Belgio - Belgium

Da Wikipedia, L'Enciclopedia Libera

Pin
Send
Share
Send

Coordinate: 50 ° 50'N 4 ° 00′E / 50,833 ° N 4.000 ° E / 50.833; 4.000

Regno del Belgio

Motto:"Eendracht maakt macht" (olandese)
"L'union fait la force" (francese)
"Einigkeit macht stark" (Tedesco)
Inno:
"La Brabançonne"
(Inglese: "Il Brabante")
Posizione del Belgio (verde scuro) - in Europa (verde e grigio scuro) - nell'Unione europea (verde)
Posizione del Belgio (verde scuro)

- nel Europa (verde e grigio scuro)
- nel Unione europea (verde)

CapitaleBruxelles
50 ° 51′N 4 ° 21′E / 50,850 ° N 4,350 ° E / 50.850; 4.350
La città più grandeBruxelles
Lingue ufficialiolandese
francese
Tedesco
Religione
(2018[1])
Demonimo (i)
GovernoFederale parlamentare
monarchia costituzionale[2]
• Monarca
Philippe
Alexander De Croo
LegislaturaParlamento federale
Senato
Camera dei rappresentanti
Indipendenza 
(dal Olanda)
• Dichiarato
4 ottobre 1830
19 aprile 1839
La zona
• Totale
30,689[3] km2 (11,849 miglia quadrate) (136 °)
• Acqua (%)
0,71 (a partire dal 2015)[4]
Popolazione
• Stima 2020
11,492,641 Aumentare[5] (81st)
• Densità
376 / km2 (973,8 / sq mi) (22)
PIL (PPP)Stima 2018
• Totale
$ 550 miliardi[6] (38 °)
• Pro capite
$48,224[6] (20th)
PIL (nominale)Stima 2018
• Totale
$ 533 miliardi[6] (23)
• Pro capite
$46,724[6] (17 °)
Gini (2018)Diminuzione positiva 25.6[7]
Basso
HDI (2019)Aumentare 0.919[8]
molto alto · 17 °
MonetaEuro () (euro)
Fuso orarioUTC+1 (CET)
• Estate (DST)
UTC+2 (CEST)
Nota: sebbene il Belgio si trovi in Ora dell'Europa occidentale/UTC Zona (Z), dal 25 febbraio 1940, il Occupazione tedesca della seconda guerra mondiale, Ora dell'Europa centrale/UTC + 01:00 è stato applicato come ora standard,[9] con un offset di +0: 42: 30 (e +1: 42: 30 durante DST) da Bruxelles LMT (UTC + 0: 17: 30).
Lato guidagiusto
Codice di chiamata+32
Codice ISO 3166ESSERE
TLD Internet.essere
  1. Le proporzioni ufficiali della bandiera di 13:15 si vedono raramente; proporzioni di 2: 3 o simili sono più comuni.
  2. Il Bruxelles la regione è la di fatto capitale, ma il Città di Bruxelles comune è il de jure capitale.[10]
  3. Il .Unione Europea viene utilizzato anche il dominio, in quanto condiviso con altri stati membri dell'Unione Europea.

Belgio,[UN] ufficialmente il Regno del Belgio, è un paese in Europa occidentale. Confina con il Olanda verso il nord, Germania verso est, Lussemburgo a sud-est, Francia a sud-ovest e il mare del Nord a nordovest. Copre un'area di 30.689 km2 (11.849 miglia quadrate) e ha una popolazione di oltre 11,5 milioni, il che lo rende il 22 ° più densamente popolato paese nel mondo e il 6 ° più densamente popolato paese in Europa, con una densità di 376 per chilometro quadrato (970 / sq mi). La capitale e la città più grande è Bruxelles; altre grandi città lo sono Anversa, Gand, Charleroi, Liegi, Bruges, Namur, e Lovanio.

Legalmente, il Belgio è un stato sovrano e a federale monarchia costituzionale con un sistema parlamentare. La sua organizzazione istituzionale è complessa ed è strutturata su basi sia regionali che linguistiche. È diviso in tre altamente autonomo regioni:[11] Fiandre al Nord, Vallonia nel sud, e il Bruxelles-Regione Capitale. Bruxelles è la regione più piccola e più densamente popolata, nonché la regione più ricca in termini di PIL pro capite.

Il Belgio ospita due principali gruppi linguistici o comunità: l'olandese Comunità fiamminga, che costituisce circa il 60% della popolazione, e il Comunità francofona, che comprende circa il 40 per cento di tutti i belgi. Un piccolo Comunità tedesca, numerando circa l'uno percento, esiste nel Cantoni orientali. La regione di Bruxelles-Capitale è ufficialmente bilingue (francese e olandese), sebbene il francese sia la lingua dominante.[12] La diversità linguistica del Belgio e i relativi conflitti politici si riflettono in esso storia politica e complesso sistema di governance, fatto di sei diversi governi.

Storicamente, il Belgio fa parte di un'area conosciuta come il Paesi Bassi, una regione leggermente più grande dell'attuale Benelux gruppo di stati che comprendeva anche parti della Francia settentrionale e della Germania occidentale. Il suo nome moderno deriva dalla parola latina Belgio, usato in Giulio Cesare'S "Gallic Wars", per descrivere la regione nel periodo intorno al 55 aC.[13] Dalla fine del Medioevo fino al XVII secolo, l'area del Belgio era un fiorente e cosmopolita centro di commercio e cultura.[chiarimento necessario] Tra il XVI e l'inizio del XIX secolo, il Belgio è stato il campo di battaglia tra molte potenze europee, guadagnandosi il soprannome di "Campo di battaglia d'Europa",[14] una reputazione rafforzata da entrambi guerre mondiali. Il paese è emerso nel 1830 in seguito al Rivoluzione belga, quando si è separato dal Olanda.

Il Belgio ha partecipato al Rivoluzione industriale[15][16] e, nel corso del XX secolo, posseduto un certo numero di colonie in Africa.[17] La seconda metà del 20 ° secolo è stata caratterizzata da crescenti tensioni tra i cittadini di lingua olandese e francofona alimentate da differenze di lingua e cultura e il sviluppo economico ineguale delle Fiandre e della Vallonia. Questo continuo antagonismo ha portato a diversi riforme di vasta portata, risultante in una transizione da a unitario ad un federale accordo durante il periodo dal 1970 al 1993. Nonostante le riforme, le tensioni tra i gruppi sono rimaste, se non aumentate; c'è particolarmente un separatismo significativo tra i fiamminghi; esistono leggi controverse sulla lingua come il comuni con strutture linguistiche;[18] e la formazione di un governo di coalizione ha richiesto 18 mesi dopo Elezioni federali del giugno 2010, un record mondiale.[19] La disoccupazione in Vallonia è più del doppio di quella delle Fiandre, che è esplosa dopo la guerra.[20]

Il Belgio è uno dei sei paesi fondatori del Unione europea e la sua capitale, Bruxelles, ospita le sedi ufficiali del Commissione europea, il Consiglio dell'Unione Europea, e il Consiglio europeo, nonché uno dei due sedili del Parlamento europeo (l'altro essere Strasburgo). Il Belgio è anche uno dei membri fondatori di Eurozona, NATO, OCSE, e OMC, e una parte dell'Unione trilaterale del Benelux e del Area Schengen. Bruxelles ospita la sede di molte delle principali organizzazioni internazionali come la NATO.[B]

Il Belgio è un Paese sviluppato, con un avanzato economia ad alto reddito. Ha standard molto elevati di vita, qualità della vita,[21] assistenza sanitaria,[22] formazione scolastica,[23] ed è classificato come "molto alto" in Indice di sviluppo umano.[24] Si classifica anche come uno dei paesi più sicuri o più pacifici nel mondo.[25]

Storia

Antichità

La Gallia è divisa in tre parti, una delle quali abitano i Belgi, un'altra gli Aquitani, quelli che nella loro lingua si chiamano Celti, nei nostri Galli, la terza. (...) Di tutti questi, i Belgi sono i più forti ( ...).

Giulio Cesare, De Bello Gallico, Libro I, cap. 1

Il Belgi erano gli abitanti della parte più settentrionale di Gallia, che era significativamente più grande del Belgio moderno. Cesare ha usato la parola "Belgio"una volta, per fare riferimento alla loro regione. Gallia Belgica, come veniva chiamato più comunemente, divenne un file Provincia romana come risultato delle sue conquiste. Le aree più vicine alla frontiera del Reno, compresa la parte orientale del Belgio moderno, alla fine divennero parte della provincia di Germania inferiore, con cui ha interagito Tribù germaniche fuori dall'impero. Nel momento in cui il governo centrale è crollato nel Impero Romano d'Occidente, entrambe queste province erano abitate da un misto di Frankish tribù e una popolazione più romanizzata.

Medioevo

Durante il V secolo l'area passò sotto il dominio dei Franchi Merovingio re, che probabilmente furono stabiliti per la prima volta in quella che è la Francia settentrionale. Durante l'VIII secolo il regno dei Franchi si evolse e divenne il Impero carolingio.Il Trattato di Verdun nell'843 divise l'impero carolingio in tre regni, i cui confini ebbero un impatto duraturo sui confini politici medievali. La maggior parte del Belgio moderno era nel Regno di Mezzo, in seguito noto come Lotaringia. Solo la contea costiera delle Fiandre ne divenne parte West Francia, il predecessore di Francia. Nell'870 nel Trattato di Meerssen, le moderne terre del Belgio divennero tutte parte del regno occidentale e nell'880 nel Trattato di Ribemont, Lotaringia passò sotto il controllo duraturo del Imperatore del Sacro Romano Impero, ma le signorie e i vescovati lungo la "Marcia" (frontiera) tra i due grandi regni mantennero importanti legami tra loro. Nel tredicesimo e quattordicesimo secolo l'industria della stoffa e il commercio fiorirono nel Contea delle Fiandre ed è diventata una delle zone più ricche d'Europa. Questa prosperità ha avuto un ruolo nei conflitti tra le Fiandre e il re di Francia che più notoriamente hanno coinvolto il Battaglia degli speroni d'oro.

Paesi Bassi borgognoni e asburgici

Molti di questi feudi erano uniti nel Paesi Bassi borgognoni del XIV e XV secolo.[26] L'unione diede all'area stabilità economica e politica che portò a una prosperità e alla creazione artistica ancora maggiori. L'imperatore Carlo V, erede dei Burgundi, ma anche delle famiglie reali di Austria, Castiglia e Aragona (Casa di Trastámara), è nato in Belgio ha esteso il unione personale del Diciassette province nel 1540, rendendolo molto più di un'unione personale da parte del Sanzione pragmatica del 1549 e ha aumentato la sua influenza sul Principe-vescovile di Liegi.[27]

Paesi Bassi spagnoli e austriaci

Il Guerra degli ottant'anni (1568–1648) ha diviso i Paesi Bassi nel nord Province Unite (Belgica Foederata nel latino, i "Paesi Bassi federati") e Paesi Bassi meridionali (Belgica Regia, i "Paesi Bassi reali"). Questi ultimi furono governati successivamente dal spagnolo (Paesi Bassi spagnoli) e il austriaco Asburgo (Paesi Bassi austriaci) e comprendeva la maggior parte del Belgio moderno. Questo fu teatro di molti conflitti più protratti durante gran parte del XVII e XVIII secolo che coinvolgevano la Francia, incluso il Guerra franco-olandese (1672-1678), il Guerra dei nove anni (1688-1697), il Guerra di successione spagnola (1701-1714) e parte del Guerra di successione austriaca (1740–1748).

Seguendo il campagne del 1794 nelle guerre rivoluzionarie francesi, i Paesi Bassi, compresi i territori che non furono mai nominalmente sotto il dominio asburgico, come il principe-vescovado di Liegi, furono annessi dal Prima Repubblica francese, ponendo fine al dominio austriaco nella regione. La riunificazione dei Paesi Bassi come il Regno Unito dei Paesi Bassi avvenuta allo scioglimento del Primo impero francese nel 1814, dopo l'abdicazione di Napoleone.

Belgio indipendente

Scena del Rivoluzione belga del 1830 (1834), da Gustaf Wappers

Nel 1830, il Rivoluzione belga portò alla separazione delle province meridionali dai Paesi Bassi e alla creazione di un Belgio cattolico e borghese, ufficialmente francofono e neutrale, indipendente sotto un governo provvisorio e a congresso nazionale.[28][29] Dall'installazione di Leopoldo I come re 21 luglio 1831, ora celebrato come il Belgio giorno nazionale, Il Belgio è stato un monarchia costituzionale e democrazia parlamentare, con un laico costituzione basata sulla Codice napoleonico.[30] Sebbene il franchise fosse inizialmente limitato, suffragio universale per gli uomini è stato introdotto dopo il sciopero generale del 1893 (con voto plurale fino al 1919) e per le donne nel 1949.

I principali partiti politici del 19 ° secolo furono l ' Partito Cattolico e il Partito liberale, con il Partito laburista belga emergente verso la fine del XIX secolo. Il francese era originariamente l'unica lingua ufficiale adottata dal nobiltà e il borghesia. Ha progressivamente perso la sua importanza generale quando anche l'olandese è stato riconosciuto. Questo riconoscimento divenne ufficiale nel 1898 e nel 1967 il parlamento accettò una versione olandese del Costituzione.[31]

Il Conferenza di Berlino del 1885 cedette il controllo della Stato libero del Congo per Re Leopoldo II come sua proprietà privata. A partire dal 1900 circa ci fu una crescente preoccupazione internazionale per il trattamento estremo e selvaggio della popolazione congolese sotto Leopoldo II, per il quale il Congo era principalmente una fonte di entrate dalla produzione di avorio e gomma.[32] Molti congolesi furono uccisi dagli agenti di Leopoldo per non aver rispettato le quote di produzione di avorio e gomma.[33] Nel 1908, questa protesta portò lo stato belga ad assumersi la responsabilità del governo della colonia, d'ora in poi chiamata Congo belga.[34] Una commissione belga nel 1919 stimò che la popolazione del Congo fosse la metà di quella del 1879.[33]

Folle esultanti salutano le truppe britanniche che entrano Bruxelles, 4 settembre 1944

La Germania invase il Belgio nell'agosto 1914 come parte di Piano Schlieffen per attaccare Franciae gran parte di Fronte occidentale combattimento di prima guerra mondiale si è verificato nelle parti occidentali del paese. I primi mesi della guerra erano conosciuti come Stupro del Belgio a causa degli eccessi tedeschi. Il Belgio ha assunto il controllo del Colonie tedesche di Ruanda-Urundi (giorno moderno Ruanda e Burundi) durante la guerra e nel 1924 il Lega delle Nazioni li ha affidati al Belgio. All'indomani della prima guerra mondiale, il Belgio ha annesso il Distretti prussiani di Eupen e Malmedy nel 1925, provocando così la presenza di una minoranza di lingua tedesca.

Le forze tedesche invasero nuovamente il paese nel maggio 1940, e 40.690 belgi, oltre la metà dei quali ebrei, furono uccisi durante il successivo occupazione e L'Olocausto. Dal settembre 1944 al febbraio 1945 gli alleati liberati Belgio. Dopo la seconda guerra mondiale, uno sciopero generale re costretto Leopoldo III ad abdicare nel 1951, da allora molti belgi sentivano che aveva collaborato con la Germania durante la guerra.[35] Il Congo belga ottenne l'indipendenza nel 1960 durante il Crisi del Congo;[36] Il Ruanda-Urundi seguì con la sua indipendenza due anni dopo. Il Belgio si è unito NATO come membro fondatore e ha formato il gruppo di nazioni del Benelux con i Paesi Bassi e il Lussemburgo.

Il Belgio è diventato uno dei sei membri fondatori del Comunità europea del carbone e dell'acciaio nel 1951 e del Comunità europea dell'energia atomica e Comunità Economica Europea, fondata nel 1957. Quest'ultima è ora diventata l'Unione Europea, per la quale il Belgio ospita le principali amministrazioni e istituzioni, tra cui il Commissione europea, il Consiglio dell'Unione Europea e le sessioni straordinarie e di commissione del Parlamento europeo.

Geografia

Carta in rilievo del Belgio

Il Belgio condivide i confini con Francia (620 km), Germania (167 km), Lussemburgo (148 km) e il Olanda (450 km). La sua superficie totale, inclusa l'area acquatica, è di 30.689 km2 (11.849 miglia quadrate). Prima del 2018, si stimava che la sua superficie totale fosse di 30.528 km2 (11.787 miglia quadrate). Tuttavia, quando le statistiche del paese sono state misurate nel 2018, è stato utilizzato un nuovo metodo di calcolo. A differenza dei calcoli precedenti, questo includeva l'area dalla costa alla linea di bassa marea, rivelando che il paese era di 160 km2 (62 miglia quadrate) di superficie maggiore di quanto si pensasse in precedenza.[37][38] La sua superficie da sola è di 30.278 km2.[39][necessita di aggiornamento] Si trova tra le latitudini 49 ° 30 'e 51 ° 30' N e le longitudini 2 ° 33 'e 6 ° 24' E.[40]

Campine paesaggio

Il Belgio ha tre principali regioni geografiche; la pianura costiera nel nord-ovest e l'altopiano centrale appartengono entrambi al bacino anglo-belga, e il Ardenne altopiani nel sud-est del Cintura orogenica ercinica. Il Bacino di Parigi raggiunge una piccola quarta area all'estremità meridionale del Belgio, Lorena belga.[41]

La pianura costiera è costituita principalmente da dune di sabbia e polder. Più all'interno si trova un paesaggio dolce, in lento aumento irrigato da numerosi corsi d'acqua, con fertili vallate e la pianura sabbiosa nord-orientale del Campine (Kempen). Le colline e gli altipiani boscosi delle Ardenne sono più aspri e rocciosi con grotte e piccole gole. Estendendosi verso ovest in Francia, quest'area è collegata ad est con il Eifel in Germania dal Alte paludi altopiano, su cui il Signal de Botrange costituisce il punto più alto del paese a 694 m (2.277 piedi).[42][43]

Il Mosa fiume in mezzo Dinant e Hastière
Alte paludi paesaggio vicino al confine tedesco

Il clima è temperato marittimo con precipitazioni significative in tutte le stagioni (Classificazione climatica di Köppen: Cfb), come la maggior parte dell'Europa nord-occidentale.[44] La temperatura media è più bassa a gennaio con 3 ° C (37,4 ° F) e la massima a luglio con 18 ° C (64,4 ° F). La precipitazione media al mese varia tra 54 mm (2,1 pollici) per febbraio e aprile, a 78 mm (3,1 pollici) per luglio.[45] Le medie per gli anni dal 2000 al 2006 mostrano temperature giornaliere minime di 7 ° C (44,6 ° F) e massime di 14 ° C (57,2 ° F) e precipitazioni mensili di 74 mm (2,9 pollici); questi sono rispettivamente di circa 1 ° C e quasi 10 millimetri al di sopra dei valori normali del secolo scorso.[46]

Fitogeograficamente, Il Belgio è diviso tra le province dell'Europa atlantica e dell'Europa centrale del Regione circumboreale all'interno del Regno boreale.[47] Secondo il Fondo Mondiale per la Natura, il territorio del Belgio appartiene al ecoregione delle foreste miste atlantiche.[48]

Province

Il territorio del Belgio è diviso in tre regioni, due delle quali, il Regione fiamminga e Regione Vallonia, sono a loro volta suddivisi in province; la terza Regione, la Regione di Bruxelles Capitale, non è né una provincia né una parte di una provincia.

ProvinciaNome olandeseNome franceseNome tedescoCapitaleLa zona[3]Popolazione
(1 gennaio 2019)[5]
DensitàISO 3166-2: BE
[citazione necessaria]
Regione fiamminga
 AnversaAntwerpenAnversAntwerpenAnversa2.876 km2 (1.110 miglia quadrate)1,857,986647 / km2 (1.680 / sq mi)VAN
 Fiandre orientaliOost-VlaanderenFlandre orientaleOstflandernGand3.007 km2 (1.161 miglia quadrate)1,515,064504 / km2 (1.310 / sq mi)VOV
 Brabante FiammingoVlaams-BrabantBrabant flamandFlämisch-BrabantLovanio2.118 km2 (818 miglia quadrate)1,146,175542 / km2 (1.400 / sq mi)VBR
 LimburgLimburgLimburgoLimburgHasselt2.427 km2 (937 miglia quadrate)874,048361 / km2 (930 / sq mi)VLI
 Fiandre occidentaliWest-VlaanderenFlandre occidentaleWestflandernBruges3.197 km2 (1.234 miglia quadrate)1,195,796375 / km2 (970 / sq mi)VWV
Regione Vallonia
 HainautHenegouwenHainautHennegauMons3.813 km2 (1.472 miglia quadrate)1,344,241353 / km2 (910 / sq mi)WHT
 LiegiLuikLiegiLüttichLiegi3.857 km2 (1,489 miglia quadrate)1,106,992288 / km2 (750 / sq mi)WLG
 LussemburgoLussemburgoLussemburgoLussemburgoArlon4.459 km2 (1.722 miglia quadrate)284,63864 / km2 (170 / sq mi)WLX
 NamurNamenNamurNamur (Namür)Namur3.675 km2 (1.419 miglia quadrate)494,325135 / km2 (350 / sq mi)WNA
 Brabante ValloneWaals-BrabantBrabante ValloneWallonisch-BrabantWavre1.097 km2 (424 miglia quadrate)403,599368 / km2 (950 / sq mi)WBR
Regione di Bruxelles Capitale
 Regione di Bruxelles CapitaleBrussels Hoofdstedelijk GewestRégion de Bruxelles-CapitaleRegione Brüssel-HauptstadtCittà di Bruxelles162.4 km2 (62,7 miglia quadrate)1,208,5427.442 / km2 (19.270 / sq mi)BBR
TotaleBelgiëBelgiqueBelgienCittà di Bruxelles30.689 km2 (11.849 miglia quadrate)11,431,406373 / km2 (970 / sq mi)

Politica

Il Belgio è un costituzionale, monarchia popolare e a federale democrazia parlamentare. Il bicamerale parlamento federale è composto da un file Senato e a Camera dei rappresentanti. Il primo è composto da 50 senatori nominati dai parlamenti del comunità e regioni e 10 senatori cooptati. Prima del 2014, la maggior parte dei membri del Senato era eletta direttamente. Il CameraI 150 rappresentanti sono eletti con a voto proporzionale sistema da 11 distretti elettorali. Il Belgio ha voto obbligatorio e quindi mantiene uno dei tassi più elevati di affluenza alle urne nel mondo.[49]

Il re (attualmente Philippe) è il capo di Stato, sebbene con limitato prerogative. Nomina ministri, compreso un Primo Ministro, che hanno la fiducia del Camera dei rappresentanti per formare il file governo federale. Il Consiglio dei Ministri è composto da non più di quindici membri. Con la possibile eccezione del Primo Ministro, il Consiglio dei Ministri è composto da un numero uguale di membri di lingua olandese e di membri di lingua francese.[50]Il sistema giudiziario si basa su diritto civile e proviene da Codice napoleonico. Il Corte di Cassazione è il tribunale di ultima istanza, con il corti d'appello un livello sotto.[51]

Cultura politica

Le istituzioni politiche del Belgio sono complesse; la maggior parte del potere politico è organizzato intorno alla necessità di rappresentare le principali comunità culturali.[52]Dal 1970 circa, la significativa nazionale Partiti politici belgi si sono suddivisi in componenti distinte che rappresentano principalmente gli interessi politici e linguistici di queste comunità.[53]I principali partiti di ciascuna comunità, sebbene vicini al centro politico, appartengono a tre gruppi principali: Democratici cristiani, Liberali, e Socialdemocratici.[54]Altre feste degne di nota si sono formate ben dopo la metà del secolo scorso, principalmente intorno linguistico, temi nazionalisti o ambientali e recentemente altri più piccoli di qualche specifica natura liberale.[53]

Una serie di governi di coalizione democristiani dal 1958 è stato rotto nel 1999 dopo il primo crisi diossina, un importante contaminazione alimentare scandalo.[55][56][57] Una "coalizione arcobaleno" è emersa da sei partiti: fiammingo e francofono liberali, socialdemocratici e verdi.[58] Successivamente, un "coalizione viola"di liberali e socialdemocratici formatisi dopo che i Verdi hanno perso la maggior parte dei loro seggi nel Elezioni del 2003.[59]

Il governo guidato dal primo ministro Guy Verhofstadt dal 1999 al 2007 ha raggiunto un bilancio in pareggio, alcuni riforme fiscali, in programma una riforma del mercato del lavoro eliminazione graduale del nucleare e istigato una legislazione più rigorosa crimine di guerra e più indulgente uso di droghe leggere accusa. Restrizioni alla ritenuta alla fonte eutanasia sono stati ridotti e matrimonio omosessuale legalizzato. Il governo ha promosso la diplomazia attiva in Africa[60] e si è opposto all'invasione dell'Iraq.[61] È l'unico paese che non ha limiti di età per l'eutanasia.[62]

La coalizione di Verhofstadt è andata male nel Elezioni di giugno 2007. Per più di un anno, il paese ha vissuto a crisi politica.[63] Questa crisi è stata tale che molti osservatori hanno ipotizzato un possibile partizione del Belgio.[64][65][66] A partire dal 21 dicembre 2007 fino al 20 marzo 2008 il temporaneo Governo di Verhofstadt III era in carica. Questa coalizione di fiammingo e Democratici cristiani francofoni, il fiammingo e Liberali francofoni insieme al Socialdemocratici francofoni è stato un governo provvisorio fino a 20 marzo 2008.[67]

Quel giorno a nuovo governo, guidato dal cristiano democratico fiammingo Yves Leterme, l'effettivo vincitore delle elezioni federali del Giugno 2007, ha prestato giuramento dal re. Su 15 luglio 2008 Leterme ha annunciato le dimissioni del gabinetto al re, come nessun progresso in riforme costituzionali era stato fatto.[67]Nel dicembre 2008 ha nuovamente offerto le sue dimissioni al re dopo a crisi che circonda la vendita di Fortis per Bnp Paribas.[68] In questo momento, le sue dimissioni sono state accettate e Democratico cristiano e fiammingo Herman Van Rompuy ha prestato giuramento come Primo Ministro in data 30 dicembre 2008.[69]

Dopo che Herman Van Rompuy è stato designato il primo permanente Presidente del Consiglio europeo su 19 novembre 2009, ha offerto le dimissioni del suo governo al re Alberto II il 25 novembre 2009. Poche ore dopo, il nuovo governo sotto il primo ministro Yves Leterme ha prestato giuramento 22 aprile Nel 2010, Leterme ha nuovamente offerto al re le dimissioni del suo gabinetto[70] dopo uno dei partner della coalizione, il OpenVLD, si ritirò dal governo e così via 26 aprile 2010 King Albert ha accettato ufficialmente le dimissioni.[71]

Le elezioni parlamentari in Belgio il 13 giugno Il 2010 ha visto il nazionalista fiammingo N-VA diventare il più grande partito delle Fiandre e il Partito socialista PS il più grande partito della Vallonia.[72] Fino a dicembre 2011, il Belgio era governato da Leterme governo custode in attesa della fine dei negoziati in fase di stallo per formazione di un nuovo governo. Entro il 30 marzo 2011 questo ha stabilito un nuovo record mondiale per il tempo trascorso senza un governo ufficiale, precedentemente detenuto da devastati dalla guerra Iraq.[73] Infine, nel dicembre 2011 il Governo Di Rupo guidato dal primo ministro socialista vallone Elio Di Rupo ha prestato giuramento.

Il Elezioni federali 2014 (in coincidenza con il elezioni regionali) ha determinato un ulteriore guadagno elettorale per il nazionalista fiammingo N-VA, sebbene la coalizione in carica (composta da socialdemocratici, liberali e democristiani fiamminghi e francofoni) mantenga una solida maggioranza in Parlamento e in tutti i collegi elettorali. Il 22 luglio 2014, il re Filippo ha nominato Charles Michel (MR) e Kris Peeters (CD&V) a guidare la formazione di un nuovo gabinetto federale composto dai partiti fiamminghi N-VA, CD&V, Open Vld e il francese MR, che ha portato alla Michel governo. È la prima volta che N-VA fa parte del gabinetto federale, mentre la parte francofona è rappresentata solo dal MR, che ha ottenuto una minoranza dei voti pubblici in Vallonia.

Comunità e regioni

Comunità:
  Comunità fiamminga / Area di lingua olandese
  Comunità fiamminga e francese / area linguistica bilingue
  Comunità francese / Area di lingua francese
  Comunità tedesca / Area di lingua tedesca
Regioni:
  Regione fiamminga / Area di lingua olandese
  Regione di Bruxelles-Capitale / area bilingue
  Regione Vallonia / Aree di lingua francese e tedesca

A seguito di un uso riconducibile alle corti borgognona e asburgica,[74] nel diciannovesimo secolo era necessario parlare francese per appartenere alla classe alta al governo, e coloro che sapevano parlare solo olandese erano effettivamente cittadini di seconda classe.[75] Alla fine di quel secolo, e continuando nel XX secolo, Movimenti fiamminghi si è evoluto per contrastare questa situazione.[76]

Mentre le persone nel Belgio meridionale parlavano francese o dialetti francesi, e la maggior parte dei Brusselers adottò il francese come prima lingua, i fiamminghi si rifiutarono di farlo e riuscirono progressivamente a rendere l'olandese una lingua uguale nel sistema educativo.[76] Dopo la seconda guerra mondiale, la politica belga divenne sempre più dominata dall'autonomia delle sue due principali comunità linguistiche.[77] Le tensioni tra le comunità sono aumentate e la costituzione è stata modificata per ridurre al minimo il potenziale di conflitto.[77]

Sulla base delle quattro aree linguistiche definite nel 1962-1963 (le aree di lingua olandese, bilingue, francese e tedesca), consecutivi revisioni di costituzione del paese nel 1970, 1980, 1988 e 1993 ha istituito una forma unica di uno stato federale con potere politico separato in tre livelli:[78][79]

  1. Il governo federale, con sede a Bruxelles.
  2. Le tre comunità linguistiche:
  3. Le tre regioni:

Il aree linguistiche costituzionali determinare le lingue ufficiali nei loro comuni, nonché i limiti geografici delle istituzioni abilitate per questioni specifiche.[80] Sebbene ciò consentisse la creazione di sette parlamenti e governi quando le Comunità e le Regioni furono create nel 1980, i politici fiamminghi decisero di fondere entrambi.[81] Così i fiamminghi hanno solo un unico organo istituzionale del parlamento e il governo è autorizzato per tutti tranne che per le questioni federali e municipali specifiche.[C]

La sovrapposizione dei confini delle Regioni e delle Comunità ha creato due notevoli peculiarità: il territorio della Regione di Bruxelles-Capitale (che è nata quasi un decennio dopo le altre regioni) è compreso sia nella Comunità fiamminga che in quella francese, e il territorio della La Comunità di lingua tedesca si trova interamente all'interno della Regione Vallonia. I conflitti di giurisdizione tra gli organismi sono risolti dal Corte costituzionale del Belgio. La struttura vuole essere un compromesso per permettere a culture diverse di convivere pacificamente.[15]

Luogo di giurisdizione della politica

L'autorità dello Stato federale comprende giustizia, difesa, polizia federale, sicurezza sociale, energia nucleare, politica monetaria e debito pubblico e altri aspetti delle finanze pubbliche. Le società di proprietà statale includono il Belgian Post Group e Ferrovie belghe. Il governo federale è responsabile degli obblighi del Belgio e delle sue istituzioni federali nei confronti dell'Unione europea e della NATO. Controlla parti sostanziali della sanità pubblica, degli affari interni e degli affari esteri.[82] Il bilancio - senza il debito - controllato dal governo federale ammonta a circa il 50% del reddito fiscale nazionale. Il governo federale impiega circa il 12% dei dipendenti pubblici.[83]

Le comunità esercitano la loro autorità solo entro confini geografici linguisticamente determinati, originariamente orientati verso gli individui della lingua di una Comunità: cultura (compresi i media audiovisivi), istruzione e uso della lingua pertinente. Le estensioni alle questioni personali meno direttamente connesse con il linguaggio comprendono la politica sanitaria (medicina curativa e preventiva) e l'assistenza alle persone (protezione dei giovani, assistenza sociale, aiuto alle famiglie, immigrato servizi di assistenza e così via.).[84]

Le regioni hanno autorità in campi che possono essere ampiamente associati al loro territorio. Questi includono economia, occupazione, agricoltura, politica dell'acqua, alloggi, lavori pubblici, energia, trasporti, ambiente, pianificazione urbana e rurale, conservazione della natura, credito e commercio estero. Supervisionano le province, i comuni e le società di servizi intercomunali.[85]

In diversi campi, i diversi livelli hanno ciascuno la propria voce in capitolo sulle specifiche. Con l'istruzione, ad esempio, l'autonomia delle Comunità non include decisioni sull'aspetto obbligatorio né consente di stabilire requisiti minimi per il rilascio di qualifiche, che rimangono questioni federali.[82] Ogni livello di governo può essere coinvolto nella ricerca scientifica e nelle relazioni internazionali associate ai suoi poteri. Il potere di negoziazione dei governi delle regioni e delle comunità è il più ampio di tutte le unità federatrici di tutte le federazioni del mondo.[86][87][88]

Relazioni estere

A causa della sua posizione all'incrocio di Europa occidentale, Il Belgio è stato storicamente la via degli eserciti invasori dai suoi vicini più grandi. Con confini praticamente indifesi, il Belgio ha tradizionalmente cercato di evitare il dominio delle nazioni più potenti che lo circondano attraverso una politica di mediazione. I belgi sono stati forti sostenitori di Integrazione europea. Entrambi i file Unione europea e NATO hanno sede in Belgio.

Forze armate

Le forze armate belghe hanno circa 47.000 truppe attive. Nel 2019, il bilancio della difesa del Belgio ammontava a 4,303 miliardi di euro (4,921 miliardi di dollari), pari allo 0,93% del suo PIL.[89] Sono organizzati in una struttura unificata che consiste di quattro componenti principali: Componente del terreno, o l'esercito; Componente dell'aria, o l'Air Force; Componente marino, o la Marina; Componente medico. I comandi operativi dei quattro componenti sono subordinati alla Direzione Operativa e Addestramento del Personale Ministero della Difesa, che fa capo al Assistente capo del personale addetto alle operazioni e alla formazionee al Capo della difesa.[90]

Gli effetti di Seconda guerra mondiale fatto sicurezza collettiva una priorità per Politica estera belga. Nel marzo 1948 il Belgio ha firmato il Trattato di Bruxelles e poi si è unito NATO nel 1948. Tuttavia, l'integrazione delle forze armate nella NATO iniziò solo dopo il Guerra di Corea.[91] I belgi, insieme al governo lussemburghese, hanno inviato un distaccamento di forze di battaglione a combattere in Corea noto come il Comando belga delle Nazioni Unite. Questa missione è stata la prima di una lunga serie di missioni ONU sostenute dai belgi. Attualmente, il Belgian Marine Component sta lavorando a stretto contatto con il Marina olandese sotto il comando del Ammiraglio Benelux.

Economia

Il Belgio fa parte di un'unione monetaria, il eurozona (blu scuro) e del Mercato unico dell'UE.

L'economia fortemente globalizzata del Belgio[92] e la sua infrastrutture di trasporto sono integrati con il resto dell'Europa. La sua posizione nel cuore di una regione altamente industrializzata ha contribuito a renderla la quindicesima nazione commerciale più grande del mondo nel 2007.[93][94] L'economia è caratterizzata da una forza lavoro altamente produttiva, elevata PNL ed elevate esportazioni pro capite.[95] Le principali importazioni del Belgio sono materie prime, macchinari e attrezzature, prodotti chimici, diamanti grezzi, prodotti farmaceutici, prodotti alimentari, attrezzature per il trasporto e prodotti petroliferi. Le sue principali esportazioni sono macchinari e attrezzature, prodotti chimici, diamanti finiti, metalli e prodotti in metallo e prodotti alimentari.[39]

L'economia belga è fortemente orientata ai servizi e mostra una duplice natura: un'economia fiamminga dinamica e un'economia vallona in ritardo.[15][96][D] Uno dei membri fondatori dell'Unione europea, il Belgio sostiene fortemente un economia aperta e l'estensione dei poteri delle istituzioni dell'UE per integrare le economie membri. Dal 1922, attraverso il Unione economica belga-lussemburghese, Belgio e Lussemburgo sono stati un mercato commerciale unico con dogana e unione monetaria.[97]

Produzione di acciaio lungo il Fiume Mosa a Ougrée, vicino Liegi

Il Belgio è stato il primo paese dell'Europa continentale a subire il Rivoluzione industriale, all'inizio del XIX secolo.[98] Liegi e Charleroi si sviluppò rapidamente l'estrazione mineraria e la produzione di acciaio, che fiorì fino alla metà del XX secolo nel Valle della Sambre e della Mosa e ha reso il Belgio una delle tre nazioni più industrializzate del mondo dal 1830 al 1910.[99][100] Tuttavia, nel 1840 l'industria tessile delle Fiandre era in grave crisi e la regione ne soffriva carestia dal 1846 al 1850.[101][102]

Dopo seconda guerra mondiale, Gand e Anversa ha sperimentato una rapida espansione delle industrie chimiche e petrolifere. Il 1973 e 1979 crisi petrolifere ha mandato l'economia in recessione; è stato particolarmente prolungato in Vallonia, dove l'industria siderurgica era diventata meno competitiva e aveva subito un grave declino.[103] Negli anni '80 e '90, il centro economico del paese ha continuato a spostarsi verso nord ed è ora concentrato nella popolazione popolosa Diamante fiammingo la zona.[104]

Alla fine degli anni '80, belga politiche macroeconomiche aveva determinato un debito pubblico cumulativo di circa il 120% del PIL. A partire dal 2006, il bilancio era in pareggio e il debito pubblico era pari al 90,30% del PIL.[105] Nel 2005 e nel 2006, i tassi di crescita del PIL reale rispettivamente dell'1,5% e del 3,0% erano leggermente superiori alla media dell'area dell'euro. I tassi di disoccupazione dell'8,4% nel 2005 e dell'8,2% nel 2006 erano vicini alla media dell'area. Di Ottobre 2010, è cresciuto all'8,5% rispetto a un tasso medio del 9,6% per l'intera Unione europea (UE 27).[106][107] Dal 1832 al 2002, la valuta del Belgio era il Franco belga. Il Belgio è passato all'euro nel 2002 e le prime serie di monete in euro sono state coniate nel 1999. Lo standard Monete in euro belghe designato per la circolazione mostra il ritratto del monarca (primo re Alberto II, dal 2013 re Filippo).

Nonostante una diminuzione del 18% osservata dal 1970 al 1999, il Belgio ha registrato ancora nel 1999 il massimo rete ferroviaria densità all'interno dell'Unione Europea con 113,8 km / 1 000 km2. D'altra parte, lo stesso periodo, 1970-1999, ha visto un'enorme crescita (+ 56%) del rete autostradale. Nel 1999, la densità di km autostrade per 1000 km2 e 1000 abitanti ammontavano rispettivamente a 55,1 e 16,5 ed erano significativamente superiori alle medie dell'UE di 13,7 e 15,9.[108]

Dal punto di vista delle risorse biologiche, il Belgio ha una dotazione bassa: quella del Belgio biocapacità ammonta a soli 0,8 ettari globali nel 2016,[109] solo circa la metà degli 1,6 ettari globali di biocapacità disponibile per persona nel mondo.[110] Al contrario, nel 2016, i belgi hanno utilizzato in media 6,3 ettari globali di biocapacità - il loro impronta ecologica di consumo. Ciò significa che richiedevano circa otto volte la biocapacità contenuta in Belgio. Di conseguenza, nel 2016 il Belgio aveva un deficit di biocapacità di 5,5 ettari globali pro capite.[109]

Il Belgio sperimenta il traffico più congestionato d'Europa. Nel 2010, i pendolari delle città di Bruxelles e Anversa hanno trascorso rispettivamente 65 e 64 ore all'anno negli ingorghi.[111] Come nella maggior parte dei piccoli paesi europei, oltre l'80% del traffico aereo è gestito da un unico aeroporto, il Aeroporto di Bruxelles. Il porti di Anversa e Zeebrugge (Bruges) condividono più dell'80% del traffico marittimo belga, essendo Anversa il secondo porto europeo con un peso lordo di merci movimentate di 115 988 000 t nel 2000 dopo una crescita del 10,9% nei cinque anni precedenti.[108][112] Nel 2016, il porto di Anversa ha movimentato 214 milioni di tonnellate dopo una crescita anno su anno del 2,7%.[113]

C'è un grande divario economico tra Fiandre e Vallonia. La Vallonia era storicamente ricca rispetto alle Fiandre, principalmente a causa della sua industrie pesanti, ma il declino dell'industria siderurgica dopo la seconda guerra mondiale portò al rapido declino della regione, mentre le Fiandre aumentarono rapidamente. Da allora, le Fiandre sono state prospere, tra le regioni più ricche d'Europa, mentre la Vallonia è rimasta a languire. Nel 2007, il tasso di disoccupazione della Vallonia è più del doppio di quello delle Fiandre. Il divario ha svolto un ruolo chiave nelle tensioni tra fiamminghi e valloni oltre al divario linguistico già esistente. Movimenti indipendentisti di conseguenza hanno guadagnato grande popolarità nelle Fiandre. Il separatista Nuova alleanza fiamminga Il partito (N-VA), ad esempio, è il più grande partito in Belgio.[114][115][116]

Scienze e tecnologia

I contributi allo sviluppo della scienza e della tecnologia sono apparsi nel corso della storia del paese. Il XVI secolo Presto moderno fiorente dell'Europa occidentale inclusa cartografo Gerardus Mercator, anatomista Andreas Vesalius, erborista Rembert Dodoens[117][118][119][120] e matematico Simon Stevin tra gli scienziati più influenti.[121]

Chimico Ernest Solvay[122] e ingegnere Zenobe Gramme (École industrielle de Liège)[123] ha dato i loro nomi al Processo Solvay e il Gramme Dynamo, rispettivamente, negli anni '60 dell'Ottocento. Bachelite è stato sviluppato nel 1907-1909 da Leo Baekeland. Ernest Solvay ha anche agito come un importante filantropo e ha dato il nome al Istituto di sociologia Solvay, il Solvay Brussels School of Economics and Management e l'International Solvay Institutes for Physics and Chemistry che ora fanno parte del Université libre de Bruxelles. Nel 1911 iniziò una serie di conferenze, il Conferenze Solvay su Fisica e Chimica, che hanno avuto un profondo impatto sull'evoluzione della fisica e della chimica quantistica.[124] Un importante contributo alla scienza fondamentale è stato anche dovuto a un belga, Monsignore Georges Lemaître (Università cattolica di Lovanio), a cui è attribuita la proposta di Big Bang teoria dell'origine dell'universo nel 1927.[125]

Tre Premi Nobel per la fisiologia o la medicina sono stati assegnati ai belgi: Jules Bordet (Université libre de Bruxelles) nel 1919, Corneille Heymans (Università di Gand) nel 1938 e Albert Claude (Université libre de Bruxelles) insieme a Christian de Duve (Université catholique de Louvain) nel 1974. François Englert (Université libre de Bruxelles) ha ricevuto il Premio Nobel per la fisica nel 2013. Ilya Prigogine (Université libre de Bruxelles) ha ricevuto il Premio Nobel per la Chimica nel 1977.[126] Due matematici belgi hanno ottenuto il Medaglia Fields: Pierre Deligne nel 1978 e Jean Bourgain nel 1994.[127][128]

Demografia

Densità di popolazione in Belgio di arrondissement.
Bruxelles, la capitale e la più grande area metropolitana del Belgio

Al 1 ° gennaio 2020, la popolazione totale del Belgio secondo il suo registro della popolazione era di 11.492.641.[5] La densità di popolazione del Belgio è di 376 / km2 (970 / sq mi) a partire da gennaio 2019, rendendolo il 22 ° più densamente popolato paese nel mondo e il 6 ° più densamente popolato paese in Europa. La provincia più densamente popolata è Anversa, la provincia meno densamente popolata è Lussemburgo. A partire da gennaio 2019, il Regione fiamminga aveva una popolazione di 6.589.069 (57,6% del Belgio), essendo le sue città più popolose Anversa (523.248), Gand (260.341) e Bruges (118,284). Vallonia aveva una popolazione di 3.633.795 (31,8% del Belgio) con Charleroi (201,816), Liegi (197.355) e Namur (110.939), le sue città più popolose. Il Regione di Bruxelles Capitale ha 1.208.542 abitanti (10,6% del Belgio) nel 19 comuni, tre dei quali hanno oltre 100.000 residenti.[5]

Nel 2017 la media tasso totale di fertilità (TFR) in tutto il Belgio era di 1,64 figli per donna, al di sotto del tasso di sostituzione di 2,1, rimane notevolmente al di sotto del massimo di 4,87 bambini nati per donna nel 1873.[129] Il Belgio ha successivamente una delle popolazioni più antiche del mondo, con un'età media di 41,5 anni.[130]

Migrazione

A partire dal 2007, quasi il 92% della popolazione aveva la cittadinanza belga,[131] e altri cittadini membri dell'Unione Europea rappresentano circa il 6%. I cittadini stranieri prevalenti erano italiani (171.918), francesi (125.061), olandesi (116.970), marocchino (80,579), portoghese (43.509), spagnolo (42.765), Turco (39.419) e tedesco (37.621).[132][133] Nel 2007, c'erano 1,38 milioni di residenti nati all'estero in Belgio, corrispondenti al 12,9% della popolazione totale. Di questi, 685.000 (6,4%) sono nati al di fuori dell'UE e 695.000 (6,5%) sono nati in un altro Stato membro dell'UE.[134][135]

Si stima che all'inizio del 2012 le persone di origine straniera ei loro discendenti costituissero circa il 25% della popolazione totale, ovvero 2,8 milioni nuovi belgi.[136] Di questi nuovi belgi, 1.200.000 sono di origine europea e 1.350.000[137] provengono da paesi non occidentali (la maggior parte di loro da Marocco, tacchino, e il Repubblica Democratica del Congo). Dalla modifica del Legge sulla cittadinanza belga nel 1984 più di 1,3 milioni di migranti hanno acquisito la cittadinanza belga. Il gruppo più numeroso di immigrati e dei loro discendenti in Belgio lo è Marocchini.[138] 89,2% degli abitanti di Turco di origine sono state naturalizzate, così come l'88,4% delle persone di origine marocchina, il 75,4% degli italiani, il 56,2% dei francesi e il 47,8% degli olandesi.[137]


Le lingue

Distribuzione stimata delle lingue primarie in Belgio
olandese
59%
francese
40%
Tedesco
1%
Bilingue segni a Bruxelles

Il Belgio ha tre lingue ufficiali: olandese, francese e tedesco. Si parlano anche numerose lingue minoritarie non ufficiali.[139]Poiché non esiste un censimento, non ci sono dati statistici ufficiali sulla distribuzione o l'uso delle tre lingue ufficiali del Belgio o delle loro dialetti.[140] Tuttavia, vari criteri, tra cui la lingua o le lingue dei genitori, di istruzione o lo status di seconda lingua di nato all'estero, possono fornire cifre suggerite. Si stima che circa il 60% della popolazione belga sia di madrelingua olandese (spesso indicato come fiammingo) e il 40% della popolazione parla francese in modo nativo. I belgi francofoni sono spesso indicati come valloni, sebbene i francofoni a Bruxelles non siano valloni.[E]

Il numero totale di madrelingua olandesi è stimato a circa 6,23 milioni, concentrati nella regione delle Fiandre settentrionali, mentre i madrelingua francesi sono 3,32 milioni in Vallonia e circa 870.000 (o 85%) nella regione ufficialmente bilingue di Bruxelles-Capitale.[F][141] Il Comunità tedesca è composto da 73.000 persone nella parte orientale del Regione Vallonia; circa 10.000 cittadini tedeschi e 60.000 belgi parlano il tedesco. Circa 23.000 persone di lingua tedesca in più vivono nei comuni vicini alla Comunità ufficiale.[142][143][144][145]

Entrambi Olandese belga e Francese belga avere piccole differenze in vocabulary and semantic nuances from the varieties spoken respectively in the Netherlands and France. Many Flemish people still speak dialetti dell'olandese in their local environment. Vallonia, considered either as a dialect of French or a distinct Lingua romanza,[146][147] is now only understood and spoken occasionally, mostly by elderly people. Walloon is divided into four dialects, which along with those of Picard,[148] are rarely used in public life and have largely been replaced by French.

Religione

Since the country's independence, cattolicesimo romano has had an important role in Belgium's politics.[149] However Belgium is largely a paese secolare come il costituzione provides for freedom of religion, and the government generally respects this right in practice. Durante i regni di Albert I e Baldovino, il Famiglia reale belga had a reputation of deeply rooted Catholicism.[150]

Roman Catholicism has traditionally been Belgium's majority religion; being especially strong in Flanders. However, by 2009 Sunday frequenza in chiesa was 5% for Belgium in total; 3% in Brussels,[151] and 5.4% in Flanders. Church attendance in 2009 in Belgium was roughly half of the Sunday church attendance in 1998 (11% for the total of Belgium in 1998).[152] Despite the drop in church attendance, Catholic identity nevertheless remains an important part of Belgium's culture.[150]

According to the Eurobarometer 2010,[153] 37% of Belgian citizens responded that they believe there is a God. 31% answered that they believe there is some sort of spirit or life-force. 27% answered that they do not believe there is any sort of spirit, God, or life-force. 5% did not respond. According to the Eurobarometer 2015, 60.7% of the total population of Belgium adhered to cristianesimo, con cattolicesimo romano being the largest denomination with 52.9%. Protestants comprised 2.1% and Orthodox Christians were the 1.6% of the total. Non-religious people comprised 32.0% of the population and were divided between atheists (14.9%) and agnostics (17.1%). A further 5.2% of the population was Muslim and 2.1% were believers in other religions.[154] The same survey held in 2012 found that Christianity was the largest religion in Belgium, accounting for 65% of Belgi.[155]

Symbolically and materially, the Roman Catholic Church remains in a favorable position.[150] Belgium officially recognizes three religions: Christianity (Catholic, Protestantism, Orthodox churches and Anglicanism), Islam and Judaism.[156]

In the early 2000s, there were approximately 42,000 Jews in Belgium. Il Jewish Community of Antwerp (numbering some 18,000) is one of the largest in Europe, and one of the last places in the world where yiddish is the primary language of a large Jewish community (mirroring certain Orthodox and Hasidic communities in New York, New Jersey, and Israel). In addition, most Jewish children in Antwerp receive a Jewish education.[157] There are several Jewish newspapers and more than 45 active synagogues (30 of which are in Antwerp) in the country.A 2006 inquiry in Flanders, considered to be a more religious region than Wallonia, showed that 55% considered themselves religious and that 36% believed that God created the universe.[158] On the other hand, Wallonia has become one of Europe's most secular/least religious regions. Most of the French-speaking region's population does not consider religion an important part of their lives, and as much as 45% of the population identifies as irreligious. This is particularly the case in eastern Wallonia and areas along the French border.

Il Grande Moschea di Bruxelles is the seat of the Islamic and Cultural Center of Belgium

A 2008 estimate found that approximately 6% of the Belgian population (628,751 people) is musulmano. Muslims constitute 23.6% of the population of Bruxelles, 4.9% of Vallonia and 5.1% of Fiandre. The majority of Belgian Muslims live in the major cities, such as Anversa, Bruxelles e Charleroi. The largest group of immigrants in Belgium are Moroccans, with 400,000 people. The Turks are the third largest group, and the second largest Muslim ethnic group, numbering 220,000.[138][159]

Salute

University Hospital of Antwerp

The Belgians enjoy good health. According to 2012 estimates, the average life expectancy is 79.65 years.[39] Since 1960, life expectancy has, in line with the European average, grown by two months per year. Death in Belgium is mainly due to heart and vascular disorders, neoplasie, disorders of the respiratory system and unnatural causes of death (accidents, suicide). Non-natural causes of death and cancer are the most common causes of death for females up to age 24 and males up to age 44.[160]

Assistenza sanitaria in Belgio is financed through both social security contributions and taxation. Health insurance is compulsory. Health care is delivered by a mixed public and private system of independent medical practitioners and public, university and semi-private hospitals. Health care service are payable by the patient and reimbursed later by health insurance institutions, but for ineligible categories (of patients and services) so-called 3rd party payment systems exist.[160] The Belgian health care system is supervised and financed by the federal government, the Flemish and Walloon Regional governments; and the German Community also has (indirect) oversight and responsibilities.[160]

For the first time in Belgian history, the first child was euthanized following the 2-year mark of the removal of the euthanization age restrictions. The child had been euthanized due to an incurable disease that was inflicted upon the child. Although there may have been some support for the euthanization there is a possibility of controversy due to the issue revolving around the subject of assisted suicide.[161][162] Excluding assisted suicide, Belgium has the highest suicide rate in Western Europe and one of the highest suicide rates nel mondo sviluppato (exceeded only by Lithuania, South Korea, and Latvia).[163]

Formazione scolastica

La Biblioteca Centrale di KU Leuven Università

Education is compulsory from 6 to 18 years of age for Belgians.[164] Tra OCSE countries in 2002, Belgium had the third highest proportion of 18- to 21-year-olds enrolled in istruzione post-secondaria, at 42%.[165] Though an estimated 99% of the adult population is literate, concern is rising over functional illiteracy.[148][166] Il Programma per la valutazione internazionale degli studenti (PISA), coordinated by the OECD, currently ranks Belgium's education as the 19th best in the world, being significantly higher than the OECD average.[167] Education being organized separately by each, the Flemish Community scores noticeably above the French and German-speaking Communities.[168]

Mirroring the dual structure of the 19th-century Belgian political landscape, characterized by the Liberale e il Partiti cattolici, the educational system is segregated within a secular and a religious segment. The secular branch of schooling is controlled by the communities, the provinces, or the municipalities, while religious, mainly Catholic branch education, is organized by religious authorities, although subsidized and supervised by the communities.[169]

Cultura

Nonostante il suo political and linguistic divisions, the region corresponding to today's Belgium has seen the flourishing of major artistic movements that have had tremendous influence on European art and culture. Nowadays, to a certain extent, cultural life is concentrated within each language Community, and a variety of barriers have made a shared cultural sphere less pronounced.[15][170][171] Since the 1970s, there are no bilingual universities or colleges in the country except the Accademia militare reale e il Antwerp Maritime Academy.[172]

Belle arti

Il Pala d altare di Gand: L'Adorazione dell'Agnello Mistico (interior view), painted 1432 by van Eyck

Contributions to painting and architecture have been especially rich. Il Arte Mosana, il Early Netherlandish,[173] il Rinascimento fiammingo e Pittura barocca[174] and major examples of romanico, Gotico, Rinascimento e Architettura barocca[175] are milestones in the history of art. While the 15th century's art in the Low Countries is dominated by the religious paintings of Jan van Eyck e Rogier van der Weyden, the 16th century is characterized by a broader panel of styles such as Peter Breughel's landscape paintings and Lambert Lombard's representation of the antique.[176] Though the Baroque style of Peter Paul Rubens e Anthony van Dyck flourished in the early 17th century in the Southern Netherlands,[177] it gradually declined thereafter.[178][179]

Durante il XIX e il XX secolo molti originali romantico, espressionista e surrealista Belgian painters emerged, including James Ensor and other artists belonging to the Les XX gruppo, Constant Permeke, Paul Delvaux e René Magritte. L'avanguardia Movimento CoBrA appeared in the 1950s, while the sculptor Panamarenko remains a remarkable figure in contemporary art.[180][181] Multidisciplinary artists Jan Fabre, Wim Delvoye e il pittore Luc Tuymans are other internationally renowned figures on the contemporary art scene.

Belgian contributions to architecture also continued into the 19th and 20th centuries, including the work of Victor Horta e Henry van de Velde, who were major initiators of the Art Nouveau stile.[182][183]

Il musica vocale del Scuola franco-fiamminga si sviluppò nella parte meridionale dei Paesi Bassi e costituì un importante contributo alla cultura rinascimentale.[184] Nel diciannovesimo e ventesimo secolo, ci fu l'emergere di grandi violinisti, come Henri Vieuxtemps, Eugène Ysaÿe e Arthur Grumiaux, mentre Adolphe Sax invented the saxophone in 1846. The composer César Franck was born in Liège in 1822. Contemporary musica popolare in Belgium is also of repute. Musicista jazz Toots Thielemans e cantante Jacques Brel have achieved global fame. Al giorno d'oggi, cantante Stromae è stata una rivelazione musicale in Europa e oltre, riscuotendo un grande successo. In rock/pop music, Telex, 242 anteriore, Scelta di K., Hooverphonic, Zap Mama, Soulwax e dEUS sono ben noti. In the heavy metal scene, bands like Machiavel, Canale Zero e Enthroned have a worldwide fan-base.[185]

Belgium has produced several well-known autori, including the poets Emile Verhaeren, Robert Goffin e romanzieri Hendrik Conscience, Georges Simenon, Suzanne Lilar, Hugo Claus e Amélie Nothomb. The poet and playwright Maurice Maeterlinck ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 1911. Le avventure di Tintin di Hergé is the best known of Fumetti franco-belgi, but many other major authors, including Peyo (I Puffi), André Franquin (Gaston Lagaffe), Dupa (Cubitus), Morris (Lucky Luke), Greg (Achille Talon), Lambil (Les Tuniques Bleues), Edgar P. Jacobs e Willy Vandersteen brought the Belgian cartoon strip industry a worldwide fame.[186] Additionally, famous crime author Agatha Christie ha creato il personaggio Hercule Poirot, a Belgian detective, who has served as a protagonista in a number of her acclaimed mystery novels.

Cinema belga has brought a number of mainly Flemish novels to life on-screen.[G] Other Belgian directors include André Delvaux, Stijn Coninx, Luc e Jean-Pierre Dardenne; well-known actors include Jean claude van damme, Jan Decleir e Marie Gillain; and successful films include Bullhead, L'uomo morde il cane e The Alzheimer Affair.[187] In the 1980s, Antwerp's Royal Academy of Fine Arts produced important fashion trendsetters, known as the Antwerp Six.[188]

Folclore

Il Gilles di Binche, in costume, wearing wax masks

Folklore plays a major role in Belgium's cultural life: the country has a comparatively high number of processions, cavalcades, parades, 'ommegangs' and 'ducasses',[H] 'kermesse' and other local festivals, nearly always with an originally religious or mythological background. Il Carnevale di Binche with its famous Gilles and the 'Processional Giants and Dragons' of Ath, Bruxelles, Dendermonde, Mechelen e Mons are recognized by UNESCO come Capolavori del patrimonio orale e immateriale dell'umanità.[189]

Other examples are the Carnevale di Aalst; the still very religious processions of the Holy Blood nel Bruges, Virga Jesse Basilica nel Hasselt e Basilica di Nostra Signora di Hanswijk in Mechelen; 15 agosto festival in Liegi; and the Walloon festival in Namur. Originated in 1832 and revived in the 1960s, the Gentse Feesten have become a modern tradition. A major non-official holiday is the San Nicola, a festivity for children and, in Liège, for students.[190]

Cucina

Moules-frites o mosselen met friet is a representative dish of Belgium.

Many highly ranked Belgian restaurants can be found in the most influential restaurant guides, such as the Guida Michelin.[191] Belgium is famous for birra, cioccolato, cialde e patatine fritte con Maionese. Contrary to their name, french fries are claimed to have originated in Belgium, although their exact place of origin is uncertain. The national dishes are "steak and fries with salad", and "mussels with fries".[192][193][194][IO]

Brands of Belgian chocolate and praline, piace Côte d'Or, Neuhaus, Leonida e Godiva are famous, as well as independent producers such as Burie and Del Rey in Antwerp and Mary's in Brussels.[195] Belgium produces over 1100 varieties of beer.[196][197] Il Birra trappista del Abbey of Westvleteren has repeatedly been rated the world's best beer.[198][199][200]The biggest brewer in the world by volume is Anheuser-Busch InBev, con sede a Lovanio.[201]

Gli sport

Eddy Merckx, regarded as one of the greatest cyclists of all time

Since the 1970s, sports clubs and federations are organized separately within each language community.[202] Associazione calcistica is the most popular sport in both parts of Belgium; also very popular are cycling, tennis, swimming, judo[203] e il basket.[204]

Belgians hold the most Tour de France victories of any country except France. They have also the most victories on the Campionati del mondo su strada UCI. Philippe Gilbert is the 2012 world champion. Another modern well-known Belgian cyclist is Tom Boonen. With five victories in the Tour de France and numerous other cycling records, Belgian cyclist Eddy Merckx is regarded as one of the greatest cyclists of all time.[205] Jean-Marie Pfaff, a former Belgian goalkeeper, is considered one of the greatest in the history of association football.[206]

Il Belgio ha ospitato il 1972 European Football Championshipse ha co-ospitato il Campionati Europei 2000 con i Paesi Bassi. Il Nazionale di calcio belga reached first place in the Classifica mondiale FIFA for the first time in November 2015.[207]

Kim Clijsters e Justine Henin entrambi lo erano Giocatore dell'anno nel Associazione di tennis femminile as they were ranked the number one female tennis player.The Spa-Francorchamps motor-racing circuit hosts the Campionato del mondo di Formula Uno Gran Premio del Belgio. The Belgian driver, Jacky Ickx, won eight Grands Prix and six 24 ore di Le Mans and finished twice as runner-up in the Formula One World Championship. Belgium also has a strong reputation in, motocross with the riders Joel Robert, Roger De Coster, Georges Jobé, Eric Geboers e Stefan Everts tra gli altri.[208] Sporting events annually held in Belgium include the Memorial Van Damme athletics competition, the Gran Premio del Belgio Formula One, and a number of gare ciclistiche classiche come il Tour delle Fiandre e Liegi – Bastogne – Liegi. Il 1920 Olimpiadi estive were held in Antwerp. Il 1977 European Basketball Championship è stato trattenuto Liegi e Ostenda.

Guarda anche

Note a piè di pagina

  1. ^ olandese: België [ˈbɛlɣijə] (A proposito di questo suonoascolta); francese: Belgique [bɛlʒik] (A proposito di questo suonoascolta); Tedesco: Belgien [ˈbɛlɡi̯ən] (A proposito di questo suonoascolta)
  2. ^ Belgium is a member of, or affiliated to, many international organizations, including ACCT, AfDB, AsDB, Gruppo Australia, Benelux, BIS, CCC, CE, CERN, EAPC, BERS, BEI, EMU, ESA, UNIONE EUROPEA, FAO, G-10, IAEA, IBRD, ICAO, ICC, ICRM, IDA, IDB, IEA, IFAD, IFC, IFRCS, IHO, ILO, FMI, IMO, SONO COSÌ, Intelsat, Interpol, IOC, IOM, ISO, ITU, MONUSCO (observers), NATO, NEA, NSG, OAS (osservatore), OCSE, OPCW, OSCE, PCA, UN, UNCTAD, UNECE, UNESCO, UNHCR, UNIDO, UNMIK, UNMOGIP, UNRWA, UNTSO, UPU, WADB (non-regional), UEO, OMS, WIPO, WMO, WTrO, ZC.
  3. ^ The Constitution set out seven institutions each of which can have a parliament, government and administration. In fact, there are only six such bodies because the Flemish Region merged into the Flemish Community. This single Flemish body thus exercises powers about Community matters in the bilingual area of Brussels-Capital and in the Dutch language area, while about Regional matters only in Flanders.
  4. ^ The richest (per capita income) of Belgium's three regions is the Regione fiamminga, seguito dal Regione Vallonia e infine il Regione di Bruxelles-Capitale. The ten municipalities with the highest reported income are: Laethem-Saint-Martin, Keerbergen, Lasne, Oud-Heverlee, Hove, De Pinte, Meise, Knokke-Heist, Bierbeek."Où habitent les Belges les plus riches?". trends.be. 2010. Archiviato da l'originale il 27 agosto 2011. Recuperato 15 luglio 2011.
  5. ^ Native speakers of Dutch living in Wallonia and of French in Flanders are relatively small minorities that furthermore largely balance one another, hence attributing all inhabitants of each unilingual area to the area's language can cause only insignificant inaccuracies (99% can speak the language). Dutch: Flanders' 6.079 million inhabitants and about 15% of Brussels' 1.019 million are 6.23 million or 59.3% of the 10.511 million inhabitants of Belgium (2006); German: 70,400 in the German-speaking Community (which has language facilities for its less than 5% French-speakers) and an estimated 20,000–25,000 speakers of German in the Walloon Region outside the geographical boundaries of their official Community, or 0.9%; French: in the latter area as well as mainly in the rest of Wallonia (3.321 million) and 85% of the Brussels inhabitants (0.866 million) thus 4.187 million or 39.8%; together indeed 100%.
  6. ^ Flemish Academic Eric Corijn (initiator of Charta 91), in un colloquio su Bruxelles, il 2001-12-05, afferma che a Bruxelles il 91% della popolazione parla francese a casa, da solo o con un'altra lingua, e circa il 20% parla olandese a casa, da solo (9% ) o con il francese (11%) - Dopo la ponderazione, la ripartizione può essere stimata tra l'85 e il 90% di lingua francese e le restanti sono di lingua olandese, corrispondenti alle stime basate sulle lingue scelte a Bruxelles dai cittadini per il loro funzionario documenti (carta d'identità, patente di guida, matrimoni, nascita, sesso e così via); tutte queste statistiche sulla lingua sono disponibili anche presso il Dipartimento di giustizia belga (per matrimoni, nascita, sesso), Dipartimento dei trasporti (per patenti di guida), Dipartimento degli interni (per documenti), perché non ci sono mezzi per saperlo precisamente le proporzioni da quando il Belgio ha abolito i censimenti linguistici "ufficiali", quindi i documenti ufficiali sulle scelte linguistiche possono essere solo stime. Per una fonte web su questo argomento, vedere ad es. Fonti generali in linea: Janssens, Rudi
  7. ^ I film belgi degni di nota basati su opere di autori fiamminghi includono: De Witte (autore Ernest Claes) film di Jan Vanderheyden e Edith Kiel nel 1934, remake come De Witte van Sichem diretto da Robbe De Hert nel 1980; De man die zijn haar kort liet knippen (Johan Daisne) André Delvaux 1965; Mira ("De teleurgang van de Waterhoek" di Stijn Streuvels) Fons Rademakers 1971; Malpertuis (aka The Legend of Doom House) (Jean Ray [pseudonimo di un autore fiammingo che scrisse principalmente in francese, o come John Flanders in olandese]) Harry Kümel 1971; De loteling (Hendrik Conscience) Roland Verhavert 1974; Dood van een non (Maria Rosseels) Paul Collet e Pierre Drouot 1975; Pallieter (Felix Timmermans) Roland Verhavert 1976; De komst van Joachim Stiller (Hubert Lampo) Harry Kümel 1976; De Leeuw van Vlaanderen (Hendrik Conscience) Hugo Claus (un famoso autore egli stesso) 1985; Daens ('Pieter Daens' di Louis Paul Boon) Stijn Coninx 1992; Guarda anche Filmarchief les DVD! s de la cinémathèque (in olandese). Estratto il 7 giugno 2007.
  8. ^ La parola olandese 'ommegang' è qui usata nel senso di una processione interamente o principalmente non religiosa, o della sua parte non religiosa - vedere anche il suo articolo sulla Wikipedia in lingua olandese; i giganti processionali di Bruxelles, Dendermonde e Mechelen menzionati in questo paragrafo fanno parte dell '"ommegang" di ciascuna città. La parola francese "ducasse" si riferisce anche a una processione; i menzionati Giganti processionali di Ath e Mons fanno parte delle "ducasse" di ciascuna città.
  9. ^ Contrariamente a quanto suggerisce il testo, la stagione inizia già a luglio e dura fino ad aprile.

Riferimenti

  1. ^ Eurobarometro 90.4: Atteggiamenti degli europei nei confronti della biodiversità, consapevolezza e percezione dei costumi dell'UE e percezione dell'antisemitismo. Commissione europea. Recuperato 9 agosto 2019 - attraverso GESIS.
  2. ^ "Tipo di governo: Belgio". The World Factbook. CIA. Archiviato dall'originale del 7 febbraio 2012. Recuperato 19 dicembre 2011.
  3. ^ un b "be.STAT". Bestat.statbel.fgov.be. Il 26 novembre 2019.
  4. ^ "Acqua superficiale e cambio dell'acqua superficiale". Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Recuperato 11 ottobre 2020.
  5. ^ un b c d "Structuur van de bevolking" (in olandese). Statbel. Recuperato 29 febbraio 2020.
  6. ^ un b c d "World Economic Outlook Database". Fondo monetario internazionale. Recuperato 1 ottobre 2018.
  7. ^ "Coefficiente di Gini del reddito disponibile equivalente - Indagine EU-SILC". ec.europa.eu. Eurostat. Archiviato dall'originale del 20 marzo 2019. Recuperato 20 ottobre 2019.
  8. ^ "Classifica dell'indice di sviluppo umano 2019". Hdr.undp.org.
  9. ^ "Cambiamenti di fuso orario e orologio a Bruxelles, Belgio". Timeanddate.com. 1 gennaio 2020.
  10. ^ La costituzione belga (PDF). Bruxelles, Belgio: Camera dei rappresentanti belga. Maggio 2014. p. 63. Archiviato (PDF) dall'originale del 10 agosto 2015. Recuperato 10 settembre 2015.
  11. ^ Pateman, Robert e Elliott, Mark (2006). Belgio. Libri di riferimento. p. 27. ISBN 978-0761420590
  12. ^ Leclerc, Jacques (18 gennaio 2007). "Belgique • België • Belgien — Région de Bruxelles-Capitale • Brussels Hoofdstedelijk Gewest". L'aménagement linguistique dans le monde (in francese). Ospite: Trésor de la langue française au Québec (TLFQ), Université Laval, Quebec. Archiviato da l'originale il 9 giugno 2007. Recuperato 18 giugno 2007. C'est une région officiellement bilingue formant au centre du pays une enclave dans la province du Brabant flamand (Vlaams Brabant)
    *"Informazioni sul Belgio". Servizio pubblico federale belga (ministero) / Ambasciata del Belgio nella Repubblica di Corea. Archiviato da l'originale il 2 ottobre 2008. Recuperato 21 giugno 2007. la Regione di Bruxelles-Capitale è un'enclave di 162 km2 all'interno della regione fiamminga.
    *"Fiandre (regione amministrativa)". Enciclopedia in linea di Microsoft Encarta. Microsoft. 2007. Archiviato da l'originale il 31 ottobre 2009. Recuperato 21 giugno 2007. La capitale del Belgio, Bruxelles, è un'enclave all'interno delle Fiandre.
    *McMillan, Eric (ottobre 1999). "Le invasioni FIT di Mons" (PDF). Traduttore di capitali, Newsletter dell'NCATA, vol. 21, n. 7, p. 1. Capitolo della National Capital Area dell'American Translators Association (NCATA). Archiviato da l'originale (PDF) il 26 giugno 2007. Recuperato 21 giugno 2007. Il paese è diviso in tre regioni autonome: le Fiandre di lingua olandese nel nord, principalmente di lingua francese Bruxelles al centro come un'enclave all'interno delle Fiandre e della Vallonia francofona a sud, compresa quella germanofona Cantons de l'Est.
    *Van de Walle, Steven. "Strutture linguistiche nella periferia di Bruxelles". KULeuven—Leuvens Universitair Dienstencentrum voor Informatica en Telematica. Archiviato da l'originale (PDF) il 31 ottobre 2009. Recuperato 21 giugno 2007. Bruxelles è una specie di enclave all'interno delle Fiandre: non ha alcun legame diretto con la Vallonia.
  13. ^ C. Giulio Cesare, De Bello Gallico, libro 8, capitolo 46.
  14. ^ Haß, Torsten (17 febbraio 2003). Rezension zu (Recensione di) Cook, Bernard: Belgium. Una storia (in tedesco). FH-Zeitung (giornale di Fachhochschule). ISBN 978-0-8204-5824-3. Archiviato da l'originale il 9 giugno 2007. Recuperato 24 maggio 2007. die Bezeichnung Belgiens als "the cockpit of Europe" (James Howell, 1640), die damals noch auf eine kriegerische Hahnenkampf-Arena hindeutete—Il revisore del libro, Haß, attribuisce l'espressione in inglese a James Howell nel 1640. La frase originale di Howell "la cabina di pilotaggio di cristianità"è stato modificato in seguito, come mostrato da:
    *Carmont, John. "The Hydra No.1 New Series (November 1917) -Arras And Captain Satan". Collezione di poeti di guerra. Business School della Napier University. Archiviato da l'originale l'11 maggio 2008. Recuperato 24 maggio 2007.—E come tale coniato per il Belgio:
    *Legno, James (1907). "Nuttall Encyclopaedia of General Knowledge - Cockpit of Europe". Archiviato dall'originale del 9 agosto 2011. Recuperato 24 maggio 2007. Cabina di pilotaggio d'Europa, Belgio, teatro di tante battaglie tra le potenze europee. (Guarda anche L'Enciclopedia Nuttall)
  15. ^ un b c d Fitzmaurice, John (1996). "Nuovo ordine? Modelli internazionali di pace e riconciliazione: diversità e società civile". Dialogo democratico Primo think tank dell'Irlanda del Nord, Belfast, Irlanda del Nord, Regno Unito. Archiviato dall'originale del 13 maggio 2011. Recuperato 12 agosto 2007.
  16. ^ "Profilo paese Belgio". EUbusiness, Richmond, Regno Unito. 27 agosto 2006. Archiviato dall'originale del 7 ottobre 2009. Recuperato 12 agosto 2007.
  17. ^ Karl, Farah; Stoneking, James (1999). "Capitolo 27. L'età dell'imperialismo (Sezione 2. La divisione dell'Africa)" (PDF). Storia del mondo II. Appomattox Regional Governor's School (History Department), Petersburg, Virginia, USA. Archiviato da l'originale (PDF) il 25 settembre 2007. Recuperato 16 agosto 2007.
  18. ^ Vivace Bruxelles. "Isola bilingue nelle Fiandre". UCL. Archiviato dall'originale del 24 maggio 2016. Recuperato 5 giugno 2016.
  19. ^ "Il governo belga ha giurato, ponendo fine alla crisi di 18 mesi". Expatica. 6 dicembre 2011. Archiviato dall'originale del 2 febbraio 2014. Recuperato 8 dicembre 2011.
  20. ^ "Iscriviti per leggere". Financial Times. Archiviato dall'originale del 9 agosto 2017. Recuperato 19 luglio 2017.
  21. ^ "Indice di qualità della vita per Paese nel semestre 2017". www.numbeo.com. Archiviato dall'originale del 23 gennaio 2018. Recuperato 28 dicembre 2017.
  22. ^ "Indice di salute" (PDF). Organizzazione mondiale della Sanità. Archiviato (PDF) dall'originale del 5 agosto 2011.
  23. ^ "Indice dell'istruzione | Rapporti sullo sviluppo umano". hdr.undp.org. Archiviato dall'originale del 4 gennaio 2018. Recuperato 28 dicembre 2017.
  24. ^ "Rapporto sullo sviluppo umano 2016" (PDF). undp.org. Archiviato (PDF) dall'originale del 27 marzo 2017.
  25. ^ "Indice di pace globale 2017" (PDF). reliefweb.int. Archiviato (PDF) dall'originale del 28 dicembre 2017.
  26. ^ Edmundson, George (1922). "Capitolo I: I Paesi Bassi della Borgogna". Storia dell'Olanda. The University Press, Cambridge. Ripubblicato: Authorama. Archiviato dall'originale del 28 aprile 2011. Recuperato 15 dicembre 2010.
  27. ^ Edmundson, George (1922). "Capitolo II: Regola asburgica nei Paesi Bassi". Storia dell'Olanda. The University Press, Cambridge. Ripubblicato: Authorama. Archiviato dall'originale del 26 settembre 2007. Recuperato 9 giugno 2007.
  28. ^ Dobbelaere, Karel; Voyé, Liliane (1990). "Dal pilastro alla postmodernità: la situazione in evoluzione della religione in Belgio" (PDF). Analisi sociologica. 51: S1 – S13. doi:10.2307/3711670. JSTOR 3711670. Archiviato (PDF) dall'originale del 2 novembre 2013. Recuperato 25 febbraio 2011.
  29. ^ Gooch, Brison Dowling (1963). Belgio e rivoluzione di febbraio. Martinus Nijhoff Publishers, L'Aia, Olanda. p. 112. Archiviato dall'originale del 28 giugno 2011. Recuperato 18 ottobre 2010.
  30. ^ "Giornata nazionale e festività delle Comunità e delle Regioni". Governo federale belga. 3 ottobre 2010. Archiviato dall'originale del 24 luglio 2011. Recuperato 20 luglio 2011.
  31. ^ Deschouwer, Kris (gennaio 2004). "Struttura etnica, disuguaglianza e governance del settore pubblico in Belgio" (PDF). Istituto di ricerca delle Nazioni Unite per lo sviluppo sociale (UNRISD). Archiviato da l'originale (PDF) il 14 giugno 2007. Recuperato 22 maggio 2007.
  32. ^ Forbath, Peter (1977). Il fiume Congo: la scoperta, l'esplorazione e lo sfruttamento dei fiumi più spettacolari del mondo. Harper & Row. p. 278. ISBN 978-0061224904.
  33. ^ un b "Il Belgio affronta il suo cuore di oscurità; il comportamento coloniale sgradevole in Congo sarà affrontato da un nuovo studio - The New York Times". nytimes.com. Archiviato dall'originale del 24 dicembre 2016. Recuperato 6 gennaio 2017.
  34. ^ Meredith, Martin (2005). Lo Stato dell'Africa. Jonathan Ball. pagg. 95–96 (?). ISBN 978-1868422203.
  35. ^ Arango, Ramon (1961). Leopoldo III e la questione reale belga. Baltimora: The Johns Hopkins Press. p. 108. ISBN 9780801800405.
  36. ^ "La guerra civile congolese 1960-1964". notizie della BBC. Archiviato dall'originale del 24 maggio 2010. Recuperato 29 aprile 2010.
  37. ^ "Nuovi dati sull'uso del suolo". Statbel. Archiviato dall'originale del 19 marzo 2019. Recuperato 17 febbraio 2019.
  38. ^ "Il Belgio è di 160 km² groter dan gedacht". Het Laatste Nieuws. 10 gennaio 2019. Archiviato dall'originale del 17 febbraio 2019. Recuperato 17 febbraio 2019.
  39. ^ un b c "Belgio". The World Factbook. Cia. Archiviato da l'originale il 10 luglio 2016.
  40. ^ (in olandese) Geografische beschrijving van België - Over Belgie - Portaal Belgische Overheid Archiviato 19 agosto 2013 presso il Wayback Machine. Belgium.be. Estratto 12 mese di agosto 2013.
  41. ^ "Belgio-Terra-Soccorso". Encyclopædia Britannica. Encyclopædia Britannica, Chicago, Illinois, USA. 2007. Archiviato da l'originale il 17 dicembre 2013. Recuperato 3 luglio 2007.
  42. ^ "Geografia del Belgio". 123independenceday.com. Archiviato dall'originale del 12 settembre 2007. Recuperato 10 agosto 2007.
  43. ^ "Vita-Natura" (PDF). Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee. 2005. Archiviato (PDF) dall'originale del 25 settembre 2007. Recuperato 10 agosto 2007.
  44. ^ Peel, Murray C .; Finlayson, Bryan L. & McMahon, T.A. (2007). "Mappa del mondo aggiornata della classificazione climatica Köppen – Geiger". Idrologia e scienze del sistema terra. 11 (5): 1633–1644. Bibcode:2007HESS ... 11.1633P. doi:10.5194 / hess-11-1633-2007. ISSN 1027-5606. Archiviato dall'originale del 10 febbraio 2017. Recuperato 10 dicembre 2011. (diretto: Documento revisionato finale Archiviato 29 febbraio 2012 presso il Wayback Machine)
  45. ^ "Medie climatiche - Bruxelles". EuroWEATHER / EuroMETEO, Nautica Editrice Srl, Roma, Italia. Archiviato dall'originale del 21 ottobre 2007. Recuperato 27 maggio 2007.
  46. ^ "Kerncijfers 2006 - Statistisch overzicht van België" (PDF) (in olandese). Servizio del governo federale belga (ministero) dell'Economia - Direzione generale delle statistiche Belgio. pagg. 9–10. Archiviato da l'originale (PDF) il 5 giugno 2007. Recuperato 8 maggio 2007.
  47. ^ Takhtajan, Armen, 1986. Regioni floristiche del mondo. (tradotto da T.J. Crovello e A. Cronquist). University of California Press, Berkeley.
  48. ^ "Foreste miste atlantiche". Ecoregioni terrestri. Fondo mondiale per la fauna selvatica.
  49. ^ López Pintor, Rafael; Gratschew, Maria (2002). "Tassi di affluenza alle urne da una prospettiva comparativa" (PDF). IDEA. Archiviato (PDF) dall'originale del 21 novembre 2011. Recuperato 22 giugno 2011.
  50. ^ "La costituzione belga - articolo 99" (PDF). Camera dei rappresentanti belga. Gennaio 2009. Archiviato da l'originale (PDF) il 6 luglio 2011. Recuperato 26 giugno 2011.
  51. ^ "Belgio 1831 (rev. 2012)". Costituire. Archiviato dall'originale del 23 febbraio 2015. Recuperato 30 marzo 2015.
  52. ^ "Belgio, uno stato federale". Belgium.be. Archiviato dall'originale del 12 novembre 2010. Recuperato 26 novembre 2010.
  53. ^ un b "Nota di fondo: Belgio". Dipartimento degli Stati degli Stati Uniti. 29 aprile 2010. Recuperato 26 novembre 2010.
  54. ^ "Belgio - Partiti politici". Banca dati sulle elezioni europee. Servizi di dati in scienze sociali norvegesi. 2010. Archiviato dall'originale del 27 aprile 2011. Recuperato 10 dicembre 2010.
  55. ^ Tyler, Richard (8 giugno 1999). "Lo scandalo della contaminazione da diossina colpisce il Belgio: gli effetti si diffondono nell'Unione europea e oltre". Sito Web socialista mondiale (WSWS). Comitato Internazionale della Quarta Internazionale (ICFI). Archiviato dall'originale il 1 ° agosto 2016. Recuperato 16 luglio 2016.
  56. ^ ElAmin, Ahmed (31 gennaio 2006) I settori della carne in Belgio e Paesi Bassi affrontano una crisi di diossina Archiviato 14 settembre 2007 presso il Wayback Machine. foodproductiondaily.com
  57. ^ Commissione europea (16 giugno 1999). "Notizie sulla legislazione alimentare - UE: CONTAMINANTI - Comunicato stampa della Commissione (IP / 99/399) Risultati preliminari dell'ispezione dell'UE in Belgio". School of Food Biosciences, University of Reading, Regno Unito. Archiviato dall'originale del 27 settembre 2006. Recuperato 29 maggio 2007.
  58. ^ La coalizione "arcobaleno" del Belgio ha giurato ". notizie della BBC. 12 luglio 1999. Recuperato 20 maggio 2007.
  59. ^ "La Chambre des représentants - Composizione" [Composizione della Camera dei rappresentanti] (PDF) (in francese). La Camera dei rappresentanti del Belgio. 9 marzo 2006. Archiviato (PDF) dall'originale del 7 novembre 2006. Recuperato 25 maggio 2007.
  60. ^ "Ruanda". tiscali.reference. Tiscali UK. Archiviato da l'originale il 24 settembre 2009. Recuperato 27 maggio 2007. L'articolo mostra un esempio del recente Belgio[quando?] Politiche africane.
  61. ^ "La domanda belga ferma il progresso della NATO". CNN. 16 febbraio 2003. Archiviato da l'originale il 16 gennaio 2005. Recuperato 16 giugno 2007.
  62. ^ "Belgio minore primo ad ottenere l'eutanasia - BBC News". notizie della BBC. bbc.co.uk. 17 settembre 2016. Archiviato dall'originale del 6 gennaio 2017. Recuperato 6 gennaio 2017.
  63. ^ "Time-line Belgium". notizie della BBC. 5 gennaio 2009. Archiviato dall'originale del 29 settembre 2009. Recuperato 16 luglio 2009. 2007 settembre - Belgio senza governo per 100 giorni.
  64. ^ Bryant, Elizabeth (12 ottobre 2007). "Le divisioni potrebbero portare a una divisione in Belgio". Cronaca di San Francisco. Archiviato dall'originale del 29 aprile 2011. Recuperato 28 maggio 2008.
  65. ^ Hughes, Dominic (15 luglio 2008). "Analisi: dove andiamo adesso per il Belgio?". notizie della BBC. Archiviato dall'originale del 19 luglio 2008. Recuperato 16 luglio 2008.
  66. ^ Banks, Martin (6 settembre 2010). "Paure per la 'rottura' del Belgio". Il Daily Telegraph. Londra. Archiviato dall'originale del 9 settembre 2010. Recuperato 6 settembre 2010.
  67. ^ un b "Il premier belga offre le sue dimissioni". notizie della BBC. 15 luglio 2008. Archiviato dall'originale del 20 aprile 2010. Recuperato 29 aprile 2010.
  68. ^ CNN.com Archiviato 1 febbraio 2009 presso il Wayback Machine, "Il primo ministro belga offre le dimissioni per l'accordo bancario"
  69. ^ Il re belga chiede a Van Rompuy di formare il governo Archiviato 4 febbraio 2009 presso il Wayback Machine Reuters.
  70. ^ "Il primo ministro Leterme si dimette dopo che i liberali hanno lasciato il governo". Francia 24. 22 aprile 2010. Archiviato dall'originale del 26 aprile 2010. Recuperato 22 aprile 2010.
  71. ^ "Il re Alberto II accetta le dimissioni del primo ministro Yves Leterme". Francia 24. 26 aprile 2010. Archiviato dall'originale del 29 aprile 2010. Recuperato 29 aprile 2010.
  72. ^ "Elezioni federali in Belgio - Risultati della Camera dei rappresentanti". Archiviato dall'originale del 22 settembre 2010. Recuperato 14 giugno 2010.
  73. ^ Kovacevic, Tamara (6 maggio 2015). "Controllo della realtà: quanto tempo possono resistere le nazioni senza governi?". BBC News Online. Archiviato dall'originale del 13 ottobre 2015. Recuperato 25 marzo 2016.
  74. ^ Kramer, Johannes (1984). Zweisprachigkeit in den Benelux-ländern (in tedesco). Buske Verlag. p. 69. ISBN 978-3-87118-597-7. Zur prestige Sprache wurde in den Spanischen Niederlanden ganz eindeutig das Französische. Die Vertreter Spaniens beherrschten normalerweise das Französische, nicht aber das Niederländische; ein beachtlicher Teil der am Hofe tätigen Adligen stammte aus Wallonien, das sich ja eher auf die spanische Seite geschlagen hatte als Flandern und Brabant. In dieser Situation war es selbstverständlich, dass die flämischen Adligen, die im Laufe der Zeit immer mehr ebenfalls zu Hofbeamten wurden, sich des Französischen bedienen mussten, wenn sie als gleichwertig anerkannt werden wollten. [Trad .: La lingua prestigiosa nei Paesi Bassi spagnoli era chiaramente il francese. I rappresentanti della Spagna di solito padroneggiavano il francese ma non l'olandese; una parte notevole dei nobili alla corte proveniva dalla Vallonia, che aveva preso parte alla parte spagnola in misura maggiore rispetto alle Fiandre e al Brabante. Era quindi evidente in questo contesto che la nobiltà fiamminga, di cui un numero progressivamente maggiore divenne servi di corte, doveva usare il francese, se voleva farsi riconoscere.]
  75. ^ Witte, Els; Craeybeckx, Jan & Meynen, Alain (2009). Storia politica del Belgio: dal 1830 in poi. Bruxelles: editori accademici e scientifici. p. 56.
  76. ^ un b Fitzmaurice (1996), p. 31.
  77. ^ un b "Belgio". Banca dati sulle elezioni europee. Servizi di dati in scienze sociali norvegesi. 2010. Archiviato dall'originale del 29 aprile 2011. Recuperato 8 dicembre 2010.
  78. ^ Willemyns, Roland (2002). "Il confine linguistico olandese-francese in Belgio" (PDF). Journal of Multilingual and Multicultural Development. 23 (1&2): 36–49. doi:10.1080/01434630208666453. S2CID 143809695. Archiviato da l'originale (PDF) il 26 giugno 2007. Recuperato 22 giugno 2007.
  79. ^ "La costituzione belga - articolo 4" (PDF). Camera dei rappresentanti belga. Gennaio 2009. Archiviato da l'originale (PDF) il 6 luglio 2011. Recuperato 26 giugno 2011.
  80. ^ Fitzmaurice (1996), p. 121
  81. ^ Fitzmaurice (1996), p. 122.
  82. ^ un b "I poteri del governo federale". .be Portal. Governo federale belga. 3 ottobre 2010. Archiviato dall'originale del 16 dicembre 2010. Recuperato 4 febbraio 2011.
  83. ^ Lagasse, Charles-Etienne (2003). Le nuove istituzioni politiques de la Belgique et de l'Europe. Namur: Erasme. p. 289. ISBN 978-2-87127-783-5. Nel 2002, il 58,92% delle entrate fiscali andava al bilancio del governo federale, ma più di un terzo è stato utilizzato per pagare gli interessi del debito pubblico. Senza includere questo post, la quota del bilancio del governo federale sarebbe solo il 48,40% delle entrate fiscali. L'87,8% dei dipendenti pubblici lavora per le Regioni o le Comunità e il 12,2% per lo Stato Federale.
  84. ^ "Le comunità". .be Portal. Governo federale belga. 3 ottobre 2010. Archiviato dall'originale del 15 giugno 2011. Recuperato 26 giugno 2011.
  85. ^ "Le regioni". .be Portal. Governo federale belga. 3 ottobre 2010. Archiviato dall'originale del 15 giugno 2011. Recuperato 26 giugno 2011.
  86. ^ Lagasse, Charles-Etienne (18 maggio 2004). "Federalismo in Russia, Canada e Belgio: esperienza di ricerca comparativa" (in francese). Istituto di Federalismo di Kazan. Archiviato dall'originale del 20 giugno 2010. Recuperato 5 ottobre 2008. La Belgique costituisce un esempio di seul clair du transfert d'une partie de la competenza "affaires étrangères" à des entités fédérées. (Traduzione: il Belgio è quindi l'unico chiaro esempio di trasferimento di una parte delle competenze "Affari esteri" a unità federate.)
  87. ^ Lagasse, Charles-Etienne. Les nuove istituzioni de la Belgique et de l'Europe (in francese). p. 603. [Le fédéralisme belge] riposa su una combinazione unica d'équipollence, d'esclusività e di prolongement international des compétences. ([Il federalismo belga] si basa su una combinazione unica di equipollenza, esclusività e estensione internazionale delle competenze.)
  88. ^ Suinen, Philippe (ottobre 2000). "Une Première mondiale". Le Monde diplomatique (in francese). Archiviato dall'originale del 17 novembre 2000. Recuperato 5 ottobre 2008. Dans l'organisation de ces autonomies, la Belgique a réalisé une "première" mondiale: afin d'éviter la remise en cause, par le biais de la dimension internationale, de compétences exclusive transférées aux entités fédérées, les communautés et régions se sont vu reconnaître une capacité et des pouvoirs internationaux. (Nell'organizzare le sue autonomie, il Belgio ha realizzato una prima al mondo: per evitare una situazione di stallo rilevante, le conseguenze internazionali hanno causato trasferimenti di competenze esclusive a entità federali, comunitarie e regionali riconosciute come abilitate e autorizzate a livello internazionale.)
  89. ^ "Dati sulla difesa del Belgio nel 2010". Agenzia europea per la difesa. Archiviato dall'originale del 24 settembre 2012. Recuperato 9 agosto 2012.
  90. ^ "Defensie La Défense". Archiviato dall'originale del 14 giugno 2011. Recuperato 15 giugno 2011.
  91. ^ David Isby e Charles Kamps Jr, "Armies of NATO's Central Front", Jane's Publishing Company, 1985, p.59
  92. ^ Il Belgio si è classificato primo nel KOF Indice di globalizzazione 2009ETH Zürich (ed.). "Indice di globalizzazione KOF". Archiviato dall'originale del 31 maggio 2012. Recuperato 2 febbraio 2009.
  93. ^ "Ordine di classifica - Esportazioni". CIA - Il factbook mondiale del 2008. Archiviato dall'originale del 4 ottobre 2008. Recuperato 5 ottobre 2008. 15 [th]: Belgio $ 322.200.000.000 (stima 2007)
  94. ^ "Ordine di posizionamento - Importazioni". CIA - Il factbook mondiale del 2008. Archiviato dall'originale del 4 ottobre 2008. Recuperato 5 ottobre 2008. 15 [th]: Belgio $ 323.200.000.000 (stima 2007)
  95. ^ "Economia belga". Belgio. Servizio pubblico federale belga (ministero) degli affari esteri, del commercio estero e della cooperazione allo sviluppo. Archiviato dall'originale del 15 giugno 2009. Recuperato 12 giugno 2009. Il Belgio è il leader mondiale in termini di esportazioni pro capite e può giustamente definirsi il "più grande esportatore del mondo".
  96. ^ "Vallonia in 'declino' grazie ai politici". Expatica Communications BV. 9 marzo 2005. Archiviato da l'originale il 29 settembre 2007. Recuperato 16 giugno 2007.
  97. ^ "L'Union économique belgo-luxembourgeoise" (in francese). Ministero degli Affari Esteri lussemburghese. Archiviato da l'originale il 30 settembre 2011. Recuperato 15 giugno 2011.
  98. ^ "Storia industriale Belgio". Strada europea del patrimonio industriale. Archiviato da l'originale il 31 luglio 2013. Recuperato 8 maggio 2007.
  99. ^ Rioux, Jean-Pierre (1989). La révolution industrielle (in francese). Parigi: Seuil. p. 105. ISBN 978-2-02-000651-4.
  100. ^ "Storia industriale, Belgio". Strada europea del patrimonio industriale. Archiviato dall'originale del 31 luglio 2010. Recuperato 15 novembre 2010.
  101. ^ Vanhaute, Eric; Paping, Richard e Ó Gráda, Cormac (2006). La crisi di sussistenza europea del 1845-1850: una prospettiva comparativa (PDF). IEHC. Helsinki. Archiviato (PDF) dall'originale dell'11 ottobre 2011. Recuperato 31 maggio 2011.
  102. ^ Vanhaute, Eric (2007). "'Un esempio così degno per l'Irlanda ”. La sussistenza e la crisi industriale del 1845-1850 nelle Fiandre ". Quando la patata ha fallito. Cause ed effetti dell '"ultima" crisi di sussistenza europea, 1845-1850. Brepols. pagg. 123–148. ISBN 978-2-503-51985-2. Archiviato da l'originale (PDF) il 22 luglio 2011. Recuperato 31 maggio 2011.
  103. ^ "Nota di fondo: Belgio". U.S Dipartimento di Stato, Ufficio per gli affari europei ed eurasiatici. Aprile 2007. Recuperato 8 maggio 2007.
  104. ^ Vanhaverbeke, Wim. "Het belang van de Vlaamse Ruit vanuit economisch perspectief L'importanza del diamante fiammingo dal punto di vista economico" (in olandese). Istituto olandese di organizzazione aziendale e ricerca strategica, Università di Maastricht. Archiviato da l'originale il 14 marzo 2007. Recuperato 19 maggio 2007.
  105. ^ "The World Factbook— (Rank Order - Public debt)". CIA. 17 aprile 2007. Archiviato da l'originale il 13 giugno 2007. Recuperato 8 maggio 2007.
  106. ^ "Figure chiave". Banca nazionale del Belgio. Archiviato da l'originale il 30 aprile 2007. Recuperato 19 maggio 2007.
  107. ^ "EurActiv". Il Belgio fa posto alle imprese urbane. EurActiv. Archiviato dall'originale del 30 aprile 2011. Recuperato 19 marzo 2011.
  108. ^ un b Panorama dei trasporti (PDF). Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee. 2003. ISBN 978-92-894-4845-1. Archiviato da l'originale (PDF) il 7 agosto 2011.
  109. ^ un b "Tendenze nazionali". Rete globale dell'impronta. Recuperato 15 novembre 2019.
  110. ^ Lin, David; Hanscom, Laurel; Murthy, Adeline; Galli, Alessandro; Evans, Mikel; Neill, Evan; Mancini, Maria Serena; Martindill, Jon; Medouar, Fatime-Zahra; Huang, Shiyu; Wackernagel, Mathis (2018). "Contabilità dell'impronta ecologica per i paesi: aggiornamenti e risultati dei conti dell'impronta nazionale, 2012-2018". Risorse. 7 (3): 58. doi:10.3390 / resources7030058.
  111. ^ Fidler, Stephen (3 novembre 2010). "Le principali capitali europee degli ingorghi stradali". Giornale di Wall Street. Archiviato dall'originale del 19 gennaio 2012. Recuperato 21 giugno 2011.
  112. ^ Un altro studio comparativo sui trasporti in Belgio: Analisi delle prestazioni ambientali dell'OCSE: Belgio. OCSE. 2007. ISBN 978-92-64-03111-1.
  113. ^ "Doppio record per volume di merci". porto di Anversa. Archiviato dall'originale del 23 febbraio 2017. Recuperato 23 febbraio 2017.
  114. ^ "La crisi belga". Archiviato dall'originale dell'11 settembre 2016. Recuperato 5 giugno 2016.
  115. ^ John Lichfield (2007). "Belgio: una nazione divisa". Indipendente. Archiviato dall'originale del 31 maggio 2016. Recuperato 5 giugno 2016.
  116. ^ Cook, B.A. (2002). Belgio: una storia. Peter Lang. p. 139. ISBN 9780820458243. Archiviato dall'originale del 18 novembre 2016. Recuperato 6 gennaio 2017.
  117. ^ "Rembert Dodoens: iets over zijn leven en werk — Dodoens 'werken". Plantaardigheden - Progetto Rembert Dodoens (Rembertus Dodonaeus) (in olandese). Balkbrug: Stichting Kruidenhoeve / Plantaardigheden. 20 dicembre 2005. Archiviato dall'originale del 10 giugno 2007. Recuperato 17 maggio 2007. het Cruijdeboeck, dat nel 1554 verscheen. Dit meesterwerk era na de bijbel in die tijd het meest vertaalde boek. Het werd gedurende meer dan een eeuw steeds weer heruitgegeven en gedurende meer dan twee eeuwen was het het meest gebruikte handboek over kruiden in West-Europa. Het is a werk van wereldfaam en grote wetenschappelijke waarde. De nieuwe gedachten die Dodoens erin neerlegde, werden de bouwstenen voor de botanici en medici van latere generaties. (... il Cruijdeboeck, pubblicato nel 1554. Questo capolavoro fu, dopo la Bibbia, il libro più tradotto in quel periodo. Continuò ad essere ripubblicato per più di un secolo e per più di due secoli fu il riferimento più usato erbe. È un'opera di fama mondiale e di grande valore scientifico. I nuovi pensieri scritti da Dodoens, sono diventati i mattoni da costruzione per botanici e medici delle generazioni successive.)
  118. ^ O'Connor, J. J .; Robertsonfirst2 = E. F. (2004). "Simon Stevin". Scuola di matematica e statistica, Università di St Andrews, Scozia. Archiviato da l'originale il 9 giugno 2007. Recuperato 11 maggio 2007. Sebbene non inventò i decimali (erano stati usati dagli arabi e dai cinesi molto prima dell'epoca di Stevin), introdusse il loro uso nella matematica in Europa.
  119. ^ De Broe, Marc E .; De Weerdt, Dirk L .; Ysebaert, Dirk K .; Vercauteren, Sven R .; De Greef, Kathleen E .; De Broe, Luc C. (1999). "Abstract (*)". American Journal of Nephrology. 19 (2): 282–289. doi:10.1159/000013462. PMID 10213829. L'importanza della pubblicazione di A. Vesalius "de humani corporis fabrica libri septem" non può essere sopravvalutato. (*) Estratto gratuito per articolo pay-per-view diDe Broe, Marc E .; De Weerdt, Dirk L .; Ysebaert, Dirk K .; Vercauteren, Sven R .; De Greef, Kathleen E .; De Broe, Luc C. (1999). "I Paesi Bassi - XVI / XVII secolo". American Journal of Nephrology. 19 (2): 282–9. doi:10.1159/000013462. PMID 10213829.
  120. ^ Midbon, Mark (24 marzo 2000). "'Un giorno senza ieri: Georges Lemaitre e il Big Bang ". Commonweal, ripubblicato: Catholic Education Resource Center (CERC). pp. 18-19. Archiviato dall'originale del 6 luglio 2007. Recuperato 7 giugno 2007.
  121. ^ Carson, Patricia (1969). Il bel volto delle Fiandre. Lannoo Uitgeverij. p. 136. ISBN 978-90-209-4385-6.
  122. ^ Day, Lance (2003). Lance Day; Ian McNeil (a cura di). Dizionario biografico di storia della tecnologia. Routledge. p. 1135. ISBN 978-0-203-02829-2.
  123. ^ Woodward, Gordon (2003). Lance Day; Ian McNeil (a cura di). Dizionario biografico di storia della tecnologia. Routledge. p.523. ISBN 978-0-203-02829-2.
  124. ^ Larsson, Ulf (2001). Culture della creatività: la mostra centenaria del premio Nobel. Pubblicazioni di storia della scienza. p. 211. ISBN 978-0-88135-288-7.
  125. ^ "Georges Lemaître, padre del Big Bang". Museo Americano di Storia Naturale. 2000. Archiviato da l'originale il 17 gennaio 2013. Recuperato 9 dicembre 2010.
  126. ^ "Il Premio Nobel per la Chimica 1977". Nobelprize.org. Archiviato dall'originale del 3 dicembre 2010. Recuperato 9 dicembre 2010.
  127. ^ O'Connor, John J.; Robertson, Edmund F., "Pierre Deligne", Archivio MacTutor History of Mathematics, Università di St Andrews. (Estratto il 10 novembre 2011)
  128. ^ O'Connor, John J.; Robertson, Edmund F., "Jean Bourgain", Archivio MacTutor History of Mathematics, Università di St Andrews. (Estratto il 10 novembre 2011)
  129. ^ Max Roser (2014), "Tasso di fertilità totale nel mondo negli ultimi due secoli", Il nostro mondo in dati, Fondazione Gapminder
  130. ^ "World Factbook EUROPE: BELGIUM", The World Factbook, 12 luglio 2018
  131. ^ Questo numero è passato all'89% nel 2011. Governo federale belga. "Popolazione per sesso e nazionalità per il Belgio e le regioni, 2001 e 2011" (in francese). Archiviato da l'originale il 31 ottobre 2012. Recuperato 31 agosto 2012.
  132. ^ Perrin, Nicolas (aprile 2006). "Rete europea sulle migrazioni - Rapporto statistico annuale sulla migrazione e l'asilo in Belgio (anno di riferimento 2003) - sezione A. 1) b) Popolazione per cittadinanza e c) Cittadini di paesi terzi, 1 gennaio 2004" (PDF). Gruppo di studio della demografia applicata (Gédap). Servizio governativo federale belga (ministero) dell'interno - Ufficio immigrazione. pagg. 5–9. Archiviato da l'originale (PDF) il 14 giugno 2007. Recuperato 28 maggio 2007.
  133. ^ De vreemde bevolking. ecodata.mineco.fgov.be
  134. ^ L'IMMIGRATION EN BELGIQUE. EFFETTIVI, MOUVEMENTS. ET MARCHE DU TRAVAIL Archiviato 31 marzo 2012 presso il Wayback Machine. Rapport 2009. Direction générale Emploi et marché du travai
  135. ^ Governo federale belga. "Struttura della popolazione selon le pays de naissance" (in francese). Archiviato da l'originale il 25 agosto 2012. Recuperato 31 agosto 2012.
  136. ^ BuG 155 - Bericht uit het Gewisse - 01 gennaio 2012 Archiviato 8 settembre 2012 a Archive.today. npdata.be (1 gennaio 2012).
  137. ^ un b BuG 159 - Bericht uit het Gewisse - 7 mei 2012 Archiviato 26 gennaio 2013 presso il Wayback Machine. npdata.be (7 maggio 2012).
  138. ^ un b Voor het eerst meer Marokkaanse dan Italiaanse migranten Archiviato 18 gennaio 2014 presso il Wayback Machine. hbvl.be. 21 maggio 2007
  139. ^ Lewis, M. Paul, ed. (2009). Lingue del Belgio. Ethnologue: Languages ​​of the World (sedicesimo ed.). Dallas, Texas, Stati Uniti: SIL International. pagg.1, 248. ISBN 978-1-55671-216-6. Archiviato dall'originale del 29 aprile 2011. Recuperato 27 febbraio 2011.
  140. ^ de Witte, Bruno (1996). Rainey, Anson F. (a cura di). "Sopravvivere a Babele? Diritti linguistici e integrazione europea". Cananeo nelle Tavole di Amarna. 1. Brill. p. 122. ISBN 90-04-10521-2.
  141. ^ "Sfondo del mercato belga". Consiglio Britannico. Archiviato da l'originale il 22 novembre 2007. Recuperato 5 maggio 2007. La capitale Bruxelles, 80-85 per cento di lingua francese, ...—A rigorosamente, la capitale è il comune (Città di) Bruxelles, anche se la Regione di Bruxelles-Capitale potrebbe essere intesa a causa del suo nome e anche degli altri comuni che ospitano istituzioni tipiche di una capitale.
  142. ^ "La comunità di lingua tedesca". La comunità di lingua tedesca. Archiviato da l'originale il 30 maggio 2007. Recuperato 5 maggio 2007. L'originale) versione in lingua tedesca Archiviato 29 maggio 2007 presso il Wayback Machine (già) menziona 73.000 invece di 71.500 abitanti.
  143. ^ "Cittadini di altri paesi della Comunità tedesca". La comunità di lingua tedesca. Archiviato da l'originale il 28 giugno 2007. Recuperato 5 maggio 2007.
  144. ^ "Tedesco (Belgio): panoramica della lingua". Mercator, Minority Language Media nell'Unione Europea, con il supporto di Commissione europea e il Università del Galles. Archiviato da l'originale l'11 maggio 2011. Recuperato 7 maggio 2007.
  145. ^ Leclerc, Jacques (19 aprile 2006). "Belgique • België • Belgien — La Communauté germanophone de Belgique". L'aménagement linguistique dans le monde (in francese). Ospite: Trésor de la langue française au Québec (TLFQ), Université Laval, Quebec. Archiviato dall'originale del 3 maggio 2007. Recuperato 7 maggio 2007.
  146. ^ Secondo Le Petit Larousse, Vallone è un dialetto di langue d'oïl. Secondo il Meyers incassa Taschenlexikon
  147. ^ Jules, Feller (1912). Notes de philologie wallonne. Liegi: Vaillant Carmanne.
  148. ^ un b Tra i madrelingua belgi tedeschi molti hanno familiarità con le varietà dialettali locali della loro regione, che includono dialetti che si riversano nel vicino Lussemburgo e in Germania.Gordon, Raymond G. Jr., ed. (2005). Lingue del Belgio. Ethnologue: Languages ​​of the World (Quindicesimo ed.). Dallas, Texas, Stati Uniti: SIL International. (Versione online: Sedicesima edizione Archiviato 3 dicembre 2005 presso il Wayback Machine)
  149. ^ Vedi per esempio Belgio entrata del Enciclopedia cattolica
  150. ^ un b c Loopbuyck, P. & Torfs, R. (2009). Il mondo e la sua gente: Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi. 4. Marshall Cavendish. p. 499. ISBN 978-0-7614-7890-4.
  151. ^ "I fedeli a Bruxelles minacciati di estinzione". Brusselnieuws.be (in olandese). 30 novembre 2010. Archiviato dall'originale dell'11 gennaio 2012. Recuperato 4 settembre 2011.
  152. ^ Kerken lopen zeer geleidelijk helemaal leeg - articolo di notizie olandese che descrive la frequenza in chiesa nelle Fiandre Archiviato 27 novembre 2010 presso il Wayback Machine. Standaard.be (25 novembre 2010). Estratto 26 settembre 2011.
  153. ^ Rapporto 2010 sulla biotecnologia dell'Eurobarometro Archiviato 30 aprile 2011 presso il Wayback Machine p.381.
  154. ^ Eurobarometro 437: Discriminazione nell'UE nel 2015. Commissione europea. Archiviato dall'originale del 15 ottobre 2017. Recuperato 15 ottobre 2017 - attraverso GESIS.
  155. ^ "Discriminazione nell'UE nel 2012" (PDF), Eurobarometro speciale, 383, Unione Europea: Commissione europea, p. 233, 2012, archiviato da l'originale (PDF) il 2 dicembre 2012, recuperato 14 agosto 2013
  156. ^ "Stato e Chiesa in BELGIO". euresisnet.eu. 31 ottobre 2007. Archiviato da l'originale il 17 luglio 2010.
  157. ^ Ghiuzeli, Haim F. La comunità ebraica di Anversa, Belgio Archiviato 29 ottobre 2013 presso il Wayback Machine. Beit Hatfutsot, il Museo del popolo ebraico
  158. ^ Inchiesta di "Vepec", "Vereniging voor Promotie en Communicatie" (Organizzazione per la promozione e la comunicazione), pubblicata sulla rivista Knack 22 novembre 2006 p. 14 [Il termine in lingua olandese "gelovig" è nel testo tradotto come "religioso". Più precisamente è una parola molto comune per credere in particolare a qualsiasi tipo di Dio in a monoteista senso o in alcuni aldilà], o entrambi.
  159. ^ "Moslims in België per gewest, provincie en gemeente". Npdata.be. 18 settembre 2015. Archiviato dall'originale del 4 marzo 2016. Recuperato 9 marzo 2016.
  160. ^ un b c Corens, Dirk (2007). "Belgio, revisione del sistema sanitario" (PDF). Sistemi sanitari in transizione. 9 (2). Archiviato (PDF) dall'originale del 23 maggio 2011. Recuperato 23 maggio 2011.
  161. ^ "Eutanasia in Belgio: muore il primo figlio - CNN.com". edition.cnn.com. Archiviato dall'originale del 10 febbraio 2017. Recuperato 6 gennaio 2017.
  162. ^ Università di Santa Clara. "Suicidio assistito: un diritto o uno sbagliato? - Risorse - Bioetica - Aree di interesse - Markkula Center for Applied Ethics - Santa Clara University". scu.edu. Archiviato dall'originale del 10 febbraio 2017. Recuperato 6 gennaio 2017.
  163. ^ "GHO | Per categoria | Stime del tasso di suicidio, standardizzate per età - Stime per paese". OMS. Recuperato 17 marzo 2020.
  164. ^ Hofman, Roelande H .; Hofman, W. H. A .; Gray, J. M .; Daly, P. (2004). Contesto istituzionale dei sistemi educativi in ​​Europa: un confronto tra paesi su qualità ed equità. Kluwer Academic Publishers. pagg.97, 105. ISBN 978-1-4020-2744-4. Archiviato dall'originale del 12 aprile 2016. Recuperato 11 ottobre 2015. Estratti: p. 97 Archiviato 12 aprile 2016 presso il Wayback Machine, p. 105 Archiviato 12 aprile 2016 presso il Wayback Machine
  165. ^ "Tabella 388. Percentuale di popolazione iscritta a istituti secondari e post-secondari, per fascia di età e paese - Capitolo 6. Confronti internazionali dell'istruzione, dati: 2002". Digest of Education Statistics: tabelle e cifre. National Center for Education Statistics, Istituto di scienze dell'educazione (IES), Dipartimento dell'Istruzione degli Stati Uniti. 2005. Archiviato dall'originale del 5 giugno 2007. Recuperato 6 giugno 2007.
  166. ^ "I. Monitoraggio dello sviluppo umano: ampliare le scelte delle persone ... —5. La povertà umana in OCSE, Europa orientale e CSI" (PDF). Indicatori di sviluppo umano. Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP). 2000. pagg. 172–173. Archiviato (PDF) dall'originale del 14 giugno 2007. Recuperato 6 giugno 2007.
  167. ^ "Range di rango sulla scala scientifica PISA 2006" (PDF). OCSE. Archiviato (PDF) dall'originale del 29 dicembre 2009. Recuperato 27 febbraio 2011.
  168. ^ De Meyer, Inge; Pauly, Jan; Van de Poele, Luc (2005). "Imparare per i problemi di domani - Primi risultati da PISA2003" (PDF). Ministero della Comunità Fiamminga - Dipartimento dell'Istruzione; Università di Gand - Department of Education, Ghent, Belgium (Online by OCSE). p. 52. Archiviato (PDF) dall'originale del 28 aprile 2011. Recuperato 27 febbraio 2011.
  169. ^ De Ley, Herman (2000). "Umanisti e musulmani nella società secolare belga (versione bozza)". Centrum voor Islam in Europe (Center for Islam in Europe), Università di Gand. Archiviato da l'originale il 9 giugno 2007. Recuperato 7 giugno 2007.
  170. ^ "Belgio: arte ed educazione culturale". Compendio delle politiche e tendenze culturali in Europa, 8a edizione. Consiglio d'Europa / ERICarts. 2007. Archiviato dall'originale del 31 agosto 2007. Recuperato 8 maggio 2007.
  171. ^ "Belgique". Portale europeo della cultura. Commissione europea. 2007. Archiviato da l'originale il 24 dicembre 2007. Recuperato 10 maggio 2007.
  172. ^ Gonthier, Adrien (2003). "Frontière linguistique, frontière politique, une presse en crise". Le Monde diplomatique (in francese). Archiviato dall'originale del 27 marzo 2008. Recuperato 17 giugno 2008.Mumford, David (2008). La World Today Series. Il New York Times. Europa occidentale / 2007. ISBN 978-1-887985-89-5.
  173. ^ "Paesi Bassi, 1000-1400 d.C.". Cronologia della storia dell'arte. Museo Metropolitano d'Arte. 2007. Archiviato dall'originale del 15 aprile 2007. Recuperato 10 maggio 2007.
  174. ^ "Paesi Bassi, 1400-1600 d.C.". Cronologia della storia dell'arte. Museo Metropolitano d'Arte. 2007. Archiviato dall'originale del 29 aprile 2007. Recuperato 10 maggio 2007.
  175. ^ A cui appartengono diversi esempi di importanti realizzazioni architettoniche in Belgio UNESCO'S Lista del patrimonio mondiale:"Belgio". Proprietà iscritte nella Lista del Patrimonio Mondiale. UNESCO. Archiviato dall'originale del 28 aprile 2007. Recuperato 15 maggio 2007.
  176. ^ Hendrick, Jacques (1987). La peinture au pays de Liège (in francese). Liegi: Editions du Perron. p. 24. ISBN 978-2-87114-026-9.
  177. ^ Guratzsch, Herwig (1979). Die große Zeit der niederländische Malerei (in tedesco). Friburgo in Brisgovia: Verlag Herder. p. 7.
  178. ^ "Paesi Bassi, 1600-1800 d.C.". Cronologia della storia dell'arte. Museo Metropolitano d'Arte. 2007. Archiviato dall'originale del 13 maggio 2007. Recuperato 10 maggio 2007.
  179. ^ "Storia dell'arte: Scuola fiamminga: (1600-1800) —Artisti: (biografia e opere d'arte)". Risorse artistiche in tutto il mondo. 5 febbraio 2006. Archiviato da l'originale il 13 ottobre 2009. Recuperato 10 maggio 2007.—Una presentazione generale del movimento artistico fiammingo con un elenco dei suoi artisti, con collegamenti alle loro biografie e opere d'arte
  180. ^ "Artisti belgi: (biografie e opere d'arte)". Risorse artistiche in tutto il mondo. 5 febbraio 2006. Archiviato da l'originale il 15 maggio 2016. Recuperato 10 maggio 2007.—Elenco di pittori belgi, con collegamenti alle loro biografie e opere d'arte
  181. ^ Baudson, Michel (1996). "Panamarenko". Flammarion (Parigi), citato in occasione della presentazione della XXIII Bienal Internacional de São Paulo. Archiviato da l'originale il 7 febbraio 2007. Recuperato 10 maggio 2007.
  182. ^ Bruxelles, capitale dell'Art Nouveau (pagina 1) Archiviato 9 maggio 2007 presso il Wayback Machine, "(pagina 2)". Senses Art Nouveau Shop, Bruxelles. 2007. Archiviato dall'originale del 4 marzo 2007. Recuperato 11 maggio 2007. (per esempio)
  183. ^ "Case di città principali dell'architetto Victor Horta (Bruxelles)". UNESCO'S Lista del patrimonio mondiale. UNESCO. Archiviato dall'originale del 13 maggio 2013. Recuperato 16 maggio 2007. La comparsa dell'Art Nouveau negli ultimi anni del XIX secolo segnò una tappa decisiva nell'evoluzione dell'architettura, rendendo possibili sviluppi successivi, e le Town Houses di Victor Horta a Bruxelles testimoniano in modo eccezionale il suo approccio radicalmente nuovo.
  184. ^ "La musica occidentale, la scuola franco-fiamminga". Encyclopædia Britannica. 2007. Archiviato dall'originale dell'8 dicembre 2006. Recuperato 15 maggio 2007. Musicalmente più significativa fu l'influenza pervasiva dei musicisti dei Paesi Bassi, il cui dominio sulla scena musicale durante l'ultima metà del XV secolo si riflette nelle designazioni del periodo della scuola olandese e della scuola franco-fiamminga.
  185. ^ Due discussioni approfondite sulla musica rock e pop in Belgio dagli anni '50:
    "La cronologia: una breve storia della musica pop belga". Gli archivi belgi del pop e del rock. Flanders Music Center, Bruxelles. Marzo 2007. Archiviato dall'originale del 12 luglio 2007. Recuperato 7 giugno 2007.
    "Cultura belga — Rock". Importazione di Vanberg e DeWulf. 2006. Archiviato da l'originale il 7 giugno 2007. Recuperato 11 maggio 2007.
  186. ^ Grove, Laurence (2010). Fumetti in francese: la bande dessinée europea nel contesto. Berghahn Books. ISBN 978-1-84545-588-0.
  187. ^ Una rassegna del cinema belga fino al 2000 circa può essere trovata su"Storia del cinema in Belgio". Nascita del film. 2007. Archiviato da l'originale il 14 settembre 2011. Recuperato 26 giugno 2011.
  188. ^ "La moda e gli 'Antwerp Six'". Dorset, Regno Unito: Fashion Worlds. 2004. Archiviato dall'originale del 19 aprile 2007. Recuperato 13 maggio 2007.
  189. ^ "Giganti e draghi processionali in Belgio e Francia". UNESCO. Archiviato dall'originale del 27 aprile 2007. Recuperato 15 maggio 2007.
  190. ^ "Folklore estudiantin liégeois" (in francese). Università di Liegi. Archiviato da l'originale il 20 giugno 2010. Recuperato 17 giugno 2008.
  191. ^ "Le stelle Michelin 2007 in Belgio". Resto.be TM Dreaminvest. 2007. Archiviato da l'originale il 9 ottobre 2008. Recuperato 15 maggio 2007.
  192. ^ "Bistecca". Epicureo. 20 agosto 2004. Archiviato dall'originale dell'8 agosto 2007. Recuperato 12 agosto 2007. Ripubblicato daVan Waerebeek, Ruth; Robbins, Maria (ottobre 1996). Tutti mangiano bene in Belgio Cookbook. Pubblicazione di Workman. ISBN 978-1-56305-411-2.
  193. ^ "Belgio". Gourmet globale. Archiviato da l'originale il 28 settembre 2007. Recuperato 12 agosto 2007. Ripubblicato daVan Waerebeek, Ruth; Robbins, Maria (ottobre 1996). Tutti mangiano bene in Belgio Cookbook. Pubblicazione di Workman. ISBN 978-1-56305-411-2.
  194. ^ "Cozze". Visita il Belgio. Sito ufficiale dell'Ufficio del turismo belga nelle Americhe. 2005. Archiviato da l'originale il 10 febbraio 2007. Recuperato 12 agosto 2007.
  195. ^ Elliott, Mark & ​​Cole, Geert (2000). Belgio e Lussemburgo. Pianeta solitario. p.53. ISBN 978-1-86450-245-9.
  196. ^ Snick, Chris (18 ottobre 2011). "Nieuwe bierbijbel bundelt alle 1.132 Belgische bieren". Het Nieuwsblad (in olandese). Archiviato da l'originale il 5 giugno 2012.
  197. ^ "Nieuwe bierbijbel ha incontrato 1.132 Belgische bieren voorgesteld a Brugge". Krant van West-Vlaanderen (in olandese). 18 ottobre 2011. Archiviato dall'originale del 31 maggio 2012. Recuperato 17 febbraio 2012.
  198. ^ Ames, Paul (30 agosto 2009). "Comprare la migliore birra del mondo". Posta globale. Archiviato dall'originale del 9 novembre 2010. Recuperato 19 novembre 2010.
  199. ^ Guthrie, Tyler (11 agosto 2010). "Gita di un giorno alla migliore birra del mondo". Chicago Tribune. Archiviato dall'originale del 4 dicembre 2010. Recuperato 19 novembre 2010.
  200. ^ "I monaci sono a corto di birra" migliore del mondo "". ABC. Reuters. 12 agosto 2005. Archiviato da l'originale il 10 marzo 2009. Recuperato 19 novembre 2010.
  201. ^ "Dividendo InBev 2006: 0,72 euro per azione — infobox: Informazioni su InBev" (Comunicato stampa). InBev. 24 aprile 2007. Archiviato da l'originale l'11 settembre 2007. Recuperato 31 maggio 2007. InBev è una società quotata in borsa (Euronext: INB) con sede a Lovanio, Belgio. Le origini dell'azienda risalgono al 1366, e oggi è il principale produttore mondiale di birra per volume.
  202. ^ Task, Marijke; Renson, Roland & van Reusel, Bart (1999). Klaus Heinemann (a cura di). Sport organizzato in transizione: sviluppo, strutture e tendenze delle società sportive in Belgio. Club sportivi in ​​vari paesi europei. Schattauer Verlag. pp. 183–229. ISBN 978-3-7945-2038-1.
  203. ^ Wingfield, George (2008). Charles F. Gritzner (a cura di). Belgio. Pubblicazione di Infobase. pp.94–95. ISBN 978-0-7910-9670-3.
  204. ^ Hendricks, Kelly (20 giugno 2014). "I 10 sport più popolari del Belgio". Il bollettino. Archiviato dall'originale del 22 novembre 2014. Recuperato 26 ottobre 2014.
  205. ^ Majendie, Matt (18 aprile 2005). "Fantastico, ma ce ne sono di più grandi". BBC Sport. Archiviato dall'originale del 24 agosto 2007. Recuperato 20 settembre 2007. I primi cinque [ciclisti] [dell'autore] di tutti i tempi: 1 Eddy Merckx, 2 Bernard Hinault, 3 Lance Armstrong, 4 Miguel Indurain, 5 Jacques Anquetil
  206. ^ "Grandi dei portieri Archiviato 30 giugno 2008 presso il Wayback Machine"Goalkeepersaredifferent.com. Estratto il 29 giugno 2008.
  207. ^ "Il Belgio sale in alto, Cile e Austria salgono". FIFA. 5 novembre 2015. Archiviato da l'originale il 26 giugno 2016. Recuperato 30 marzo 2016.
  208. ^ Woods, Bob (2008). Storia del motocross: dallo scrambling locale al campionato mondiale MX al freestyle. Crabtree Publishing Company. p. 19. ISBN 978-0-7787-3987-6.

Fonti in linea

Bibliografia

  • Arblaster, Paul (23 dicembre 2005). Una storia dei paesi bassi. Palgrave Essential Histories (Rilegato 312pp ed.). Palgrave Macmillan, New York. ISBN 978-1-4039-4827-4.
  • Blom, J. C. H .; Lamberts, Emiel, eds. (Maggio 1999). Storia dei Paesi Bassi. Tradotto da Kennedy, James C. (Hardcover 503pp ed.). Berghahn Books, Oxford / New York. ISBN 978-1-57181-084-7.
  • Cammaerts, Émile L. (1921) [1913]. Una storia del Belgio dall'invasione romana ai giorni nostri (357pp ed.). D. Appleton and Co, New York. COME IN B00085PM0A. OCLC 1525559.
    [Anche edizioni [1913], Londra, OCLC 29072911; (1921) D. Unwin e Co., New York OCLC 9625246 pubblicato anche (1921) come Il Belgio dall'invasione romana ai giorni nostri, La storia delle nazioni, 67, T. Fisher Unwin, Londra, OCLC 2986704]
  • de Kavanagh Boulger; Demetrius C. (28 giugno 2001) [1902]. La storia del Belgio: parte 1. Cesare a Waterloo. Elibron Classics (Brossura 493pp ed.). Adamant Media (Delaware corporation), Boston, Massachusetts, Stati Uniti. ISBN 978-1-4021-6714-0. Ristampa in facsimile di un'edizione del 1902 dell'autore, Londra
    Ib. (Giugno 2001) [1909]. Ib. Parte 2. 1815–1865. Waterloo alla morte di Leopoldo I.. Ib. (Brossura 462pp ed.). Ib. ISBN 978-1-4021-6713-3. Ristampa in facsimile di un'edizione del 1909 dell'autore, Londra
  • Fitzmaurice, John (1996). La politica del Belgio: un federalismo unico. Nazioni del mondo moderno (brossura 284pp ed.). Boulder, Colorado, USA: Westview Press. ISBN 978-0-8133-2386-2. OCLC 30112536.
  • Kossmann-Putto, Johanna A .; Kossmann Ernst H. (Gennaio 1993) [1987]. Deleu Jozef H. M. (a cura di). I Paesi Bassi: Storia dei Paesi Bassi del Nord e del Sud. Tradotto da Fenoulhet Jane. De Lage Landen: geschiedenis van de Noordelijke en Zuidelijke Nederlanden. Vlaams-Nederlandse Stichting Ons Erfdeel, Rekkem (3rd Rev. edition Paperback 64pp ed.). Fondazione fiammingo-olandese Stichting Ons Erfdeel, Rekkem, Belgio. ISBN 978-90-70831-20-2.

(Diverse edizioni in inglese, inclusa (1997) 7a ed.)

link esterno

Governo

Generale

Pin
Send
Share
Send