasciarono Filadelfia, compreso un ritratto ad olio di Franklin di Benjamin Wilson. I discendenti di Grey restituirono il ritratto di Franklin negli Stati Uniti nel 1906, il bicentenario della nascita di Franklin. Il dipinto ora è appeso nel file casa Bianca.[2]

Lavoro di intelligence

Capo dei servizi segreti britannici in America

Nel 1779, André divenne Aiutante generale dell'esercito britannico in America con il grado di Maggiore. Nell'aprile di quell'anno ne prese la carica Servizi segreti britannici in America. L'anno successivo (1780), aveva preso parte brevemente all'invasione del sud di Clinton, a partire dal assedio di Charleston, Carolina del Sud.

In questo periodo, André stava negoziando con il disilluso generale americano Benedict Arnold. La moglie lealista di Arnold Peggy Shippen era uno degli intermediari nella corrispondenza. Arnold comandava West Point e aveva accettato di cederlo agli inglesi per £ 20.000 (circa $ 3,65 milioni nel 2018[3]), Una mossa che avrebbe consentito agli inglesi di interromperla Nuova Inghilterra dal resto delle colonie.

Il generale americano Arnold e il maggiore britannico John André progettarono la resa di West Point in questo punto sul sentiero costiero a sud di Haverstraw, New York, nella storica zona di Dutchtown. Oggi questo fa parte di Hook Mountain State Park

André è salito sul fiume Hudson sugli inglesi sloop-of-war Avvoltoio mercoledì 20 settembre 1780 per visitare Arnold. La presenza della nave da guerra è stata scoperta da due privati ​​americani, John Peterson e Moses Sherwood la mattina seguente il 21 settembre.[4] Dalla loro posizione in Punto di Teller iniziarono ad assalire l'Avvoltoio e una scialuppa ad esso associata con il fuoco di fucili e moschetti. Fermandosi per ottenere ulteriori aiuti, Peterson e Sherwood si diressero a Fort Lafayette a Il punto di Verplanck per richiedere cannoni e munizioni dal loro comandante Col. James Livingston. Mentre erano via, una piccola barca fornita da Arnold fu governata verso il Avvoltoio di Joshua Hett Smith. Ai remi c'erano due fratelli, inquilini di Smith che con riluttanza remarono la barca per sei miglia sul fiume fino allo sloop. Nonostante le rassicurazioni di Arnold, i due rematori intuirono che qualcosa non andava. Nessuno di questi uomini conosceva lo scopo di Arnold o sospettava il suo tradimento; a tutti fu detto che lo scopo era fare del bene per la causa patriota. Solo a Smith era stato detto qualcosa di specifico, e quella era la menzogna che serviva a garantire informazioni vitali per la causa americana. I fratelli alla fine accettarono di remare dopo le minacce di Arnold di arrestarli. Presero André e lo misero a terra. Gli altri se ne andarono e Arnold andò da André a cavallo, guidando un cavallo in più per l'uso di André.

I due uomini si sono dati appuntamento nei boschi sottostanti Punto pietroso sulla sponda occidentale del fiume fino quasi all'alba, dopodiché André accompagnò Arnold per diverse miglia fino al Casa di Joshua Hett Smith (Treason House) a West Haverstraw, New York, di proprietà di Thomas Smith e occupata da suo fratello Joshua. La mattina del 22 settembre, i due patrioti americani, Peterson e Sherwood, lanciarono una cannonata di due ore sul Avvoltoio, che ha subito molti colpi ed è stato costretto a ritirarsi a valle del fiume. La loro repulsione dello sloop britannico ha effettivamente bloccato André sulla riva.[5][6][7][8]

Preso in custodia

Per aiutare André a fuggire attraverso le linee statunitensi, Arnold gli ha fornito abiti civili e un passaporto che gli ha permesso di viaggiare sotto il nome di John Anderson. Portava sei fogli nascosti nella sua calza, scritti nella mano di Arnold, che mostravano agli inglesi come prendere il forte. Questo non era necessario, poiché Clinton conosceva già il layout del forte.[citazione necessaria] Joshua Hett Smith, che lo accompagnava, lo lasciò poco prima di essere catturato.

André ha proseguito in sicurezza fino alle 9 del mattino del 23 settembre, quando si è avvicinato Tarrytown, New York,[chiarimento necessario] dove miliziani armati John Paulding, Isaac Van Wart, e David Williams lo fermò.[9][10]

André pensava che lo fossero Tories perché uno indossava un Soldato dell'Assia cappotto. "Signori," disse, "spero che facciate parte del nostro gruppo." "Che festa?" chiese uno degli uomini. "Il partito inferiore", rispose André, intendendo gli inglesi. "Lo facciamo", fu la risposta. André ha poi detto loro che era un ufficiale britannico che non doveva essere arrestato, quando, con sua sorpresa, hanno detto che erano continentali, e che era il loro prigioniero. Ha poi detto loro che era un ufficiale degli Stati Uniti e ha mostrato loro il suo passaporto, ma i sospetti dei suoi rapitori erano ora destati. Lo hanno perquisito e hanno trovato le carte di Arnold nella sua calza. Solo Paulding sapeva leggere e Arnold non fu inizialmente sospettato. André ha offerto loro il suo cavallo e veglia, se lo lasciavano andare, ma hanno rifiutato.[11] André ha testimoniato al suo processo che gli uomini hanno perquisito i suoi stivali allo scopo di derubarlo. Paulding si rese conto di essere una spia e lo portò al quartier generale dell'esercito continentale a Sand's Hill (nell'odierna Armonk, New York,[12] una frazione all'interno Castello del nord situato al confine con il Connecticut Contea di Westchester.

Il prigioniero fu inizialmente detenuto a Wright's Mill a North Castle,[13] prima di essere riportato attraverso l'Hudson al quartier generale dell'esercito americano a Tappan, dove si teneva in una taverna oggi conosciuta come il '76 House. Lì ha ammesso chi era veramente.

La cattura di John André, 1845 litografia

All'inizio, andò tutto bene per André dai tempi del comandante in carica tenente colonnello John Jameson decise di mandarlo ad Arnold, senza mai sospettare che un eroe di alto rango della Rivoluzione potesse essere un voltagabbana. Ma maggiore Benjamin Tallmadge, capo dell'intelligence dell'esercito continentale, arrivò e convinse Jameson a riportare indietro il prigioniero. Ha offerto informazioni che mostrano che un ufficiale di alto rango stava progettando di disertare agli inglesi ma non era a conoscenza di chi fosse.

Jameson ha inviato il generale George Washington i sei fogli di carta portati da André, ma non voleva credere che Benedict Arnold potesse essere colpevole di tradimento. Ha quindi insistito per inviare una nota ad Arnold per informarlo dell'intera situazione. Jameson non voleva che la sua carriera militare venisse rovinata in seguito per aver erroneamente creduto che il suo generale fosse un traditore. Arnold ricevette il biglietto di Jameson mentre faceva colazione con i suoi ufficiali, si scusò per lasciare la stanza e non fu più visto. La nota diede ad Arnold il tempo di scappare dagli inglesi. Circa un'ora dopo, Washington arrivò a West Point con il suo gruppo e fu disturbato nel vedere le fortificazioni della fortezza in tale trascuratezza, parte del piano per indebolire le difese di West Point. Washington era ulteriormente irritata nello scoprire che Arnold aveva violato il protocollo non essendo sul punto di salutarlo. Alcune ore dopo, Washington ricevette le informazioni esplicative dal Magg. Tallmadge e inviò immediatamente degli uomini ad arrestare Arnold, ma era troppo tardi.

Secondo il racconto degli eventi di Tallmadge, lui e André conversarono durante la prigionia e il trasporto di quest'ultimo. André voleva sapere come sarebbe stato trattato da Washington. Tallmadge era stato un compagno di classe di Nathan Hale mentre entrambi erano a Yale, e ha descritto la cattura di Hale. André ha chiesto se Tallmadge pensava che le situazioni fossero simili; egli rispose: "Sì, esattamente simile, e simile sarà il tuo destino", riferendosi al fatto che Hale era stato impiccato dagli inglesi come spia.[14]

Prova ed esecuzione

Autoritratto di André, disegnato alla vigilia della sua esecuzione
André è impiccato

Il generale Washington ha convocato a consiglio di alti ufficiali per indagare sulla questione. Il processo contrastava con Sir William HoweIl trattamento di Hale circa quattro anni prima. Il consiglio era composto da Grandi generali Nathanael Greene (l'ufficiale che presiede), Lord Stirling, Arthur St. Clair, Lafayette (che ha pianto per l'esecuzione di André), Robert Howe, Steuben, Generali di brigata Samuel H. Parsons, James Clinton, Henry Knox, John Glover, John Paterson, Edward Hand, Jedediah Huntington, John Stark, e Giudice avvocato generale John Laurance.

La difesa di André era che stava subornando un ufficiale nemico ", an vantaggio preso in guerra"(le sue parole). Tuttavia, non ha tentato di trasferire la colpa su Arnold. André ha detto alla corte che non aveva né desiderato né pianificato di essere dietro le linee americane. Ha anche affermato che, come prigioniero di guerra, aveva il diritto di fuggire in abiti civili. Il 29 settembre 1780, il consiglio giudicò André colpevole di essere dietro le linee americane "con un nome finto e in un abito camuffato" e ordinò che "il maggiore André, aiutante generale dell'esercito britannico, dovesse essere considerato una spia dal nemico, e quello gradito al legge e uso delle nazioni, è la loro opinione, dovrebbe subire la morte. "[15]

Glover era l'ufficiale di giorno all'esecuzione di André. Signore Henry Clinton, il comandante britannico a New York, ha fatto tutto il possibile per salvare André, il suo aiutante preferito, ma ha rifiutato di cedere Arnold in cambio di lui, anche se personalmente disprezzava Arnold. André ha fatto appello a George Washington per essere giustiziato come un gentiluomo essendo stato ucciso piuttosto che impiccato come un "criminale comune", ma secondo le regole della guerra è stato impiccato come spia a Tappan, New York il 2 ottobre 1780.[16]

Una poesia religiosa è stata trovata in tasca dopo la sua esecuzione, scritta due giorni prima.[17]

Mentre era prigioniero, si rese caro agli ufficiali americani che lamentavano la sua morte tanto quanto gli inglesi. Alexander Hamilton scrisse di lui: "Forse mai nessun uomo ha sofferto la morte con più giustizia, o se lo meritava di meno". Il giorno prima della sua impiccagione, André ha disegnato una somiglianza di se stesso con penna e inchiostro, che ora è di proprietà di Yale College. André, secondo i testimoni, si è messo il cappio al collo.

Conto di un testimone oculare

Un testimone oculare il resoconto dell'ultimo giorno di André può essere trovato nel libro La rivoluzione americana: dall'inizio allo scioglimento dell'esercito americano dato sotto forma di un diario quotidiano, con le date esatte di tutti gli eventi importanti; Inoltre, uno schizzo biografico dei generali più eminenti di James Thacher, M.D., chirurgo dell'esercito rivoluzionario americano:

2 ottobre. Il maggiore André non è più tra i vivi. Ho appena assistito alla sua uscita. Era una scena tragica di profondo interesse. Durante la sua prigionia e il processo, ha mostrato quella sensibilità orgogliosa ed elevata che designa grandezza e dignità di mente. Non gli sfuggiva mai un mormorio o un sospiro, e le cortesie e le attenzioni che gli venivano riservate furono gentilmente riconosciute. Avendo lasciato una madre e due sorelle in Inghilterra, fu sentito menzionarle in termini di tenero affetto e nella sua lettera a Sir Henry Clinton le raccomandò alla sua particolare attenzione. L'ufficiale di guardia principale, che era costantemente nella stanza con il prigioniero, riferisce che quando l'ora dell'esecuzione gli fu annunciata al mattino, la ricevette senza emozione, e mentre tutti i presenti erano colpiti da una silenziosa tristezza, mantenne una ferma volto, con calma e compostezza di mente. Osservando il suo servo entrare nella stanza in lacrime, esclamò: "Lasciami finché non sarai più virile!" La colazione gli era stata inviata dalla tavola del generale Washington, che era stata fatta tutti i giorni della sua prigionia, ne prese parte come al solito e, essendosi rasato e vestito, posò il cappello sul tavolo e disse allegramente al guardie: "Sono pronto in qualsiasi momento, signori, ad aspettarvi". Essendo arrivata l'ora fatale, un grande distaccamento di truppe fu fatto sfilare e un'immensa schiera di persone si radunò; quasi tutti i nostri generali e ufficiali di campo, eccetto sua eccellenza e il personale, erano presenti a cavallo; la malinconia e l'oscurità pervadevano tutti i ranghi e la scena era terribilmente terribile. Ero così vicino durante la solenne marcia al punto fatale, da osservare ogni movimento e partecipare a ogni emozione che la scena malinconica doveva produrre.

Il maggiore André uscì dalla casa di pietra, in cui era stato rinchiuso, a braccetto tra due dei nostri ufficiali subalterni; gli occhi dell'immensa moltitudine erano fissi su di lui, il quale, elevandosi superiore alle paure della morte, sembrava conscio del dignitoso comportamento che mostrava. Non tradì alcuna mancanza di forza d'animo, ma mantenne un sorriso compiaciuto sul suo volto e si inchinò educatamente a diversi gentiluomini che conosceva, che gli furono rispettosamente ricambiati. Era il suo sincero desiderio di essere fucilato, essendo la modalità di morte più conforme ai sentimenti di un militare, e aveva assecondato la speranza che la sua richiesta sarebbe stata esaudita. Nel momento, quindi, quando all'improvviso arrivò in vista della forca, involontariamente fece un passo indietro e fece una pausa. "Perché questa emozione, signore?" disse un ufficiale al suo fianco. Recuperando istantaneamente la sua compostezza, disse: "Sono riconciliato con la mia morte, ma detesto il modo". Mentre aspettavo e stavo vicino alla forca, osservai un certo grado di trepidazione; appoggiando il piede su una pietra, facendolo rotolare e soffocandogli in gola, come se cercasse di deglutire. Ben presto, tuttavia, quando si rese conto che le cose erano pronte, entrò rapidamente nel carro e in questo momento sembrò rimpicciolirsi, ma sollevando istantaneamente la testa con fermezza disse: "Sarà solo una fitta momentanea", e prendendo dalla tasca due fazzoletti bianchi, il maresciallo preposto, con uno, gli inchiodò liberamente le braccia, e con l'altro la vittima, dopo essersi tolto il cappello e il calcio, si bendò gli occhi con perfetta fermezza, che sciolse i cuori e inumidì le guance, non solo del suo servo, ma della folla di spettatori. Appesa la corda alla forca, si fece scivolare il cappio sopra la testa e se lo aggiustò al collo, senza l'assistenza del goffo carnefice. Il colonnello Scammel ora lo informò che aveva l'opportunità di parlare, se lo desiderava; si tolse il fazzoletto dagli occhi e disse: "Ti prego di rendermi testimone che incontro il mio destino come un uomo coraggioso". Il carro essendo ora tolto da sotto di lui, fu sospeso e immediatamente spirò; si è rivelato effettivamente "ma una fitta momentanea". Era vestito con i suoi reggimentali e stivali reali, e le sue spoglie, con lo stesso abito, furono deposte in una normale bara e sepolte ai piedi della forca; e il luogo fu consacrato dalle lacrime di migliaia ...[18]

Aftermath

Il giorno della sua cattura, James Rivington ha pubblicato la poesia di André "The Cow Chase" nella sua gazzetta a New York. Nella poesia, André riflette sulla sua sventura di una spedizione di foraggiamento in Bergen attraverso l'Hudson dalla città.[19][20] Nathan Strickland,[21][22] Il boia di André, che era stato confinato nel campo di Tappan come pericoloso conservatore durante il processo di André, ottenne la libertà per aver accettato il dovere di boia e tornò a casa sua nel Valle del Ramapo o Smith's Cove, e non si sa niente di più di lui. Anche Joshua Hett Smith, che era collegato ad André con il tentato tradimento, fu processato al Chiesa riformata di Tappan. Il processo è durato quattro settimane e si è concluso nel assoluzione per mancanza di prove. I fratelli Colquhon che furono comandati da Benedict Arnold per portare André dallo sloop-of-war Avvoltoio a riva, così come il maggiore Keirs, sotto la cui supervisione fu ottenuta la barca, furono esonerati da ogni sospetto.

Monumento nel luogo dell'impiccagione

Una pensione è stata assegnata dagli inglesi a sua madre e tre sorelle non molto tempo dopo la sua morte, e suo fratello William André è stato reso un baronetto in suo onore nel 1781 (vedi André baronets).[23] Nel 1804 una targa commemorativa di Charles Regnart è stato eretto nel Cappella di Grosvenor a Londra, alla memoria di John.[24] Nel 1821, per volere di il Duca di York, i suoi resti, che erano stati sepolti sotto la forca, furono trasferiti in Inghilterra[25] e posto tra re e poeti a Abbazia di Westminster, nella navata centrale, sotto un monumento in marmo raffigurante Britannia piange insieme a un leone britannico per la morte di André.[26] Nel 1879 a monumento è stato svelato sul luogo della sua esecuzione a Tappan.[26]

I nomi dei rapitori di André erano John Paulding, David Williams, e Isaac Van Wert. Il Congresso degli Stati Uniti ha dato a ciascuno di loro una pensione di $ 200 all'anno e una medaglia d'argento, nota come il Medaglione di fedeltà. Tutti sono stati onorati nel nomi di contee dell'Ohioe nel 1853 fu eretto un monumento alla loro memoria nel luogo in cui catturarono André. Fu ridedicata nel 1880 e oggi si trova a Patriot's Park su US Route 9 lungo il confine tra Tarrytown e Sleepy Hollow nel Contea di Westchester. È stato aggiunto al file Registro nazionale dei luoghi storici nel 1982.[27]

  • "È stato più sfortunato che criminale". - da una lettera di George Washington a Comte de Rochambeau, 10 ottobre 1780
  • "Un uomo compiuto e un ufficiale galante." - da una lettera scritta da Washington al colonnello John Laurens il 13 ottobre 1780

Nella cultura popolare

Il gioco del 1798 André, basato sull'esecuzione del maggiore André, è uno dei primi esempi di tragedia americana.

André è stato interpretato più volte al cinema e in televisione: da Michael Wilding come un idealista eloquente e dignitoso nel film di Hollywood del 1955 Il cappotto scarlatto; di JJ Feild nella serie TV Turn: Washington's Spies; di Eric Joshua Davis nella serie TV Sleepy Hollow; e da John Light nel film "Benedict Arnold: una questione d'onore".[28]

Guarda anche

Appunti

  1. ^ un b Gravesite – Memorial; Pagina web dell'Abbazia di Westminster; accesso settembre 2020
  2. ^ "Maggiore John Andre". Associazione Independence Hall. 1997-2012. Recuperato 25 ottobre 2007.
  3. ^ "Sterline inglesi in dollari: conversione storica della valuta". uwyo.edu. Università del Wyoming. Recuperato 19 gennaio 2018.
  4. ^ G.P. Wygant (19 ottobre 1936). "Peterson e Sherwood, uomini locali veri eroi dell'episodio" Vulture "". Peekskill Evening Star.
  5. ^ "Incidenti rivoluzionari". Skaneatles, New York: Skaneateles Democrat. 13 ottobre 1859.
  6. ^ "Il Santuario del Museo della Memoria". Il corriere della contea di Putnam. 28 novembre 1963.
  7. ^ "Commemorazione della difesa di Teller's Point". Database storico dei marcatori. Recuperato 2 luglio 2020.
  8. ^ John Alcott (8 febbraio 1988). "I soldati rivoluzionari neri combattono per essere liberi". Notizie dal giornale.
  9. ^ Raymond, pagg. 11–17
  10. ^ Cray, pagg. 371–397
  11. ^ NOTA: la cattura è avvenuta nell'area dei giorni nostri Pleasantville, New York; citazione: "...André perse l'orientamento vicino all'attuale angolo di Bedford Road e Choate Lane e cadde nelle mani degli americani ...[citazione necessaria]
  12. ^ "Posizione di Sand's Hill annotata in Storia del castello del nord, p.28 " (PDF). Recuperato 21 ottobre 2019.
  13. ^ North Castle History Volume 7, 7, 1980, recuperato 29 marzo 2013
  14. ^ Scintille, Jared (1856), La biblioteca della biografia americana, volume 3, Harper, p. 258, OCLC 12009651
  15. ^ William Dunlap (30 marzo 1798), André '- Una commedia in cinque atti, trascritto da John W. Kennedy, archiviato da l'originale l'11 dicembre 2007, recuperato 25 ottobre 2007
  16. ^ Schwarz, Frederic. "Il tradimento di Benedetto" Patrimonio americano, Agosto / settembre 2005.
  17. ^ Sargent, Winthrop (1861), La vita e la carriera del maggiore John André, Ticknor e Fields
  18. ^ Thacher, James (1862). Giornale militare della rivoluzione americana: dall'inizio allo scioglimento dell'esercito americano; Comprende un resoconto dettagliato dei principali eventi e battaglie della rivoluzione, con le loro date esatte e uno schema biografico dei generali più eminenti. Hurlbut, Williams & Company. pp.226–228.
  19. ^ "Fortklock.com". Fortklock.com. Archiviato da l'originale il 19 luglio 2011. Recuperato 22 settembre 2013.
  20. ^ "Cityofjerseycity.org". Cityofjerseycity.org. Recuperato 22 settembre 2013.
  21. ^ Società storica della contea di Bergen, Hackensack; Westervelt, Frances Augusta (Johnson) (21 ottobre 1905). "Rapporto annuale". Hackensack, N.J. Recuperato 21 ottobre 2019 - tramite Internet Archive.
  22. ^ Allen, Ethan (1894), Washington, Or, The Revolution: A Drama (in Blank Verse) Founded On the Historic Events of the American War for Independence, F.Tennyson Neely, p. 369
  23. ^ "N. 12172". The London Gazette. 20 marzo 1781. p. 5.
  24. ^ Dizionario degli scultori britannici 1660-1851, Rupert Gunnis
  25. ^ Dunton, Larkin (1896), Il mondo e la sua gente, Silver, Burdett, pagg. 34–35
  26. ^ un b "Commemorazioni - John Andre". Abbazia di Westminster. Recuperato 15 giugno 2018.
  27. ^ "Sistema informativo del registro nazionale". Registro nazionale dei luoghi storici. National Park Service. 13 marzo 2009.
  28. ^ "John Light". Recuperato 21 ottobre 2019.

Bibliografia

Ulteriore lettura

link esterno

Pin
Send
Share
Send